La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di diritto per i beni culturali (a/a 2013/2014) Prof. Davide Galliani Lezione introduttiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di diritto per i beni culturali (a/a 2013/2014) Prof. Davide Galliani Lezione introduttiva."— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di diritto per i beni culturali (a/a 2013/2014) Prof. Davide Galliani Lezione introduttiva

2 Il diritto è una scienza umana Cosa è il diritto? E una scienza umana (che prescrive) e non una scienza naturale (che descrive). Scienze umane: storia, economia, diritto. Scienze naturali: fisica, chimica. E la medicina?

3 Definizione minima di diritto Cosa è il diritto? E un insieme di regole che disciplinano i rapporti tra gli individui di una comunità. E quindi un fenomeno tendenzialmente relativo: basti pensare alle legislazioni sulla pena di morte e alle problematica dei diritti universalmente validi.

4 Le regole giuridiche Le regole che formano il diritto sono giuridiche e non morali e non religiose perché prevedono una sanzione esterna e istituzionalizzata: sono quindi regole coattive o coercibili (Norberto Bobbio).

5 Il diritto pubblico Cosa è il diritto pubblico? Il diritto pubblico è linsieme delle norme giuridiche che interessano i rapporti tra gli individui e lo Stato, mentre il diritto privato tra gli individui. Problemi: cosa è linteresse generale? Le regole giuridiche tendono sempre alla giustizia.

6 Diritto e diritto pubblico Cosa è il diritto pubblico? Il diritto pubblico è uno dei rami del diritto costituzionale (Santi Romano).

7 Il rapporto tra diritto e società Qual è il rapporto tra il diritto e la società? Per Hans Kelsen: il diritto forma la Società, il diritto è linsieme delle norme valide di un ordinamento. Ciò significa unicità dellordinamento giuridico. Per Santi Romano: la società forma il diritto, il diritto è lorganizzazione sociale, il diritto sono i legami che tengono insieme la società, il diritto è listituzione. Ciò significa pluralità degli ordinamenti.

8 Come si studia il diritto Il diritto si studia mediante tre approcci: deontologico: il dover essere ontologico: lessere fenomenologico: lefficacia

9 Come si studia il diritto I tre approcci sono tra di loro autonomi e indipendenti: una norma giuridica dovrebbe essere diversa perché ingiusta, magari è anche inefficace, ma è pur sempre valida e soggetta a sanzione (Norberto Bobbio).

10 Come si studia il diritto Esempio classico dei limiti di velocità in autostrada: una norma giuridica del Codice della strada prevede i 130 km/h, che possono essere giusti o ingiusti, efficaci o inefficaci, ma sono pur sempre validi e sanzionabili.

11 Come si studia il diritto Lautonomia e lindipendenza dei tre approcci significa dare la massima importanza alla cd. certezza del diritto che è garanzia di democraticità di un sistema. E meglio una cattiva e inefficace norma che nessuna norma, altrimenti, sarebbe valida la legge del più forte.

12 Come si studia il diritto Alcuni autori, come Gustav Radbruch, hanno però sottolineato che a volte può esistere un diritto ingiusto ed anche un diritto inesistente, formule apparentemente contraddittorie, ma che mirano a far prevalere la giustizia sulla certezza del diritto.

13 Come si studia il diritto Quando il conflitto tra certezza e giustizia è intollerabile (diritto ingiusto), quanto una norma non aspira minimamente alleguaglianza ma la nega di proposito (diritto inesistente), allora, a cedere è la certezza rispetto alla giustizia.

14 Come si studia il diritto Le teorie di Radbruch e le sue due formule sono state utilizzate dalla Cassazione tedesca in diverse occasioni, in specie, per punire i crimini nazisti e quelli commessi sotto lex DDR.


Scaricare ppt "Istituzioni di diritto per i beni culturali (a/a 2013/2014) Prof. Davide Galliani Lezione introduttiva."

Presentazioni simili


Annunci Google