La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Piano Programma dellApof-il per lannualità 2012 è stato strutturato assumendo unarticolazione in 4 Linee di servizio, con il fine di attivare una profonda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Piano Programma dellApof-il per lannualità 2012 è stato strutturato assumendo unarticolazione in 4 Linee di servizio, con il fine di attivare una profonda."— Transcript della presentazione:

1 Il Piano Programma dellApof-il per lannualità 2012 è stato strutturato assumendo unarticolazione in 4 Linee di servizio, con il fine di attivare una profonda innovazione di processo e di prodotto, indispensabile per affermare un ruolo attivo dellAgenzia quale comunità di apprendimento. APOF-IL 2012 APOF-IL 2013 REPORT 2012

2 2 APOF-IL 2012 Annon. corsiore corsin. allievi R E P O R T

3 3 REPORT 2012 C O S E A P O F – I L O G G I Formazione Permanente Inclusione Sociale Integrazione Sistemi Formazione/Istruzione/Lavoro Governance Sistemi Formazione/Istruzione/Lavoro unagenzia in house che ha implementato un sistema di offerta formativa su 4 linee di servizio

4 4 REPORT 2012 FORMAZIONE PERMANENTE Azioni Azionen. corsiore corsin. allievi Totale Interventi Formativi e Lavorativi Anticrisi 2. Apprendistato

5 5 REPORT 2012 INCLUSIONE SOCIALE Azioni Azionen. corsiore corsin. allievi Totale Corsi di Lingua Italiana per cittadini adulti extracomunitari 2. Vale la pena lavorare 3. Corsi di assistenti Familiari 4. Aesculapius – Comunità di Pratiche 5. Progetto Match 6. Copes 7. SPRAR

6 6 REPORT 2012 ISTRUZIONE E FORMAZIONE Azioni Azionen. corsiore corsin. allievi Totale Obbligo Formativo 2. Orientamento scolastico e Professionale – Cittadinanza Scolastica 3. Potenziamento Competenze Chiave 4. Cittadinanza scolastica Abitare il Futuro 5. Tiri Mancini 6. Qualifiche I. e F.P.

7 7 REPORT 2012 GOVERNANCE SISTEMI FORMAZIONE/ISTRUZIONE/LAVORO CONCERTAZIONE su: formazione continua; istruzione e formazione; patti formativi; alternanza scuola/lavoro; salvaprecari f)n………… servizi rai Comunicazione Istituzionale: Visite Sito al 31/12/2012 : n Albo Pretorio : n. 19 delibere e n. 443 Determine pubblicate Pubblicazioni : n. 8 report di attività realizzati Prodotti video : n. 47 (Spot, clip, etc.) Interviste : n. 4 Servizi RAI : n.15 COSTITUZIONE DEI P.F.L.

8 8 REPORT 2012 APOF-IL NEL 2013 f)n………… servizi rai Apprendistato Vale la pena lavorare annualità 2013 Piano I.e F.P (2012/2013) Scuola Digitale PIANO PROGRAMMA APOF-IL 2013 Abitare il Futuro. Learning Weeks, eccellenze e creatività ( ) – Cittadinanza Scolastica Task Force Obiettivo Istruzione Protezione civile Alternanza Scuola/lavoro

9 9 REPORT 2012 CATALOGO CITTADINANZA SCOLASTICA f)n………… servizi rai Showreel 2012 codiceDESCRIZIONEn. Allievi B.2.a Risparmiare è un gioco da ragazzi180 B.2.b Chi mangia sano non va lontano111 C.1.a Orientamento 1918 C.1.b 1160 C.1.c 521 C.2 Legalità come narrazione collettiva140 C.3 Competenze linguistiche877 C.4 Competenze informatiche1062 C.5 ValoriProvincia. Percorsi di autonomia137 Adesioni al Catalogo Totale6106

10 INTERVENTI FORMATIVI E LAVORATIVI ANTICRISI Le attività formative realizzate sono IFA – Interventi Formativi allinterno del programma regionale cd. Anticrisi - e ILA - Interventi di Inserimento Lavorativo Anticrisi -. Pianificato quali strumenti attuativi della più complessa strategia regionale, il Catalogo IFA-ILA consiste in una offerta formativa finalizzata ad accrescere ladattabilità dei lavoratori che fruiscono degli ammortizzatori sociali in deroga, per facilitarne il reinserimento nel mondo del lavoro attraverso prioritariamente dellacquisizione di competenze linguistiche ed informatiche.

11 APPRENDISTATO Lintervento si rivolge ai soggetti, datori di lavoro e lavoratori, che abbiano in essere un contratto di apprendistato professionalizzante. Il contratto di apprendistato è finalizzato al conseguimento di una qualificazione attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento tecnico-professionale.

12 CORSI DI LINGUA ITALIANA PER CITTADINI ADULTI EXTRACOMUNITARI Gli interventi mirano ad agevolare linserimento nelle comunità locali e la partecipazione sociale dei cittadini immigrati, attraverso la conoscenza della lingua e della cultura italiana, congiuntamente al funzionamento delle istituzioni.

13 VALE LA PENA LAVORARE Il Programma, finalizzato a rendere realmente fruibili i diritti civili e sociali, in termini di servizi resi alle persone ed alle loro famiglie anche da parte dei soggetti, adulti e minori, sottoposti a provvedimento dellAutorità Giudiziaria, attiva tre azioni: 1)Attività formative di base presso le case circondariali (Potenza, Matera e Melfi) e lIstituto Penale per i Minorenni di Potenza; 2)Tirocini professionalizzanti, interni ed esterni alle strutture detentive, presso realtà produttive del territorio della Provincia; 3) accompagnamento dei soggetti di competenza penale inseriti nelle attività (Case Management).

14 CORSI DI ASSISTENTI FAMILIARI Sono interventi formativi per cittadini italiani e per stranieri residenti in Basilicata che sono regolarmente presenti nel territorio provinciale. Lintervento prevede la realizzazione di moduli formativi finalizzati allacquisizione di competenze nellambito dellassistenza domiciliare.

15 AESCULAPIUS – COMUNITÀ DI PRATICHE Formazione finalizzata al potenziamento dei servizi di inclusione sociale e lavorativa dei migranti presenti sul territorio provinciale, attraverso la costituzione e la professionalizzazione di una comunità di buone pratiche nel settore dellaccoglienza.

16 PROGETTO MATCH Il Programma Match nasce con il preciso intento di essere uno strumento di facilitazione nel processo di abbinamento candidato-posizione di lavoro, soprattutto in relazione a quei contesti che si trovano a gestire consistenti numeri di soggetti da collocare. Lobiettivo prioritario è quello di favorire lincontro tra le esigenze dei datori di lavoro e quella dei lavoratori disabili e svantaggiati.

17 COPES Il Piano degli interventi di competenza provinciale ha lobiettivo di sostenere attraverso il patto di cittadinanza, nellambito del Programma regionale di contrasto delle condizioni di povertà e di esclusione sociale ex art. 24 L.R. n. 31 del 24 Dicembre 2008 e D.G.R. n. 922/2009, i percorsi di autonomia delle persone beneficiarie. Il piano è incentrato su quattro magneti, ossia i settori della: raccolta differenziata dei rifiuti; dellassistenza alla persona; della valorizzazione e fruizione dei beni culturali, ambientali, ricreativi o sportivi; della prevenzione e promozione del benessere delle comunità a tutela di integrità, salute e qualità della vita e del territorio (di cui alla DGR n.922/09).

18 SPRAR Lo S.P.R.A.R. è il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati ed è costituito dalla rete degli Enti Locali per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. Il progetto si pone lobiettivo di promuovere l'inserimento sociale dei cittadini immigrati attraverso lacquisizione e la certificazione delle competenze in Lingua italiana, nonché lattivazione di tirocini per linserimento lavorativo di rifugiati e richiedenti asilo politico.

19 OBBLIGO FORMATIVO Le attività di Obbligo Formativo sono finalizzate alla prevenzione della dispersione scolastica attraverso interventi finalizzati a migliorare la funzione di inclusione sociale del sistema scolastico (orientamento, socializzazione extrascolastica e accompagnamento). Lobiettivo generale è quello di contrastare i fenomeni della dispersione, dellabbandono e del disagio attraverso il consolidamento dei saperi chiave necessari al proseguimento di qualunque percorso formativo; far acquisire agli allievi competenze professionali nei settori dagli stessi individuati nel corso del primo anno formativo e al rinforzo dei saperi e delle competenze previste per lassolvimento dellObbligo di istruzione; favorire laccesso al mondo del lavoro mediante esperienze formative in situazione lavorativa presso aziende locali dei settori scelti.

20 ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE – CITTADINANZA SCOLASTICA È il complesso delle azioni finalizzate ad una scelta consapevole del proprio percorso formativo, coerente con le proprie attitudini e aspirazioni, sulla base delle competenze maturate durante le esperienze scolastiche e formative precedenti e nella prospettiva di un eventuale positivo inserimento nel mondo del lavoro.

21 POTENZIAMENTO COMPETENZE CHIAVE Progetto finalizzato alla definizione del Sistema Provinciale di Offerta di Cittadinanza Scolastica per il Potenziamento delle Competenze Chiave, che, attraverso la rilevazione dei fabbisogni formativi espressi dai Dirigenti scolastici degli Istituti Statali di Istruzione delle scuole secondarie di I e II grado, intende potenziare lofferta formativa (a vantaggio degli alunni e delle rispettive famiglie), per rispondere al bisogno lavorativo del personale scolastico (docenti e ATA) inserito nelle graduatorie ad esaurimento, permanenti e dIstituto per incarichi a tempo determinato e nelle liste di priorità. Lobbiettivo è quello di Sviluppare e rafforzare le competenze linguistiche e matematiche, formare alla creatività ed allinnovazione, integrare gli alunni con disabilità.

22 CITTADINANZA SCOLASTICA ABITARE IL FUTURO Lazione in oggetto è finalizzata a sviluppare la creatività giovanile e le competenze per linnovazione degli studenti degli ultimi anni delle scuole medie superiori, ed a rafforzare nel contempo le condizioni di una loro futura occupabilità. Essa si colloca allinterno dellIntesa Interistituzionale Regione Basilicata /Provincia di Potenza - P. O. F.S.E. Basilicata 2007/2013-, che ha affidato alla competenza delle Province lattività di Cittadinanza Scolastica. Prevede specifici progetti quali Study Tour in Europa, Corti di Memoria, Ragazzi AllOpera, Albo delle Eccellenze.

23 TIRI MANCINI Lazione in oggetto è finalizzata a sostenere la transizione degli studenti in uscita dal sistema scolastico verso la scelta di percorsi concernenti il lavoro, listruzione superiore e la formazione, nonché a favorire lo sviluppo di processi di auto-orientamento degli studenti. Inoltre, attraverso lattivazione di tirocini di orientamento, si promuove la conoscenza attiva di specifiche professioni e la conoscenza dei contesti produttivi.

24 QUALIFICHE I. e F.P. I percorsi di istruzione e formazione professionale (IeFP) si configurano come ulteriore offerta formativa sul territorio provinciale. Lobiettivo è quello di prevenire/contrastare la dispersione scolastica e formativa e gli abbandoni precoci attraverso un Offerta Sussidiaria Integrativa degli Istituti professionali di Stato, che possa consentire agli studenti iscritti ai percorsi quinquennali degli IPS, di conseguire al termine del terzo anno, anche un titolo di qualifica professionale.

25 SCUOLA DIGITALE Rafforzare la didattica in coerenza con lagenda digitale introdotta a livello nazionale attraverso e-book didattici, corsi per la realizzazione di magazine multimediali, esercizi di cittadinanza attiva, video lezioni e sito dedicato al progetto (uno spazio sociale per studenti e insegnanti per dialogare con le istituzioni e dove scambiare appunti, e book, App utili, tutorial, magazine multimediali, buone pratiche e comunicazioni), formazione dei docenti su alfabetizzazione informatica e lezioni attive.

26 PROTEZIONE CIVILE Interventi specialistici (L.R. n.25/98) per gli operatori del sistema regionale di protezione civile, dei volontari e degli operatori di settore, allo scopo di favorire unadeguata omogenea e sempre aggiornata preparazione tecnica, operativa ed organizzativa. La programmazione provinciale è articolata su due livelli: - corsi di base e di primo inserimento; - corsi finalizzati allo sviluppo di conoscenze tecniche e specialistiche, etc

27 TASK FORCE OBIETTIVO ISTRUZIONE Task Force dedicata allobiettivo di servizio Istruzione. Gli obiettivi di servizio definiti nel QSN sono quelli in materia di istruzione, servizi di cura alla persona, qualità dellambiente in relazione alla gestione dei rifiuti urbani ed al servizio idrico integrato. Gli obiettivi di servizio rappresentano limpegno delle regioni meridionali nel garantire standard adeguati di servizi essenziali e mobilitano una importante premialità finanziaria sulle risorse nazionali per stimolare ladattamento di tali servizi.

28 ALTERNANZA SUOLA/LAVORO I destinatari dellattività sono gli studenti della provincia di Potenza che nellanno scolastico risultano iscritti alle classi terze dei Licei e degli Istituti Tecnici. Lattività di Alternanza scuola-lavoro intende valorizzare le vocazioni personali e potenziare le competenze spendibili nel mercato del lavoro integrandosi ai percorsi tradizionali con lo scopo di rafforzare il curriculum liceale e/o tecnico attraverso il coinvolgimento, in qualità di partner, dellUniversità degli Studi di Basilicata, dellUnionCamere, dei Centri di Ricerca, dei Centri per limpiego (CPI) attivi sul territorio, della Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura (CCIAA), delle Associazioni datoriali e delle imprese operanti sul territorio regionale, nonché avvalendosi della Rete EURES della Regione Basilicata. I percorsi di alternanza riguardano ambiti di attività professionali relative a: sviluppo sostenibile, energia ed efficientamento energetico, inclusione sociale e cittadinanza attiva, turismo, cultura e audiovisivi.


Scaricare ppt "Il Piano Programma dellApof-il per lannualità 2012 è stato strutturato assumendo unarticolazione in 4 Linee di servizio, con il fine di attivare una profonda."

Presentazioni simili


Annunci Google