La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università della Calabria Facoltà di Lettere e Filosofia Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Seminari di Docimologia (Docente: Prof. Carlo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università della Calabria Facoltà di Lettere e Filosofia Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Seminari di Docimologia (Docente: Prof. Carlo."— Transcript della presentazione:

1 Università della Calabria Facoltà di Lettere e Filosofia Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Seminari di Docimologia (Docente: Prof. Carlo Rango) a.a a.a A cura di Paola Arcuri

2 Strumento con cui linsegnante riconsidera, in riferimento ad ogni singolo alunno Punti di partenza e di arrivo Processi di apprendimento Difficoltà riscontrate Interventi compensativi effettuati Valutazione

3 Verifica Forme di registrazione esperienza didattica meno formalizzata Prove oggettive di classe strutturate semistrutturate

4 Quesiti vero/falso Quesiti a scelta multipla Completamento Corrispondenza di tastare il polso alla situazione della classe di risparmiare tempo nella correzione di leggere i dati in maniera univoca Prove Strutturate

5 Tipologie di verifiche Vero/Falso per conoscenze semplici Scelta multipla per conoscenze più complesse A corrispondenze per accertare la presenza di conoscenze A completamento per la padronanza lessicale

6 Strutturazione dei contenuti Individuare abilità da misurare e importanza da dare a ciascun quesito Sistemare gli elementi della prova in modo omogeneo, secondo il tipo di quesiti per evitare di generare confusione Iniziare con quesiti più semplici e gradualmente proseguire con i più difficili Correttezza linguistica Chiara formulazione dei quesiti

7 Progettare un test: i compiti del costruttore stabilire lampiezza degli argomenti da esplorare e lenfasi da dare ad ogni argomento; costruire una griglia che elenchi a) i contenuti e i concetti di cui si vuole verificare lapprendimento; b) i livelli di abilità che lo studente deve dimostrare di aver raggiunto. Per la definizione dei livelli di abilità si possono usare le tre categorie di Bloom, conoscenza (A1), comprensione (A2), applicazione (A3) (vedi unita 5-6); stabilire il numero dei quesiti e il tempo da assegnare. In linea di massima, quesiti nel tempo max di 1 ora; La vostra ipotesi di lavoro dovrà basarsi su almeno 15 quesiti

8 Costruire un test obiettivi: ogni quesito dovrebbe essere riferito ad un singolo obiettivo identificato nella griglia di progettazione occorre fare attenzione a costruire il quesito in modo tale che la conoscenza o labilità che con esso si vuole verificare venga effettivamente verificata.

9 Costruire un test: la formulazione chiarezza espositiva: ogni parola dellenunciato e delle risposte deve essere necessaria e deve essere quella più adatta, la misurazione degli obiettivi sarebbe filtrata dalla misurazione delle abilità linguistiche riguardanti tali complicazioni pertinenza e non ridondanza delle informazioni

10 Costruire un test: gli indizi da evitare indizi verbali, che permettono di identificare la risposta corretta nonostante una scarsa conoscenza della materia. Esempio: ricorrenza di una parola chiave sia nellenunciato sia in una delle alternative di risposta; indipendenza dei quesiti: ciascuno dovrebbe essere indipendente dagli altri nel senso che le informazioni contenute in un quesito non devono costituire indizi per individuare la risposta corretta ad un altro quesito;

11 Costruire un test: le risposte ogni risposta deve essere plausibile, perché unalternativa banale o palesemente errata viene subito scartata; le alternative dovrebbero essere parallele nella forma grammaticale e di lunghezza analoga; le alternative come nessuna di queste, tutte le precedenti, sia a sia b sono da evitare.

12 Analizzare il risultato della prova attribuzione del punteggio grezzo: si possono contare solo le risposte corrette, attribuire un peso differente alla diverse risposte in relazione alla difficoltà della domanda o alla probabilità di rispondere correttamente, penalizzare lerrore. Gli studi hanno comunque dimostrato che i diversi modi risultano sostanzialmente equivalenti calcolo della media: si sommano i punteggi ottenuti dai singoli soggetti e si divide il totale per il numero di soggetti cui la prova è stata somministrata

13 Valutazione Risposta esatta (1) risposta errata (0) (punteggio grezzo) Penalizzare gli errori? mancata risposta 0 risposta errata 0 o –1

14 QuesitoPeso Vero o falso1 Scelta multipla3 Corrispondenza1 per coppia Completamento1 per completamento In prove più articolate si introduce peso del quesito

15 ESEMPIO COSTRUZIONE DI UNA PROVA OGGETTIVA DI VERIFICA

16 Costruzione di una prova oggettiva di verifica Obiettivo della prova: La prova di verifica qui di seguito illustrata tende a rilevare se lalunno capisce il contenuto complessivo di un testo narrativo e se è in grado di risalire a luoghi, tempi, fatti e situazioni riportati nel testo, effettuando inferenze. Attività: Lettura di un articolo di cronaca (u.d. facente parte di un modulo di lingua italiana finalizzato alla maturazione della competenza testuale). Procedimento: Linsegnante legge alla classe (III elementare) un articolo di cronaca e subito dopo propone una prova oggettiva di verifica tendente a perseguire gli scopi dichiarati: lalunno capisce il contenuto complessivo di un testo narrativo ed è in grado di risalire a luoghi, tempi, fatti e situazioni riportati nel testo, effettuando inferenze. Testo dellarticolo e articolazione della prova

17 Il Gazzettino Padova, E stato arrestato ieri mattina un primario ospedaliero, mentre stava entrando nel proprio ambulatorio in via Milano. Un suo assistente, con una lettera, aveva denunciato il medico che si assentava spesso dallospedale per effettuare visite private nel suo studio. I carabinieri lo avevano pedinato per quasi un mese filmando con piccole telecamere ogni suo movimento fino a quando lo hanno colto sul fatto. Erano, infatti, le ore 11,20 quando i militari sono entrati in azione e il professionista doveva trovarsi sul suo posto di lavoro e non presso il suo studio privato. Vai avanti

18 Di un medico assistente Di un medico primario Di un assenteista A Milano A Roma A Padova Di chi si parla nellarticolo? Dove si è svolto il fatto? Quando si è verificato il fatto? Vai avanti

19 I Vigili urbani I Carabinieri La polizia Allalba Nel pomeriggio Alle 11,20 Un anonimo Un assistito Un assistente Chi lo ha arrestato? A che ora lo hanno arrestato? Chi lo aveva denunciato? Vai avanti

20 Con una lettera anonima Con una lettera firmata Con una telefonata Da più di un mese Da quasi un mese Da 20 giorni Macchina fotografica Telecamera cannocchiale Come è stato denunciato il medico? Da quanto tempo i carabinieri lo pedinavano? Con quali strumenti lo hanno osservato? Vai avanti

21 Perché assenteista Perché riceveva compensi Perché faceva due lavori Perché è stato arrestato? PUNTEGGI: 3 punti per ogni risposta ESATTA al primo tentativo 1 punto per ogni risposta ESATTA al secondo tentativo 0 punti per ogni risposta ESATTA al terzo tentativo Torna al testo

22 Clicca qui e vai avanti

23 Clicca qui e riprova

24 Clicca qui e vai avanti

25 Clicca qui e riprova

26 Clicca qui e vai avanti

27 Clicca qui e riprova

28 Clicca qui e vai avanti

29 Clicca qui e riprova


Scaricare ppt "Università della Calabria Facoltà di Lettere e Filosofia Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Seminari di Docimologia (Docente: Prof. Carlo."

Presentazioni simili


Annunci Google