La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Dipartimento di Salute Mentale – Azienda per i Servizi Sanitari n° 1 Triestina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Dipartimento di Salute Mentale – Azienda per i Servizi Sanitari n° 1 Triestina."— Transcript della presentazione:

1 Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Dipartimento di Salute Mentale – Azienda per i Servizi Sanitari n° 1 Triestina

2 SPDC Una delle 6 UO del DSM Ospedale Maggiore di Trieste 8 posti letto, 4 uomini – 4 donne 1 responsabile, 2 psichiatri (in sede) Staff infermieristico: (16 inf. 7 donne, 9 uomini) 1 inf. Prof.le con funzioni di coordinamento 4 inf. Prof.li spec. Ass. psichiatrica 1 ass. sanitaria 6 inf. Prof. 4 inf. Gen.

3 Il gruppo di lavoro è composto da operatori che hanno già fatto esperienza presso altri Servizi del Dipartimento di Salute Mentale e hanno fatto proprio il modello di lavoro in équipe multidisciplinare in ambito territoriale.

4 SPDC Pronto soccorso psichiatrico attivo sulle 24 ore Un medico in sede durante il giorno, un medico reperibile h 20-8 per SPDC e CSM Tre infermieri e un medico h 8-20 Due infermieri e un medico reperibile h 20-8 Reperibilità infermieristica notturna Reperibilità medica festiva

5 Funzioni e Compiti SPDC Regolamento del DSM del 28/12/1995 Osservazione e primo intervento e nei casi in cui non sia possibile mettere in atto idonee misure extraospedaliere, trattamenti sanitari in condizioni di degenza ospedaliera, volontari e/o obbligatori di concerto con il competente servizio territoriale o su richiesta espressa dallo stesso

6 Funzioni e Compiti SPDC Consulenza psichiatrica per domande afferenti ai Servizi di Pronto Soccorso degli ospedali Generali o per richieste provenienti dalle UUOO ospedaliere cui non possono assolvere i CSM Osservazioni e trattamenti disposti dallA.G. per imputati o detenuti da sottoporre a perizia psichiatrica o che necessitano di inquadramento diagnostico e trattamento

7 Funzioni e Compiti dellSPDC Nellarea dellEmergenza psichiatrica pervenuta allospedale, spetta allSPDC il coordinamento dei rapporti con i CSM territoriali, il Pronto Soccorso e le altre UUOO ospedaliere, il Comune, le diverse Agenzie dellemergenza e dellordine pubblico

8 Funzioni e Compiti dellSPDC Uno specifico protocollo tra SPDC e Pronto Soccorso ospedaliero è stato concordato alla fine del 2003 ai fini di regolamentare le modalità di invio per consulenza, osservazione ed eventuale ricovero, di tutti i casi di acuzie psichiatrica

9 Funzioni e Compiti dellSPDC Per quanto attiene alle consulenze richieste dalle altre UUOO ospedaliere, queste vengono di norma eseguite dai CSM territoriali quando non urgenti e dallSPDC nel caso abbiano caratteristiche di urgenza

10 SPDC/CSM Ricorso in prima battuta in casi particolari: Per le emergenze notturne(CSM non fanno accoglienza di notte dopo le 20 salvo casi eccezionali), si trattiene la persona in osservazione finchè gli operatori del CSM competente per territorio non prendono contatti con lei allSPDC (in genere in meno di 24 ore)

11 SPDC/CSM Quando cè un coinvolgimento della forza pubblica ed elevata resistenza del paziente a recarsi al CSM Comorbidità di condizioni organiche per cui è opportuna una valutazione medica e specialistica ospedaliera

12 Invio in SPDC Per consulenza del PS (dimissione, osservazione, ricovero dopo 24 ore) Per TSO (ricovero immediato), stabilito dai CSM Ospitalità notturna utenti CSM, appoggio Ser.T

13 Generalmente accesso in PS, poi invio per consulenza in SPDC decisa dal medico astante Identica procedura anche per accesso in ospedale con 118 e forze dellordine

14 Dati Epidemiologici Consulenza : 1000 persone lanno (1028 nel 2004) per un totale di ca 2000 contatti (2077 nel 2004) Di questi utenti circa la metà sono nuovi per lUO e per il DSM (585 nuovi e 443 già conosciuti nel 2004), 574 donne e 454 uomini, età media 52 anni per le donne e 47 anni per gli uomini

15 Contatti: 553 unico contatto, 475 con più contatti Ricoveri: nel ricoveri (volontari e obbligatori) per un totale di 878 giornate di ricovero (media di gg di ricovero = 4) TSO: nel nel DSM ( relativi a 14 persone), 158 giornate di cui 50 nellSPDC, il resto (108 gg) nei CSM

16 SPDC dati persone in TSO : 6 donne, 7 uomini 1 persona in ASO (donna) Giornate totali TSO: 50 Durata TSO: min 2 gg., max 17 gg.(1 uomo), media 3,8 gg. Durata ASO: 8 gg.

17 Nr. utenti sottoposti a T.S.O a Trieste negli anni

18 Tasso annuo di TSO nella popolazione Di Trieste (x ab.)

19 < 2,0 > 2,1; < 2,9 > 3,0 Tasso ricoveri annui in T.S.O./ ab. ( Progres-Acuti) Media : 2,4

20 Diagnosi di invio dal PS Disturbi psicotici 60% Etilismo acuto 13% Demenza e disturbi psicorganici 8% Disturbi non psicotici della sfera affettiva 15% Disturbi di personalità e altre diagnosi 4%

21 Tipologia utenza Stati ansiosi, somatizzazioni dansia, attacchi di panico…. Sindromi depressive (con o senza idee autolesive) Confusione mentale (con o senza idee persecutorie), demenza nellanziano Ideazione delirante senza agitazione psicomotoria con richiesta autonoma di aiuto

22 Tipologia utenza Crisi acute: tutte le situazioni in cui lindividuo arriva al servizio in uno stato di agitazione psicomotoria (psicosi acuta, tentamen,etilismo acuto…), accompagnato dalle agenzie dellemergenza (118, 113, 112) con o senza familiari e personale sanitario del CSM

23 Chi accede allSPDC? Persone nuove ai Servizi che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età Persone con precedenti contatti Utenti del CSM su richiesta del Centro stesso (carenza p.l. o utente di difficile gestione) Utenti di servizi che non prevedono attualmente lospitalità notturna (Ser.T) o, in alcuni casi, pazienti di difficile gestione per i reparti ospedalieri

24 Modulistica Sistema Informativo A ogni accesso viene compilato un modulo apposito dove sono riportati: Data e ora di entrata in reparto, data e ora di uscita Dati anagrafici, scolarità, condizione lavorativa, motivi del contatto e sua risoluzione (invio a casa,… invio al mmg, invio al CSM …)

25 Modulistica Sistema Informativo Medico compila la parte inerente: orientamento diagnostico,diagnosi ICD10,consulenza, intervento terapeutico effettuato,esito dellintervento Infermiere compila una parte del modulo e segna sul registro progressivo i dati anagrafici Una copia della consulenza specialistica ritorna al PS, una rimane in SPDC allegata al foglio di accoglimento Ogni contatto viene riportato anche sul registro dellSPDC

26 Bassa soglia di accesso (no liste dattesa, accesso diretto per consulenze urgenti richieste dal mmg) Accoglienza (non ci sono limiti nellorario di visita diurno) Porta aperta (risorse umane/relazionali) No contenzione meccanica Lavoro per obiettivi in coordinamento con il CSM di riferimento e/o Distretto, altri Servizi.

27 Presenza di mezzi di contenzione nelle strutture psichiatriche italiane (Progres -Acuti)

28 Regolamento del DSM del 28/12/1995 Art.16 : … deve essere promosso e garantito laccesso ai seguenti diritti: Diritto a non subire azioni lesive della propria integrità fisica e della propria dignità, in particolare qualsiasi mezzo di contenzione fisica

29 La risposta alla crisi in un servizio territoriale è volta a mettere in contatto la persona coinvolta con un sistema di relazioni e di risorse umane e materiali che permetta di poter attraversare la crisi conservando la sua continuità esistenziale e storica

30 NON SI PUÒ CURARE SENZA RISORSE Umane Di professionalità Di quantità Di saperi Di squadra Di carattere affettivo (motivazioni delloperatore, mondo dei valori quali che siano, mondo delle emozioni messe in gioco)

31 Accoglienza della crisi Il ricovero è uno strumento terapeutico necessario in pochi casi e rappresenta solo una delle tappe del progetto terapeutico Deve essere breve per evitare che si trasformi in strumento di esclusione e abbandono La richiesta di ricovero può venire dallinteressato, dai suoi familiari, dal suo medico di famiglia o da altri servizi

32 Il ricovero è finalizzato a garantire alla persona in fase acuta condizioni di vita che a casa sono impossibili, terapia farmacologia, relazioni interpersonali, sicurezza, supporto e autorealizzazione

33 In casi di assoluta gravità, il ricovero può essere attuato contro la volontà del soggetto secondo le modalità previste dalla normativa (Trattamento sanitario obbligatorio). In questi casi spesso la persona rifiuta le cure e il ricovero. Gli operatori si trovano così a gestire il conflitto tra azioni terapeutiche e di controllo. Lapproccio anche in questi casi è finalizzato a stabilire un rapporto di fiducia e garantire la presa in carico.

34 Non esiste schematismo o preparazione tecnica che possa fornire in questo contesto uno strumento efficace in ogni situazione/storia Coinvolgimento emotivo e personale è la condizione necessaria per instaurare una buona relazione con la persona

35 Relazione terapeutica Prima fase nellaccoglimento della persona che accede al servizio (molta attenzione nellesordio/primo contatto)

36 Lambiente terapeutico è costituito dalla qualità dei rapporti interpersonali tra léquipe e lassistito e in generale dalla qualità del clima organizzativo

37 Accoglienza Accoglienza della persona sofferente, con o senza il medico Presentazione alla persona e agli eventuali accompagnatori (familiari, amici..) Stabilire in tempi brevi una relazione efficace attraverso lascolto e lattenzione a spunti forniti dal soggetto rimanendogli accanto

38 Favorire la presenza di una o più persone significative qualora richiesta e opportuna Ascolto nel momento in cui la persona manifesta una sofferenza ed esprime una richiesta Azione benefica: funzione di rassicurazione, mediazione, attesa dellintervento del medico

39 Fondamentale la raccolta del maggior numero di informazioni possibili Permette quasi sempre la decodificazione della crisi in atto ( molto importante se primo contatto) Informazioni dettagliate permettono di capire da quando la crisi è presente e sue modalità di manifestazione nel tempo

40 Durante il colloquio Fornire un sostegno emotivo alla persona e ai suoi cari Offrire con discrezione incoraggiamento e sostegno empatico: Ascolto attivo mantenendo lopportuno silenzio, dimostrare atteggiamenti amichevoli e di comprensione, introdursi al momento opportuno nel discorso Spontaneità e naturalezza Una nostra risposta spontanea può offrire più sostegno che non una risposta formale

41 Una carezza o un abbraccio terapeutico possono comunicare un senso di conforto e di comprensione che possono rivelarsi il sostegno emotivo necessario e più appropriato

42 Assistenza ai familiari E imprescindibile, quando la persona soffre il suo contesto è coinvolto emotivamente I familiari vanno sostenuti e aiutati a capire, comprendere la sofferenza del congiunto attraverso lassistenza psicologica, il supporto emotivo, leducazione sanitaria (nellesordio per es.), la rassicurazione… I familiari e la rete sociale sono uno strumento prezioso per loperatore psichiatrico in quanto forniscono il più delle volte informazioni utili alla decodificazone della crisi e possono agevolare la creazione dellalleanza terapeutica

43 Nei casi di emergenza il medico può invocare lo stato di necessità, nel TSO lutente è obbligato alla cura Mediazione e contrattazione sono gli strumenti di elezione Intervento della forza dellordine solo nei casi di soggetti molto ostili

44 Problema del contenimento Regolamento del DSM del 28/12/1995 Art.16 : … deve essere promosso e garantito laccesso ai seguenti diritti: Diritto a non subire azioni lesive della propria integrità fisica e della propria dignità, in particolare qualsiasi mezzo di contenzione fisica

45 Nell SPDC, nonostante si operi nellarea dellemergenza e dellacuzie psichiatrica, non viene chiusa a chiave la porta di ingresso e non si effettua alcun tipo di contenzione fisica (come invece accade nella maggior parte degli SPDC italiani)

46 Persona come soggetto da accudire, portatore di bisogni specifici che possono venir espressi in modo bizzarro o con manifestazioni violente o aggressive Cercare di prevenire le manifestazioni di aggressività Atteggiamento neutro, di empatia

47 Trasmettere alla persona che si è in grado di capire che ha paura attraverso il dialogo e atti che rendano condivisibile langoscia (rifiuto della terapia per paura di essere avvelenato,per es.) Pratica dellHolding, contenzione dolce come forma di metacomunicazione dellintervento terapeutico e del prendersi cura


Scaricare ppt "Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura Dipartimento di Salute Mentale – Azienda per i Servizi Sanitari n° 1 Triestina."

Presentazioni simili


Annunci Google