La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La coarticolazione. Analizzare i suoni come se fossero prodotti in isolamento ed in maniera statica e unastrazione (necessaria per la descrizione iniziale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La coarticolazione. Analizzare i suoni come se fossero prodotti in isolamento ed in maniera statica e unastrazione (necessaria per la descrizione iniziale."— Transcript della presentazione:

1 La coarticolazione

2 Analizzare i suoni come se fossero prodotti in isolamento ed in maniera statica e unastrazione (necessaria per la descrizione iniziale dellarticolazione dei suoni) In realta, i suoni non sono entita statiche che si susseguono in sequenza La vera produzione dei suoni…

3 La produzione dei suoni Produrre una sillaba richiede solo circa un quinto di secondo. Mentre parliamo muoviamo le labbra, la lingua e la mandibola molto rapidamente Il cervello coordina I movimenti delle labbra, della lingua e della mandibola in modo molto accurato, al punto che i movimenti necessari per ogni vocale e consonante sono prodotti simultaneamente. %

4 Larticolazione e dinamica Gli articolatori che sono coinvolti nella produzione dei suoni funzionano secondo schemi temporali precisi (si pensi alle occlusive) Nellelocuzione (anche di una sola parola), i gesti articolatori coinvolti nella produzione di sequenze di suoni devono essere coordinati (per es., lapertura e chiusura del velo nella produzione di [mensa] Per linerzia degli articolatori, i gesti per suoni diversi si sovrappongono

5 La coarticolazione Questo fenomeno e noto come coarticolazione Per effetto della coarticolazione, ogni suono e modificato dal suono che precede e segue I suoni possono essere coarticolati allinterno e tra i confini di parola.

6 La coarticolazione? (2) Questo fenomeno e noto come coarticolazione Per effetto della coarticolazione, ogni suono e modificato dal suono che precede e segue I suoni possono essere coarticolati allinterno e tra i confini di parola.

7 La coarticolazione? (3) La coarticolazione assicura che la produzione dei suoni sia continuativa e senza interruzioni. Nello stesso tempo diffonde linformazione acustica ed aiuta lascoltatore a capire cio che viene detto La coarticolazione e quindi una parte importante del codice linguistico che ci aiuta a comunicare 5 sillabe la secondo.

8 Pensiamo ad un esempio Nella produzione di [s] nelle sequenze di [s] + vocale, le labbra sono: –arrotondate in anticipazione di [u] in [su] –appiattite in anticipazione di [i] in [si] –in posizione intermedia in anticipazione di [a] in [sa]

9 Un esempio di studi della coarticolazione

10 Cose il palatografo Il palatografo viene utilizzato negli studi sulla coarticolazione Il contatto della lingua con il palato attiva gli elettrodi sul palatografo Il numero e la posizione degli elettrodi attivati nel parlato mi permette di vedere come e dove avviene larticolazione per la sequenza in esame

11 Analisi dei dati ottenuti con il palatografo

12 Un esempio di coarticolazione vista per mezzo del palatografo (dal Francese) Ui = Utterance-initial, IPi = Intonational Phrase-initial (= Ui-medial) APi = Accentual Phrase-initial (= IP-medial) Wi = Word-initial (= AP-medial) Si = Syllable-initial (= W-medial) Differenze in contatto linguopalatale per [n] in Francese in funzione della posizione prosodica.

13 Un esempio di coarticolazione vista per mezzo del palatografo (dal Koreano) Differenze in contatto linguopalatale per [n] in Koreano in funzione della posizione prosodica. Ui = Utterance-initial, IPi = Intonational Phrase-initial (= Ui-medial) APi = Accentual Phrase-initial (= IP-medial) Wi = Word-initial (= AP-medial) Si = Syllable-initial (= W-medial)

14 Tipi di coarticolazione

15 Direzione dellinfluenza dei segmenti Coarticolazione* preserverativa (in inglese carry-over) o progressiva: aspetti della produzione di un segmento si sovrappongono o influenzano la produzione del segmento seguente Coarticolazione* anticipatoria o regressiva: aspetti della produzione di un segmento si sovrappongono o influenzano la produzione del segmento precedente. * Nella linguistica tradizonale detta anche assimilazione

16 Come si spiegano i fenomeni di coarticolazione? I movimenti degli organi articolatori per la produzione dei suoni sono programmati a livello cerebrale Si puo pensare che, a livello astratto di programmazione motoria, ogni articolatore debba raggiungere una determinata posizione bersaglio per ogni fonema. Tale bersaglio (astrazione teorica!) rappresenterebbe larticolazione ideale per ogni fonema e dipenderebbe dalla fisiologia e lesperienza linguistica di ogni parlante.

17 Come si spiegano i fenomeni di coarticolazione? (2) Ma nel parlato, i suoni non sono prodotti isolati uno dallaltro. I fonemi si ritrovano in catene sillabiche che fanno parte di parole e poi di frasi. Non ci sono chiari confini acustici o articolatori tra i fonemi, con leccezione dei confini di frasi intonative che sono caratterizzati da pause ben identificabili. Nella realta I fonemi parte di una sequenza contribuiscono allo stesso bersaglio articolatorio e acustico

18 Bersagli articolatori I fonemi si possono quindi descrivere come posizioni bersaglio con transizioni articolatorie (ed acustiche) tra i bersagli, che condividono le caratteristiche di entrambi I bersagli –Es.: transizioni occlusive-vocali Una transizione tra due fonemi e quindi causata dal movimento degli articolatori per due fonemi bersaglio.

19 Possiamo rappresentarci una sequenza di fonemi… C V C Come una sequenza di gesti che si sovrappongono nel tempo Fonte: Alexei Kochetov, Contrast in Phonology, University of Toronto, May 3-5, 2002

20 undershoot (sottospecificazione) La sottospecificazione avviene quando non larticolatore non ha abbastanza tempo per raggiungere la sua posizione bersaglio. Puo verificarsi sia per le vocali che per le consonanti. Un caso tipico e rappresentato da una vocale atona bassa tra due occlusive alveolari o velari.

21 Rappresentazione schematica C V C Fonte: Alexei Kochetov, Contrast in Phonology, University of Toronto, May 3-5, 2002

22 Sillabe e coarticolazione La coarticulazione e piu forte allinterno di una sillaba che attraverso confini sillabici. Cio prova lesistenza della sillaba come unita fondamentale di organizzazione articolatoria. Le vocali influenzano larticolazione delle consonanti e delle vocali adiacenti Le consonanti influenzano larticolazione delle vocali e dlel consonanti adiacenti. Adattato da

23 Vocali, consonanti e coarticolazione Alcuni suoni sono piu resistenti alla coarticolazione di altri. Hanno un effetto sulla coarticolazione: –differenze di durata dei fonemi, –differenze nel tipo di articolazione, –numero di fonemi della lingua. Adattato da

24 Effetto delle differenze di durata Le vocali lunghe sono piu resistenti alla sottospecificazione poiche ce piu tempo per gli articolatori di raggiungere il loro bersaglio Le vocali toniche e accentate sono piu resistenti perche sono piu lunghe La schwa non viene realizzata come un bersaglio definito poiche solitamente e molto breve e quindi molto debole alla coarticolazione –Es. Processi di riduzione vocalica in inglese Adattato da

25 Effetto delle differenze nel tipo di articolazione La coarticolazione e massima quando ce il massimo di movimento articolatorio tra fonemi. Poiche la maggior parte delle consonanti ha e prodotta con una posizione della lingua alta, le vocali alte sono meno coarticolate con queste consonanti, mentre le vocali basse lo sono di piu, in quanto richiedono un maggior movimento coarticolatorio Le vocali basse, atone e brevi sono quindi piu soggette a fenomeni di undershoot. –Es. Ingl. police pronunciata [p( ǝ) lice] Adattato da

26 Effetto del numero di fonemi Gli effetti della coarticolazione sono bloccati o ridotti quando possono dar luogo a confusione percettiva. E possibilie che si verifichi un problema di percezione quando in una data lingua ci sono molti fonemi in una certa classe. –La coarticolazione diminuendo la distanza articolatoria tra i fonemi ne diminuisce la distintivita. Tuttavia, nelle lingue in cui molti fonemi affollano uno spazio articolatorio, e necessario che la loro produzione sia accurata. Adattato da

27 Vocali, consonanti e spazi articolatori La coarticolazione delle vocali avviene maggiormente nelle lingue con pochi fonemi vocalici (per esempio, tre e meno vocali fonologiche). In tali lingue, per effetto della coarticolazione, le vocali vengono modificate abbastanza liberamente sia nellaltezza che nel grado di anteriorita/posteriorita. Le consonanti coarticolano maggiormente quando non vi sono molti luoghi di articolazione distintivi, cio non e possibile quando ci sono piu luoghi di articolazione distintivi. Es.: –lArabo distingue tra occlusive velari e uvulari e quindi la realizzazione di queste consonanti deve essere piuttosto precisa. Adattato da

28 Alcuni esempi di coarticolazione nasale Il contesto consonante nasale + consonante fricativa sorda e un caso di transizione difficile, soggetto a forte coarticolazione

29 Variability in Northern Italian 1) Clear Nasal C before Fricative Nasal flow Oral flow Acoustic wavef. b a n f i Nasal peak Nasal C

30 Variability in Northern Italian 2) Disruption of Nasal C by Fricative Nasal flow Oral flow Acoustic wavef. k o t e n s io n e Nasal peak Nasal C Nasalized V + Nasal C Nasal C

31 Variability in Northern Italian 3) Nasalized V no Nasal C Acoustic wavef. Oral flow Nasal flow Nasalized V No Nasal C s ĩ S e n s ĩ S e n Nasal peak Nasalized V No Nasal C

32 Variability in Central Italian 1) Clear Nasal C in _Fric context Acoustic wavef. Oral flow Nasal flow t i n s i d ia t i n s i d ia Nasal C Oral cavity opens Velum closes Nasal C

33 Variability in Central Italian 2) Stop Epenthesis? Acoustic wavef. Oral flow Nasal flow d a n s ε lm Nasal C 20 ms silence silence

34 Variability in American English 1) Clear Nasal C in _Fric context Acoustic wavef. Oral flow Nasal flow Nasal C i n s ε k t i n s ε k t Oral cavity opens Velum closes Nasal C

35 Variability in American English 2) Stop epenthesis Acoustic wavef. Oral flow Nasal flow Nasal C Oral cavity opens Velum closes 36 ms silence æ n s er


Scaricare ppt "La coarticolazione. Analizzare i suoni come se fossero prodotti in isolamento ed in maniera statica e unastrazione (necessaria per la descrizione iniziale."

Presentazioni simili


Annunci Google