La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 CORSO DI FINANZA AZIENDALE LA FUNZIONE FINANZIARIA NELMANAGEMENT DELLE IMPRESE Università degli Studi di Parma Prof. Eugenio Pavarani testo di riferimento:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 CORSO DI FINANZA AZIENDALE LA FUNZIONE FINANZIARIA NELMANAGEMENT DELLE IMPRESE Università degli Studi di Parma Prof. Eugenio Pavarani testo di riferimento:"— Transcript della presentazione:

1 1 CORSO DI FINANZA AZIENDALE LA FUNZIONE FINANZIARIA NELMANAGEMENT DELLE IMPRESE Università degli Studi di Parma Prof. Eugenio Pavarani testo di riferimento: M. Dallocchio, Finanza dazienda, cap.1

2 2 FUNZIONI MANAGERIALI Le attività di management possono essere ricondotte ad AREE FUNZIONALI COMPLEMENTARI é particolari sotto-obbiettivi é peculiari relazioni con gli obbiettivi finali attività specifiche supportate da un proprio éambito conoscitivo étecniche di analisi che possono fare capo a éuna specifica base organizzativa éspecifici organi decisionali

3 3 FUNZIONE FINANZIARIA Oggetto gestione del fattore capitale TEORIA DELLA FINANZA émodelli di comportamento volti a razionalizzare le decisioni équali decisioni ? Praticamente ogni scelta gestionale PRASSI OPERATIVA DELLA FINANZA éintensa evoluzione sotto la spinta di mutamenti ambientali (esigenze espresse dal contesto di riferimento) éposizionamenti aziendali diversi lungo il ciclo di sviluppo

4 4 FUNZIONE FINANZIARIA TEORIA DELLA FINANZA émodelli : rappresentazione ed interpretazione della realtà sotto ipotesi semplificatrici binterpretano il funzionamento del sistema finanziario bsi rapportano alle attese dei portatori di capitale bne derivano regole di comportamento coerenti per ottenere fondi da investire nellimpresa in misura abbondante ed a basso prezzo ábisogna soddisfare le esigenze di chi investe nellimpresa éla funzione finanziaria : porta dentro limpresa le regole del sistema finanziario e controlla che la gestione le rispetti

5 5 FUNZIONE FINANZIARIA TEORIA DELLA FINANZA il manager finanziario è un intermediario tra il sistema finaziario e gli investimenti di impresa MANAGER FINANZIARIO ASSETS AZIENDALI AZIONISTI E CREDITORI Il rendimento dipende dal posizionamento nei mercati Il valore dei loro diritti dipende dalla capacità di sostenere vantaggi competitivi alternative Quanto investire ? Come investire ? Come finanziare ?

6 6 FUNZIONE FINANZIARIA NELLA TEORIA DELLA FINANZA : étaglia per traverso lintera gestione é è direttamente connessa con lobbiettivo finale dei portatori del capitale di rischio: la valorizzazione del loro investimento NELLA PRASSI OPERATIVA : épuò avere un campo dazione parziale éi portatori di capitale possono avere obbiettivi di grado inferiore rispetto alla massimizzazione del valore

7 7 FUNZIONE FINANZIARIA EVOLUZIONE STORICA STILIZZATA (la fase della stabilità) ANNI : complessità / criticità : modesta éfattore capitale: abbondante étassi: bassi e stabili écambi: fissi éfonti di finanziamento: alternative limitate émercati : stabili e protetti a chi si occupa di finanza in azienda ha un ruolo marginale a finanza inglobata nellamministrazione a finanza subordinata e posizionata a valle a lattenzione è prevalentemente sul lato destro dello SP

8 8 FUNZIONE FINANZIARIA EVOLUZIONE STORICA STILIZZATA (la fase delle perturbazioni finanziarie) ANNI : complessità / criticità : accentuata e crescente écaduta dei tassi di sviluppo delle economie écaduta dei profitti e dellautofinanziamento épolitiche monetarie : restrittive (credito e tassi) écambi e tassi : volatili écosto mat. prime e lavoro / inflazione / elevati fabbisogni fin. éaumenta la complessità dei sistemi finanziari a attenzione alle relazioni con rischio/redditività/sviluppo a attenzione crescente agli usi di capitale ed al loro costo a finanza integrata e anticipata

9 9 FUNZIONE FINANZIARIA EVOLUZIONE STORICA STILIZZATA (la fase delle perturbazioni finanziarie) é aumentano i costi delle materie prime e del lavoro é si riducono e diventano molto variabili i RO é linflazione fa aumentare i fabbisogni finanziari é aumentano i debiti e gli oneri finanziari (effetto q e p) é si riducono i profitti e lautofinanziamento a la finanza diventa un fattore di disciplina intervenendo a monte a verifica ex ante delle compatibilità finanziarie e programmazione dei flussi finanziari

10 10 FUNZIONE FINANZIARIA EVOLUZIONE STORICA STILIZZATA (la fase dellintensa evoluzione dei mercati) ANNI 85 -> : dignità di vertice - integrazione con la strategia éderegolamentazione e globalizzazione dei mercati éinnovazione tecnologica e rapida obsolescenza écaducità dei vantaggi competitivi e intensificazione della concorrenza ériconversioni tecnologiche e riposizionamenti nei mercati élogica dello sviluppo per linee esterne a dal modello dello sviluppo finanziariamente sostenibile al modello dello sviluppo centrato sulla finanza a la finanza straordinaria è imperniata sul valore a la finanza si coniuga con la strategia ed elabora strumenti per misurarne la capacità di creare valore


Scaricare ppt "1 CORSO DI FINANZA AZIENDALE LA FUNZIONE FINANZIARIA NELMANAGEMENT DELLE IMPRESE Università degli Studi di Parma Prof. Eugenio Pavarani testo di riferimento:"

Presentazioni simili


Annunci Google