La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di Fabrizio M. Pellegrini 09.2010 NON SCHOLAE SED VITAE DISCIMUS SPHAERACALATHUM SPHAERACALATHUM(C.Tacito)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di Fabrizio M. Pellegrini 09.2010 NON SCHOLAE SED VITAE DISCIMUS SPHAERACALATHUM SPHAERACALATHUM(C.Tacito)"— Transcript della presentazione:

1 A cura di Fabrizio M. Pellegrini NON SCHOLAE SED VITAE DISCIMUS SPHAERACALATHUM SPHAERACALATHUM(C.Tacito)

2 Sistema di promozione dellattività FIP rivolto alla scuola Per conseguire i suoi obiettivi il Progetto presuppone ladozione di uno specifico Sistema di promozione dellattività FIP rivolto alla scuola definito secondo quattro indirizzi generali: laccoglienza di ciascuno degli alunni e studenti le occasioni per praticare la pallacanestro la valorizzazione delle eccellenze la fidelizzazione degli insegnanti Le finalità generali

3 A giudizio della FIP la promozione nella scuola deve avere le seguenti connotazioni irrinunciabili : essere un processo integrato e continuo; essere condiviso con gli insegnanti; valorizzare i percorsi e le acquisizioni personali; offrire ampie occasioni di formazione e di pratica; orientare ai valori, alla cultura sportiva, al fair-play. I principi fondanti

4 Elementi costitutivi dello statuto di un progetto per la scuola sono: lintenzionalità educativa; il progetto pedagogico di riferimento; la programmazione come procedura operativa; i contenuti e le metodologie didattiche proprie e coerenti; la trasferibilità delle conoscenze, delle abilità e delle competenze. Statuto progettuale

5 Le proposte e le offerte di sport alla scuola dovranno essere: adeguate a fronteggiare le fluttuazioni della domanda sia come fasce detà coinvolte che come numeri assoluti; efficaci rispetto alle diverse fasce di età e generi, assecondando l'idea che modelli diversi di attività (metodologie + soluzioni organizzative) debbano essere studiati specificatamente e realizzati per ogni ordine e grado di scuola; condivise con il corpo docente, approvate dagli OO.CC. della scuola ed inserite del Piano dellOfferta Formativa (POF) dIstituto; differenziate per territorio per garantire alle diverse aree del Paese un tasso di sviluppo adeguato alla singole realtà, creando le condizioni per favorire decisamente quelle più svantaggiate. Caratteristiche delle proposte scuola della FIP

6 Easy & Mini: proposte vincenti della FIP per la scuola Le attività che vengono proposte alla scuola sono caratterizzate da tre precisi presupposti: l'universalità, la gradualità e la continuità Per universalità si intende quella dell'accesso, per cui ogni programma coinvolge l'intero gruppo classe favorendo l'attività del singolo alunno. La gradualità è un requisito della strategia didattica, che punta a realizzare i connotati dell'azione educativa. Attraverso la continuità si vuole realizzare, di concerto con gli istituti scolastici, un'azione non episodica o isolata nel tempo ma una serie di azioni programmate e orientate nel tempo.

7 Dal punto di vista strategico il "Programma " si caratterizza per tre elementi: La dimensione istituzionale che permette linterazione e lintegrazione tra la strategia di servizio della Federazione nelle sue articolazioni e la vita delle scuole, in vista di un comune campo d'azione: quello delleducazione sportiva. La dimensione culturale, cui invece, è affidata la sintonia tra gli operatori necessaria alla conduzione delle attività offerte alla scuola; pur provenendo da culture diverse, educatori sportivi e insegnanti cooperano, integrando i loro saperi. La dimensione operativa, infine, che è quella in cui l'attività viene programmata e realizzata, ma anche adattata alle esigenze locali grazie all'integrazione delle diverse esperienze ed alla mediazione tra competenze e contesti. Le dimensioni strategiche

8 Le variabili degli interventi

9 I livellli degli interventi

10 I progetti istituzionali per la scuola EasyBasketSmall – EasyBasketSmall – scuola elementare Easy Basket per tutte le classi della scuola elementarecon passaggio al Minibasket per le classi quinte EasyBasketMedium – scuola media Easy Basket per tutte le classi della scuola media con passaggio al 5vs5 per le classi terze Pallacanestro Giovanile Studentesca Pallacanestro Giovanile Studentesca scuola superiore per il biennio m/f della scuola superiore 5vs5 secondo accordi con il MIUR ed in vista della successiva partecipazione agli ISF (anni alterni). Per il triennio delle superiori Per il triennio delle superiori lattuale proposta canonica della pallacanestro studentesca è di fatto scarsamente praticata. E sul tappeto una proposta di fattibilità a scuola di Basket33 (fiba) Convenzioni con università e facoltà: Convenzioni con università e facoltà: è in via di formalizzazione definitiva un progetto appositamente definito contenente le linee guida cui attenersi.

11 Formazione & Attività per la scuola Seminari nazionali di aggiornamento per insegnanti (secondo la normativa MIUR/CONI Dir.90/99) Corsi territoriali per insegnanti EasyBasket (S&M) (con e senza normativa Dir.90/99) Feste Easy dIstituto Feste Easy territoriali Gdg e GSS manifestazioni e finali territoriali

12 SCUOLA EASYBASKET MEDIUM RISORSE IN BUDGET PROGETTO SPERIMENTALE MOLISE CALABRIA 12 UNA SPERIMENTAZIONE


Scaricare ppt "A cura di Fabrizio M. Pellegrini 09.2010 NON SCHOLAE SED VITAE DISCIMUS SPHAERACALATHUM SPHAERACALATHUM(C.Tacito)"

Presentazioni simili


Annunci Google