La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

WFD1 La direttiva quadro comunitaria sullacqua (60/2000) e il progetto Aquamoney D. Viaggi DEIAGRA - Università di Bologna, via Fanin, 50, 40127 Bologna,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "WFD1 La direttiva quadro comunitaria sullacqua (60/2000) e il progetto Aquamoney D. Viaggi DEIAGRA - Università di Bologna, via Fanin, 50, 40127 Bologna,"— Transcript della presentazione:

1 WFD1 La direttiva quadro comunitaria sullacqua (60/2000) e il progetto Aquamoney D. Viaggi DEIAGRA - Università di Bologna, via Fanin, 50, Bologna, Italia.

2 WFD2 Finalità della direttiva proteggere e migliorare la qualità degli ecosistemi acquatici promuovere un uso dellacqua sostenibile basato su una gestione di lungo termine delle risorse idriche adottare misure specifiche di controllo dellinquinamento (scarichi, emissioni, perdite di sostanze tossiche) assicurare la graduale riduzione dellinquinamento delle acque sotterranee contribuire a mitigare gli effetti delle inondazioni e della siccità

3 WFD3 Elementi innovativi gestione delle acque sulla base di bacini idrografici approccio combinato per il controllo dellinquinamento, basato su limiti alle emissioni e obiettivi di qualità dellacqua integrazione di tutti gli usi, funzioni e valori dellacqua attribuzione allutente finale del costo (pieno) per luso dellacqua integrazione di una vasta gamma di misure, comprendenti strumenti economici e finanziari, politiche dei prezzi integrazione della società civile e degli stakeholders nel processo industriale

4 WFD4 Valutare lo stato dellambiente Valutare impatti e pressioni Tenere conto di costi e benefici Determinare gli obiettivi Redigere piani di azioni, programmi di misure Attuare i programmi di misure Monitorare e comunicare i risultati Modificare i piani se necessario Il processo di implementazione della direttiva

5 WFD5 Timetable Trasposizione della direttiva nella legislazione nazionale 2003 Identificazione dei distretti idrografici 2003 Individuazione delle pressioni, impatti, usi2004 Inizio dei programmi di monitoraggio2006 Inizio consultazione pubblica 2009 Introduzione del pricing dellacqua2010 Implementazione di tutte le misure programmate2012 Raggiungimento degli obiettivi ambientali 2015 Fine primo ciclo di gestione 2021 Fine secondo ciclo di gestione, scadenza finale per il conseguimento obiettivi 2027

6 WFD6 In Italia Tentativo di anticipare la direttiva Decreto 152/1999 Poi ritardo nellapplicazione Decreto 152/2006 Attualmente in fase di revisione/ritardo sempre più grave!

7 WFD7 Principali aspetti economici a) Costo pieno (polluter pays principle) b) Incentivi attraverso la tariffazione (pricing) c) Valutazione economica delle misure

8 WFD8 Il costo pieno Recupero a) Costi finanziari Costi correnti sì Costi per deprezzamento e capitale parziale b) Costo della risorsa (costo opportunità) no c) Costo ambientale no Vedi presentazione completa sul sito

9 WFD9 Il costo opportunità e il costo ambientale/1

10 WFD10 Il costo opportunità e il costo ambientale/2 ? ? ?

11 WFD11 Il costo opportunità e il costo ambientale/3 Costo opportunità: Minori redditi Disponibilità a pagare Costo ambientale: Disponibilità a pagare

12 WFD12 Il costo opportunità e il costo ambientale/4 Acqua allindustria Prezzo, costo Costo opportunità Costo ambientale Costo opportunità + costo ambientale QcoQcoaQp Domanda industria

13 WFD13 AQUAMONEY (1) AQUAMONEY - Development and Testing of Practical Guidelines for the Assessment of Environmental and Resource Costs and Benefits in the WFD European Union 6fp (STREP), Budget: 1,6 milioni di euro Coordinatore: Vreji University, Amsterdam

14 WFD14 AQUAMONEY (2) Obiettivo: –Definizione di linee guida per la valutazione del costo opportunità e del costo ambientale nellimplementazione della direttiva 60/ partner in diversi paesi europei 10 casi di studio in diversi paesi europei Italia: –Partner: Università di Bologna –Caso di studio: Bacino del Po

15 WFD15 AQUAMONEY (3) Approccio: –Valutazione monetaria della disponibilità a pagare per un miglioramento delluso dellacqua (allocazione, stato dellambiente) –Metodi delle preferenze dichiarate (CV, CE) –Strumento: questionario! Aspetti: –Percezione del problema (importanza, interessi) –Valutazione monetaria (DAP, /famiglia/anno) –Spiegazione (motivazioni, determinanti, gruppi, …)


Scaricare ppt "WFD1 La direttiva quadro comunitaria sullacqua (60/2000) e il progetto Aquamoney D. Viaggi DEIAGRA - Università di Bologna, via Fanin, 50, 40127 Bologna,"

Presentazioni simili


Annunci Google