La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Storia sviluppo locale- Lezione 41 Lezione 4 La scoperta dello sviluppo locale in Italia Indice La scoperta dei distretti industriali La scoperta dei distretti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Storia sviluppo locale- Lezione 41 Lezione 4 La scoperta dello sviluppo locale in Italia Indice La scoperta dei distretti industriali La scoperta dei distretti."— Transcript della presentazione:

1 Storia sviluppo locale- Lezione 41 Lezione 4 La scoperta dello sviluppo locale in Italia Indice La scoperta dei distretti industriali La scoperta dei distretti industriali Latmosfera industriale Latmosfera industriale La terza Italia La terza Italia

2 Storia sviluppo locale- Lezione 42 I - La scoperta dei distretti industriali A cavallo tra gli anni sessanta e settanta Giacomo Becattini, nel tentativo di ricostruire lo sviluppo economico delle aree a industrializzazione leggera della Toscana, sposta loggetto di indagine: non la singola piccola impresa, ma i sistemi di piccole imprese.A cavallo tra gli anni sessanta e settanta Giacomo Becattini, nel tentativo di ricostruire lo sviluppo economico delle aree a industrializzazione leggera della Toscana, sposta loggetto di indagine: non la singola piccola impresa, ma i sistemi di piccole imprese. Il cambiamento del punto di vista risulta decisivo e aprirà una ricca stagione di studi sia economici che sociologici. A metà degli anni 70 Sebastiano Brusco critica la nozione tradizionale di economie di scala, sostenendo che anche le piccole imprese possono essere efficienti, soprattutto se inserite in contesti socio-economici favorevoliIl cambiamento del punto di vista risulta decisivo e aprirà una ricca stagione di studi sia economici che sociologici. A metà degli anni 70 Sebastiano Brusco critica la nozione tradizionale di economie di scala, sostenendo che anche le piccole imprese possono essere efficienti, soprattutto se inserite in contesti socio-economici favorevoli Questo percorso di ricerca porta a una rivisitazione del pensiero di Alfred Marshall. Leconomista inglese, vissuto nel XIX secolo, aveva già introdotto il concetto di distretto industriale, individuando le economie esterne che permettevano ai sistemi di piccole imprese di essere competitivi sul mercato.Questo percorso di ricerca porta a una rivisitazione del pensiero di Alfred Marshall. Leconomista inglese, vissuto nel XIX secolo, aveva già introdotto il concetto di distretto industriale, individuando le economie esterne che permettevano ai sistemi di piccole imprese di essere competitivi sul mercato.

3 Storia sviluppo locale- Lezione 43 II – Latmosfera industriale Il distretto industriale, secondo Marshall, non è semplicemente una forma organizzativa del processo produttivo, ma un ambiente sociale in cui le relazioni tra gli uomini e le loro propensioni verso il lavoro, il risparmio e il rischio presentano caratteristiche particolari.Il distretto industriale, secondo Marshall, non è semplicemente una forma organizzativa del processo produttivo, ma un ambiente sociale in cui le relazioni tra gli uomini e le loro propensioni verso il lavoro, il risparmio e il rischio presentano caratteristiche particolari. Marshall definiva queste caratteristiche particolari atmosfera industriale. Con questo concetto si vuole sottolineare che allinterno del distretto la comunità e il sistema delle imprese sono elementi indivisibili e che condividono gli stessi valori.Marshall definiva queste caratteristiche particolari atmosfera industriale. Con questo concetto si vuole sottolineare che allinterno del distretto la comunità e il sistema delle imprese sono elementi indivisibili e che condividono gli stessi valori. E latmosfera industriale a garantire forti economie esterne alle piccole imprese e quindi a dare competitività allintero sistema. Per esempio nella formazione professionale, che allinterno dei distretti risulta essere molto più diffusa ed efficace che altrove.E latmosfera industriale a garantire forti economie esterne alle piccole imprese e quindi a dare competitività allintero sistema. Per esempio nella formazione professionale, che allinterno dei distretti risulta essere molto più diffusa ed efficace che altrove. Ma latmosfera industriale è frutto di unevoluzione di lungo periodo che permette alla società distrettuale di conservare e tramandare i valori. In questo modo il distretto diventa a factory without walls.Ma latmosfera industriale è frutto di unevoluzione di lungo periodo che permette alla società distrettuale di conservare e tramandare i valori. In questo modo il distretto diventa a factory without walls.

4 Storia sviluppo locale- Lezione 44 III - La terza Italia Gli studi sui distretti industriali e, più in generale, su tutte le aree a industrializzazione leggera, hanno portato a un profondo ripensamento del modo in cui viene descritta la struttura economica dellItalia. Ci si è resi conto, infatti, che la classica divisione tra nord sviluppato e sud arretrato nascondeva profonde differenze.Gli studi sui distretti industriali e, più in generale, su tutte le aree a industrializzazione leggera, hanno portato a un profondo ripensamento del modo in cui viene descritta la struttura economica dellItalia. Ci si è resi conto, infatti, che la classica divisione tra nord sviluppato e sud arretrato nascondeva profonde differenze. Esiste una terza Italia, formata proprio da quelle aree in grado di crescere durante la crisi degli anni 70, che comprende il nord-est, lEmilia Romagna, la Toscana, le Marche e anche alcune zone ristrette del Mezzogiorno.Esiste una terza Italia, formata proprio da quelle aree in grado di crescere durante la crisi degli anni 70, che comprende il nord-est, lEmilia Romagna, la Toscana, le Marche e anche alcune zone ristrette del Mezzogiorno. La definizione terza Italia la si deve a sociologi come Bagnasco e Trigilia, che a cavallo tra gli anni 70 e 80, forniranno una descrizione molto accurata delle società distrettuali e in particolare vi studieranno i rapporti tra sistema economico e sistema politico.La definizione terza Italia la si deve a sociologi come Bagnasco e Trigilia, che a cavallo tra gli anni 70 e 80, forniranno una descrizione molto accurata delle società distrettuali e in particolare vi studieranno i rapporti tra sistema economico e sistema politico.


Scaricare ppt "Storia sviluppo locale- Lezione 41 Lezione 4 La scoperta dello sviluppo locale in Italia Indice La scoperta dei distretti industriali La scoperta dei distretti."

Presentazioni simili


Annunci Google