La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Levoluzione normativa del diritto allassistenza sociale Diritto sanitario e dellassistenza sociale Prof. Alessandra Pioggia Diritto sanitario e dellassistenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Levoluzione normativa del diritto allassistenza sociale Diritto sanitario e dellassistenza sociale Prof. Alessandra Pioggia Diritto sanitario e dellassistenza."— Transcript della presentazione:

1 Levoluzione normativa del diritto allassistenza sociale Diritto sanitario e dellassistenza sociale Prof. Alessandra Pioggia Diritto sanitario e dellassistenza sociale Prof. Alessandra Pioggia

2 Cenni storici La società premoderna: benefattori e povertà La dottrina riformista del cinquecento: municipi e parrocchie; la sicurezza delle città LAct for the relief of the poor (1601) e limposizione di contributi ai benestanti per le spese dei poveri Lilluminismo e la laicizzazione della carità

3 Cenni storici: in Italia Il sistema assistenziale in epoca pre unitaria è amministrato prevalentemente dagli enti religiosi: le opere pie Limpostazione liberale delle riforme post unitarie: la natura privata delle opere pie; la natura privata delle opere pie; la mancata previsione di un diritto ad essere sollevati dal bisogno e di un piano di assistenza pubblica; la mancata previsione di un diritto ad essere sollevati dal bisogno e di un piano di assistenza pubblica; La diffusione di distorsioni e ingiustizie La diffusione di distorsioni e ingiustizie

4 Cenni storici: in Italia La legge 6972 del 17 luglio 1890 (legge Crispi): il riconoscimento della finalità pubblica dellassistenza il riconoscimento della finalità pubblica dellassistenza La pubblicizzazione degli enti di assistenza benefica (IPB, poi IPAB) La pubblicizzazione degli enti di assistenza benefica (IPB, poi IPAB) La funzione: prestare assistenza ai poveri, tanto in stato di sanità quanto di malattia...procurare leducazione, listruzione, lavviamento a qualche professione, arte o mestiere, od in qualsiasi altro modo al miglioramento morale ed economico La funzione: prestare assistenza ai poveri, tanto in stato di sanità quanto di malattia...procurare leducazione, listruzione, lavviamento a qualche professione, arte o mestiere, od in qualsiasi altro modo al miglioramento morale ed economico Legemonia laica dello Stato nel settore assistenziale Legemonia laica dello Stato nel settore assistenziale

5 Cenni storici: in Italia Le istituzioni dellassistenza in epoca fascista: La pubblica amministrazione statale (ministeri degli interni e di grazia e giustizia) La pubblica amministrazione statale (ministeri degli interni e di grazia e giustizia) Gli enti pubblici specificamente preposti (ONMA) Gli enti pubblici specificamente preposti (ONMA) I comuni (ECA) I comuni (ECA) Gli enti ecclesiastici Gli enti ecclesiastici Lassistenza come strumento di controllo sociale e di emarginazione: il custodialismo

6 Lassistenza nella Costituzione I diritti sociali come diritti fondamentali che condizionano la forma di Stato: gli artt. 2 e 3 Lassistenza come sostegno a categorie determinate, lampia discrezionalità nella definizione dei contenuti e dei destinatari

7 Lassistenza nella Costituzione Assistenza – disagio Art. 38, c.1 ogni cittadino inabile al lavoro e provvisto di mezzi...ha diritto al mantenimento e allassistenza sociale (principio di solidarietà Corte cost. 31/86) Previdenza – lavoro Art. 38, c. 2 i lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati i mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità, vecchiaia, disoccupazione involontaria (strumenti mutualistico assicurativi Corte cost. 31/86;... la pensione sociale) Beneficenza – povertà Ex art. 117 beneficenza pubblica ed assistenza sanitaria ed ospedaliera alla competenza normativa concorrente delle regioni

8 Levoluzione normativa Il primo trasferimento di funzioni alle regioni con il d.lgs. 9/1972: lassistenza sociale resta di competenza statale – la beneficenza alle regioni La sent. Corte cost. 139/72 : assistenza come intervento a favore di categorie di soggetti determinate - funzione a bassa discrezionalità; beneficenza come rivolta a singoli individui in stato di bisogno - funzione ad elevata discrezionalità

9 Levoluzione normativa Il d.lgs. 616/77 e la nozione di servizi sociali: tutte le attività ce attengono, nel quadro della sicurezza sociale, alla predisposizione ed erogazione di servizi, gratuiti od a pagamento, o di prestazioni economiche, sia in denaro che in natura, a favore dei singoli o dei gruppi, qualunque sia il titolo in base al quale sono individuati i destinatari, anche quando si tratti di forme di assistenza a categorie determinate, escluse soltanto le funzioni relative alle prestazioni economiche (art 22)

10 Levoluzione normativa La sent. corte cost. 174/81: le finalità e lampiezza della definizione della materia costituiscono anzitutto i primi risultati di una nuova linea di politica sociale... per la quale in particolare i servizi sociali dovrebbero essere rivolti a mantenere i cittadini del loro ambiente familiare e sociale con interventi di carattere domiciliare e centri diurni Lo Stato e la legislazione quadro (328/2000)

11 Levoluzione normativa Il d.lgs. 112/98: nellambito dei servizi alla persona e alla comunità (tutela della salute; istruzione scolastica, ecc...) i servizi sociali sono le attività relative alla predisposizione ed erogazione di servizi, gratuiti ed a pagamento, o di prestazioni economiche destinate a superare situazioni di bisogno e di difficoltà che la persona umana incontra nel corso della sua vita, escluse soltanto quelle assicurate dal sistema previdenziale, da quello sanitario, nonché quelle assicurate in sede di amministrazione della giustizia

12 Il d.lgs. 112/1998 Art. 129 Sono conservate allo Stato le seguenti funzioni: a) la determinazione dei princìpi e degli obiettivi della politica sociale; b) la determinazione dei criteri generali per la programmazione della rete degli interventi di integrazione sociale da attuare a livello locale; c) la determinazione degli standard dei servizi sociali da ritenersi essenziali in funzione di adeguati livelli delle condizioni di vita;... e) la determinazione dei criteri per la ripartizione delle risorse del Fondo nazionale per le politiche sociali... g) la fissazione dei requisiti per la determinazione dei profili professionali degli operatori sociali nonché le disposizioni generali concernenti i requisiti per l'accesso e la durata dei corsi di formazione professionale; h) gli interventi di prima assistenza in favore dei profughi i) la determinazione degli standard organizzativi dei soggetti pubblici e privati e degli altri organismi che operano nell'ambito delle attività sociali e che concorrono alla realizzazione della rete dei servizi sociali;

13 Il d.lgs. 122/ Sono conferiti alle regioni e agli enti locali tutte le funzioni e i compiti amministrativi nella materia dei «servizi sociali», salvo quelli espressamente mantenuti allo Stato dall'articolo 129 e quelli trasferiti all'INPS.. 2. Nell'ambito delle funzioni conferite sono attribuiti ai comuni, che le esercitano anche attraverso le comunità montane, i compiti di erogazione dei servizi e delle prestazioni sociali, nonché i compiti di progettazione e di realizzazione della rete dei servizi sociali, anche con il concorso delle province.

14 Il d.lgs. 112/1998 In particolare la legge regionale conferisce ai comuni ed agli altri enti locali le funzioni ed i compiti amministrativi concernenti i servizi sociali relativi a: a) i minori, inclusi i minori a rischio di attività criminose; b) i giovani; c) gli anziani; d) la famiglia; e) i portatori di handicap, i non vedenti e gli audiolesi; f) i tossicodipendenti e alcooldipendenti; g) gli invalidi civili, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 130 del presente decreto legislativo.

15 Il d.lgs. 112/1998 Sono trasferiti alle regioni, che provvederanno al successivo conferimento alle province, ai comuni ed agli altri enti locali nell'ambito delle rispettive competenze, le funzioni e i compiti relativi alla promozione ed al coordinamento operativo dei soggetti e delle strutture che agiscono nell'ambito dei «servizi sociali», con particolare riguardo a: a) la cooperazione sociale; b) le istituzioni di pubblica assistenza e beneficenza (IPAB); c) il volontariato.


Scaricare ppt "Levoluzione normativa del diritto allassistenza sociale Diritto sanitario e dellassistenza sociale Prof. Alessandra Pioggia Diritto sanitario e dellassistenza."

Presentazioni simili


Annunci Google