La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Daniela Fermi IIS Edith Stein Gavirate 27 marzo 2009 Didattica per competenze e alle competenze: lasse dei linguaggi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Daniela Fermi IIS Edith Stein Gavirate 27 marzo 2009 Didattica per competenze e alle competenze: lasse dei linguaggi."— Transcript della presentazione:

1 Daniela Fermi IIS Edith Stein Gavirate 27 marzo 2009 Didattica per competenze e alle competenze: lasse dei linguaggi

2 Daniela Fermi Il concetto di competenza La competenza è la capacità di rispondere a esigenze individuali e sociali, o di svolgere efficacemente unattività o un compito. Ogni competenza comporta dimensioni cognitive, abilità, attitudini, motivazione, valori, emozioni e altri fattori sociali e comportamentali. Le competenze si acquisiscono e si sviluppano in contesti educativi formali (scuola), non formali (famiglia, luogo di lavoro, media, organizzazioni culturali e associative) e informali (vita sociale nel suo complesso). PROGETTO DE.SE.CO.

3 Daniela Fermi PROGETTO DE.SE.CO. COMPETENZE CHIAVE Contribuiscono a risultati di grande valore a livello individuale e sociale in termini di vita realizzata in tutta la sua durata e di buon funzionamento della società Ricoprono un ruolo funzionale al soddisfacimento di richieste importanti e complesse e di sfide in unampia gamma di contesti Sono importanti per tutti gli individui Punti di riferimento Principi basilari dei diritti umani, dei valori democratici e degli obiettivi di sviluppo sostenibile 3 AMPIE CATEGORIE INTERRELATE CHE COSTITUISCONO UN QUADRO PER IDENTIFICARE LE COMPETENZE CHIAVE

4 Daniela Fermi PROGETTO DE.SE.CO. Agire in modo autonomo Capacità di difendere e affermare i propri diritti, interessi, responsabilità, limiti e bisogni Capacità di definire e realizzare programmi di vita e progetti personali Capacità di agire in un quadro di insieme, in un contesto ampio Funzionare in gruppi socialmente eterogenei Capacità di stabilire buone relazioni con gli altri Capacità di cooperare Capacità di gestire e risolvere i conflitti Servirsi di strumenti in maniera interattiva Capacità di utilizzare la lingua, i simboli e i testi in maniera interattiva Capacità di utilizzare le conoscenze e le informazioni in maniera interattiva Capacità di utilizzare le nuove tecnologie in maniera interattiva

5 Daniela Fermi PROGETTO DE.SE.CO. Agire autonomamente Interagire in gruppi sociali eterogenei Usare gli strumenti in modo interattivo

6 Daniela Fermi LE RICERCHE INTERNAZIONALI IEA – PIRLS (Progress in International Reading Literacy Study) – in Italia: ICONA-PIRLS IEA – TIMMS (Third International Mathematics and Science Study) OCSE – PISA (Programme for International Student Assessment) OCSE – ALL (Adult Literacy and Life Skills)

7 Daniela Fermi OCSE - PISA SCOPOMisurare le competenze funzionali del core curriculum in chiave comparativa su 5/6 livelli SU CHICampione di quindicenni scolarizzati SU COSALiteracy lettura (2000, 2009), Literacy matematica (2003), Literacy scienze (2006), Problem Solving (solo nel 2003) PROVEQuesiti a scelta multipla e quesiti aperti QUANDODal 2000 ogni 3 anni DOVE2000: 32 paesi di 4 continenti 2003: 41 paesi 2006: 57 paesi 2009: 67 paesi CHIPromosso da OCSE, gestito e coordinato da un consorzio tecnico internazionale

8 Daniela Fermi PISA – QUADRO CONCETTUALE E METODOLOGICO literacy framework contesto competenze conoscenze atteggiamenti livelli scala prove

9 Daniela Fermi Literacy in lettura significa comprendere, utilizzare e riflettere su testi scritti al fine di raggiungere i propri obiettivi, di sviluppare le proprie conoscenze e le proprie potenzialità e di svolgere un ruolo attivo nella società. Concezione ampliata di literacy: un insieme di conoscenze, abilità e strategie in continua evoluzione, che gli individui sviluppano nel corso della vita. PISA - LITERACY IN LETTURA La piena comprensione di un testo implica lattivazione di cinque processi: Individuare informazioni Comprendere il significato generale del testo Sviluppare uninterpretazione Riflettere sul contenuto del testo e valutarlo Riflettere sulla forma del testo e valutarla

10 Daniela Fermi LITERACY IN LETTURA – CARATTERISTICHE DEI QUESITI I cinque processi possono essere analizzati in quattro caratteristiche/tipologie di lettura La provenienza dellinformazione: dal testo o da conoscenze extratestuali Laspetto del testo su cui è necessario concentrare lattenzione: parti indipendenti o relazioni tra le informazioni contenute nel testo La focalizzazione sul testo nel suo insieme o sulle relazioni tra le parti Il concentrarsi sul contenuto o sulla sua forma e struttura

11 Daniela Fermi Riflettere sul contenuto del testo e valutarlo Utilizzare informazioni ricavate direttamente del testo Attingere a conoscenze extratestuali Concentrarsi su parti indipendenti del testo Concentrarsi sulle relazioni fra le informazioni nel testo Concentrarsi sul contenuto Individuare informazioni Comprendere il significato generale del testo Sviluppare una interpretazione Riflettere sulla forma del testo e valutarla Literacy in lettura Focalizzarsi sul testo nel suo insieme Focalizzarsi sulle relazioni nel testo Concentrarsi sulla forma PISA – I PROCESSI DELLA LITERACY IN LETTURA

12 Daniela Fermi INDIVIDUARE INFORMAZIONI Processo che si colloca a livello della frase o di due o più frasi o capoversi; si basa sul testo stesso e sulle informazioni esplicite in esso contenute Modificando gli elementi di difficoltà del compito è possibile misurare diversi livelli di competenza Compiti Trovare uninformazione esplicita contenuta nel testo Trovare uninformazione sinonimica (classificare e discriminare tra due informazioni simili) Cosa è richiesto allo studente Confrontare le informazioni fornite dalla domanda con le informazioni letterali e sinonimiche presentate nel testo e ricostruire la nuova informazione richiesta Trovare determinate informazioni sulla base delle condizioni o degli elementi specificati nei quesiti Scoprire o identificare uno o più elementi essenziali di un messaggio e cercare una corrispondenza (letterale o sinonimica)

13 Daniela Fermi COMPRENDERE IL SIGNIFICATO GENERALE DEL TESTO Testo considerato nel suo insieme o in una prospettiva globale Compiti (esempi) Scegliere o proporre un titolo Spiegare la logica di una sequenza di istruzioni semplici Identificare le dimensioni principali di un grafico o di una tabella Descrivere il personaggio principale, le condizioni fisiche o il contesto di un racconto Individuare il tema o il messaggio di un brano letterario Spiegare luso o la funzione di una carta geografica o di una figura Cosa è richiesto allo studente Identificare largomento principale o il messaggio di un testo Individuare lo scopo generale e la funzione di un testo

14 Daniela Fermi SVILUPPARE UNINTERPRETAZIONE Elaborare una comprensione dettagliata e completa, di tipo logico Compiti (esempi) Confrontare e comparare informazioni rilevandone somiglianze e differenze Trarre deduzioni Individuare ed elencare elementi di prova a sostegno di una tesi Inferire relazioni o categorie implicite nel testo Cosa è richiesto allo studente Esaminare il modo in cui le informazioni sono organizzate nel testo Cogliere la coerenza interna del testo Elaborare una sequenza di due frasi unite da una relazione di coesione locale il cui riconoscimento può essere agevolato dalla presenza di indicatori di coesione; in casi più complessi (relazioni causa- effetto) è possibile non vi siano indicatori di coesione espliciti

15 Daniela Fermi RIFLETTERE SUL CONTENUTO DEL TESTO E VALUTARLO Compiti (esempi) Fornire elementi di prova o argomenti a sostegno tratti da fonti esterne al testo Valutare la pertinenza di singole informazioni o di elementi di prova Stabilire confronti con norme morali o estetiche (standard) Proporre o individuare informazioni alternative che potrebbero rafforzare la tesi dellautore Valutare se gli elementi di prova o le informazioni fornite dal testo siano sufficienti a sostenere la tesi stessa Cosa è richiesto allo studente Collegare le informazioni presenti allinterno del testo con conoscenze extra-testuali Valutare le affermazioni contenute nel testo sulla base del proprio bagaglio di conoscenze Articolare e sostenere il proprio punto di punto di vista

16 Daniela Fermi RIFLETTERE SULLA FORMA DEL TESTO E VALUTARLA Compiti (esempi) Determinare lutilità di un dato testo in rapporto ad uno specifico scopo comunicativo Valutare come lautore usi determinati elementi testuali per raggiungere uno specifico obiettivo Descrivere o commentare le scelte stilistiche dellautore Individuare lo scopo comunicativo e latteggiamento dellautore Cosa è richiesto allo studente Considerare il testo in modo oggettivo valutandone la qualità e ladeguatezza (elementi importanti sono la struttura del testo, il genere, il registro)

17 Daniela Fermi UN ESEMPIO DI PROVA SCARPE SPORTIVE Questa prova è costruita su un articolo divulgativo su un problema medico molto vicino alle abitudini dei quindicenni. Si tratta di un testo continuo del genere informativo semplice, pertanto le domande si collocano ai livelli più bassi di competenza.

18 Daniela Fermi UN ESEMPIO DI PROVA

19 Daniela Fermi UN ESEMPIO DI PROVA Domanda 1 Che cosa intende dimostrare lautore del testo? A.Che la qualità di molte scarpe sportive è notevolmente migliorata. B.Che è meglio non giocare a calcio se si ha meno di 12 anni. C.Che i giovani subiscono sempre più danni a causa delle loro cattive condizioni fisiche. D.Che è molto importante per i giovani atleti indossare scarpe sportive di buona qualità. Processo di lettura:Comprendere il significato complessivo del testo Livello di competenza: 1 Punteggio pieno: Che è molto importante per i giovani atleti indossare scarpe sportive di buona qualità.

20 Daniela Fermi UN ESEMPIO DI PROVA Domanda 2 Secondo larticolo, perché le scarpe sportive non devono essere troppo rigide? ……………………………………………………………………………………………………… Processo di lettura: Individuare informazioni: selezionare informazioni esplicite nel testo Livello di competenza: 1 Punteggio pieno: Si riferisce alla limitazione dei movimenti - Limitano il movimento - Ti impediscono di correre/muoverti/fare sport agevolmente

21 Daniela Fermi UN ESEMPIO DI PROVA Domanda 6 Esamina la frase seguente che si trova verso la fine dellarticolo. Qui te la presentiamo divisa in due parti: Per evitare danni minori ma dolorosi, come e vesciche o anche le piccole lesioni o il piede datleta (uninfezione da funghi), … (prima parte) … la scarpa deve consentire levaporazione della traspirazione e deve impedire la penetrazione dellumidità esterna. (seconda parte) Quale è il rapporto tra la prima e la seconda parte? La seconda parte A. contraddice la prima parte. B. ripete la prima parte. C. illustra il problema descritto nella prima parte. D. fornisce la soluzione al problema descritto nella prima parte.

22 Daniela Fermi UN ESEMPIO DI PROVA Processo di lettura: Interpretare il testo: riconoscere la relazione tra due frasi, senza un segnalazione esplicita (connettori) Livello di competenza: 1 Punteggio pieno: Fornisce la soluzione al problema descritto nella prima parte.

23 Daniela Fermi LITERACY IN LETTURA - ESEMPIO DI LIVELLO 3 Individuare informazioni Interpretare il testoRiflettere e valutare Localizzare singole informazioni, ciascuna delle quali potrebbe dover soddisfare molteplici criteri e, in alcuni casi, riconoscere il rapporto che le lega. Orientarsi tra informazioni fra loro contrapposte Integrare diverse parti del testo al fine di identificarne lidea chiave, di comprendere una relazione o di interpretare il significato di una parola o di una proposizione. Confrontare, contrapporre o classificare tenendo conto di molteplici criteri. Orientarsi fra informazioni tra loro contrapposte. Stabilire legami o paragoni, fornire spiegazioni su un aspetto di un testo o valutarlo. Dimostrare una comprensione dettagliata del testo in relazione a nozioni familiari o che hanno a che fare con la vita quotidiana, oppure attingendo a nozioni meno comuni. Testi continui: Utilizzare, laddove siano presenti, strutture testuali convenzionali e ricostruire connessioni logiche esplicite ed implicite, come relazioni di causa- effetto, presenti in diversi proposizioni o paragrafi al fine di localizzare, interpretare o valutare informazioni Testi non continui: Esaminare una rappresentazione grafica alla luce di unaltra rappresentazione o di un altro documento, magari presentato in forma differente, oppure integrare diverse informazioni singole – di carattere spaziale, verbale o numerico – in un grafico o in una mappa al fine di trarre conclusioni sullinsieme delle informazioni rappresentate

24 Daniela Fermi QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO PER LE LINGUE Una base comune in tutta lEuropa per lelaborazione di programmi, linee guida curricolari, esami, libri di testo per le lingue moderne, ecc. Descrive in modo esaustivo ciò che chi studia una lingua deve imparare per usarla per comunicare e indica quali conoscenze e abilità deve sviluppare per agire in modo efficace. Definisce i livelli di competenza che permettono di misurare i progressi dellapprendente ad ogni stadio del percorso, nella prospettiva delleducazione permanente Comprende la descrizione di qualificazioni parziali il cui riconoscimento può contribuire a diffondere il plurilinguismo

25 Daniela Fermi I LIVELLI DEL QUADRO COMUNE EUROPEO A Livello elementare B Livello intermedio C Livello avanzato A1 Contatto A2 Sopravvi- venza B1 Soglia B2 Progresso C1 Efficacia C2 Padronanza

26 Daniela Fermi Livello A 2 – scala globale Riesce a comprendere frasi isolate ed espressioni di uso frequente relative ad ambiti di immediata rilevanza (ad es. informazioni di base sulla persona e sulla famiglia, acquisti, geografia locale, lavoro). Riesce a comunicare in attività semplici e di routine che richiedono solo uno scambio di informazioni semplice e diretto su argomenti familiari e abituali. Riesce a descrivere in termini semplici aspetti del proprio vissuto e del proprio ambiente ed elementi che si riferiscono a bisogni immediati. I LIVELLI DEL QUADRO COMUNE

27 Daniela Fermi Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa alle competenze chiave comunicazione nella madrelingua 2.comunicazione nelle lingue straniere 3.competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia 4.competenza digitale 5.imparare a imparare 6.competenze sociali e civiche 7.spirito di iniziativa e imprenditorialità 8.consapevolezza ed espressione culturale Per ogni competenza: definizione + conoscenze, abilità e attitudini LE COMPETENZE CHIAVE DELLUNIONE EUROPEA

28 Daniela Fermi LE COMPETENZE CHIAVE: UN ESEMPIO Comunicazione nella madrelingua E la capacità di esprimere ed interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta … e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in unintera gamma di contesti culturali e sociali, quali istruzione, formazione, lavoro, vita domestica e tempo libero. Conoscenze, abilità e attitudini La competenza comunicativa risulta dallacquisizione della madrelingua, che è intrinsecamente connessa con lo sviluppo della capacità cognitiva di interpretare il mondo e relazionarsi con gli altri. Presuppone che una persona sia a conoscenza del vocabolario, della grammatica funzionale e delle funzioni del linguaggio … Le persone dovrebbero possedere le abilità per comunicare sia oralmente sia per iscritto in tutta una serie di situazioni comunicative e per adattare la propria comunicazione alla situazione … abilità di distinguere e utilizzare diversi tipi di testi, di cercare, raccogliere ed elaborare informazioni, di usare sussidi e di formulare ed esprimere argomentazioni in modo convincente e appropriato al contesto.

29 Daniela Fermi Decreto Regolamento sul nuovo obbligo di istruzione Competenze chiave di cittadinanza da acquisire al termine dellistruzione obbligatoria 1.Imparare ad imparare 2.Progettare 3.Comunicare 4.Collaborare e partecipare 5.Agire in modo autonomo e responsabile 6.Risolvere problemi 7.Individuare collegamenti e relazioni 8.Acquisire ed interpretare linformazione LE COMPETENZE CHIAVE NELLA NORMATIVA ITALIANA

30 Daniela Fermi LE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Comunicare Comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di complessità diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali) Rappresentare eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati danimo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali) Processo di lavoro/studio

31 Daniela Fermi Istruzione obbligatoria per almeno 10 anni a decorrere dalla.s. 2007/2008 Adempimento dellobbligo finalizzato al conseguimento di un titolo di studio di scuola secondaria superiore o qualifica professionale triennale entro il 18° anno di età Obiettivo dellinnalzamento è lacquisizione di saperi e competenze articolati in conoscenze e abilità, riferite a quattro assi culturali I saperi e le competenze assicurano lequivalenza formativa di tutti i percorsi nel rispetto dellidentità dellofferta formativa e degli obiettivi dei diversi ordini, tipi e indirizzi di studio Nel Documento Tecnico si specifica che saperi e competenze permettono di costruire percorsi orientati allacquisizione delle competenze chiave DECRETO REGOLAMENTO SULLOBBLIGO DI ISTRUZIONE

32 Daniela Fermi Saperi e competenze articolati in conoscenze e abilità riferiti a quattro assi culturali (dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale) Competenze chiave di cittadinanza Percorsi di apprendimento Integrazione tra gli assi culturali come strumento di innovazione metodologica e didattica Approccio che valorizzi lattività di laboratorio e lapprendimento centrato sullesperienza DECRETO REGOLAMENTO SULLOBBLIGO DI ISTRUZIONE

33 Daniela Fermi ASSE DEI LINGUAGGI Ha lobiettivo di fare acquisire allo studente la padronanza della lingua italiana come ricezione e come produzione, scritta e orale; la conoscenza di almeno una lingua straniera; la conoscenza e la fruizione consapevole di molteplici forme espressive non verbali; un adeguato utilizzo delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione. Padronanza della lingua italiana come premessa indispensabile allesercizio consapevole e critico di ogni forma di comunicazione; comune a tutti i contesti di apprendimento… Il possesso sicuro della lingua italiana è indispensabile per esprimersi, per comprendere e avere relazioni con gli altri, per far crescere la consapevolezza di sé e della realtà, per interagire adeguatamente in una pluralità di situazioni comunicative e per esercitare pienamente la cittadinanza.

34 Daniela Fermi ASSE DEI LINGUAGGI Padronanza della lingua italiana: Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire linterazione comunicativa verbale in vari contesti Leggere, comprendere ed interpretare testi scritti di vario tipo Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Utilizzare gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario Utilizzare e produrre testi multimediali

35 Daniela Fermi ASSI CULTURALI - ITALIANO CompetenzeAbilità/capacitàConoscenze Leggere, comprendere e interpretare testi scritti di vario tipo Padroneggiare le strutture della lingua presenti nei testi Applicare strategie diverse di lettura Individuare natura, funzione e principali scopi comunicativi ed espressivi di un testo Cogliere i caratteri specifici di un testo letterario Strutture essenziali dei testi narrativi, espositivi, argomentativi Principali connettivi logici Varietà lessicali in rapporto ad ambiti e contesti diversi Tecniche di lettura analitica e sintetica Tecniche di lettura espressiva Denotazione e connotazione Principali generi letterari, con particolare riferimento alla tradizione italiana Contesto storico di riferimento di alcuni autori e opere

36 Daniela Fermi EUROPEAN QUALIFICATIONS FRAMEWORK – EQF Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio Approvata dal Parlamento Europeo Utilizzare il QEQ come strumento di riferimento per confrontare i livelli delle qualifiche di sistemi diversi in unottica di apprendimento permanente Mettere in relazione i sistemi nazionali delle qualifiche con il QEQ entro il 2009 Garantire che, entro il 2011, tutte le nuove qualifiche e i documenti Europass contengano un chiaro riferimento al livello adeguato del QEQ Utilizzare un approccio fondato sugli esiti di apprendimento per definire e descrivere le qualifiche e promuovere la validazione dellapprendimento non formale e informale Designare un centro nazionale che supporti e coordini le relazioni tra il sistema nazionale delle qualifiche e il QEQ

37 Daniela Fermi EQF - LE DEFINIZIONI Esiti di apprendimento: dichiarazione di ciò che un soggetto in apprendimento sa, comprende ed è in grado di fare alla fine di un processo di apprendimento; definiti in termini di conoscenze, abilità e competenze Conoscenze: il risultato della assimilazione di informazioni attraverso lapprendimento; costituiscono il corpo di fatti, principi, teorie e pratiche relativo ad un ambito di studio o di lavoro; definite come teoriche e/o pratiche Abilità: la capacità di applicare conoscenze e di utilizzare il know- how (saper fare) per svolgere compiti e risolvere problemi; descritte come cognitive (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e pratiche (che implicano la destrezza manuale e lutilizzo di metodi, materiali, attrezzature e strumenti) Competenza: la capacità dimostrata di utilizzare le conoscenze, le abilità e le attitudini personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; descritte in termini di responsabilità e autonomia

38 Daniela Fermi LE INDICAZIONI NAZIONALI Costituiscono il quadro di riferimento per la progettazione curricolare affidata alle scuole, nel rispetto dellautonomia delle istituzioni La costruzione del curricolo è un processo attraverso il quale si sviluppano la ricerca e linnovazione educativa Ogni scuola predispone il curricolo, allinterno del Piano dellOfferta Formativa, nel rispetto delle finalità, dei traguardi per lo sviluppo delle competenze, degli obiettivi di apprendimento posti dalle Indicazioni Il curricolo si articola attraverso i campi di esperienza nella scuola dellinfanzia e attraverso le discipline, raggruppate in 3 aree disciplinari, nella scuola del primo ciclo

39 Daniela Fermi LE INDICAZIONI NAZIONALI Traguardi per lo sviluppo delle competenze alla fine della scuola dellinfanzia, della primaria e della secondaria di primo grado (snodi più significativi del percorso curricolare) rappresentano punti di riferimento per la programmazione dei docenti finalizzano lazione educativa allo sviluppo integrale dellalunno Obiettivi di apprendimento definiti in relazione al termine del terzo e del quinto anno della primaria e al termine del terzo anno della secondaria di primo grado sono ritenuti strategici per lo sviluppo delle competenze

40 Daniela Fermi Lalunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo le proprie idee con testi orali e scritti, che siano sempre rispettosi delle idee degli altri. Egli ha maturato la consapevolezza che il dialogo, oltre a essere uno strumento comunicativo, ha anche un grande valore civile e lo utilizza per apprendere informazioni ed elaborare opinioni su problemi riguardanti vari ambiti culturali e sociali. Usa in modo efficace la comunicazione orale e scritta per collaborare con gli altri, per esempio nella realizzazione di giochi, nellelaborazione di progetti e nella valutazione dellefficacia di diverse soluzioni di un problema. Nelle attività di studio, personali e collaborative, usa i manuali delle discipline altri testi di studio …. Legge con interesse e con piacere testi letterari di vario tipo e comincia a manifestare gusti personali …. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Secondaria primo grado - Italiano

41 Daniela Fermi LE INDICAZIONI EMERGENTI Focus sulle competenze finalizzazione funzionale degli apprendimenti Ristrutturazione del curricolo verso lessenzialità Individuazione del core curriculum, cioè di aree di apprendimento strategiche da presidiare, valutare, certificare Focus su punti di convergenza e di raccordo tra Indicazioni per il curricolo e Assi culturali/Competenze chiave nellarea linguistica

42 Daniela Fermi Progettare/ri-progettare percorsi di apprendimento che siano -integrati nel curricolo attraverso un approccio interdisciplinare -finalizzati allo sviluppo di competenze -centrati sui processi -realizzati attraverso lavoro su compito/su progetto LA SFIDA APERTA Dalla didattica per obiettivi alla didattica per e alle competenze attraverso un approccio centrato sui processi di apprendimento e le prestazioni (performance) degli studenti

43 Daniela Fermi applicare adottando comportamenti funzionali in un contesto determinato una conoscenza COMPETENZA RISULTATO Da: Umberto Vairetti e Isabella Medicina, Le mani nella testa, Franco Angeli 2005

44 Daniela Fermi capacità di applicare una conoscenza in un contesto dato, riconoscendone le specifiche caratteristiche e adottando comportamenti funzionali al conseguimento del risultato (COMPETENZA) conoscenze esperienza processo di lavoro imparare facendo compito ELEMENTI DELLA COMPETENZA

45 Daniela Fermi E PROPEDEUTICA ALLIDENTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE perché I PROCESSI rappresentano la situazione reale (contesto) in cui una persona agisce le proprie prestazioni rendendo manifesto il possesso/lo sviluppo di una competenza e il relativo livello. Le PRESTAZIONI evidenziano ciò che la persona fa in un determinato processo e dipendono dalle caratteristiche specifiche del processo. Le COMPETENZE rappresentano ciò che la persona sa fare; sono riconoscibili dalle prestazioni che essa rende nel contesto di uno o più processi di lavoro. Per agire una prestazione sono necessarie CONOSCENZE e attraverso le prestazioni agite si sviluppano nuove conoscenze LANALISI DEL PROCESSO

46 Daniela Fermi fattori fasi comportamenti 1. definire gli obiettivi 2. organizzare le attività 3. eseguire le operazioni 4. controllare 5. gestire le informazioni 6. gestire le risorse 7. gestire le relazioni 8. gestire se stessi 9. gestire problemi Da: Umberto Vairetti e Isabella Medicina, Le mani nella testa, Franco Angeli 2005 LA STRUTTURA DEL PROCESSO

47 Daniela Fermi Definire gli obiettivi rispetto al lavoro, in che misura la persona può scegliere cosa fare? 1.riconosce le specifiche del compito assegnato 2.identifica i risultati da produrre in relazione agli obiettivi specifici assegnati 3.stabilisce in autonomia gli obiettivi specifici da raggiungere in attuazione degli obiettivi generali Organizzare le attività che grado di autonomia esercita la persona rispetto allorganizzazione del lavoro? 1.stabilisce lordine e definisce in dettaglio le operazioni necessarie allesecuzione del compito/alla produzione del risultato; predispone il programma di lavoro (programma) 2.seleziona tra più opzioni le operazioni da eseguire, i metodi da applicare e le risorse da utilizzare (pianifica) 3.sceglie quali attività realizzare per conseguire gli obiettivi, con quali metodologie di lavoro, con quali risorse e in quali tempi (progetta) Eseguire le operazioni1.esegue le operazioni nel tempo assegnato e nel rispetto dei margini di errore consentiti 2.esegue le operazioni in un tempo intermedio tra 1 e 3 e con un numero di errori intermedio tra 1 e 3 3.esegue le operazioni nel minor tempo possibile e senza errori MATRICE COMPETENZE/PRESTAZIONI

48 Daniela Fermi Controllare a quale livello la persona dovrà esercitare il controllo? 1.verifica che le operazioni previste siano state eseguite e che i risultati prodotti siano conformi alle specifiche (ai risultati attesi) (conformità) 2.verifica che le modalità con cui è stato organizzato il lavoro siano idonee a produrre il massimo risultato possibile (efficacia) utilizzando al meglio le risorse (efficienza) 3.verifica quanto il risultato prodotto contribuisce al conseguimento degli obiettivi generali (personali, aziendali...) Gestire le informazioni 1.Recupera, seleziona, collega e trasmette le informazioni necessarie al lavoro 2.Rielabora le informazioni sviluppando le conoscenze funzionali alle necessità del lavoro 3.Trasferisce le conoscenze in proprio possesso in modo funzionale al lavoro e adeguato ai diversi interlocutori Gestire le risorse che tipo di responsabilità deve esercitare la persona rispetto alle risorse di produzione? 1.Utilizza le risorse (umane, tecnologiche, materiali, strutturali e finanziarie) a disposizione per eseguire il lavoro e ne ha cura 2.utilizza le caratteristiche delle risorse (umane, tecnologiche, materiali, strutturali e finanziarie) a disposizione per migliorare efficacia e efficienza del lavoro 3.sviluppa le risorse a disposizione (implementazione degli strumenti; qualificazione delle risorse umane…) MATRICE COMPETENZE/PRESTAZIONI

49 Daniela Fermi Gestire le relazioni a quale livello di autonomia e responsabilità la persona vive le relazioni di lavoro? 1.risponde positivamente alle richieste di collaborazione che gli sono rivolte 2.offre la propria collaborazione 3.ottiene la collaborazione allinterno di un team svolgendo un ruolo leader Gestire se stessi1.assume comportamenti adatti alla situazione in cui si trova ad agire 2.coglie le opportunità di successo o di sviluppo che la situazione gli offre 3.cerca o crea occasioni di successo o di sviluppo professionale Gestire problemi come agisce la persona di fronte allinsorgere di un problema? 1.si accorge dellesistenza del problema e lo segnala 2.identifica le cause e le possibili conseguenze del problema 3.valuta il problema e propone o decide gli interventi necessari MATRICE COMPETENZE/PRESTAZIONI

50 Daniela Fermi Competenze Identificare questioni di carattere scientifico Dare una spiegazione scientifica dei fenomeni Usare prove fondate su dati scientifici per trarre conclusioni e comunicarle COMPETENZE/PROCESSI PISA – LITERACY SCIENTIFICA PROCESSI riconoscere gli aspetti da mettere a confronto riconoscere le azioni da compiere per poter raccogliere i dati rilevanti riconoscere le informazioni necessarie riconoscere le variabili da modificare o da controllare applicare conoscenze scientifiche in una situazione data PRESTAZIONI

51 Daniela Fermi riconoscere gli aspetti da mettere a confronto riconoscere le azioni da compiere per poter raccogliere i dati rilevanti riconoscere le informazioni necessarie riconoscere le variabili da modificare o da controllare applicare conoscenze scientifiche in una situazione data 1. Definire obiettivi 2. Organizzare le attività 3. Eseguire 4. Controllare 5. Gestire le informazioni PRESTAZIONICOMPETENZE COMPETENZE/PROCESSI PISA – LITERACY SCIENTIFICA

52 Daniela Fermi Competenze Produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi PROCESSI PRESTAZIONI Ricercare, acquisire e selezionare informazioni generali e specifiche in funzione della produzione di testi scritti di vario tipo Prendere appunti e redigere sintesi e relazioni Rielaborare in forma chiara le informazioni Produrre testi corretti e coerenti adeguati alle diverse situazioni comunicative COMPETENZE/PROCESSI ASSE DEI LINGUAGGI

53 Daniela Fermi Ricercare, acquisire e selezionare informazioni generali e specifiche in funzione della produzione di testi scritti di vario tipo Prendere appunti e redigere sintesi e relazioni Rielaborare in forma chiara le informazioni Produrre testi corretti e coerenti adeguati alle diverse situazioni comunicative 1. Gestire le informazioni 2. Eseguire 3. Eseguire 4. Eseguire PRESTAZIONI COMPETENZE COMPETENZE/PROCESSI ASSE DEI LINGUAGGI

54 Daniela Fermi Processo Redigere un articolo di giornale PRESTAZIONI Consultare fonti diverse e selezionare le informazioni Preparare una scaletta dei punti da toccare nellarticolo Scrivere larticolo Verificare la coerenza dellarticolo e la struttura del testo COMPETENZE/PROCESSI UN ESEMPIO

55 Daniela Fermi Consultare fonti diverse e selezionare le informazioni Preparare una scaletta dei punti da toccare nellarticolo Scrivere larticolo Verificare la coerenza dellarticolo e la struttura del testo 1. Gestire le informazioni 2. Organizzare le attività 3. Eseguire 4. Controllare COMPETENZEPRESTAZIONI COMPETENZE/PROCESSI UN ESEMPIO

56 Daniela Fermi DIDATTICA PER COMPETENZE = predisporre situazioni formative che: mettono gli studenti in condizione di rendere prestazioni permettono di riconoscere, analizzare e valutare le prestazioni (apprendimento) DIDATTICA PER COMPETENZE E ALLE COMPETENZE

57 Daniela Fermi LA SCHEDA DI ANALISI DESCRIZIONE DELLA UF SEQUENZA DELLE ATTIVITA PRESTAZIONI RICHIESTE AGLI STUDENTI MODALITA' DI RILEVAZIONE COMPETENZA / PRESTAZIONE TIPO ASSOCIATA CONOSCENZE RICHIESTE inserire la descrizione libera della UF ricostruire in sequenza le varie attività in cui si articola la UF (indicando per ciascuna di esse i tempi di realizzazione) descrivere liberamente cosa è richiesto che facciano gli studenti in ciascuna delle diverse fasi della sequenza; se una fase richiede più prestazioni inserirle separatamente indicare gli strumenti di registrazione delle prestazioni o le prove utilizzate associare ogni prestazione descritta ad una delle 27 prestazioni-tipo della matrice indicare le conoscenze che vengono applicate in ciascuna prestazione

58 Daniela Fermi UN ESEMPIO UdA – IL TESTO INFORMATIVO: IL PUNTO DI VISTA Emilia Bianchi, ITCS Bollate e Giuliana Fantoni, IPSSAR Vespucci DESCRIZIONE DELLA UF ATTIVITA PRESTAZIONI RICHIESTE AGLI STUDENTI MODALITA' DI RILEVAZIONE CONOSCENZE RICHIESTE inserire la descrizione libera della UF ricostruire in sequenza le varie attività in cui si articola la UF (indicando per ciascuna di esse i tempi) descrivere liberamente cosa è richiesto che facciano gli studenti in ciascuna delle diverse fasi della sequenza; se una fase richiede più prestazioni inserirle separatamente indicare gli strumenti di registrazione delle prestazioni o le prove utilizzate indicare le conoscenze che vengono applicate in ciascuna prestazione Unità progettata per il biennio della scuola secondaria superiore, da svolgere nel primo quadrimestre, centrata sul tema: Individuare in un articolo di cronaca con protagonisti plurimi i diversi punti di vista ed elaborare testi che li esprimano 1 Lettura e analisi guidata di articoli 1.01 Ascolta e prende appunti (caratteristiche del testo informativo) Scheda di osservazione Strutture dei testi informativi Connettivi logici Varietà lessicali Strutture grammaticali di base della lingua italiana 1.02 Legge gli articoli proposti e ne individua le caratteristiche 1.03 Individua il punto di vista in ciascun articolo 2 Lavoro in coppia2.01 Legge larticolo proposto e ne individua le caratteristiche Scheda di osservazione 2.02 Individua il punto di vista 2.03 Confronta la propria opinione con quella del compagno 3 Produzione scritta individuale 3.01 Recepisce il punto di vista proposto Griglia di valutazione 3.02 Produce una scaletta 3.03 Scrive larticolo 3.04 Verifica la coerenza e la struttura del testo


Scaricare ppt "Daniela Fermi IIS Edith Stein Gavirate 27 marzo 2009 Didattica per competenze e alle competenze: lasse dei linguaggi."

Presentazioni simili


Annunci Google