La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il sistema scolastico formativo oggi CSA di Vicenza Barbara Olper

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il sistema scolastico formativo oggi CSA di Vicenza Barbara Olper"— Transcript della presentazione:

1 Il sistema scolastico formativo oggi CSA di Vicenza Barbara Olper

2 2 Stanno diminuendo le professioni specifiche legate solo al fare Emergono professioni nuove con compiti di controllo, capacità di relazione e di risoluzione dei problemi Levoluzione delle professioni

3 3 Aumentano le professioni che non mettono più mano sulle macchine (o sui pezzi) ma si occupano di mantenimento e sviluppo dei sistemi di automazione Aumentano le professioni con nuove funzioni di logistica, innovazione, di marketing Levoluzione delle professioni

4 4 Si richiede ai lavoratori flessibilità mobilità ma anche: CULTURA PROFESSIONALE POLIVALENTE Le competenze

5 5 Istruzione e formazione permanente: definizione Memorandum di Lisbona Formazione da un capo allaltro dellesistenza Formazione in tutti gli aspetti della vita - apprendimento non formale e informale Promozione della cittadinanza attiva, dellintegrazione sociale e della capacità di inserimento professionale

6 6 Gli obiettivi dellistruzione e della formazione permanente nella U.E. Cittadinanza attiva Inserimento sociale Capacità di inserimento professionale Realizzazione personale

7 7 Gli obiettivi da raggiungere entro il Unione Europea. Lapprendimento lungo tutto larco della vita lifelong learning) deve raggiungere almeno il 15 per cento della popolazione adulta attiva (25-64 anni), in nessun Paese deve essere inferiore al 10 per cento Aumentare il numero di persone di età compresa tra i 25 ed i 64 anni con un livello distruzione secondaria superiore all80 per cento della popolazione attiva Aumentare la quota di donne occupate da una media attuale del 51 per cento ad oltre il 60 entro il 2010

8 8 Gli obiettivi da raggiungere entro il Unione Europea Aumentare il tasso medio doccupazione nellUnione europea delle persone in età compresa tra i 55 ed i 64 anni, portandolo al 50 per cento Migliorare limpiegabilità e ridurre le lacune a livello di competenze Aumentare loccupazione nel settore dei servizi

9 9 Legge 28 marzo 2003, n. 53 è assicurato a tutti il diritto all'istruzione e alla formazione per almeno dodici anni o, comunque, sino al conseguimento di una qualifica entro il diciottesimo anno di età;

10 10 Legge 28 marzo 2003, n. 53 La fruizione dell'offerta di istruzione e formazione costituisce un dovere legislativamente sanzionato; nei termini anzidetti di diritto all'istruzione e formazione e di correlativo dovere viene ridefinito ed ampliato l'obbligo scolastico di cui all'articolo 34 della Costituzione, nonché l'obbligo formativo introdotto dall'articolo 68 della legge 17 maggio 1999, n. 144, e successive modificazioni.

11 11 Legge 28 marzo 2003, n. 53 il sistema educativo di istruzione e di formazione si articola nella scuola dell'infanzia, in un primo ciclo che comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado, e in un secondo ciclo che comprende il sistema dei licei ed il sistema dell'istruzione e della formazione professionale

12 12 Legge 28 marzo 2003, n. 53 il secondo ciclo è costituito dal sistema dei licei e dal sistema dell'istruzione e della formazione professionale; dal compimento del quindicesimo anno di età i diplomi e le qualifiche si possono conseguire in alternanza scuola-lavoro o attraverso l'apprendistato; il sistema dei licei comprende i licei artistico, classico, economico, linguistico, musicale e coreutico, scientifico, tecnologico, delle scienze umane; i licei artistico, economico e tecnologico si articolano in indirizzi per corrispondere ai diversi fabbisogni formativi; i licei hanno durata quinquennale.

13 13 D. Lgs. 15 aprile 2005, n. 76 Fino alla completa attuazione del diritto-dovere come previsto al comma 2 continua ad applicarsi l'articolo 68, comma 4, della legge 17 maggio 1999, n. 144, e successive modificazioni, che si intende riferito all'obbligo formativo come ridefinito dallart.1 del presente decreto I giovani fino a 18 anni devono essere inseriti in questi percorsi Art. 6 - Gradualità dell'attuazione del diritto-dovere all'istruzione e alla formazione 3° comma

14 14 Regolamento di attuazione dellart.68 Legge 17/05/1999 n.144 Obbligo di frequenza ad attività formative fino al compimento del diciottesimo anno di età

15 15 Obbligo di frequenza ad attività Formative / Diritto- Dovere Può essere assolto: a.Nel sistema di istruzione scolastica b.Nel sistema di formazione professionale di competenza regionale c.Nellesercizio dellapprendistato

16 16 Nel sistema di formazione professionale Corsi triennali Presenza delle discipline necessarie allo sviluppo delle competenze di base Valenza del titolo su tutto il territorio nazionale

17 17 Apprendistato Contratto di lavoro cui si può accedere al 15mo anno di età, in cui deve essere garantita una formazione daula per almeno 240 ore

18 18 Alternanza …svolgere l'intera formazione dai 15 ai 18 anni, attraverso l'alternanza di periodi di studio e di lavoro, sotto la responsabilità dell'istituzione scolastica o formativa, sulla base di convenzioni con imprese o con le rispettive associazioni di rappresentanza o con le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, o con enti pubblici e privati ivi inclusi quelli del terzo settore, disponibili ad accogliere gli studenti per periodi di tirocinio che non costituiscono rapporto individuale di lavoro

19 19 D. Lgs. 15 aprile 2005, n Contrazione di una Ferma Volontaria nelle Carriere Iniziali delle Forze Armate, compresa lArma dei Carabinieri nel rispetto dei limiti detà previsti dalla legge

20 20 Il sistema scolastico 06/07 Sistema di istruzione scolastica Il sistema della scuola superiore attualmente resta invariato schema riassuntivo

21 21 Chi è responsabile? Sono responsabili delladempimento del dovere di istruzione e formazione i genitori dei minori o coloro che a qualsiasi titolo ne facciano le veci, che sono tenuti ad iscriverli alle istituzioni scolastiche o formative

22 22 Chi vigila? In caso di: mancata frequenza dallinizio o nel corso dellanno assenze, prolungate o reiterate, tali da eludere il dovere di istruzione e formazione

23 23 Chi vigila? I Dirigenti scolastici o i responsabili delle istituzioni presso le quali le/gli studentesse/i sono iscritti provvedono alla segnalazione al Sindaco del Comune, ove hanno la residenza le/i giovani soggetti al dovere; ai Servizi per l'impiego, in relazione alle funzioni di loro competenza a livello territoriale; alla Questura in relazione alle funzioni di competenza per gli stranieri

24 24 Chi vigila? I soggetti che assumono con il contratto di apprendistato i giovani tenuti allassolvimento del diritto dovere allistruzione ed alla formazione ed il tutore aziendale provvedono alla segnalazione al Sindaco del Comune, ove hanno la residenza le/i giovani soggetti al dovere; ai Servizi per l'impiego, in relazione alle funzioni di loro competenza; alla Questura in relazione alle funzioni di competenza per gli stranieri

25 25 Caratteri generali Scuola più lunga Possibilità di passaggio fra i sistemi Il successo formativo della persona

26 26 Come aiutare lalunno? Qualora lalunna/o si trovi in difficoltà o non intenda proseguire il percorso scolastico – formativo intrapreso, la istituzione scolastico - formativa può prevedere iniziative individualizzate di accompagnamento e riorientamento per Promuovere il successo formativo del/lla giovane facilitare il passaggio ad altro indirizzo di studi/formazione agevolare i contatti con il Centro per lImpiego di riferimento per la prosecuzione del percorso attraverso lapprendistato

27 27 Passaggio fra i sistemi Il riferimento legislativo è il DPR 257/2000 (Regolamento di attuazione dellart.68 della legge n.144/99) le cui linee sono confermate Protocollo dIntesa Interistituzionale 2001 Accordo 2003 tra la Regione Veneto e lUfficio Scolastico Regionale per il Veneto Direzione Generale

28 28 DPR 257 del 12 luglio 2000 Art. 6 - Passaggio tra i sistemi Le conoscenze, competenze e abilità acquisite nel sistema della formazione professionale, nell'esercizio dell'apprendistato, per effetto dell'attività lavorativa o per autoformazione costituiscono crediti per l'accesso ai diversi anni dei corsi di istruzione secondaria superiore

29 29 integrazione nel curricolo

30 30 Passaggio tra i sistemi Conferenza Stato Regioni del 15/1/04 Definizione standard formativi minimi Conferenza Unificata del 28/10/04 Accordo per la Certificazione finale ed intermedia e il riconoscimento dei crediti formativi DM 86 del 3/12/04 Adozione dei modelli di certificazione OM 87 del 3/12/04 Norme concernenti il passaggio dal sistema della formazione professionale e dallapprendistato al sistema della Istruzione ai sensi dellart. 68 della legge 17 maggio 1999, n. 144

31 31 Passaggio fra i sistemi costituiscono crediti per laccesso ai diversi anni dei corsi di istruzione secondaria superiore le conoscenze, competenze e capacità acquisite: nella Formazione professionale nellapprendistato nellattività lavorativa per autoformazione

32 32 Passaggio fra i sistemi sulla base della documentazione presentata della documentazione presentata di eventuali ulteriori accertamenti di eventuali ulteriori accertamenti

33 33 Passaggio fra i sistemi Apposite Commissioni Attestano: – le competenze acquisite – lanno di corso in cui può essere proficuo linserimento Rilasciano: apposito certificato che potrà essere utilizzato per liscrizione anche presso altre istituzioni scolastiche

34 34 La scuola italiana prevede la frequenza ai percorsi scolastici e/o formativi di tutte le ragazze e i ragazzi che si trovano sul territorio italiano. prevede liscrizione e la frequenza gratuita fino al secondo anno dellistruzione e formazione Rif. art. 45 del D.P.R. n.394/99art. 45 del D.P.R. n.394/99

35 35 Documenti certificato di nascita (ma potrebbe far fede il passaporto o la carta d' identità); permesso di soggiorno dei genitori/legali rappresentanti certificato di vaccinazione certificazione attestante la scolarità pregressa, tradotta e convalidata dal Consolato italiano presso il Paese d'origine; certificazione attestante la scolarità pregressa pagamento della tassa d' iscrizione (la tassa va corrisposta solo a partire dal terzo anno istituto superiore, se l' iscrizione alla prima classe viene chiesta da alunno d' età inferiore ai 15 anni e quindi soggetto all' obbligo scolastico, salvo i casi previsti di esenzione)

36 36 Permesso di soggiorno I minori sprovvisti di permesso di soggiorno sono iscritti con riserva; essi, tuttavia, conseguono validamente il titolo di studio anche qualora gli accertamenti messi in atto dall'Amministrazione non diano alcun riscontro, purché l'esito non sia negativo, come specifica l art. 45 del D.P.R. n.394/99

37 37 Vaccinazioni obbligatorie I cittadini extracomunitari devono in ogni caso presentare documentazione. L' iscrizione degli alunni stranieri in difetto di certificazioni sanitarie va accolta, dandone segnalazione alla competente Unità Sanitaria Locale.

38 38 Quindicenni neo-immigrati Il minore cittadino extracomunitario che intenda iscriversi ad istituti secondari di II grado deve dimostrare, attraverso idonea attestazione, di avere raggiunto un livello di scolarità pari alla licenza di scuola media (con ordinamento scolastico straniero che preveda almeno otto anni di scuola dellobbligo), riconoscibile ai fini della prosecuzione negli studi

39 39 Per saperne di più zione_scolastica.htm zione_scolastica.htm


Scaricare ppt "Il sistema scolastico formativo oggi CSA di Vicenza Barbara Olper"

Presentazioni simili


Annunci Google