La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LARN e Linee Guida. Adeguatezza della dieta: qualità e quantità degli alimenti consumati in misura tale da assicurare il soddisfacimento dei bisogni di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LARN e Linee Guida. Adeguatezza della dieta: qualità e quantità degli alimenti consumati in misura tale da assicurare il soddisfacimento dei bisogni di."— Transcript della presentazione:

1 LARN e Linee Guida

2 Adeguatezza della dieta: qualità e quantità degli alimenti consumati in misura tale da assicurare il soddisfacimento dei bisogni di energia e nutrienti, rispettando le combinazioni e proporzioni tali da non arrecare rischi potenziali per la salute. Biologico per il soddisfacimento dei bisogni di energia e nutrientiBiologico per il soddisfacimento dei bisogni di energia e nutrienti Epidemiologico per preservare da malattie legate ad errata e squilibrata alimentazioneEpidemiologico per preservare da malattie legate ad errata e squilibrata alimentazione Ecologico per le caratteristiche ambientali dei singoli sistemi e siti di produzione agro-alimentare.Ecologico per le caratteristiche ambientali dei singoli sistemi e siti di produzione agro-alimentare. LARN LINEE GUIDA

3 LARN: si riferiscono agli apporti raccomandati di energia e nutrienti in funzione della stima dei relativi bisogni a livelli di sicurezza, tenendo conto di specifiche condizioni di età, sesso, ecc. LINEE GUIDA: si propongono la tutela della salute in situazioni in cui fattori socio-economici abbiano determinato sovrabbondanza di risorse e conseguenti eccessi e/o squilibri alimentari. Entrambi gli strumenti rappresentano i più moderni ed efficaci strumenti di politica degli alimenti e della nutrizione.

4 Le raccomandazioni nutrizionali si basano sui valori dei fabbisogni fisiologici dei singoli nutrienti, determinati a partire da studi sperimentali e/o di bilancio, ma non corrispondono esattamente a questi. Le raccomandazioni indicano gli apporti di energia e nutrienti che appaiono più idonei ad assicurare la copertura delle necessità nutrizionali di tutte le diverse componenti di una popolazione. I valori dei fabbisogni variano a seconda delletà, del sesso, della condizione fisiologica e del livello di attività fisica e quindi vengono distinti diversi gruppi di individui il più possibile omogenei ai quali va riferito. LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI DELLA POPOLAZIONE ITALIANA

5 Step per stabilire la raccomandazione di un nutriente: a)Determinazione del fabbisogno fisiologico medio di un segmento rappresentativo di ciascun gruppo di età e sesso; b)Conoscenza della variabilità interindividuale tra ciascun gruppo per rendere possibile il calcolo del valore per il quale il fabbisogno medio deve essere aumentato per soddisfare le necessità di quasi tutti gli individui. LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI DELLA POPOLAZIONE ITALIANA

6 Il livello di raccomandazione per un nutriente che copre le necessità di almeno il 97.5% della popolazione è pari al valore medio + 2 deviazioni standard (DS). LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI DELLA POPOLAZIONE ITALIANA

7 Le raccomandazioni per lenergia sono invece stabilite in maniera differente poiché le necessità di energia variano da individuo a individuo e laggiunta di una quantità che voglia coprire le variazioni individuali potrebbe portare a lungo termine allo sviluppo del sovrappeso e di obesità. Le raccomandazioni vengono quindi fornite per gruppi ristretti e ben distinti di popolazione, suddivisi rispetto al sesso, al peso e al tipo di attività fisica svolta. LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI DELLA POPOLAZIONE ITALIANA

8

9 Quando il numero di informazioni scientifiche è insufficiente a stabilire un livello preciso di raccomandazioni si definiscono altri standard detti INTERVALLI DI SICUREZZA ED ADEGUATEZZA. Questo vale per alcune vitamine (es. acido pantotenico) e minerali (es. Na). Nel concetto di adeguatezza è contemporaneamente compreso quello della riduzione del rischio di malattie associate allalimentazione. LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI DELLA POPOLAZIONE ITALIANA

10 Per i limiti superiori di assunzione non esistono veri e propri standard di riferimento. In generale: la popolazione tende a superarli anche di diverse volte; la popolazione tende a superarli anche di diverse volte; per la maggior parte dei nutrienti superare il livello raccomandato non provoca effetti dannosi anche se benefici aggiuntivi derivanti da tali eccessi sono assai improbabili; per la maggior parte dei nutrienti superare il livello raccomandato non provoca effetti dannosi anche se benefici aggiuntivi derivanti da tali eccessi sono assai improbabili; per alcuni nutrienti sono possibili effetti indesiderati (es. B 9 vs B 12 ) o nocivi (vitamina A). per alcuni nutrienti sono possibili effetti indesiderati (es. B 9 vs B 12 ) o nocivi (vitamina A). LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI DELLA POPOLAZIONE ITALIANA

11 Le migliori condizioni socio-economiche italiane hanno determinato un arricchimento della razione alimentare che ha determinato benefici in termini di scomparsa di manifestazioni carenziali (es. statura), ma ha aumentato significativamente lincidenza di sovrappeso e di obesità sin dallinfanzia. La ricerca scientifica ha messo in luce: il rischio di un eccesso di consumo di grassi nei confronti di malattie cardiovascolari; il rischio di un eccesso di consumo di grassi nei confronti di malattie cardiovascolari; lo sbilancio fra prodotti vegetali e animali e la monotonia della dieta in confronto allampia variabilità dei consumi stagionali mediterranei come cofattori predisponenti linsorgenza di tumori. lo sbilancio fra prodotti vegetali e animali e la monotonia della dieta in confronto allampia variabilità dei consumi stagionali mediterranei come cofattori predisponenti linsorgenza di tumori. LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE

12

13 REVISIONE 2003

14 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo.

15 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 2. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta.

16 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 3. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità.

17

18 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti.

19

20

21 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza.

22

23 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 6. Il sale? Meglio poco.

24

25

26

27 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 7. Bevande alcoliche: se si solo in quantità controllata.

28

29 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE 8. Varia spesso le tue scelte a tavola.

30 Porzione: quantità standard di alimento espressa in g, che si assume come unità di misura da utilizzare per unalimentazione equilibrata. Al di là del contenuto in nutrienti, la porzione deve essere innanzitutto di dimensioni "ragionevoli, deve soddisfare le aspettative edonistiche del consumatore ed essere conforme alla tradizione alimentare. Le quantità di grammi proposte per ciascuna porzione assumono perciò il significato di "unità pratica di misura della quantità di alimento consumata". LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE: CONCETTO DI PORZIONE

31 GRUPPI ALIMENTIALIMENTI PORZIONI (gr.) CEREALI E TUBERI Pane Prodotti da forno Pasta o riso (*) Pasta fresca alluovo (*) Patate 1 rosetta piccola/1 fetta media 2-4 biscotti - 2,5 fette biscottate 1 porzione media 1 porzione piccola 2 patate piccole ORTAGGI E FRUTTA Insalate Ortaggi Frutta o succo 1 porzione media 1 finocchio/2 carciofi 1 frutto medio (arance, mele) 2 frutti piccoli (albicocche mandarini) CARNE, PESCE, UOVA, LEGUMI Carne fresca Carne stagionata Pesce Uova Legumi secchi Legumi freschi 1 fettina piccola 3-4 fette medie prosciutto 1 porzione piccola 1 uovo 1 porzione media 1 porzione media GRASSI DA CONDIMENTO Olio Burro Margarina 1 cucchiaio 1 porzione 1 porzione LATTE E DERIVATI Latte Yogurt Formaggio fresco Formaggio stagionato 1 bicchiere 1 confezione piccola 1 porzione media 1 porzione media (*) in minestra metà porzione LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE Entità delle porzioni standard.

32 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE Esempio di numero di porzioni giornaliere consigliate.

33 GRUPPI DI ALIMENTIALIMENTIPORZIONE N.° PORZ./DIE LATTE E DERIVATI Latteg 125 (un bicchiere) 2 Yogurtg 125 (un vasetto) Formaggio stagionato Formaggio fresco g 50 g CARNI Carni frescheg Carni conservateg 50 PESCI Pesceg UOVAUovouno (circa g 50) LEGUMI freschi secchi g 100 g CEREALI E TUBERI Tuberig Paneg Prodotti da fornog Pasta o riso (*)g 80 1 Pasta fresca all'uovo (*)g 120 Pasta fresca e ripiena (*)g 180 ORTAGGI E FRUTTA Insalateg Ortaggi g 250 Frutta o succog GRASSI DA CONDIMENTO Oliog 10 3 Burrog Margarinag 10 (*) in minestra la porzione va dimezzata Porzioni dei principali alimenti dei vari gruppi e numero di porzioni per comporre una razione alimentare giornaliera di circa 2000 kcal.

34 Pane, pasta, riso,couscous, polenta,bulgur, altri cereali e patate Frutta Legumi e frutta secca Verdura Olio doliva Formaggio e yogurt Pesce Vino con moderazione Giornalmente Pollame Uova Zuccheri Carne rossa Poche volte la settimana Poche volte al mese PIRAMIDE ALIMENTARE: dieta mediterranea Consigliati 6 bicchieri di acqua al giorno Attività fisica regolare

35 Criteri complessivi per una dieta equilibrata Carboidrati: 55-60% con zuccheri semplici < 12% e la restante quota amidi a basso IGCarboidrati: 55-60% con zuccheri semplici < 12% e la restante quota amidi a basso IG Proteine: < 15%Proteine: < 15% Lipidi: < 30% suddivisi in < 10% saturi, < 15% PUFA e restante quota MUFALipidi: < 30% suddivisi in < 10% saturi, < 15% PUFA e restante quota MUFA Colesterolo: max 300 mg/dieColesterolo: max 300 mg/die Cloruro di Na: < 5 g/die (-10% del consumo attuale)Cloruro di Na: < 5 g/die (-10% del consumo attuale) Fibra: 30 g/dieFibra: 30 g/die Alcol: 0.3 g/kg/dieAlcol: 0.3 g/kg/die Distribuzione giornaliera dellenergia:Distribuzione giornaliera dellenergia: –20% colazione - 35% pranzo - 35% cena - 10% spuntino Varietà nella selezione degli alimentiVarietà nella selezione degli alimenti Consumare giornalmente almeno 5 porzioni tra frutta e verdura.Consumare giornalmente almeno 5 porzioni tra frutta e verdura.


Scaricare ppt "LARN e Linee Guida. Adeguatezza della dieta: qualità e quantità degli alimenti consumati in misura tale da assicurare il soddisfacimento dei bisogni di."

Presentazioni simili


Annunci Google