La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Utilizzazione dei Macronutrienti I macronutrienti sono molecole complesse. Per poterli utilizzare lorganismo deve ridurli in composti semplici ed inernalizzarli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Utilizzazione dei Macronutrienti I macronutrienti sono molecole complesse. Per poterli utilizzare lorganismo deve ridurli in composti semplici ed inernalizzarli."— Transcript della presentazione:

1 Utilizzazione dei Macronutrienti I macronutrienti sono molecole complesse. Per poterli utilizzare lorganismo deve ridurli in composti semplici ed inernalizzarli. Quindi, trasformarli in anidride carbonica ed acqua (ossidarli) con liberazione di energia o, eventualmente, utilizzarli per la sintesi dei suoi componenti strutturali…I macronutrienti sono molecole complesse. Per poterli utilizzare lorganismo deve ridurli in composti semplici ed inernalizzarli. Quindi, trasformarli in anidride carbonica ed acqua (ossidarli) con liberazione di energia o, eventualmente, utilizzarli per la sintesi dei suoi componenti strutturali…

2 Utilizzazione dei Macronutrienti Digestione riduzione in composti sempliciDigestione riduzione in composti semplici Assorbimento internalizzazioneAssorbimento internalizzazione Metabolismo utilizzazione a scopo energetico o/e plasticoMetabolismo utilizzazione a scopo energetico o/e plastico Il grado di utilizzazione di un nutriente che tiene conto di tutti e tre questi processi prende il nome di biodisponibilità…Il grado di utilizzazione di un nutriente che tiene conto di tutti e tre questi processi prende il nome di biodisponibilità…

3 Utilizzazione dei Macronutrienti Digestione, assorbimento e metabolismo si sono evoluti nellarco di centinaia di migliaia di anni per utilizzare al meglio le fonti alimentari a disposizione. Nelluomo, lapparato digerente e il sistema di regolazione metabolica sono il frutto di questa evoluzione tesa a massimizzare lutilizzazione di energia e nutrienti da fonti poco biodisponibili…Digestione, assorbimento e metabolismo si sono evoluti nellarco di centinaia di migliaia di anni per utilizzare al meglio le fonti alimentari a disposizione. Nelluomo, lapparato digerente e il sistema di regolazione metabolica sono il frutto di questa evoluzione tesa a massimizzare lutilizzazione di energia e nutrienti da fonti poco biodisponibili… Il risultato è che la capacità del sistema è sovrabbondante rispetto alle necessità attualiIl risultato è che la capacità del sistema è sovrabbondante rispetto alle necessità attuali

4 Come funziona il sistema? Cenni di anatomia e fisiologia dellapparato digerente umano

5 Lapparato digerente umano comprende il tubo digerente e le ghiandole accessorie

6 Cavo orale, esofago e stomaco rivestono azione disgregatrice sugli alimenti. Inizia qui la prima digestione di amido e proteine Lo stomaco, in particolare, si svuota a velocità variabile e dipendente dal grado di fluidità raggiunto dal chimo

7 Nellintestino tenue si completa la digestione dei macronutrienti e avviene lassorbimento dei prodotti della digestione Pancreas e fegato secernono sostanze (enzimi, tamponi, bile) che coadiuvano i processi digestivi. La secrezione è principalmente regolata da ormoni intestinali (CCK, secretina, GIP etc.)

8 Lintestino crasso raccoglie i residui indigeriti e le secrezioni intestinali e li disidrata, assorbendo acqua e sali minerali. Inoltre ospita una ricca microflora batterica in grado di degradare gran parte delle sostanze organiche producendo gas (CO 2 e H 2 ), acidi grassi a corta catena (acetico, propionico e butirrico) e sostanze azotate semplici (ammoniaca, ammine)

9 Processi digestivi e assorbitivi a carico dei carboidrati Digestione dellamido da parte di enzimi salivari e pancreatici (amilasi). Digestione dei disaccaridi da parte di enzimi di membrana intestinali (saccarasi e lattasi). Assorbimento transcellulare dei monosaccaridi mediato da trasportatori. Trasporto nel sangue portale sino al fegato e quindi al circolo sistemico.Digestione dellamido da parte di enzimi salivari e pancreatici (amilasi). Digestione dei disaccaridi da parte di enzimi di membrana intestinali (saccarasi e lattasi). Assorbimento transcellulare dei monosaccaridi mediato da trasportatori. Trasporto nel sangue portale sino al fegato e quindi al circolo sistemico. Fermentazione dei residui non assorbiti nel colon.Fermentazione dei residui non assorbiti nel colon.

10 Processi digestivi e assorbitivi a carico dei lipidi Dispersione dei trigliceridi ad opera dei sali biliari. Digestione dei trigliceridi da parte di enzimi pancreatici (lipasi). Diffusione attraverso la membrana cellulare. Risintesi di trigliceridi nella cellula e formazione di macrostrutture rivestite da fosfolipidi e proteine (chilomicroni). Esocitosi e trasporto nel sistema linfatico e quindi al circolo sistemico.Dispersione dei trigliceridi ad opera dei sali biliari. Digestione dei trigliceridi da parte di enzimi pancreatici (lipasi). Diffusione attraverso la membrana cellulare. Risintesi di trigliceridi nella cellula e formazione di macrostrutture rivestite da fosfolipidi e proteine (chilomicroni). Esocitosi e trasporto nel sistema linfatico e quindi al circolo sistemico.

11 Processi digestivi e assorbitivi a carico delle proteine Denaturazione delle proteine mediante lacidità gastrica. Digestione delle proteine ad opera di enzimi gastrici (pepsina) e pancreatici (tripsina, chemotripsina, carbossipeptidasi, elastasi). Assorbimento transcellulare degli AA mediato da trasportatori. Trasporto nel sangue portale sino al fegato e quindi al circolo sistemico.Denaturazione delle proteine mediante lacidità gastrica. Digestione delle proteine ad opera di enzimi gastrici (pepsina) e pancreatici (tripsina, chemotripsina, carbossipeptidasi, elastasi). Assorbimento transcellulare degli AA mediato da trasportatori. Trasporto nel sangue portale sino al fegato e quindi al circolo sistemico. Putrefazione dei residui non assorbiti nel colonPutrefazione dei residui non assorbiti nel colon

12 Utilizzazione metabolica dei nutrienti Il rifornimento di substrati è discontinuoIl rifornimento di substrati è discontinuo –Fase postprandiale utilizzazione dei nutrienti esogeni e messa in riserva –Fase postassorbitiva (digiuno) mobilizzazione e utilizzazione delle riserve Le riserve consistono in:Le riserve consistono in: –Depositi di lipidi (tessuto adiposo) –Depositi di glucosio (fegato e muscolo)

13 Come è regolata? Due ormoni chiave: Insulina e GlucagoneDue ormoni chiave: Insulina e Glucagone –Fase postprandiale insulina –Fase postassorbitiva (digiuno) glucagone

14 Come è regolata? Linsulina :Linsulina : AttivaInibisce AttivaInibisce –Deposito di lipidi- Mobilizzazione di lipidi –Deposito di glucosio- Mobilizzazione di glucosio –Ossidazione del glucosio –Sintesi di trigliceridi Il glucagone (e le catecolamine):Il glucagone (e le catecolamine): AttivaInibisce AttivaInibisce –Mobilizzazione di lipidi - Deposito di lipidi –Mobilizzazione di glucosio - Deposito di glucosio –Sintesi del glucosio –Ossidazione di trigliceridi

15 Take home message III Levoluzione ci ha attrezzati ad utilizzare al meglio risorse alimentari scarse, grezze ed erratiche. I vantaggi di una alta digeribilità sono un mito da sfatare..Levoluzione ci ha attrezzati ad utilizzare al meglio risorse alimentari scarse, grezze ed erratiche. I vantaggi di una alta digeribilità sono un mito da sfatare.. E in effetti, se la benzina fosse sempre meglio del gasolio, la userebbero anche i motori diesel…E in effetti, se la benzina fosse sempre meglio del gasolio, la userebbero anche i motori diesel…


Scaricare ppt "Utilizzazione dei Macronutrienti I macronutrienti sono molecole complesse. Per poterli utilizzare lorganismo deve ridurli in composti semplici ed inernalizzarli."

Presentazioni simili


Annunci Google