La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROVINCIA Barletta - Andria - Trani __________________________________ Assessorato Politiche Sociali I FORUM DEI PATTI SOCIALI DI GENERE SALA DEL CONSIGLIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROVINCIA Barletta - Andria - Trani __________________________________ Assessorato Politiche Sociali I FORUM DEI PATTI SOCIALI DI GENERE SALA DEL CONSIGLIO."— Transcript della presentazione:

1 PROVINCIA Barletta - Andria - Trani __________________________________ Assessorato Politiche Sociali I FORUM DEI PATTI SOCIALI DI GENERE SALA DEL CONSIGLIO PROVINCIALE 31 MARZO 2010 ANDRIA

2 Analisi del contesto Provincia Barletta Andria Trani Val la pena sottolineare che lanalisi di contesto della sesta Provincia presenta non poche difficoltà, dal momento che non vi sono ancora sufficienti dati disaggregati in quanto si tratta di una Provincia di recente istituzione. Inoltre spesso anche i grandi istituti di ricerca ( Istat Censis Cnel Isfol), in relazione ad alcuni indicatori cosiddetti gender friendly, non hanno dati disaggregati, ma quandanche abbiamo individuato dati disaggregati a livello provinciale, non comprendono ancora la nostra Provincia.

3 Questo avviso pubblico ha quindi evidenziato la necessità di procedere ad un lavoro di adeguamento delle banche dati già in nostro possesso, andando preliminarmente ad intercettare un set di indicatori quantitativi e qualitativi che possano fornire agli amministratori strumenti utili per la rilevazione dei bisogni di conciliazione fra responsabilità professionali e responsabilità familiari, favorendo, come in questo caso, lo sviluppo di azioni congiunte delle parti sociali e delle pubbliche amministrazioni a sostegno delle pari opportunità.

4 Sappiamo che esistono numerosissimi studi e ricerche, sperimentazioni di successo e di grande impatto, ma anche che vi è ancora una grande frammentazione e che i due sistemi- lavoro e servizi alla persona- agiscono in maniera settoriale, soprattutto a livello territoriale, sottovalutando quanto invece le trasformazioni in atto nel mercato del lavoro incidano pesantemente sulla domanda di servizi e quanto le politiche sociali ( dei servizi, dei trasporti etc) incidono sulloccupabilità soprattutto femminile.

5 Occorre fare in modo che possa risultare evidente quanto in un determinato territorio gli effetti della politica di un determinato settore entrano in relazione diretta con quelli di un altro settore e che quindi fra i vari settori si stabiliscano relazioni continue. Per agevolare questa trasformazione è indispensabile dotarsi di sistemi informativi efficaci che consentano adeguate analisi di contesto, una valutazione efficace e la visione chiare delle interconnessioni fra settori.

6 Set di indicatori necessari per la rilevazione dei fabbisogni di conciliazione: Dati demografici per genere e per serie storica Popolazione residente per generePopolazione residente per genere Popolazione per classi di etàPopolazione per classi di età Popolazione immigrata per generePopolazione immigrata per genere Popolazione minori immigrata% e tasso di natalitàPopolazione minori immigrata% e tasso di natalità Tasso di fertilitàTasso di fertilità Tasso di natalitàTasso di natalità Indice di vecchiaiaIndice di vecchiaia indice dipendenza minoriindice dipendenza minori Indice dipendenza anzianiIndice dipendenza anziani Saldo naturaleSaldo naturale Saldo migratorioSaldo migratorio

7 Numero di nuclei familiariNumero di nuclei familiari Numero di componenti per nucleoNumero di componenti per nucleo Composizione dei nuclei familiari:Composizione dei nuclei familiari: Nuclei con minori 0-3 anni Nuclei con minori 0-3 anni Nuclei con figli minori Nuclei con figli minori Nuclei monoparentali con minori Nuclei monoparentali con minori Nuclei con grandi anziani Nuclei con grandi anziani Famiglie unipersonali composte da persone ultra 65enni Famiglie unipersonali composte da persone ultra 65enni Numero di separati e divorziati Numero di separati e divorziati Abitazioni occupate da persone residenti per numero di stanza e numero di occupati Abitazioni occupate da persone residenti per numero di stanza e numero di occupati

8 Livello di istruzione: Livelli di istruzione per classi di età e per genere Tassi di frequenza scuola media,scuola superiore, università Contesto economico: tessuto produttivo e mercato del lavoro Reddito medio pro-capite Tipologia di reddito N. Unità locali imprese ed Istituzioni Dislocazione sul territorio delle unità produttive Dimensione delle unità produttive locali

9 Forza lavoro: – –Popolazione attiva per fasce di età – –Popolazione non attiva per fasce di età

10 Breve analisi di contesto Popolazione residente per genere- Dati Istat al 1 Gennaio 2009 POPOLAZIONE al 1 gennaio 2009MaschiFemmineTotali Provincia BT Provincia BT al REGIONE PUGLIA ITALIA MERIDIONALE ITALIA

11 Popolazione residente per classi di età

12 Dalla forma di una piramide delle età si può "leggere" la storia demografica di un territorio in un determinato periodo.La cosiddetta piramide delle età della popolazione della nostra provincia, mostra una forte erosione alla base simile al dato nazionale e tipica della maggior parte delle Nazioni sviluppate, assumendo quella che viene chiamata forma a trottola. Questo fenomeno, ovvero l'invecchiamento della popolazione è dovuto alla diminuzione del tasso di natalità e al contemporaneo aumento del tasso di mortalità.invecchiamento della popolazionetasso di natalitàtasso di mortalità

13 Tasso di natalità Provincia BAT Come si evince dal grafico la serie storica ci dice come dal 2001 al 2008 abbiamo assistito ad un decremento delle nascite che al 2008 si attesta al 10,20 per mille, a fronte del tasso regionale che si attesta al 9,36 e a quello nazionale che si attesta invece al 9,6 per mille. Abbiamo anche i dati comune per comune che indicano un andamento diverso e comunque interessante da analizzare Il tasso di natalità è il rapporto tra il numero delle nascite in una comunità o in un popolo durante un periodo di tempo e la quantità della popolazione media dello stesso periodo. Il tasso di natalità misura la frequenza delle nascite di una popolazione in un arco di tempo (normalmente un anno)Il tasso di natalità è il rapporto tra il numero delle nascite in una comunità o in un popolo durante un periodo di tempo e la quantità della popolazione media dello stesso periodo. Il tasso di natalità misura la frequenza delle nascite di una popolazione in un arco di tempo (normalmente un anno). In italia il numero dei figli nati per donna al 2008 si attesta sulli,41 registrando una crescita costante nellultimo decennio.

14 Tasso di mortalità Provincia BAT Nel periodo individuato il tasso di mortalità ha mantenuto un andamento più o meno costante attestandosi nel 2008 sul 7,67 per mille a fronte di quello regionale che si attesta sull 8,37 e quello nazionale del 9,74 Il tasso di mortalità è il rapporto tra il numero delle morti in una comunità o in un popolo durante un periodo di tempo e la quantità della popolazione media dello stesso periodo. Indica il numero medio di morti su una popolazione di mille abitanti in un determinato anno. morti

15 Movimento naturale della popolazione :Saldo naturale e saldo migratorio al 1 gennaio 2009 indica la differenza tra il numero dei nati e il numero dei morti in un dato periodo. IL saldo naturale indica la differenza tra il numero dei nati e il numero dei morti in un dato periodo. Il saldo migratorio è la differenza tra il numero di immigrati e quello di emigrati riferito ad una determinata città, zona o paese in un anno o per un certo periodo di tempo. Il saldo migratorio è in positivo di solito in molti paesi sviluppati, come l'Italia o la Francia. Questo succede perché il numero di immigrati è molto superiore a quello degli emigrati e, viceversa, il saldo migratorio in molti paesi in via di sviluppo è negativo, a causa dell'alto numero di emigrati che si trasferiscono in altri paesi.ItaliaFrancia Territorio saldo natu rale saldo migra torio Andria4,23-0,12 Barletta2,880,03 Bisceglie2,021,84 Canosa di P.-0,64 -1,76 Minervino M-3,41 -4,85 Margherita di S.-1,02 3,16 San Ferdinando di P.0,274,41 Spinazzola-2,42 -5,43 Trani3,95-0,70 Trinitapoli2,57-5,21 Prov BT 0,84-0,86 REGIONE PUGLIA1,05-0,23 ITALIA MERIDIONALE0,790,33 ITALIA-0,147,23

16 Popolazione immigrata : al 1 gennaio 2009 sono residenti sul territorio della Bat stranieri di cui donne pari al 54,25% su una popolazione residente pari a Popolazione immigrata : al 1 gennaio 2009 sono residenti sul territorio della Bat stranieri di cui donne pari al 54,25% su una popolazione residente pari a con una percentuale pari all 1, 91%. I minori sono 1386 pari a circa il 21% della popolazione straniera e all1,71% della pop. min.res.( )

17 Il tasso di natalità della popolazione immigrata è pari all %° a fronte del t.n. registrato nella Bat nello stesso periodo che è pari al 9,46 per mille Il tasso di natalità della popolazione immigrata è pari all86,75 %° a fronte del t.n. registrato nella Bat nello stesso periodo che è pari al 9,46 per mille

18 Famiglie TERRITORIOnumero famigliecomponenti medi Andria Barletta Bisceglie ,8 Canosa di P ,8 Minervino M4.1372,3 Margherita di S ,5 San Ferdinando di P ,9 Spinazzola2.7392,6 Trani ,9 Trinitapoli5.0432,8 Prov BT ,76 REGIONE PUGLIA ,7 ITALIA MERIDIONALE ,7 ITALIA ,4

19 Tendenze dello sviluppo demografico (indice di vecchiaia) Lindice di vecchiaia è dato dal rapporto tra il numero della pop.anziana >65 e il numero dei minori <14 e rappresenta un indicatore dinamico che stima il grado di invecchiamento di una popolazione; valori superiori a 100 indicano una maggiore presenza di soggetti anziani rispetto ai giovanissimi. Lindice di vecchiaia nella Bat al 1 gennaio 2009 è pari al 91,56% indice che risulta comunque più basso rispetto alla Puglia che si attesta sul 119,54 e allItalia il cui indice è 149,38

20 Indice di dipendenza anziani : indica la % di popolazione con oltre 65 anni sulla popolazione in età anni e nella Bat si attesta intorno al 26% mentre in Italia il dato è del 30,57%

21 la % di popolazione <14 sul totale della popolazione in età lavorativa 14 e < 65. Nella Bat è pari al 32,08% Lindice di dipendenza minori indica la % di popolazione <14 sul totale della popolazione in età lavorativa 14 e < 65. Nella Bat è pari al 32,08%

22 Territorio tasso natal ità tasso di mort alità indice vecchi aia % saldo natu rale saldo migr atori o indice dipe nde nza min ori % indice dipen denza anzia ni % Andria 10,986,7578,274,23-0,1234,3120,81 Barletta 9,506,6784,382,880,0333,3021,77 Bisceglie 11,029,0098,102,021,8430,6223,29 Canosa di P. 9,4810,12103,61-0,64-1,7631,5024,94 Minervino M 7,9611,37141,73-3,41-4,8530,1432,47 Margherita di S. 8,469,49135,52-1,023,1630,2130,19 San Ferdinando di P. 9,168,89110,790,274,4134,9229,30 Spinazzola 6,869,29148,68-2,42-5,4329,6532,15 Trani 10,516,5691,353,95-0,7030,7221,72 Trinitapoli 10,708,1384,912,57-5,2135,4523,54 Prov BT10,207,6791,560,84-0,8632,0826,02 REGIONE PUGLIA 9,388,38119,541,05-0,2329,6126,95 ITALIA MERIDIONALE 9,628,83115,170,790,3330,2226,46 ITALIA 9,609,74143,38-0,147,2327,3330,57

23 Il mercato del lavoro Tasso di attività = (Forze di Lavoro/Popolazione di riferimento)*100 Tasso di inattività = (Non forze di lavoro/Popolazione di riferimento)*100 Tasso di occupazione = (Occupati/Popolazione di riferimento)*100 Tasso di disoccupazione = (Persone in cerca di occupazione/Forze di lavoro)*100

24 Tasso di attività, inattività, occupazione e disoccupazione per sesso. Anno 2006 Fonte: ISTAT Province Tasso di attività ( forze lavoro/pop.rifer.) Tasso di inattività( Non forze lav/ pop.rifer.) Tasso di occupazione( occ/ pop.rifer.) Tasso di disoccupazione( persone in cerca di occ./ forze lav.) MFTMFTMFTMFT Foggia 55,9 21,3 38,044,1 78,7 62,0 50,9 17,7 33,7 9,0 16,9 11,3 Bari 61,6 28,4 44,538,4 71,6 55,5 54,6 23,5 38,6 11,3 17,2 13,3 Puglia 58,4 27,0 42,141,6 73,0 57,9 52,4 22,3 36,7 10,3 17,7 12,8

25 Val la pena sottolineare che la parità tra donne e uomini non è soltanto un obiettivo in sé, bensì una condizione preliminare per la realizzazione degli obiettivi generali di crescita, di occupazione e di coesione sociale dell'Unione europea. Una più forte partecipazione delle donne al mercato del lavoro offre sia una garanzia della loro indipendenza economica sia un contributo fondamentale allo sviluppo economico

26 La situazione a livello europeo Passato dal 51,1% nel 1997 al 58,3% nel 2007, il tasso di occupazione femminile nell'Unione europea si avvicina attualmente all'obiettivo di Lisbona, cioè al 60% nel Esistono tuttavia notevoli divergenze tra gli Stati membri, con tassi che variano dal 36,9% al 73,2%. Lo scarto medio tra i tassi di occupazione delle donne e quelli degli uomini si sta riducendo: 17,1 punti percentuali nel 2000, 14,2 punti percentuali nel Peraltro, lo scarto è quasi doppio se si raffrontano i tassi di occupazione delle donne e degli uomini con figli di età inferiore a 12 anni a carico. Inoltre, il tasso di occupazione delle donne diminuisce di 12,4 punti se esse hanno bambini, mentre aumenta di 7,3 punti per gli uomini anch'essi con bambini, il che rispecchia. Passato dal 51,1% nel 1997 al 58,3% nel 2007, il tasso di occupazione femminile nell'Unione europea si avvicina attualmente all'obiettivo di Lisbona, cioè al 60% nel Esistono tuttavia notevoli divergenze tra gli Stati membri, con tassi che variano dal 36,9% al 73,2%. Lo scarto medio tra i tassi di occupazione delle donne e quelli degli uomini si sta riducendo: 17,1 punti percentuali nel 2000, 14,2 punti percentuali nel Peraltro, lo scarto è quasi doppio se si raffrontano i tassi di occupazione delle donne e degli uomini con figli di età inferiore a 12 anni a carico. Inoltre, il tasso di occupazione delle donne diminuisce di 12,4 punti se esse hanno bambini, mentre aumenta di 7,3 punti per gli uomini anch'essi con bambini, il che rispecchia l'ineguale ripartizione delle responsabilità parentali e l'insufficienza delle strutture per la custodia dei bambini e delle azioni di conciliazione della vita privata e della vita professionale.

27 Tassi di occupazione: Regione Puglia e Target di Lisbona - Media 2007

28 Una migliore conciliazione tra la vita privata e la vita professionale, delle donne come degli uomini, è indispensabile non soltanto per arrivare alla parità tra i sessi, ma anche per conseguire gli obiettivi di Lisbona. L'allestimento di strutture destinate ai bambini, a prezzi abbordabili e di buona qualità, è indispensabile per consentire ai due genitori di conciliare lavoro e vita familiare

29 Gli Stati membri con il più elevato tasso di natalità sono attualmente quelli che più hanno fatto per migliorare l'equilibrio lavoro-vita familiare dei genitori e che fanno registrare un tasso di occupazione femminile elevato. In seno alla Commissione europea le parti sociali hanno iniziato negoziati sui congedi per motivi familiari diversi dal congedo di maternità. La maggior parte degli Stati membri ha riconosciuto l'importanza delle politiche di conciliazione di fronte alle sfide economiche e demografiche. È stata introdotta una serie di misure, ad esempio una più ampia disponibilità di strutture di custodia per bambini (Germania, Regno Unito e Paesi Bassi), modalità di congedo più vantaggiose, in particolare per i padri (Svezia, Germania, Grecia, Lituania e Spagna) e azioni di sensibilizzazione sul ruolo dei padri (Slovenia).

30 Le politiche a favore della conciliazione della vita privata e della vita professionale rispondono a sfide economiche e demografiche a lungo termine e vanno quindi rafforzate per stimolare la crescita. Una migliore ripartizione del tempo consacrato al lavoro/alla famiglia, sia per le donne sia per gli uomini, richiede una suddivisione più equa del tempo dedicato al lavoro retribuito e al lavoro non retribuito. Il tempo delle donne è, più che per gli uomini, legato alle responsabilità domestiche e familiari. Le misure di conciliazione devono rivolgersi anche agli uomini, in quanto la promozione della parità tra donne e uomini comporta cambiamenti e nuove opportunità per entrambi i sessi Le politiche di conciliazione devono consentire alle donne e agli uomini di scegliere personalmente modalità più flessibili per il lavoro e le ferie.

31 Strutture nella Bat mappatura 2009 SERVIZICOMUNI TOT Andri a Biscegl ie Minervi n oTraniCanosaBarletta Margherita di S. S. Ferdii nand o Spinazz ola Strutture Anziani Struttura Minori Asilo Nido Sezione Primavera Strutture Alta Int. Disabili Strutture Bassa Int. Disabili Strutture Semires. Disabili TOTALE 50


Scaricare ppt "PROVINCIA Barletta - Andria - Trani __________________________________ Assessorato Politiche Sociali I FORUM DEI PATTI SOCIALI DI GENERE SALA DEL CONSIGLIO."

Presentazioni simili


Annunci Google