La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Chimica di Amukine Med 0.05% a cura di: Silvio Riccola.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Chimica di Amukine Med 0.05% a cura di: Silvio Riccola."— Transcript della presentazione:

1 Chimica di Amukine Med 0.05% a cura di: Silvio Riccola

2 Cosè Amukine Med 0.05% s Soluzione ottenuta tramite un procedimento elettrochimico (elettrolisi di soluzione satura di cloruro di sodio) controllato e standardizzato 1. Clorossidante Elettrolitico Concentrato CE UF 2. Diluizione 1:20 con acqua depurata 3. Amukine Med 0.05%

3 Perché Amukine Med 0.05% risponde adeguatamente ai requisiti fondamentali dei disinfettanti/antisettici 1. Tollerabilità Utilizzo di materie prime di qualità farmaceutica: NaCl F.U. e Acqua depurata E.Ph. Stessa concentrazione di cloruro di sodio (NaCl) delle soluzioni fisiologiche: 0.9% Isotonicità (stessa pressione osmotica dei liquidi biologici/sangue) Non causa stress osmotici alle cellule dei tessuti Ottimo profilo di tollerabilità antisettico istofilo (amico dei tessuti biologici)

4 1 2. Stabilità del titolo/concentrazione del principio attivo (Sodio ipoclorito) Basso tenore di ipoclorito di sodio (0,057%) favorisce la stabilità intrinseca della soluzione Il pH della soluzione è stabilizzato a 9.5. A contatto con i liquidi bilogici (sangue) il pH della soluzione diminuisce a valori assimilabili a quelli fisiologici massima efficacia disinfettante Perché Amukine Med 0.05% risponde adeguatamente ai requisiti fondamentali dei disinfettanti/antisettici

5 1 3. Efficacia Quando lipoclorito è aggiunto allacqua si ha la seguente reazione principale: Lacido ipocloroso in soluzione acquosa si dissocia conseguentemente Lacido ipocloroso è responsabile dellazione germicida Maggiore concentrazione di HOCl = Maggiore efficacia germicida Perché Amukine Med 0.05% risponde adeguatamente ai requisiti fondamentali dei disinfettanti/antisettici 1 2

6 1 HOCl – Acido ipocloroso Meccanismo di azione dellacido ipocloroso 1.HOCl penetra agevolmente attraverso la membrana della cellula batterica, grazie alla sua struttura molecolare assimilabile ad H 2 O e allassenza di carica elettrica. 2.Blocca il ciclo energetico/vitale della cellula batterica tramite lossidazione irreversibile di alcuni enzimi essenziali del ciclo di Krebs. 3.Morte della cellula batterica.

7 1 Siti dellazione ossidante dellacido ipocloroso nel metabolismo energetico della cellula

8 1 Amukine Med 0.05% Elevato profilo di tollerabilità. Materie prime di qualità farmaceuitica. Isotonicità/istofilia Stabilità/costanza della concentrazione del principio attivo Alto livello di efficacia microbiolgica Adeguatezza rispetto ai fondamentali requisiti di efficacia, tollerabilità e sicurezza dellantisettico ideale Conclusioni

9 La Microbiologia della cute lesa a cura di: Paolo Ceccarini

10 MICROBIOLOGIA DELLA CUTE LESA E PRINCIPALI PATOGENI La cute rappresenta una valida barriera che previene lingresso dei germi nei tessuti sottostanti Qualsiasi lesione che dà luogo ad una perdita di integrità strutturale della cute rappresenta una porta dingresso per i microrganismi che possono così colonizzare gli strati inferiori dove moltiplicandosi danno luogo ad infezione Da uninfezione cutanea profonda i microrganismi passando nel torrente circolatorio possono dar luogo ad infezioni sistemiche (batteremie, setticemie) con invasione da parte dei patogeni di altri tessuti/organi IMPORTANZA DELLANTISEPSI DELLA CUTE LESA

11 LESIONI CUTANEE E PRINCIPALI PATOGENI AD ESSE ASSOCIATI

12 Staphylococcus aureus E molto virulento grazie alla capacità di produrre una enorme varietà di sostanze patogene extracellulari (tossine, invasine) Cocco Gram+ dalla caratteristica colorazione giallo oro residente occasionale della cute dove si localizza soprattutto a livello del naso Può causare malattie gravi quali batteremia, endocardite, polmonite, osteomielite, infezioni cutanee (impetigine, follicolite, foruncoli, favi, infezioni di ferite), sindrome della cute scottata E il microrganismo più frequentemente isolato da infezioni delle ferite chirurgiche In passato luso indiscriminato di antibiotici per via topica nel trattamento di traumi e lesioni cutanee ha portato allinsorgenza e diffusione di ceppi di S. aureus antibiotico-resistenti Oggi i MRSA (Methycillin Resistant Staphylococcus Aureus) sono diffusi in tutto il mondo e sono frequente causa di infezioni della cute lesa di origine nosocomiali ed anche comunitarie

13 Batterio Gram- residente occasionale della flora cutanea (ascelle, zone umide) Le infezioni da Pseudomonas possono presentarsi in molte sedi anatomiche come cute, tessuti sottocutanei, ossa, orecchie, occhi, polmoni, tratto urinario e valvole cardiache Nelle ustioni le infezioni da Pseudomonas sono frequenti e rappresentano una complicanza spesso molto grave Le infezioni da Pseudomonas di solito si verificano negli ospedali, dove i microrganismi si possono ritrovare nei lavandini, nei recipienti per urine e nelle soluzioni antisettiche inquinate Molto resistente a stress di tipo chimico ed ambientale

14 Attività microbiologica di AMUKINE MED In base alle normative vigenti* lattività del clorossidante elettrolitico è stata testata in vitro nei confronti di batteri gram+ e Gram-, batteri antibiotico-resistenti, micobatteri, funghi, virus e spore Lefficacia di Amukine Med è del tutto sovrapponibile a quella dello iodio-povidone e superiore a quella della clorexidina *AFNOR, EN

15 EFFICACIA MICROBIOLOGICA DI AMUKINE MED

16 Resistenze microbiche ad AMUKINE MED? La resistenza microbica ad un antibiotico, che avviene mediante meccanismi di tipo biochimico, è un fenomeno radicalmente differente dalla resistenza ad un disinfettante, che invece può potenzialmente avvenire solo mediante meccanismi di tipo chimico-fisico Ad oggi in letteratura non sono noti fenomeni di resistenza microbica attiva al sodio ipoclorito Test microbiologici su MRSA che su VRSF (Vancomycin Resistant Streptococcus Faecalis) hanno dimostrato la stessa attività di Amukine Med rispetto ai ceppi capostipiti* *EN 1040; EN 1046

17 Resistenze microbiche ai disinfettanti *INFECT CONTROL HOSPEPIDEMIOL, 1989/Vol. 10, n° 10. *THE NEW ENGLAND JOURNAL OF MEDICINE, Sept ^Appl Environ Microbiol 1981; 42: ^Am J Infect Control. 1996; 24(5): Sono stati descritti in letteratura casi di inquinamento delle soluzioni di antisettici Soluzioni di iodio-povidone contaminate da Pseudomonas aeruginosa* e Pseudomonas cepacia* Soluzioni di clorexidina contaminate da Serratia marcescens, Burkolderia cepacia e Pseudomonas aeruginosa^ Non sono noti in letteratura casi di inquinamento di soluzioni a base di sodio ipoclorito

18 La tollerabilità di Amukine Med a cura di: Gianna Corpetti

19 Studi clinici Disinfezione cute prima di intervento chirurgico Migliore attività antibatterica di Amuchina 10% in confronto a Iodio-Povidone 10% # § # Acta Toxicol Ther 1993;XIV(1):1-8 § Acta Toxicol Ther 1993;XIV(2): Utilizzo ginecologico esterno Migliore attività antibatterica di Amukine Med 0,05% in confronto a Disinfettante mercuriale ° ° Acta Toxicol Ther 1993;XIV(2):85-92 Trattamento topico ustioni superficiali Migliore maneggevolezza e tollerabilità di Amukine Med 0,05% in confronto a crema a base di sulfodiazina dargento 1% Acta Toxicol Ther 1993;XIV(2):65-72

20 Cosè la tollerabilità? La capacità fisica di resistere, senza danno, ad un evento Tollerabilità

21 Sensibilizzazione Amukine Med 0,05% non contiene sostanze (proteine, sost. organiche) che possano agire come sensibilizzanti Complesso di fenomeni che si producono nell'organismo per azione di determinate sostanze e che conducono a una particolare reattività nei confronti delle stesse.

22 complesso dei processi locali con i quali lorganismo reagisce allazione di molte sostanze che risultano lesive per i tessuti. Infiammazione Negli studi clinici effettuati con Amukine Med 0,05% non sono stati descritti fenomeni di infiammazione delle zone trattate # Acta Toxicol Ther 1993;XIV(1):1-8 § Acta Toxicol Ther 1993;XIV(2): ° Acta Toxicol Ther 1993;XIV(2):85-92 Acta Toxicol Ther 1993;XIV(2):65-72

23 s Gli antisettici presentano unazione citotossica nei confronti del tessuto di riparazione delle ferite, ritardando la cicatrizzazione (povidone-iodine1%-perossido di idrogeno 3%- ac.acetico 0.25%)*. s Le soluzioni di ipoclorito di sodio possono risultare citotossiche sui fibroblasti a seconda della concentrazione. caratteristica di un composto chimico di danneggiare o distruggere le cellule alterandone la struttura o le funzioni ArchSurg1985;120(3): ° Acta Vulnol 2003;0:19-24 Citotossicità Amukine Med 0,05% Amukine Med 0,05% conserva lattività battericida senza danneggiare i fibroblasti del tessuto di riparazione° Masina et al 2000

24 AmuMed Tollerabilità AmuMed Studio Tollerabilità Oculare Irrigazione congiuntivale con Amukine Med 0.05% oppurecon Betadine 5% s 107 pazienti trattati s Tollerabilità oculare comparabile per le due soluzioni s Amukine 0.06% rappresenta una valida alternativa ai composti iodati. J Fr Ophtalmol 2002;25(2):120-5

25 In conclusione…

26 E da oggi… Un nuovo formato!

27 Grazie per lattenzione!!!


Scaricare ppt "Chimica di Amukine Med 0.05% a cura di: Silvio Riccola."

Presentazioni simili


Annunci Google