La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MEDITERRE CANTIERE EUROMEDITERRANEO DELLA SOSTENIBILITÀ IL POI ENERGIA PER LA SOSTENIBILITÀ ENERGETICA E LO SVILUPPO DELLE REGIONI CONVERGENZA DOTT. AGR.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MEDITERRE CANTIERE EUROMEDITERRANEO DELLA SOSTENIBILITÀ IL POI ENERGIA PER LA SOSTENIBILITÀ ENERGETICA E LO SVILUPPO DELLE REGIONI CONVERGENZA DOTT. AGR."— Transcript della presentazione:

1

2 MEDITERRE CANTIERE EUROMEDITERRANEO DELLA SOSTENIBILITÀ IL POI ENERGIA PER LA SOSTENIBILITÀ ENERGETICA E LO SVILUPPO DELLE REGIONI CONVERGENZA DOTT. AGR. GIUSEPPE GUERRINI AUTORITÀ DI GESTIONE POI ENERGIA

3 Il POI Energie rinnovabili e risparmio energetico FESR è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero dello sviluppo economico (MISE), il Ministero dellambiente, delle tutela del territorio e mare (MATTM), un nutrito partenariato economico e sociale e le Regioni italiane Obiettivo Convergenza, destinatarie degli interventi: Calabria Campania Puglia Sicilia D ESCRIZIONE DEL P ROGRAMMA O PERATIVO I NTERREGIONALE

4 O BIETTIVO GENERALE DEL P ROGRAMMA Aumentare la quota di energia consumata proveniente da fonti rinnovabili e migliorare lefficienza energetica, promuovendo le opportunità di sviluppo locale attraverso: Lintegrazione del sistema di incentivi messo a disposizione della politica ordinaria; La valorizzazione dei collegamenti tra produzione di energie rinnovabili, efficientamento e tessuto sociale ed economico dei territori in cui esse si realizzano.

5 O BIETTIVI SPECIFICI DEL P ROGRAMMA Promuovere e sperimentare forme avanzate di interventi integrati e di filiera finalizzati allaumento della produzione di energia da fonti rinnovabili; Promuovere lefficienza energetica e ridurre gli ostacoli materiali e immateriali che limitano lottimizzazione del sistema.

6 A RTICOLAZIONE DEL P ROGRAMMA Dotazione finanziaria Totale (M ) 1.607,8

7 A RTICOLAZIONE DEL P ROGRAMMA

8

9

10 LE MODALITÀ DI ATTUAZIONE DEL POI Le modalità e le procedure di attuazione del Programma, conformi alle disposizioni previste dai regolamenti comunitari per il periodo di programmazione sono le seguenti: Autorità di gestione Organismi intermedi Autorità di certificazione Autorità di audit Organismo di programmazione (CTCA) Comitato di sorveglianza

11 AUTORITÀ DI GESTIONE LAdG è responsabile della gestione e attuazione del Programma conformemente al principio di buona e sana gestione amministrativa e finanziaria. In particolare è tenuta a: garantire che le operazioni destinate a beneficiare di un finanziamento siano selezionate in conformità ai criteri applicabili al Programma; verificare leffettiva fornitura dei prodotti e dei servizi cofinanziati; garantire che i beneficiari coinvolti nellattuazione delle operazioni adottino un sistema di contabilità separata; garantire che lAdC riceva tutte le informazioni necessarie in merito alle procedure e verifiche eseguite in relazione alle spese ai fini della certificazione; guidare i lavori del Comitato di sorveglianza; elaborare e presentare alla Commissione, previa approvazione del Comitato di sorveglianza, i Rapporti annuali e finale di esecuzione; trasmettere alla Commissione le informazioni che le consentano di valutare i grandi progetti; coordinare e gestire lattuazione dellAsse III del Programma.

12 O RGANISMI INTERMEDI Gli Organismi intermedi (OO.II.), individuati a livello di Amministrazione centrale di settore, sono tre. Operano su delega e sotto la responsabilità dellAdG, ponendo in essere le attività necessarie per attuare e perseguire gli obiettivi del Programma. Il rapporto tra AdG e i tre OO.II. è regolato da apposite convenzioni in cui sono esplicitate tutte le funzioni oggetto di delega.

13 O RGANISMI INTERMEDI

14 AUTORITÀ DI AUDIT (ADA) E AUTORITÀ DI CERTIFICAZIONE (ADC) LAdA (Unità di verifica degli investimenti pubblici – DPS/MISE) è responsabile della verifica dellefficace funzionamento del sistema di gestione e controllo a garanzia del rispetto delle normative comunitarie. LAdA è funzionalmente indipendente sia dallAdG che dallAdC e assicura che gli audit siano eseguiti tenendo conto degli standard internazionalmente riconosciuti. LAdC è responsabile della corretta certificazione delle spese erogate a valere sui fondi comunitari/statali per lattuazione del Programma.

15 COMITATO TECNICO CONGIUNTO PER LATTUAZIONE (CTCA) E un Organismo di programmazione costituito dallAdG, dagli OO.II e dalle Regioni Obiettivo "Convergenza«; opera come espressione della cooperazione istituzionale affiancando lAdG nellattività volta a determinare la corretta ed efficace attuazione del Programma; nelle fasi di attuazione il CTCA è chiamato in particolare a: orientare ed indirizzare le attività di gestione operativa del Programma; contribuire allanalisi dellandamento del Programma; formulare proposte per le eventuali decisioni e scelte di rimodulazione e riprogrammazione del Programma; assicurare le condizioni di coerenza e coordinamento dellattuazione del Programma con gli interventi della politica regionale unitaria.

16 I L C OMITATO DI S ORVEGLIANZA (C D S) Il CdS, istituito in conformità dellart. 63 del Reg. (CE) 1083/2006, è presieduto dallAdG e si compone di rappresentanti delle Regioni e dello Stato centrale. Il CdS ha la funzione di accertare lefficacia e la qualità dellattuazione del Programma Operativo. A tal fine: definisce i criteri di selezione delle operazioni finanziate e approva ogni revisione degli stessi; valuta periodicamente i progressi compiuti nel conseguimento degli obiettivi specifici del Programma, sulla base dei documenti presentati dallAdG; esamina ed approva i Rapporti annuali e finali di esecuzione prima della loro trasmissione alla Commissione Europea; può proporre allAdG qualsiasi revisione o esame del Programma di natura tale da permettere il conseguimento degli obiettivi dei Fondi e di migliorarne la gestione.

17 I L C AMBIO DI G OVERNANCE A CCORDO DEL 17 FEBBRAIO 2011 LAccordo del 17 febbraio 2011 tra il Ministro per i rapporti con le Regioni e la coesione territoriale ed i Governatori delle Regioni Calabria, Campania, Puglia e Sicilia ha determinato il cambio della governance del Programma Energie rinnovabili e risparmio energetico. In base a tale accordo, le funzioni di Autorità di gestione e di Autorità di certificazione del Programma sono state assunte dagli Uffici del Ministro con lobiettivo di garantire laccelerazione della spesa e il miglioramento dellefficacia dellattuazione del Programma, in attuazione della Delibera CIPE n. 1/2011.

18 APPROVAZIONE DELLA NUOVA GOVERNANCE DA PARTE DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL POI La conseguente proposta di modifica della governance è stata approvata dal Comitato di sorveglianza (CdS) del 27 maggio 2011 e riguarda lindividuazione delle nuove strutture responsabili dellattuazione con lobiettivo di garantire un sistema di gestione più snello, basato sullattivazione di unefficiente struttura tecnico-manageriale, confermando il carattere interregionale del Programma e il principio della piena condivisione delle scelte e delle modalità di attuazione.

19 DPCM 20 MAGGIO 2011 – P.O.R.E. Le funzioni di Autorità di gestione e di Autorità di certificazione sono state assunte dalla Struttura di missione Progetto Opportunità delle Regioni in Europa (P.O.R.E.) della Presidenza del Consiglio dei Ministri in base al Il DPCM 20 maggio La Struttura di missione opera in stretta collaborazione con il Ministro per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport. Il P.O.R.E. opera per sostenere le Regioni e le Autonomie Locali nei processi di interazione con le realtà dellUnione Europea e per accrescere la loro partecipazione ai programmi finanziati con i fondi comunitari.

20 L A N UOVA G OVERNANCE DEL POI Il 9 gennaio 2012 è stata perfezionata la modifica della Governance del POI Energia con la notifica alla Commissione Europea.

21 RIPARTIZIONE DELLA DOTAZIONE FINANZIARIA DEL PROGRAMMA TRA GLI OI E LADG Struttura di GestioneRisorse finanziarie assegnate O.I. - MISE – Direzione Generale Incentivazione Attività Imprenditoriali (DGIAI) ,00 O.I. - MISE – Direzione Generale per lenergia nucleare, energie rinnovabili e risparmio energetico (DGENRE) ,00 O.I. - Ministero dellAmbiente – Direzione Generale Sviluppo Sostenibile, Energia e Clima (DGSEC) ,00 Autorità di Gestione ,00 Totale ,00

22 A VANZAMENTO FINANZIARIO E T ARGET DI SPESA 2011 Con lultima dichiarazione di spesa di cui alla domanda di pagamento intermedio in data 23 dicembre 2011, lavanzamento finanziario del Programma ha raggiunto il complessivo importo di ,27, come di seguito articolato per Asse prioritario e per organismo attuatore.

23 O BIETTIVI DEL POI E NERGIA NEL 2012 Sulla scia delle iniziative di accelerazione della spesa in attuazione Delibera CIPE n. 1/2011, le attività che la nuova Governance del Programma intende promuovere tengono conto dellambizioso traguardo correlato allobiettivo minimo di spesa per il 2012 dettato dalla regola N+2 e pari a circa 663 M. Target di spesa per Organismo attuatore ed importi da certificare entro il 2012:

24 O BIETTIVI DEL POI E NERGIA NEL 2012 I L RAFFORZAMENTO DEL RUOLO GUIDA DEL PROGRAMMA Il carattere interregionale del Programma appare fortemente dipendente dalla capacità in fase attuativa di assumere un ruolo guida rispetto allattuazione degli interventi in campo energetico previsti dai Programmi regionali. A questo specifico riguardo, lattuazione del Programma è accompagnata da unattività costante di raccordo con quanto finanziato a livello regionale, anche al fine di ridurre il rischio di sovrapposizione dei campi di azione e la duplicazione degli interventi, attraverso una sorta di sistema di monitoraggio degli interventi finanziati a valere sui diversi Programmi del periodo

25 OBIETTIVI DEL POI ENERGIA NEL 2012 LE PRINCIPALI ATTIVITÀ PREVISTE Vanno nella direzione dellambizioso obiettivo da raggiungere nel 2012: la costituzione del Fondo di partecipazione Jessica (FP JESSICA) e la conseguente modifica del Programma e dei criteri di selezione da proporre al CTCA e al Comitato di sorveglianza; lavvio di tre studi sui seguenti argomenti: –Normativa in materia di geotermia (costo previsto ) –Carbon foot printing (costo previsto ) –Smart cities (costo previsto ) il monitoraggio procedurale riferito alla fase di attuazione delle linee di attività a titolarità degli OO.II.; la valutazione di eventuali rimodulazioni/riprogrammazioni a carico di linee di attività.

26 O BIETTIVI DEL POI E NERGIA NEL 2012 I L FONDO DI PARTECIPAZIONE JESSICA JESSICA (Joint European Support for Sustainable Investment in City Areas) è uniniziativa della Commissione Europea, in collaborazione con la Banca Europea degli Investimenti (BEI), nellambito della Politica UE di coesione, disegnata al fine di aiutare le autorità degli Stati Membri dellUnione Europea ad implementare meccanismi di ingegneria finanziaria, finalizzati al sostegno di interventi sostenibili per lo sviluppo urbano. JESSICA è importante perché ha la natura di fondo rotativo con effetto leva finanziaria. JESSICA risponde alla mancanza di fondi di investimento sufficienti a finanziare progetti integrati di rigenerazione e rivalutazione urbana verso comunità urbane maggiormente sostenibili.

27 O BIETTIVI DEL POI E NERGIA NEL 2012 I L FONDO DI PARTECIPAZIONE JESSICA Lattivazione di JESSICA nellambito del Programma ha lobiettivo di gestire le risorse finanziarie provenienti dal POI Energia (decisione CTCA, 18 ottobre 2011) investendole in uno o più Fondi di sviluppo urbano (FSU). La suddetta contribuzione ammonta a 100 M di cui 70 immediatamente trasferibili provenienti dal POI Energia e derivanti dalla seguente rimodulazione finanziaria: 35 M dallAsse Prioritario I, Azione 1.4; 35 M dallAsse Prioritario II, Azione 2.5; i residui 30 M saranno trasferiti, previa ulteriore rimodulazione delle Linee di attività ed in base ad una revisione della strategia del Programma, entro il 2012.

28 OBIETTIVI DEL POI ENERGIA NEL 2012 STUDI DA REALIZZARE - LINEA DI ATTIVITA 3.1 Carbon foot printing: il progetto si pone come obiettivo generale lo sviluppo di una metodologia standard per effettuare la diagnosi energetica e per determinare limpronta di carbonio (carbon footprint) nellambito di interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche nel settore delledilizia pubblica (strutture scolastiche, ospedali, aeroporti, ecc.). Smart Cities: lo studio fornirà indicazioni utili ad una innovativa pianificazione urbana e dei flussi energetici, necessari a realizzare le opportunità di sviluppo di smart cities, sia in termini di riduzione di emissioni inquinanti e di CO2, sia in termini di risparmio energetico e che di utilizzo delle tecnologie pulite. Definizione di normative regionali in materia di sfruttamento delle risorse geotermiche : lo studio intende inquadrare in via preventiva ed avviare a soluzione le problematiche tecniche, giuridiche ed economiche connesse con la diffusione della produzione di energia geotermica nelle Regioni Convergenza.

29 O BIETTIVI DEL POI E NERGIA NEL 2012 I L MONITORAGGIO DELLE PROCEDURE I ritardi nelle procedure per laffidamento dei lavori e nella tempistica della loro realizzazione, poco confacente con gli obiettivi di spesa, giustificano lavvio di un monitoraggio rafforzato. Lobiettivo è di individuare ed adottare, ove possibile, procedure semplificate, capaci di ridurre i tempi di realizzazione delle opere e di accelerare la spesa.

30 O BIETTIVI DEL POI E NERGIA NEL 2012 L E AZIONI DI RIMODULAZIONE / RIPROGRAMMAZIONE Sarà valutata la congruità di eventuali rimodulazioni/riprogrammazione a carico di linee di attività che manifestano una ridotta rispondenza rispetto al contesto e alle attuali priorità del Programma, specie con riguardo alla pertinenza di alcune linee di attività, programmaticamente concepite come preliminari, rispetto allavanzata fase della programmazione Interventi di rimodulazione e/o riprogrammazione potranno essere valutati anche in risposta alle criticità rilevate dalla attività di monitoraggio.

31


Scaricare ppt "MEDITERRE CANTIERE EUROMEDITERRANEO DELLA SOSTENIBILITÀ IL POI ENERGIA PER LA SOSTENIBILITÀ ENERGETICA E LO SVILUPPO DELLE REGIONI CONVERGENZA DOTT. AGR."

Presentazioni simili


Annunci Google