La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’analisi della Condizione Limite per l’Emergenza (CLE) Un’applicazione a Faenza Fabrizio Bramerini, Chiara Conte Aprile 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’analisi della Condizione Limite per l’Emergenza (CLE) Un’applicazione a Faenza Fabrizio Bramerini, Chiara Conte Aprile 2014."— Transcript della presentazione:

1 L’analisi della Condizione Limite per l’Emergenza (CLE) Un’applicazione a Faenza Fabrizio Bramerini, Chiara Conte Aprile 2014

2 Fase 0 Avviare l’analisi della CLE Analisi della CLE

3 Materiale di base 1.BASE CARTOGRAFICA 2.PIANI DI PROTEZIONE CIVILE 3.STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA 4.ALTRI MATERIALI: SCHEDE DI LIVELLO 0 SCHEDE AEDES SCHEDE COC/COM DOCUMENTI URBANISTICI INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI COMPILAZIONE DELLE SCHEDE

4 Base cartografica CARTA TECNICA REGIONALE (CTR) IDENTIFICATIVI UNIVOCI

5 Base cartografica CARTA TECNICA REGIONALE (CTR) IDENTIFICATIVI UNIVOCI SE GLI IDENTIFICATIVI NON SONO PRESENTI O NON UTILIZZABILI (PER ESEMPIO, TROPPO LUNGHI) NUMERARE IN MANIERA PROGRESSIVA TUTTI GLI ELEMENTI PRESENTI SULLA CTR ID_aggr SE GLI IDENTIFICATIVI NON SONO PRESENTI O NON UTILIZZABILI (PER ESEMPIO, TROPPO LUNGHI) NUMERARE IN MANIERA PROGRESSIVA TUTTI GLI ELEMENTI PRESENTI SULLA CTR ID_aggr

6 Fase 1 Individuazione del sistema di gestione dell’emergenza Analisi della CLE

7 Identificazione degli Edifici Strategici Coordinamento interventi Coordinamento sanitario

8 Identificazione delle Aree di Emergenza

9 Individuazione infrastrutture di Connessione

10 Individuazione infrastrutture di Accessibilità

11 Individuazione Aggregati Strutturali

12 Suddivisione del territorio in zone

13 Stralcio della CTR

14 Fase 2 Rilievo sul campo e compilazione delle schede Analisi della CLE

15 Edifici strategici Aree di emergenza (AMMASSAMENTO) Aree di emergenza (RICOVERO) Infrastruttura di connessione Infrastruttura di accessibilità Aggregato strutturale Unità strutturali Compilazione delle schede Scheda ES Scheda AE Scheda AC Scheda AS Scheda US

16 Schizzo sul retro della scheda AS Compilazione delle schede

17 Fase 3 Completamento delle schede Analisi della CLE

18 Suddivisione di un Aggregato Strutturale (ante e post)

19 Accorpamento di più Aggregati Strutturali

20 Fase 4 Inserimento dati ed elaborazioni finali Analisi della CLE

21 Edifici strategici Aree di emergenza (AMMASSAMENTO) Aree di emergenza (RICOVERO) Infrastruttura di connessione Infrastruttura di accessibilità Aggregato strutturale interferente Unità strutturali Inserimento dati: SoftCLE

22 Infine è stata compilata la scheda Indice, che riassume tutti i dati dell’analisi della CLE. Per Faenza sono state compilate le seguenti schede: Scheda Indice Numero di schede Schede ES10 Schede AE7 Schede AC47 Schede AS38 Schede US407 TOTALE 509

23 Carta degli elementi per l’analisi della CLE

24 1.Digitalizzazione degli elementi dell’analisi Carta degli elementi per l’analisi della CLE

25 1.Compilazione della tabella degli attributi di ogni elemento

26 Carta degli elementi per l’analisi della CLE 3.Creare il join tra shapefile e tabelle 4.Assegnare a ciascun elemento la vestitura corrispondente Per chi non usa sistemi Open Source è stato creato un file che contiene tutte le vestiture: MS_CartaIndagini_30.style

27 Ogni elemento riporta l’ identificativo univoco, precedentemente assegnato (per una visualizzazione più agevole sono stati eliminati gli eventuali zeri utilizzati per completare l’identificativo): Carta degli elementi per l’analisi della CLE Identificativo univoco esempio ES [ID_aggr] _ [ID _unit] _001 AE [ID _area] 24 AC [ID _infra] 39 AS [ID _aggr] US [ID _aggr] _ [ID _unit] _002

28 Stralci della Carta degli elementi per l’analisi della CLE

29

30 Sulla CTR Verifica su campo Cosa fare L’oggetto è rappresentato come unico Aggregato Strutturale Dalla verifica l’Aggregato risulta essere suddiviso in due Aggregati Strutturali - Si suddivide l’Aggregato (si utilizzano le ultime due cifre dell’identificativo per la suddivisione) - Si aggiunge l’identificativo al nuovo Aggregato ( ) - Si modifica l’identificativo dell’Aggregato esistente ( ) - Si riporta nella CTR la divisione dell’Aggregato con i nuovi identificativi (l’identificativo viene cassato) Assegnazione identificativi AS Suddivisione dell’aggregato

31 Sulla CTR Verifica su campo Cosa fare Sulla CTR sono rappresentati più Aggregati Strutturali, con i rispetti identificativi Dalla verifica su campo, gli Aggregati risultano essere un unico Aggregato Strutturale - Si elimina la suddivisione dell’Aggregato - Si elimina uno dei due identificativi - Si riporta nella CTR la nuova divisione dell’Aggregato con l’unico identificativo Assegnazione identificativi AS Accorpamento di più aggregati

32 Sulla CTR Verifica su campo Cosa fare Sulla CTR sono rappresentati gli Aggregati Strutturali Dal rilievo su campo risulta presente un nuovo Aggregato - Si disegna l’Aggregato in planimetria - Si inserisce un nuovo identificativo - Si riporta nella CTR il nuovo Aggregato con il suo identificativo Assegnazione identificativi AS Inserimento di un nuovo aggregato

33 Sulla CTR Verifica su campo Cosa fare Sulla CTR sono rappresentati più Aggregati Strutturali Dalla verifica su campo si rileva che un Aggregato non esiste -Si elimina l’Aggregato e il suo identificativo su mappa -Si elimina dalla CTR l’Aggregato Assegnazione identificativi AS Eliminazione di un aggregato

34 Sulla CTR Verifica su campo Cosa fare Sulla CTR l’Aggregato ha una determinata planimetria Dalla verifica risulta essere diverso da come rappresentato -Si disegna la nuova planimetria -Si assegna il vecchio identificativo al nuovo Aggregato -Si riporta nella CTR la corretta planimetria dell’Aggregato Assegnazione identificativi AS Aggregato con planimetria differente


Scaricare ppt "L’analisi della Condizione Limite per l’Emergenza (CLE) Un’applicazione a Faenza Fabrizio Bramerini, Chiara Conte Aprile 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google