La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Senzafiato...manonsoli 2011: Riconoscere limpatto sociale delle malattie respiratorie e allergicheSenzafiato...manonsoli Tavola Rotonda La Pneumologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Senzafiato...manonsoli 2011: Riconoscere limpatto sociale delle malattie respiratorie e allergicheSenzafiato...manonsoli Tavola Rotonda La Pneumologia."— Transcript della presentazione:

1 Senzafiato...manonsoli 2011: Riconoscere limpatto sociale delle malattie respiratorie e allergicheSenzafiato...manonsoli Tavola Rotonda La Pneumologia nellattuale contesto socio-sanitario, nazionale e regionale Fausta Franchi Associazione Italiana Pazienti BPCO Onlus HOT TOPICS IN PNEUMOLOGIA II EDIZIONE ROMA, 26/28 MAGGIO 2011

2 Costituita il 24 giugno 2001 iscritta allAnagrafe Unica delle O.N.L.U.S. dal 4 ottobre 2007

3 Consiglio Direttivo Presidente: Francesco Tempesta Vicepresidente: Fausta Franchi Tesoriere: Vittorio Cidone Consiglieri: Francesco Attolico, Anna Rosa Nigrelli, Paolo Pasini Comitato medico - scientifico Roberto Bernabei - Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG) Germano Bettoncelli - Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) Vincenzo Cilenti – AIPO Regionale Lazio Lorenzo Corbetta - Delegato Nazionale GOLD Salvatore DAntonio, Dirigente Medico Ospedale San Camillo/Forlanini Giuseppe Di Maria - Società Italiana di Medicina Respiratoria (SIMeR) Vincenzo Fogliani - Associazione Pneumologia Interattiva Giacomo Mangiaracina - Società Italiana di Tabaccologia (SITAB) Margherita Neri - Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO) Giuseppe Reale, Responsabile UOSD-Riabilitazione respiratoria Salus Claudio M. Sanguinetti – Ass.Scientifica Interdisciplinare Studio delle Mal.Respiratorie (AIMAR) Albino Sini, Pneumologo Gli organi dellAssociazione

4 Numeri della BPCO La BPCO colpisce Nel mondo: 250 persone ogni ora, 210 milioni di persone In Italia:3 milioni circa decessi nel 2006, pari a 0, persone in ossigenoterapia in ventilazione assistita Nel 2030 secondo i dati (WHO), riportati nellEFA Book edito da M. Franchi, sarà la terza causa di morte nel mondo e nel 2020 la quinta causa in termini di disabilità e qualità di vita

5 Numeri della BPCO nel Lazio 6500 persone in ossigenoterapia 2000 persone in ventilazione assistita UTIR a Roma - Posti esistenti Osp. San Filippo Neri 5 Unità Osp. San Camillo-Forlanini 9 Unità Osp. Cristo Re (sub) 3 Unità

6 Carta dei Diritti del Paziente BPCO approvata il 14 giugno 2009 dalla Prima Conferenza Mondiale dei Pazienti BPCO 1.Il diritto di ricevere una diagnosi precoce e accurata 2.Il diritto di ricevere informazioni e educazione sulla malattia 3.Il diritto di essere supportati e compresi assistenza sanitaria 4.Il diritto di ricevere un trattamento ed una assistenza sanitaria che migliori le condizioni di salute

7 Carta dei Diritti del Paziente BPCO 5.Il diritto alla solidarietà ed ad un equo intervento da parte della società per lassistenza e per il trattamento 6.Il diritto di promuovere insieme ad altri pazienti e sostenitori iniziative per la prevenzione ed il trattamento della BPCO 7.Il diritto ad unaria ed ad un ambiente sicuri

8 Esigenze del Paziente BPCO -Trattamento corrispondente ai progressi scientifici ed etici -Educazione del Paziente -Riabilitazione respiratoria -Continuità dellassistenza socio-sanitaria -Costituzione di una rete di strutture di assistenza omogeneamente distribuita su tutto il territorio italiano che assicuri la prevenzione, il trattamento in emergenza (UTIR), in acuto (UO Pneumologiche), nel post-acuto (UO di Riabilitazione respiratoria) e sul territorio (presidi ambulatoriali gestiti in collaborazione con i MMG)

9 Cosa richiede il Paziente BPCO Competenza Ricerca costante di qualità Efficacia dei trattamenti Appropriatezza di cure Rapporto di fiducia con gli operatori Migliore assistenza medica e infermieristica e personalizzata Supporto psicologico Conforto religioso Privacy

10 Legge n. 40, 24 febbraio 2005 Disciplina lattività del Servizio Sanitario e prescrive un nuovo modello organizzativo Art.4 Riguarda il percorso assistenziale, che prevede tra i servizi sanitari territoriali, i MMG, le aziende sanitarie, procedure che devono garantire: il coordinamento lintegrazione loperatività in rete dei servizi ospedalieri il coinvolgimento dei medici

11 Piano Sanitario Nazionale 2010/2012 BPCO terza causa di morte in Italia, sottotrattata e sottodiagnosticata Fattori di rischio individuali (genetici, legati alla familiarità ecc…) Fattori di rischio ambientali (fumo di sigaretta, esposizione professionale, inquinamento atmosferico outdoor e indoor, condizioni sociali, dieta, infezioni)

12 Piano Sanitario Nazionale 2010/2012 Piano Sanitario Nazionale ha riconosciuto impatto epidemiologico della malattia e la necessità della prevenzione: Primaria: Primaria: lotta al fumo e agli inquinanti presenti negli ambienti di vita e di lavoro Secondaria: Secondaria: -diagnosi precoce (attraverso la spirometria) -informazione -continuità della presa in carico

13 Piano Sanitario Nazionale 2010/2012 Prevenzione: Obiettivi 1.Individuare screening di popolazione per identificazione precoce di patologie respiratorie secondo criteri di appropriatezza 2.Predisporre protocolli terapeutici per controllo dei fattori di rischio e utilizzo dei farmaci (ossigenoterapia) 3.Definire percorsi diagnostico-terapeutici- riabilitativi 4.Valutare una rete assistenziale in ogni Regione per acuzie e cronicità con criteri di standardizzazione e razionalizzazione

14 Il Piano Nazionale di Prevenzione e le malattie respiratorie croniche Giuseppe Filippetti Roma, 4 maggio 2011

15 PNP Approvato con lIntesa tra Stato, Regioni e PA stipulata il 29 aprile 2010 Documento sulla base del quale: le Regioni adottano, con Delibera di Giunta Regionale, i Piani regionali di prevenzione (PRP) entro il 31 dicembre 2010;

16 Le novità del nuovo PNP 1. Una nuova visione della prevenzione 2. Una nuova enfasi allutilizzo dei dati 3. Un riferimento esplicito (vincolante ai fini della certificazione) ai sistemi di sorveglianza 4. Una nuova gestione della conoscenza 5. Un nuovo modo di pianificare 6. Una nuova Governance

17 Porre la persona al centro del progetto di salute (centralità della persona, non della malattia). continuumCostruire un continuum tra promozione della salute, individuazione del rischio, gestione della malattia e delle sue complicanze (logica del percorso) Ampliare linterlocuzione dai Dipartimenti di prevenzione a tutte le aree operative delle organizzazioni sanitarie (interdisciplinarietà) e extra-sanitarie (intersettorialità) come pre-requisito di qualsiasi continuità nella presa in carico Una nuova visione della prevenzione

18 I Piani regionali e le malattie respiratorie croniche Le regioni che hanno previsto un programma nell ambito delle MRC sono: Sicilia Lombardia Toscana PA di Trento

19 Conclusioni Per garantire un successo delliniziativa e apportare processi di miglioramento nellassistenza sanitaria è fondamentale la condivisione e la collaborazione di tutte le parti interessate, Istituzioni, Servizi Sanitari, Società Scientifiche.

20 Conclusioni Senza trascurare il ruolo fondamentale dellAssociazione Italiana Pazienti BPCO nello sviluppare programmi di prevenzione con campagne di sensibilizzazione, informazione, educazione del paziente, dei familiari e caregiver. La nostra Associazione fa parte del Progetto GARD Italia: Continuità assistenziale Fumo ed ambiente domestico Sviluppi di medicina predittiva nellambito delle malattie respiratorie.

21 Conclusioni 2011: Riconoscere limpatto sociale delle malattie respiratorie e allergicheSenzafiato...manonsoli Sede Operativa: Via Cassia Roma - Tel Fax Sede Legale: c/o Unità O. C. di Pneumologia A. C. O. San Filippo Neri, Via G. Martinotti Roma Il 5 per tutelare i tuoi diritti Il 5 per tutelare i tuoi diritti Associazione Italiana Pazienti BPCO Onlus Codice Fiscale ww.pazientibpco.it


Scaricare ppt "Senzafiato...manonsoli 2011: Riconoscere limpatto sociale delle malattie respiratorie e allergicheSenzafiato...manonsoli Tavola Rotonda La Pneumologia."

Presentazioni simili


Annunci Google