La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONVEGNO LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO: UNA NUOVA LENTE SULLORGANIZZAZIONE DEL LAVORO CGIL LOMBARDIA SESTO SAN GIOVANNI, 21 OTTOBRE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONVEGNO LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO: UNA NUOVA LENTE SULLORGANIZZAZIONE DEL LAVORO CGIL LOMBARDIA SESTO SAN GIOVANNI, 21 OTTOBRE."— Transcript della presentazione:

1 CONVEGNO LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO: UNA NUOVA LENTE SULLORGANIZZAZIONE DEL LAVORO CGIL LOMBARDIA SESTO SAN GIOVANNI, 21 OTTOBRE 2010 RUOLO DEI SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO (SPSAL) E DELLE UNITA OSPEDALIERE DI MEDICINA DEL LAVORO (UOOML) PROSPETTIVE DI LAVORO DEL LABORATORIO REGIONALE G. Saretto UO Governo della Prevenzione - DGS

2 Decreto n del 10/12/2009 Il Laboratorio,… ritiene innanzitutto importante che lo specifico tema del rischio stress lavoro correlato, … diventi un tema ad alta priorità per tutti i Dipartimenti e trovi conseguentemente spazio ed applicazione nella programmazione per lanno 2010, da realizzarsi a cura delle ASL, con le stesse modalità integrate usate per il Deve derivare da tale scelta di priorità un impegno di tutti i Dipartimenti di Prevenzione, SPSAL e UOOML, di fornire un fattivo contributo per il miglioramento della conoscenza e controllo del fenomeno nelle aziende lombarde, nellambito di programmi mirati al controllo del disagio psichico, da gestire anche in coordinamento con i Dipartimenti di Salute Mentale.

3 Promuovere un processo di valutazione e gestione del problema stress che si sviluppa e matura soprattutto dentro alle aziende Scelte per il miglioramento basate sempre più sul convincimento Semplificazione e concretezza, e non tanto rispetto formale dei procedimenti. Strategia approccio delle direttive europee basate sulla responsabilizzazione delle imprese

4 LINEE DIRETTRICI PER SPSAL E UOOML VIGILANZA - CONTROLLO PROMOZIONE – FACILITAZIONE - ASSISTENZA ACCOGLIENZA DEI CASI

5 VIGILANZA E CONTROLLO VIGILANZA: Attività di verifica delle conformità dellorganizzazione dei processi lavorativi alla legislazione in materia di sicurezza e igiene del lavoro CONTROLLO: Attività più generale preordinata alla promozione e alla verifica delladeguatezza dei processi e dei comportamenti messi in atto dai soggetti interessati al fine di garantire una efficace tutela della salute dei lavoratori 1

6 Gratificazione, diffusione dellesperienza AREA PREMIALITA C Situazione dapplicazione della normativa con buona/alta qualità del prodotto ottenuto Supporto AREA MIGLIORAMENTO B Situazione dapplicazione della normativa con bassa qualità e bassa efficacia del prodotto ottenuto Repressione Sanzione ex D.Lgs 758/94 AREA ESIGIBILITA A situazione di inadempienza per assenza di applicazione della normativa Situazione dinadempienza per incompletezza o inadeguatezza nellapplicazione della normativa Azione dellorgano di vigilanzaRiscontro VIGILANZA E CONTROLLO 1

7 ESIGERE LA SOLA ESISTENZA DEL DOCUMENTO ESIGERE CHE IL PROCESSO SIA STATO AVVIATO ESIGERE CONTENUTI ACCORDO EUROPEO INDIRIZZI CONSULTIVA AREA SANZIONABILITA - DETERRENZA (enforcement) 1 A VIGILANZA E CONTROLLO

8 Art D.Lgs. 81/08 Oggetto della valutazione dei rischi … 2. Il documento di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a), redatto a conclusione della valutazione, deve contenere: a)una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante lattività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa … ; b) lindicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a); c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; b) lindicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a); d) lindividuazione delle procedure per lattuazione delle misure da realizzare nonché dei ruoli dellorganizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; … 1 A VIGILANZA E CONTROLLO

9 Art. 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 1.Il datore di lavoro effettua la valutazione ed elabora il documento di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a), in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, nei casi di cui allarticolo Le attività di cui al comma 1 sono realizzate previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. … 1 A VIGILANZA E CONTROLLO

10 Art. 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 5. I datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi di cui al presente articolo sulla base delle procedure standardizzate di cui allarticolo 6, comma 8, lettera f). Fino alla scadenza del diciottesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale di cui allarticolo 6, comma 8, lettera f), e, comunque, non oltre il 30 giugno 2012, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare leffettuazione della valutazione dei rischi. Quanto previsto nel precedente periodo non si applica alle attività di cui allarticolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d) e g) Semplificazioni 1 A VIGILANZA E CONTROLLO

11 DISPOSIZIONE OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO AREA MIGLIORAMENTO (empowerment) 1 B VIGILANZA E CONTROLLO

12 SCONTI PREMI ASSICURATIVI INAIL GRADUAZIONE DEL RISCHIO PRIORITA AREA PREMIALITA 1 C VIGILANZA E CONTROLLO

13 Sulla base dellAccordo stipulato tra la Direzione Regionale INAIL e la Regione Lombardia Direzione Generale Sanità le aziende che volontariamente assumeranno i criteri contenuti in documenti di indirizzo predisposti dalla Regione hanno la possibilità di accedere al sistema premiante INAIL (sconti tariffari), presentando a questo Istituto, nel format previsto per queste istanze, apposita domanda entro il 31 gennaio di ogni anno. Articolo 24 - Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (DM 12/12/2000) Ladozione consente allimpresa di usufruire di uno sconto tariffario pari al 5% o al 10%, in relazione alle dimensioni aziendali. 1 C

14 GRADUAZIONE DEL RISCHIO – PRIORITA REGOLE 2010 – OBIETTIVO DIRETTORI GENERALI 2010 … 4. Realizzazione delle attività di controllo secondo i seguenti parametri: I controlli delle strutture per cui lASL individui un elevato grado di rischio debbono costituire almeno il 60% del totale dei controlli; … 1 C VIGILANZA E CONTROLLO

15 PROMOZIONE – FACILITAZIONE - ASSISTENZA Attività tese a fornire indicazioni e procedure operative e a coordinare lattuazione di quanto previsto dalla normativa prevenzionale e più in generale delle misure di prevenzione nei luoghi di lavoro; viene fornita ai soggetti interessati, singoli o associati, pubblici o privati ed in particolare ai DDL, dirigenti, preposti, RSPP, MC e RLS. 2

16 Decreto n del 10/12/2009 Per realizzare tale rilevante obiettivo e dare concreta operatività al documento di indirizzi, si ritiene che si debba, prioritariamente, agire nella specifica linea della formazione/informazione/assistenza … … i SPSAL delle ASL e le UOOML delle AO, allinterno delle loro funzioni, dovranno svolgere un ruolo importante di sensibilizzazione a livello dei luoghi di lavoro, con una azione di assistenza / informazione adeguate e, per quanto riguarda le UOOML, di collaborazione negli interventi da effettuarsi in relazione agli obblighi normativi, prevalentemente nella Pubblica Amministrazione e nelle Piccole Medie Imprese. 2

17 Comitati provinciali ex art. 7 D.Lgs. 81/08 Orientamento nella direzione del corretto adempimento di quanto previsto dalla normativa specifica alle Associazioni datoriali e sindacali, alle figure aziendali titolari di obblighi e allarea della consulenza PROMOZIONE – FACILITAZIONE - ASSISTENZA 2

18 ACCOGLIENZA Identifica il processo di accettazione, ascolto, indagine e valutazione (anche a fini preventivi e medico legali) di soggetti/reparti/aziende che lamentino condizioni di disagio/sofferenza legate a fattori organizzativi di costrittività 3

19 Sportello Accoglienza formata Colloquio/anamnesi/visita dal medico Diagnosi clinica e eziologica Denuncia ………. ACCOGLIENZA 3

20 Laboratorio Stress lavoro correlato Attività svolta 2009 – 2010 Pubblicazione Indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo alla luce dellAccordo Europeo (ddg n°13359 del 10/12/2010) Formazione operatori della prevenzione delle ASL (SPSAL) e AO (UOOML) sulle conoscenze di base dello stress occupazionale e sulla attività dei servizi Sperimentazione coerente con il metodo indicato dagli indirizzi generali della Regione Lombardia. Avvio in 21 aziende volontarie Partecipazione al tavolo istituzionale del gruppo di lavoro interregionale (Coordinamento Tecnico Interregionale della prevenzione nei luoghi di lavoro) per la messa a punto della Guida Operativa per la valutazione e gestione del rischio da stress lavoro-correlato (editata a marzo 2010);

21 Laboratorio Stress lavoro correlato Linee dazione per il triennio Definizione di documenti di indirizzo specifici: sorveglianza sanitaria, attività di promozione/vigilanza/controllo dei servizi territoriali e modelli di valutazione integrati con strumenti oggettivi e soggettivi Sviluppo di corsi avanzati (per tutti i soggetti del sistema prevenzionale) e supporto alle aziende per i corsi di base dei soggetti del sistema prevenzione nei luoghi di lavoro Completamento del percorso di sperimentazione, con valutazione di efficacia degli interventi di gestione del rischio ed elaborazione documento Individuazione e messa in rete dei centri di 2° livello delle UOOML per linquadramento psicoclinico ed il controllo dello stress lavoro-correlato in Lombardia

22 Laboratorio Stress lavoro correlato Linee dazione per il triennio Definizione di documenti di indirizzo specifici: sorveglianza sanitaria, attività di promozione/vigilanza/controllo dei servizi territoriali e modelli di valutazione integrati con strumenti oggettivi e soggettivi Sviluppo di corsi avanzati (per tutti i soggetti del sistema prevenzionale) e supporto alle aziende per i corsi di base dei soggetti del sistema prevenzione nei luoghi di lavoro Completamento del percorso di sperimentazione, con valutazione di efficacia degli interventi di gestione del rischio ed elaborazione documento Individuazione e messa in rete dei centri di 2° livello delle UOOML per linquadramento psicoclinico ed il controllo dello stress lavoro-correlato in Lombardia

23 GRAZIE per LATTENZIONE


Scaricare ppt "CONVEGNO LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO: UNA NUOVA LENTE SULLORGANIZZAZIONE DEL LAVORO CGIL LOMBARDIA SESTO SAN GIOVANNI, 21 OTTOBRE."

Presentazioni simili


Annunci Google