La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ Verona, 27 maggio 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ Verona, 27 maggio 2010."— Transcript della presentazione:

1 ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ Verona, 27 maggio 2010

2 ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ
Verona, 27 maggio 2010 1. Comunicazioni e indicazioni del Direttore del Centro Cinematografico Diocesano (don Paolo Milli), del Vicario Episcopale di Verona per la Cultura, l’Università e il Sociale (mons. Giancarlo Grandis) e del Delegato Interregionale ACEC Triveneta (don Gabriele Pedrina). 2. Determinazione delle Sale già aderenti ad ACEC e votazione della nuova Delegazione Diocesana ACEC. 3. Varie ed eventuali.

3 ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ
Verona, 27 maggio 2010 1. Comunicazioni e indicazioni del Direttore del Centro Cinematografico Diocesano (don Paolo Milli), del Vicario Episcopale di Verona per la Cultura, l’Università e il Sociale (mons. Giancarlo Grandis) e del Delegato Interregionale ACEC Triveneta (don Gabriele Pedrina). Negli incontri avvenuti nei mesi scorsi abbiamo cominciato a conoscerci e le persone presenti, rappresentanti le proprie Sale della Comunità, hanno messo sul tavolo argomenti molto concreti.

4 LA SALA DELLA COMUNITÀ L’ACEC è una libera associazione di categoria, apartitica, regolata a norma dell'art. 36 e seguenti del Codice Civile, nonché del presente Statuto. L'ACEC ha ricevuto dall’Episcopato Italiano il mandato di rappresentanza, promozione e tutela delle “sale delle comunità”, cioè “di quelle strutture, soggette comunque alla giurisdizione ecclesiastica, che si configurano come luoghi che fanno della multimedialità (cinema, teatro, musica, iniziative culturali ecc.) uno strumento di azione pastorale” (Nota pastorale CEI, 25 marzo 1999, n. 33), ha la propria sede legale in Roma e svolge la sua attività in tutto il territorio dello Stato italiano.

5 LA SALA DELLA COMUNITÀ Sul piano legislativo: “Per sala della comunità ecclesiale o religiosa si intende la sala cinematografica di cui sia proprietario o titolare di un diritto reale di godimento sull’immobile il legale rappresentante di istituzioni o enti eccle- siali o religiosi dipendenti dall’autorità ecclesiale o religiosa competente in campo nazionale e riconosciuti dallo Stato. La relativa programmazione cinematografica e multimediale svolta deve rispondere a finalità precipue di formazione sociale, culturale e religiosa, secondo le indicazioni dell’autorità ecclesiale o religiosa competente in campo nazionale” (D. Lgs. 22 gennaio 2004, n. 28, art. 2, comma 10).

6 LA SALA DELLA COMUNITÀ L'ACEC è un organismo di tipo federativo composto da Sezioni regionali o interregionali aventi la stessa denominazione sociale, costituite con atto notarile e dotate di uno statuto che preveda una autonomia giuridica, patrimoniale e amministrativa a livello regionale o interregionale. Fanno parte dell’Associazione in qualità di Soci le Sezioni regionali o interregionali ACEC e, per esse, le “sale della comunità” di rispettiva pertinenza territoriale. Dette sale devono possedere i requisiti indicati sopra e devono essere in regola con il versamento delle quote associative.

7 ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ
Verona, 27 maggio 2010 Un prete di nomina del Vescovo e un SAS affidato alla competenza e all’esperienza di una persona sola non possono essere efficaci e significativi né verso le Sale che chiedono un servizio, né verso l’ACEC, né verso le Agenzie che si rivolgono alle Sale con dei prodotti (films, spettacoli o anche impianti tecnologici…). Un organismo più articolato rappresentativo delle Sale – ovvero una Delegazione – può sicuramente prendere decisioni importanti, aggregare di più le Sale della Comunità e offrire indicazioni e iniziative che coinvolgano più Sale e/o più realtà.

8 PERCHÉ PROPRIO L’ACEC…
È chiara la preoccupazione e la volontà dei nostri Vescovi di far sì che le Sale della comunità, ecclesiastiche, possano avere dei diritti. Ed è ovvio che sentirsi associazione mette in risalto questi diritti ma pone anche dei doveri, e non solo a livello ecclesiale ma anche a livello civile. Per questo all’odg di questa sera ho posto delle premesse, per richiamare l’attenzione sul fatto che la Sala della Comunità è un ambiente di promozione in primo luogo culturale e pastorale di diverse Parrocchie o Enti religiosi. Questa assemblea è rivolta ai sacerdoti che rappresentano le Parrocchie o gli Enti religiosi proprietari di immobili definibili come “Sale della Comunità”: loro – i sacerdoti – sono i “legali rappresentanti delle Sale della Comunità”!

9 PERCHÉ PROPRIO L’ACEC…
L’ACEC non è solo rappresentativa dei “cinema”! A chi ha una Sala della comunità e svolge un’attività lo Stato chiede di essere in regola. Quando si fanno i borderò questo emerge dal pagamento delle cosiddette “quote”, principalmente riguardanti il cinema e il teatro. Se noi facciamo nelle nostre parrocchie degli eventi musicali occasionali tipo nelle sagre o altro esistono delle convenzioni dello Stato con la CEI. Ma se noi proiettiamo film con pellicola o li mostriamo coi DVD o facciamo teatro… e non a livello occasionale… allora sarebbe bene conoscere questa associazione: l’ACEC. Questo vale anche per i parroci che danno in comodato d’uso o in affitto la propria Sala della comunità, perché se tale struttura è ecclesiastica rientra tra le Sale della comunità.

10 PERCHÉ PROPRIO L’ACEC…
Aderire all’ACEC non equivale semplicemente a pagare una tassa! Giustamente ci ci chiede cos’è che mi dà in cambio quest’associazione. Se pago, mi offrirà un servizio. O no? Dei servizi, effettivamente, li fa. Offre formazione a chi opera nelle Sale della comunità e mette a disposizione tempo, persone, competenza, consigli e materiali per fare pastorale in questi ambienti. Offre iniziative a vari livelli: nazionale, regionale, diocesano. Offre Servizio di Assistenza alle Sale, per la programmazione ordinaria e i cineforum. Mette in rete, nella misura in cui ci si mette in gioco per “cercare” e si è disposti a mettersi in gioco con degli altri. Cerca e propone vantaggi e agevolazioni anche economiche, quando ci sono offerte interessanti per l’attività sia nella programmazione che nella strumentazione tecnica e tecnologica.

11 PERCHÉ PROPRIO L’ACEC… perché una Sala non è mai da sola!!!
Concretamente: perché una Sala non è mai da sola!!!

12 ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ
Verona, 27 maggio 2010 2. Determinazione delle Sale aderenti ad ACEC e votazione della nuova Delegazione Diocesana ACEC. Le Sale che al presente versano quote all’ACEC hanno diritto al voto della Delegazione Diocesana.

13 Bisogna partire… e questi ultimi anni sono stati di “aggiornamento associativo”.
Dobbiamo vedere chi attualmente ha i requisiti per fare delle proposte e invitare chi non li ha adesso ad aggiungersi per poter esserci da adesso in avanti!

14 Attualmente gli uffici ci offrono uno specchietto con queste Sale aventi diritto al voto:
Località Locale / codice locale Quota 3866 ultimo mese versato Bardolino Cineteatro CORALLO / 1006 marzo 2010 Bovolone Cineteatro ASTRA / 1034 Caprino Veronese Cineteatro NUOVO / 1023 febbraio 2009 Cerea Cinema MIGNON / 748 Grezzana Cineteatro VALPANTENA / 631 Isola della Scala Cinema Teatro CAPITANO BOVO / 34 La Rizza di Verona Cinema Teatro RIZZA / 459 Legnago Cinema SALUS / 764 S. Martino Buon Albergo Cinema PERONI / 648 Sommacampagna Cinema VIRTUS / 2090 febbraio 2010 Verona Cineteatro ALBA / 776 Cinema AURORA / 45 Cineteatro KAPPADUE / 119 gennaio 2010 Cineteatro NUOVO / 647 Cinema PINDEMONTE / 32 Cinema S. MASSIMO / 7004 Cineteatro SANTA TERESA / 7038 agosto 2009

15 Ammesse quindi al voto: 16 Sale della Comunità.
Dell’elenco precedente queste 14 sono le Sale della Comunità presenti all’Assemblea: Corallo di Bardolino – Nuovo di Caprino – Mignon di Cerea – Valpantena di Grezzana – Capitan Bovo di Isola della Scala – Rizza di La Rizza, Verona – Salus di Legnago – Peroni di S. Martino B.A. – Virtus di Sommacampagna – Alba di Verona (S. Lucia Extra) – Aurora di Verona (Borgo Venezia) – Nuovo di Verona (S. Michele Extra) – S. Massimo di Verona – Santa Teresa di Verona. Sono ammesse al voto, in seguito a chiarimenti, anche altre 2 Sale presenti: S. Lorenzo di Minerbe e Stimate di Verona. Sono assenti all’Assemblea 3 Sale: Astra di Bovolone, Kappadue di Verona e Pindemonte di Verona. Ammesse quindi al voto: 16 Sale della Comunità.

16 In caso di impossibilità ad essere presenti i sacerdoti possono incaricare dei laici come delegati della Sala della Comunità, preferibilmente tra le persone incaricate al servizio nella Sala stessa. Il sacerdote – o chi ha la delega del sacerdote – dispone di un voto in sede di assemblea, indipendemente da quante persone ci siano stasera qui a rappresentare la propria Sala. Dobbiamo fare delle votazioni e servono dei candidati…

17 CHI DOBBIAMO VOTARE… Proposta di Delegazione Diocesana ACEC
per il quadriennio : num. 1 Delegato Diocesano num. 1o 2 o 3 Vice-Delegati Diocesani La Delegazione Diocesana ACEC partecipa al Consiglio Interregionale di ACEC Triveneta

18 Milli don Paolo, già Direttore
CHI ABBIAMO VOTATO Sono stati eletti alla Delegazione Diocesana ACEC di Verona, per il quadriennio : • Delegato Diocesano: Milli don Paolo, già Direttore del Centro Diocesano Cinematografico • Vice-Delegati Diocesani: Bertoncelli Renato, di S. Massimo Augelli Antonio, di S. Martino B.A. Maggiolo Gilberto, di Cerea

19 ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ
Verona, 27 maggio 2010 3. Varie ed eventuali. Il Delegato Diocesano traccia una linea operativa di base della nuova Delegazione ed accoglie anche quanto i presenti hanno a cuore venga espresso dalla medesima.

20 Negli ultimi due Consigli di ACEC Triveneta ci siamo messi d’accordo – i rappresentanti delle varie Delegazioni – che vogliamo fare un convegno interregionale in autunno, con data e luogo ancora da precisarsi. Ad ogni prima Assemblea diocesana che sarebbe stata fatta in seguito ci siamo impegnati a chiedere due cose: 1. 2. quali siano le iniziative che, nelle singole esperienze, si siano dimostrate più interessanti e promettenti per tener viva la Sala, anche dal punto di vista economico; quali siano le difficoltà più urgenti, soprattutto nel settore del noleggio pellicole … per individuare le cose da approfondire, magari con esperti o proposte da far conoscere al convegno …i responsabili dei SaS, sentiti gli Agenti locali, potranno durante il convegno verificare la disponibilità a condividere le strategie più adatte (noi abbiamo già cominciato a parlarne in marzo).

21 Cerchiamo e facciamoci trovare!!!
CONTATTI UTILI Centro Diocesano Cinematografico ACEC – Associazione Cattolica Esercenti Cinema Delegazione Diocesana di Verona SAS - Servizio Assistenza Sale – Verona Piazza Vescovado, 11 – Verona Tel. e Fax web: C’è un SaS (e tutto quello che ci va dietro!) c’è un sito (aggiornato!) …e c’è un indirizzo mail (per scriverci quando ci viene in mente quello che ci serve!)!!! Siamo disponibili! Cerchiamo e facciamoci trovare!!!


Scaricare ppt "ASSEMBLEA DIOCESANA SALE DELLA COMUNITÀ Verona, 27 maggio 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google