La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE ALLIMMAGINARIO: IL CALENDARIO CONTADINO Corso di Antropologia Culturale MERCOLEDì 21 marzo 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE ALLIMMAGINARIO: IL CALENDARIO CONTADINO Corso di Antropologia Culturale MERCOLEDì 21 marzo 2012."— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE ALLIMMAGINARIO: IL CALENDARIO CONTADINO Corso di Antropologia Culturale MERCOLEDì 21 marzo 2012

2 Perché è così importante il calendario contadino? Tempo contadino = ciclico. Corrisponde alla periodicità dei riti e delle feste Tempo contadino = esprime ritmo della vita collettiva, ne garantisce la regolarità Ciclo di morte e rinascita

3 Da equinozio di primavera a equinozio autunnale Da equinozio autunnale a equinozio di primavera Si intensificano i ritmi lavorativi nei campi I ritmi produttivi rallentano, ripresa dei legami sociali ATTIVITA ANNUALE DEL CONTADINO

4 I marcatori del tempo contadino: il giorno 1 Unità di misura della società contadina (giorno = aratura dei campi) 2Importanza del buio e della luce, chiaro e scurobuio 3Osservazione dei comportamenti animalianimali 4 Rintocchi delle campane, religione popolarecampane

5 La settimana Scorrere della settimana = tempo intercorso tra due mercati

6 Il mese Dura allincirca una lunazione e ad essa è associato (non coincidenza tra fasi lunari e mese) Suddivisione nella società contadina dei mesi fasti e nefasti: 31 giorni = positivi 30 giorni= negativi 29 giorni= nefasti Kalendae romane (scadenzario dei prestiti concessi dai banchieri, dove gli interessi erano pagati il 1° giorno del mese)1° Importanza dei mesi nei cicli dei 12 giorni12 giorni

7 gennaio febbraio marzo Pronostici dei dodici giornidodici giorni Epifania (inizio carnevali) carnevali Iniziavano i lavori di potatura secca delle viti Candelora Carnevali, passaggio al periodo quaresimale Lavori di concimazione della vite Riti della chiamata di marzo Trattamenti antiparassitari della vigna Sarchiatura del terreno del grano Inizio concimazione campi di granturco Aratura e sarchiatura del terreno dellorto INVERNO-PRIMAVERA Divieto di cominciare i lavori produttivi nei primi 8 giorni di luna nuova: effetti nefasti per le colture e lallevamento

8 aprilemaggioGugno-agosto Questua delle uova 25 aprile (San Marco) = ciclo della bachicoltura bachicoltura Calendimaggio Sarchiatura del terreno nei campi di granturco Festa di San Giovanni Festa di San Pietro e Paolo Lavori nei campi Sarchiatura del terreno delle viti San Pietro: mietitura del granomietitura Sfoglio del granturco PRIMAVERA-ESTATE

9 Settembre-ottobre novembre-dicembre Settembre: Tempo della vendemmia vendemmia Aratura ed erpicatura del campo di grano Raccolta delle pannocchie e spannocchiatura spannocchiatura Ottobre : concimazione della terra delle vigne Semina ed erpicatura del grano 30 Novembre: inizio dellinverno Feste dei morti Dicembre: messa a dimora dei nuovi vigneti, interruzione lavorazione viti Concimazione terreno dellorto Dicembre: uccisione maiale Festa di Santa Lucia Natale AUTUNNO-INVERNO

10 Lanno Importanza della ciclicità del tempo Cerimonie religiose = sovrapposizioni di credenze e aspetti rituali differenti

11 Buio e luce Chiaro e scuro = associati a lavori ed eventi (feste) della società contadina Sistemi di misurazione del tempo: cielo stellato = orologio naturale per allevamento Corso delle ombre = sosta per il pranzo

12 Comportamenti animali Canto del gallo = inizio attività mattutina del contadino Gallo = animale simbolico, connessione con virilità Rapporti sessuali regolati dal canto del gallo: mattina = figlio maschio; sera = figlia femmina

13 Religione, rintocchi delle campane Rintocchi delle campane = avvertenza per difendersi dagli esseri stregati (Ave Maria). Protezione bambini e loro abiti dalle streghe Rintocchi campane = espulsione delle streghe Calabria, inizio marzo, venerdì sera: è uscito marzo!

14 Settimana santa, campane slegate: bambini abbracciavano gli alberi da frutto per un raccolto propizio Riferimenti religiosi come strumento di misurazione del tempo: Il tempo di un Amen, tre Ave Maria = tempo di cottura di un uovo

15 I cicli dei 12 giorni Osservazione dei 12 giorni tra Natale e Capodanno per capire quale sarebbe stato il tempo meteorologico nei successivi 12 mesi Pronostici di nozze (campagne piemontesi)

16 La figura di Giano Bifronte Divinità romana, testimone dei riti di passaggio, rappresenta il passato e il futuro. Rappresenta il mese di gennaio Alcuni studiosi (Gaignebet, Lajoux) vedono in Giano la figura popolare di Giovanni della luna, o Giovanni che piange e che ride (Giuanin dla vigna, che n poc rid e in poc grigna) Grigna = brigna (prugna) = connotazione sessuale

17 La bachicoltura Allevamento dei bachi da seta: prima consistente fonte di guadagno nellannata agraria Occupazione prevalentemente femminile. Uomini raccoglievano solo le foglie del gelso

18 25 aprile: benedizione dei bozzoli in chiesa. Bozzoli tenuti in seno dalle donne Donna = custode del calore, del focolare domestico Crescita dei bachi = 40 giorni. Ri-organizzazione casa contadina Terminato il ciclo, famiglia raccoglieva i bozzoli e li puliva, dopodichè li vendeva

19 La mietitura Fase importante del ciclo agrario. Proverbi e detti per evitare i temporali e la grandine Tre santi segnalavano il pericolo di grandine: San Luigi, San Giovanni, San Pietro Tre fasi ciclo del grano in un proverbio: Aprile fa spiga, maggio il latte, giugno il pugno

20 Importanza della mietitura Usanza di portare a casa ultime spighe di grano per propiziare il nuovo raccolto Mietitura vissuta come momento di grande competizione, prova di virilità, aggressività. Casi di ferimenti, incidenti e morti durante i lavori. Sangue dei falciatori = aspetto sacrificale mietitura

21 Vendemmia e pre-vendemmia Periodo di pre-vendemmia: andare ad uccidere il lupo Metafora vino = sangue delluva o dellanimale sacrificale. Importanza animali e periodi di inizio e fine dei principali raccolti

22 Importanza della della vinificazione e del vino Uno dei primi momenti in cui si spostava dai campi alla cantina (termine vinificazione 11 novembre) Uno dei primi momenti di socialità comunitaria (aiuto reciproco di vicini, amici nella pigiatura e nella vinificazione), piatti comunitari Vino: 1)Prodotto da vendere 2)Cibo nutriente 3)Bevanda rituale (matrimoni, battesimi, nascite e morti) 4)Utilizzato come medicina popolare

23 Utilizzi terapeutici del vino aggiunto a brodo e caffè = tonico Bollito e con aggiunta di spezie: vin brulé = rimedio per malattie da raffreddamento Disinfettante sulle ferite, utilizzato sugli occhi per conservare la vista

24 La spannocchiatura Uno dei primi momenti di socialità dopo la pausa estiva di lavoro Occasione che preludeva alle veglie: incontri notturni nelle stalle Momento in cui si riparavano oggetti, si cuciva, si filava la lana, si facilitavano incontri tra i sessi

25 Le veglie (filò, vijà, veilles) Uno dei primi momenti di socialità dopo la pausa estiva di lavoro veglie: incontri notturni nelle stalle tra i sessi, forme di corteggiamento Momento in cui si riparavano oggetti, si cuciva, si filava la lana, si facilitavano incontri tra i sessi

26 Il mascheramento Etimologia maschere: deikèlon, gr. (apparizione, spirito, maschera) Larva, lat. Larvae demonum (spirito del morto, maschera) Masca, long. Spirito che divora gli uomini Travestimento = rovesciamento dei ruoli. Presenza nei carnevali di personaggi con abiti al rovescio = protezione dalle forze del male Mascheramento = complesso mitico del mondo alla rovescia, mondo del Sabba Doppio ruolo del mascheramento = rappresentare forze ctonie e proteggere uomini e bestie da esse

27 I Carnevali tradizionali: linizio A partire dallEpifania giovani in maschera facevano visita alle case contadine Maschere toccavano gli abitanti, mimavano mestieri. Importanza delle Badie Pretesto maschere di instaurare contatti con le giovani. Questua alimentare

28 Questue delle uova Legate al periodo invernale-primaverile (dalla Quaresima alla Settimana Santa) e al significato delluovo e della rigenerazione della natura

29 Presenza di un gruppo Carattere territoriale della questua Itinerazione dei questuanti Proposta di una prestazione espressiva Controprestazione da parte della famiglia visitata Conclusione della questua-cerimonia con consumo di beni raccolti IERIOGGI Agenti = gruppi di giovani di sesso maschile del paese Giro del paese in tutte le case Agenti = sia uomini che donne di tutte le età Giro del paese accordandosi in precedenza con famiglie da visitare ELEMENTI COSTANTI:

30 Il Cantar Maggio E una questua effettuata dalle ragazze giovani (un tempo erano bambine). Una di loro, ben agghindata, è la sposa del maggio che porta il ramo di abete ornato da nastri, fiori e al quale è fissata una bambolina, simbolo di fertilità e maternità.

31 Importanza dellorso Orso va in letargo e si autoalimenta Specchio della casa contadina Accumulazione di scorte per linverno Orso che predice il tempo = motivo per sapere a che punto erano linverno e le scorte accumulate (vedi uccisione e consumo carne maiale)

32

33


Scaricare ppt "INTRODUZIONE ALLIMMAGINARIO: IL CALENDARIO CONTADINO Corso di Antropologia Culturale MERCOLEDì 21 marzo 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google