La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Storia sviluppo locale- Lezione 21 Lezione 2 Lo sviluppo locale prima della Rivoluzione Industriale Indice Le corporazioni urbane Le corporazioni urbane.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Storia sviluppo locale- Lezione 21 Lezione 2 Lo sviluppo locale prima della Rivoluzione Industriale Indice Le corporazioni urbane Le corporazioni urbane."— Transcript della presentazione:

1 Storia sviluppo locale- Lezione 21 Lezione 2 Lo sviluppo locale prima della Rivoluzione Industriale Indice Le corporazioni urbane Le corporazioni urbane La protoindustria rurale La protoindustria rurale Bologna e la seta Bologna e la seta La lana nel West Riding La lana nel West Riding La produzione di ghiaccio naturale La produzione di ghiaccio naturale

2 Storia sviluppo locale- Lezione 22 I - Le corporazioni urbane In età preindustriale le attività manifatturiere che si svolgevano in città erano generalmente sottoposte al controllo delle corporazioni. Queste organizzazioni, di origine medioevale, riunivano tutti i padroni di bottega che effettuavano le stesse lavorazioni.In età preindustriale le attività manifatturiere che si svolgevano in città erano generalmente sottoposte al controllo delle corporazioni. Queste organizzazioni, di origine medioevale, riunivano tutti i padroni di bottega che effettuavano le stesse lavorazioni. Le corporazioni avevano compiti di tutela dellattività, intervenivano sulle caratteristiche che dovevano avere i manufatti, difendevano gli interessi dei soci, svolgevano funzioni di mutuo soccorso e controllavano il mercato del lavoro.Le corporazioni avevano compiti di tutela dellattività, intervenivano sulle caratteristiche che dovevano avere i manufatti, difendevano gli interessi dei soci, svolgevano funzioni di mutuo soccorso e controllavano il mercato del lavoro. In Età Moderna la struttura corporativa, basata sulle botteghe artigiane, subì una profonda trasformazione a seguito dellallargamento dei mercati, fondendosi con forme di organizzazione della produzione diverse, come la protoindustria.In Età Moderna la struttura corporativa, basata sulle botteghe artigiane, subì una profonda trasformazione a seguito dellallargamento dei mercati, fondendosi con forme di organizzazione della produzione diverse, come la protoindustria. Le corporazioni non impedirono lo sviluppo, in alcuni centri urbani, di attività manifatturiere fortemente concentrate, la cui produzione veniva venduta a livello internazionale.Le corporazioni non impedirono lo sviluppo, in alcuni centri urbani, di attività manifatturiere fortemente concentrate, la cui produzione veniva venduta a livello internazionale.

3 Storia sviluppo locale- Lezione 23 II – La protoindustria rurale Lattività manifatturiera poteva anche essere diffusa nelle campagne, impegnando i contadini nei periodi di minore attività agricola (putting-out system).Lattività manifatturiera poteva anche essere diffusa nelle campagne, impegnando i contadini nei periodi di minore attività agricola (putting-out system). In alcune regioni le famiglie contadine, attraverso il sistema del lavoro a domicilio, costituivano unofferta di lavoro disponibile a basso costo per imprenditori urbani in cerca di maggiore flessibilità e minori costi di produzione. La diffusione della protoindustria nelle campagne aveva importanti effetti dal punti di vista demografico e sociale.In alcune regioni le famiglie contadine, attraverso il sistema del lavoro a domicilio, costituivano unofferta di lavoro disponibile a basso costo per imprenditori urbani in cerca di maggiore flessibilità e minori costi di produzione. La diffusione della protoindustria nelle campagne aveva importanti effetti dal punti di vista demografico e sociale. La manodopera rurale effettuava, normalmente, le fasi più semplici del processo produttivo, mentre le fasi più complesse e lorganizzazione della produzione rimanevano concentrate in città. In questo modo protoindustria rurale e bottega artigiana venivano a far parte di un sistema integrato.La manodopera rurale effettuava, normalmente, le fasi più semplici del processo produttivo, mentre le fasi più complesse e lorganizzazione della produzione rimanevano concentrate in città. In questo modo protoindustria rurale e bottega artigiana venivano a far parte di un sistema integrato. Lorganizzazione di questo complesso sistema era in mano al cosiddetto mercante-imprenditore, che era spesso membro di corporazioni dal carattere sempre più oligarchico.Lorganizzazione di questo complesso sistema era in mano al cosiddetto mercante-imprenditore, che era spesso membro di corporazioni dal carattere sempre più oligarchico.

4 Storia sviluppo locale- Lezione 24 III - Bologna e la seta Uno dei casi più noti e più studiati di sviluppo locale in età preindustriale, è quello della produzione di seta a Bologna dal XVI al XVIII secolo.Uno dei casi più noti e più studiati di sviluppo locale in età preindustriale, è quello della produzione di seta a Bologna dal XVI al XVIII secolo. La realizzazione di filati, veli e tessuti di seta avveniva coinvolgendo numerose figure professionali e integrando diversi modi di produzione e occupano alcune migliaia di lavoratori.La realizzazione di filati, veli e tessuti di seta avveniva coinvolgendo numerose figure professionali e integrando diversi modi di produzione e occupano alcune migliaia di lavoratori. Oltre alle botteghe artigiane e al lavoro a domicilio, una parte del processo produttivo (la torcitura) avveniva in vere e proprie fabbriche completamente automatizzate dove lavoravano alcune decine di operai che avevano il solo compito di alimentare le macchine.Oltre alle botteghe artigiane e al lavoro a domicilio, una parte del processo produttivo (la torcitura) avveniva in vere e proprie fabbriche completamente automatizzate dove lavoravano alcune decine di operai che avevano il solo compito di alimentare le macchine. Questo complesso sistema veniva controllato dallArte della Seta, i cui membri svilupparono forme sofisticate di cooperazione.Questo complesso sistema veniva controllato dallArte della Seta, i cui membri svilupparono forme sofisticate di cooperazione. Tutto ciò ha indotto gli storici a definire quello di Bologna come un vero e proprio distretto industrialeTutto ciò ha indotto gli storici a definire quello di Bologna come un vero e proprio distretto industriale

5 Storia sviluppo locale- Lezione 25 IV - La lana nel West Riding Gli esempi di aree rurali che hanno conosciuto un forte sviluppo di carattere protoindustriale sono numerosi e diffusi un po in tutta Europa.Gli esempi di aree rurali che hanno conosciuto un forte sviluppo di carattere protoindustriale sono numerosi e diffusi un po in tutta Europa. Nella regione del West Riding, nello Yorkshire, si diffuse la produzione a domicilio di tessuti di lana, ma questo caso presenta diverse differenze rispetto al tipico modello protoindustriale.Nella regione del West Riding, nello Yorkshire, si diffuse la produzione a domicilio di tessuti di lana, ma questo caso presenta diverse differenze rispetto al tipico modello protoindustriale. Il ciclo produttivo non era organizzato dal putting-outer, ma era gestito in autonomia dalle stesse famiglie contadine, che lavoravano lana propria e vendevano i prodotti finiti presso magazzini municipali cooperativi.Il ciclo produttivo non era organizzato dal putting-outer, ma era gestito in autonomia dalle stesse famiglie contadine, che lavoravano lana propria e vendevano i prodotti finiti presso magazzini municipali cooperativi. Nel corso del XVIII secolo il commercio di lana del West Riding si espanse rapidamente, scalzando dal mercato aree caratterizzate dalla presenza dei grandi mercanti capitalisti.Nel corso del XVIII secolo il commercio di lana del West Riding si espanse rapidamente, scalzando dal mercato aree caratterizzate dalla presenza dei grandi mercanti capitalisti. Nel West Riding la meccanizzazione di alcune fasi di lavorazione avvenne con la costruzione di grossi impianti, realizzati e gestiti in forma cooperativa dagli stessi piccoli produttori.Nel West Riding la meccanizzazione di alcune fasi di lavorazione avvenne con la costruzione di grossi impianti, realizzati e gestiti in forma cooperativa dagli stessi piccoli produttori.

6 Storia sviluppo locale- Lezione 26 V - La produzione di ghiaccio naturale Le aree protoindustriali erano per lo più specializzate nel settore tessile. Tra gli esempi diversi vi è senzaltro lAlta Valle del Reno, che tra il XVIII e il XIX secolo si specializzò nella produzione di ghiaccio naturale.Le aree protoindustriali erano per lo più specializzate nel settore tessile. Tra gli esempi diversi vi è senzaltro lAlta Valle del Reno, che tra il XVIII e il XIX secolo si specializzò nella produzione di ghiaccio naturale. La produzione del ghiaccio naturale in questa area si integrava perfettamente con il calendario dei lavori agricoli, svolgendosi, nella sua fase più intensa, nei mesi invernali. Le differenti mansioni potevano essere svolte dai vari componenti della famiglia contadina e la proprietà del capitale fisso (ghiacciaie, prati e pozze dacqua) e la commercializzazione erano in mano a pochi imprenditori.La produzione del ghiaccio naturale in questa area si integrava perfettamente con il calendario dei lavori agricoli, svolgendosi, nella sua fase più intensa, nei mesi invernali. Le differenti mansioni potevano essere svolte dai vari componenti della famiglia contadina e la proprietà del capitale fisso (ghiacciaie, prati e pozze dacqua) e la commercializzazione erano in mano a pochi imprenditori. Il ghiaccio veniva prodotto deviando parte dellacqua del Reno con un sistema di chiuse e canali artificiali che andavano ad alimentare dei prati dotati di bassi argini. Questi prati si trasformavano presto in piccoli laghi, dove si formava il ghiaccio, che veniva tagliato in blocchi regolari e conservato nelle ghiacciaie.Il ghiaccio veniva prodotto deviando parte dellacqua del Reno con un sistema di chiuse e canali artificiali che andavano ad alimentare dei prati dotati di bassi argini. Questi prati si trasformavano presto in piccoli laghi, dove si formava il ghiaccio, che veniva tagliato in blocchi regolari e conservato nelle ghiacciaie. Questi canali alimentavano i laghi che erano messi in successione con un sistema di terrazzamento simile a quello usato per la produzione del riso.


Scaricare ppt "Storia sviluppo locale- Lezione 21 Lezione 2 Lo sviluppo locale prima della Rivoluzione Industriale Indice Le corporazioni urbane Le corporazioni urbane."

Presentazioni simili


Annunci Google