La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione RESPONSABILITA SOCIALE DIMPRESA 6 giugno 2012 – Fiera della Conciliazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione RESPONSABILITA SOCIALE DIMPRESA 6 giugno 2012 – Fiera della Conciliazione."— Transcript della presentazione:

1 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione RESPONSABILITA SOCIALE DIMPRESA 6 giugno 2012 – Fiera della Conciliazione

2 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione La Commissione Europea con la Comunicazione del 25 ottobre 2011 n. 681 adotta una Nuova strategia in tema di RSI per il periodo "; definisce la responsabilità Sociale dImpresa come: "responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società"; promuove l'adozione da parte degli Stati membri di Programmi nazionali in tema di RSI; individua le priorità per la definizione della strategia nazionale di RSI.

3 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione La RSI è uno strumento per: promuovere la competitività (favorendo loccupazione, le relazioni con i clienti) contribuire allo sviluppo sostenibile unopportunità economica che offre alle imprese e alla società soluzioni vantaggiose per tutti. Aumentando la propria responsabilità sociale le imprese possono: costruire legami duraturi basati sulla fiducia con i propri dipendenti, con i consumatori e i cittadini, costruire solide basi per modelli di business orientati allinnovazione e alla crescita e che siano contemporaneamente sostenibili nel tempo.

4 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione Essere socialmente responsabili significa : non solo soddisfare pienamente gli obblighi giuridici, e finanziari nei confronti degli azionisti e/o dei proprietari ma andare oltre, considerando limpatto delle proprie attività sulle risorse umane, sullambiente sugli stakeholder.

5 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione La RSI implica: la tensione a soddisfare le legittime attese, economiche e non economiche, di tutti gli stakeholder (interni ed esterni) la volontà di rendere conto dei propri comportamenti e risultati, la volontà di stabilire un dialogo costruttivo, improntato alla reciproca fiducia, con gli stakeholder. RSI interna: riguarda azioni nei confronti del proprio personale, degli azionisti o con riflessi sui processi produttivi interni (es abbattimento consumo energetico, riduzione impatto ambientale) RSI esterna: riguarda il rapporto con clienti, fornitori, istituzioni locali, comunità locale (associazioni, terzo settore)

6 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione LItalia sta preparando un Action Plan Nazionale sulla RSI che: raccoglie le esperienze regionali realizzate mappa le priorità dazione in tema di RSI ritenute più interessanti dalle Regioni per definire una strategia nazionale; (es. riconoscimento della RSI: negli appalti pubblici; nei rapporti con le banche per facilitare l'accesso al credito, nel commercio internazionale ecc)

7 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione Quale rapporto tra RSI e conciliazione? Le politiche aziendali di conciliazione famiglia-lavoro rientrano nelle tematiche della RSI. (cf. Osservatorio Nazionale sulla Famiglia,….) I finanziamenti previsti dalla Legge 53/2000 (art. 9) o i progetti finanziati con la legge 125/1991 possono essere considerati strumenti di promozione della RSI negli ambiti specifici della conciliazione famiglia lavoro e delle pari opportunità. RSI strumento di promozione delle politiche di conciliazione vita-lavoro.

8 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione La sfida lombarda : Il programma operativo sperimentale "RSI: persone, mercati, territorio coniuga la responsabilità sociale alla competitività e alla sostenibilità

9 Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione PROGRAMMA OPERATIVO RSI: PERSONE, MERCATI E TERRITORIO Sensibilizzare al tema della RSI Sostenere lo sviluppo e lintegrazione Qualificare i comportamenti virtuosi Diffondere strategie e prassi Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

10 AZIONI PREVISTE : Diffusione dei principi per il comportamento responsabile delle imprese attraverso: –Protocollo dintesa RL/MISE per la diffusione delle Linee guida OCSE –Protocollo dintesa RL/Unioncamere Lombardia Promozione e partecipazione a eventi di diffusione e sensibilizzazione della RSI: –Salone Dal dire al fare (Milano maggio 2012) Diffusione e promozione del bilancio sociale : –Analisi dei bilanci sociali delle cooperative sociali lombarde Sostegno alle azioni di RSI di tutte le imprese lombarde: –Bando Responsabilità sociale per la competitività di impresa Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

11 FINALITA BANDO "RESPONSABILITA SOCIALE PER LA COMPETITIVITA DI IMPRESA I progetti devono essere finalizzati a: creare reti di collaborazione sul territorio coinvolgere e far collaborare MPMI e grandi imprese avvicinare pubblico e privato promuovere soluzioni innovative essere sostenibili e trasferibili generare impatto ambientale misurabile generare impatto sociale misurabile lavoratori territorio Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

12 AMBITI DINTERVENTO Continuità dello sviluppo professionale Reimpiego Riqualificazione Continuità dello sviluppo professionale Reimpiego Riqualificazione RETI DI SOLIDARIETÀ Welfare complementare Mobilità sostenibile Benefit non monetari Welfare complementare Mobilità sostenibile Benefit non monetari PEOPLE CARE Politiche e strategie orientate a fornitori lombardi e impegnati in attività di RSI APPROVVIGIONAMEN TO LOCALE Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

13 Ambito 1: People care Servizi di WELFARE COMPLEMENTARE Attività di informazione sui rischi per la salute della persona, sul lavoro e in ambito familiare, e alle relative modalità di prevenzione e cura; Esempi: giornate a tema, focus group,... Supporto economico ai servizi di assistenza e sanitari già presenti sul territorio; Esempi: convenzioni e/o accordi con strutture sanitarie, … Progetti di sviluppo e/o applicazione di tecnologie innovative per migliorare la capillarità dei servizi medici a favore dei dipendenti Esempi: servizi di telemedicina per visite a distanza, piattaforme tecnologiche per lo scambio di informazioni medici-paziente, consultori a distanza per accesso ai parametri clinici dipenden Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

14 Ambito 1- People care Servizi per la MOBILITÀ SOSTENIBILE per ridurre il parco macchine aziendale e contemporaneamente offrire servizi di mobilità sostenibile ai dipendenti Accordi e convenzioni per lutilizzo di mezzi pubblici a condizioni agevolate ; Esempi: copertura di parte dei costi di abbonamento per servizi di trasporto pubblico, introduzione di modalità di trasporto aziendale a servizio dei dipendenti, Sottoscrizione informatizzata di abbonamenti mezzi pubblici con addebito del costo rateizzato in busta paga Interventi di mobility office interaziendali per consentire alle aziende di interloquire con un unico attore per utilizzo di vari vettori (treni/bus, ecc) Iniziative di car pooling (condivisione di auto con colleghi o dipendenti di aziende vicine) o servizi di car sharing Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

15 Ambito 1 - People care BENEFIT NON MONETARI accordi con fornitori di prodotti alimentari, scolastici, sanitari, ecc.(quarta settimana); Esempio: carrello della spesa mensile, Social Market condiviso (per dipendenti/cittadini),… borse di studio per i dipendenti e/o i loro familiari; assicurazioni sanitarie integrative (rimborsi sanitari); convenzioni assicurative integrative a condizioni agevolate; convenzioni o organizzazione di servizi interni di consulenza e supporto legale e/o amministrativo Esempio: spese legali e notarili per acquisto prima casa, stipula mutui, … Accordi con banche per servizi agevolati o di anticipazione finanziaria Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

16 Ambito 2 - Approvvigionamento locale Miglioramento degli aspetti socio-ambientali nei processi produttivi di fornitori abituali e/o di nuovi; Esempi: attività per migliorare le capacità tecniche e gestionali, il rispetto di criteri sociali e ambientali ecc; Sviluppo di linee di prodotto a KM 0; Servizi per facilitare lacquisto di prodotti locali a KM 0; Esempi: piattaforme web (private/condivise), negozi condivisi, etichette, ecc), Innovazioni che migliorino limpatto sociale e/o ambientale di prodotti/processi realizzati in collaborazione con i fornitori locali; Azioni di tutoraggio ai fornitori locali per favorire l'integrazione dei fornitori nei processi di RSI in un'ottica di filiera; Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

17 Ambito 2 - Approvvigionamento locale Sviluppo di centrali di acquisto e/o piattaforme online che facilitino lincontro tra produttori e acquirenti locali; Piani di ottimizzazione della logistica e dei trasporti tra le aziende del territorio nel quadro di percorsi a favore di RSI. Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

18 Ambito 3- Reti di solidarietà tra imprese e territorio Progetti di solidarietà tra imprese dello stesso territorio in situazione di crisi o difficoltà, finalizzati a sostenere azioni e servizi per lo sviluppo professionale, il reimpiego e la riqualificazione dei lavoratori. Sperimentazioni per la: servizi di outplacement (anche attraverso enti specializzati) condivisi tra più aziende sul territorio, per facilitare il ricollocamento di dipendenti di aziende in crisi presso altre aziende locali; studi di fattibilità e attivazione di progetti pilota di job sharing tra imprese e tra imprese e organizzazioni non profit, per favorire il reimpiego di dipendenti nella stessa area territoriale coinvolta da fenomeni di crisi occupazionale e/o industriale. Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

19 SETTORI COINVOLTI: MANIFATTURIERO COSTRUZIONI SERVIZI Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

20 Contratto di Rete SOGGETTI BENEFICIARI ATI Gruppo cooperativo paritetico (GCP) Grandi Imprese Supporto da enti pubblici Soggetti non ammissibili al contributo e possibili firmatari e/o promotori di convenzioni/accordi I progetti possono essere presentati da una singola impresa o da un aggregazione composta da minimo 3 soggetti di cui almeno 2 MPMI MPMI Soggetti terzi Soggetti le cui spese non ammissibili al contributo ma considerate nel piano di investimento del progetto Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

21 Criteri di valutazione dei progetti Coerenza con obiettivi e finalità e innovatività delle azioni proposte: max 25 punti Qualità del piano di lavoro: max 15 punti Qualità dellaggregazione e capacità di creare reti sul territorio: max 10 punti Sostenibilità delle azioni proposte: max 15 punti Impatto sociale e ambientale generato: max 30 punti Premialità (max 5 punti): –iniziativa che prevede azioni di cooperazione tra soggetti pubblici e privati del territorio –iniziativa proposta da un raggruppamento composto sia da MPMI che da grandi imprese che prevede il trasferimento di pratiche di successo già realizzate Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione

22 UTILITY... Scadenza: presentazione domanda on-line fino alle ore 16:30 del 19 luglio 2012 Durata dei progetti: max 12 mesi e terminare entro il 31/12/2013 Dotazione Bando: ,00 euro. Il contributo è a fondo perduto fino ad un max ,00 euro per progetto. Assistenza Tecnica: Numero Verde: Assistenza web: Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione


Scaricare ppt "Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione RESPONSABILITA SOCIALE DIMPRESA 6 giugno 2012 – Fiera della Conciliazione."

Presentazioni simili


Annunci Google