La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Valutazione e certificazione delle competenze nei percorsi di alternanza scuola e lavoro, alla luce del D.Lgs 24 marzo 2005. Valutazione tradizionale o.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Valutazione e certificazione delle competenze nei percorsi di alternanza scuola e lavoro, alla luce del D.Lgs 24 marzo 2005. Valutazione tradizionale o."— Transcript della presentazione:

1 Valutazione e certificazione delle competenze nei percorsi di alternanza scuola e lavoro, alla luce del D.Lgs 24 marzo Valutazione tradizionale o Valutazione autentica ?

2 Schema D.Lgs approvato dal CdM il 24 marzo Ambito di applicazione Art. 1 …Gli studenti che hanno compiuto il 15° anno di età, salva restando la possibilità di espletamento del diritto dovere con il contratto di apprendistato ai sensi dellart. 48 del d.lgs 10/9/03 n. 276, possono presentare la richiesta di svolgere, con la predetta modalità e nei limiti delle risorse di cui allart. 9, comma 1, lintera formazione dai 15 ai 18 anni o parte di essa, attraveso lalternaza di periodi di studio e di lavoro, sotto la responsabilità dellistituzione scolastica o formativa…

3 Schema D.Lgs approvato dal CdM il 24 marzo 2005 Realizzazione dei percorsi in alternanza Art. 3, comma 2 : … ai fini dello sviluppo, nelle diverse realtà territoriali, dei percorsi di cui allart. 1 che rispondano a criteri di qualità sotto il profilo educativo ed ai fini del monitoraggio e della valutazione è istituito, a livello nazionale, un apposito Comitato… Nel Comitato sono rappresentati i soggetti istituzionali interessati: Camere di commercio, rappresentanti delle organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro. Per la valutazione dei percorsi, il Comitato si coordina con lINVALSI.

4 Schema D.Lgs approvato dal CdM il 24 marzo 2005 Art. 3, comma 3, punto (e : … previa intesa in sede di Conferenza unificata e sulla base delle indicazioni del Comitato, è definito tra laltro il modello di certificazione per la spendibilità a livello nazionale delle competenze e per il riconoscimento dei crediti.

5 Schema D.Lgs approvato dal CdM il 24 marzo Funzione tutoriale Art. 5, comma 2 Il docente tutor interno, designato dallistituzione scolastica o formativa tra coloro che, avendone fatto richiesta, possiedono titoli documentabili e certificabili, svolge il ruolo di assistenza e guida degli studenti che seguono percorsi in alternanza e verifica, con la collaborazione del tutor esterno di cui al comma 3, il corretto svolgimento del percorso in alternanza.

6 Schema D.Lgs approvato dal CdM il 24 marzo Funzione tutoriale Art. 5, comma 3 Il tutor formativo esterno, […] favorisce linserimento dello studente nel contesto operativo, lo assiste nel percorso di formazione sul lavoro e fornisce allistituzione scolastica o formativa ogni elemento atto a verificare e valutare le attività dello studente e lefficacia dei processi formativi. Lo svolgimento dei predetti compiti non deve comportare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica

7 Schema D.Lgs approvato dal CdM il 24 marzo Valutazione, certificazione e riconoscimento dei crediti Art I percorsi in alternanza sono oggetto di verifica e valutazione da parte delle istituzione scolastica o formativa. 2. Fermo restando quanto previsto allarticolo 4 della legge 28 marzo 2003, n. 53 e delle norme vigenti in materia, listituzione scolastica o formativa, tenuto conto delle indicazioni fornite dal tutor formativo esterno, valuta gli apprendimenti degli studenti in alternanza e certifica, sulla base del modello di cui allart. 3, comma 3, lett. E, le competenze da essi acquisite, che costituiscono crediti, sia ai fini della prosecuzione del percorso scolastico o formativo per il conseguimento del diploma o della qualifica, sia per gli eventuali passaggi tra i sistemi ivi compresa leventuale transizione nei percorsi di apprendistato.

8 Schema D.Lgs approvato dal CdM il 24 marzo Valutazione, certificazione e riconoscimento dei crediti Art La valutazione e la certificazione delle competenze acquisite dai disabili che frequentano i percorsi in alternanza sono effettuate a norma della legge 5 febbraio 1992, n. 104, con lobiettivo prioritario di riconoscerne e valorizzarne il potenziale, anche ai fini delloccupabilità. 4. Le istituzioni scolastiche o formative rilasciano, a conclusione dei percorsi in alternanza, in aggiunta alla certificazione prevista dallart.3, comma 1 lett. a) della legge 53/2003, una certificazione relativa alle competenze acquisite nei periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro.

9 Valutazione tradizionale o autentica ? Il movimento di pensiero Authentic assessment fa uso di forme di valutazione degli apprendimenti più vicine alla realtà rispetto ai test tradizionali e ritenuti più capaci di incidere nella sfera dellautoformazione dello studente. La valutazione autentica o alternativa non condivide quella tradizionale, basata sulle prove oggettive di verifica. Il suo limite più evidente sta nel fatto che riesce a valutare ciò che un ragazzo sa, ma non coglie la costruzione e lo sviluppo attraverso cui lalunno giunge alla conoscenza e neppure la reale capacità di applicazione, in una determinata situazione, di quanto appreso.

10 Grant Wiggins e la scuola americana La valutazione è autentica quando analizziamo la prestazione di uno studente in compiti intellettuali significativi e reali. La valutazione di tipo tradizionale invece si basa su prove sostitutive dalle quali pensiamo di potere trarre informazioni valide sulle prestazioni degli studenti in relazione a compiti impegnativi

11 Scopo della valutazione autentica Sin dalla seconda metà degli anni 90, i sostenitori della valutazione autentica si pongono il compito di verificare le abilità degli studenti in progetti operativi reali, mettendo (autenticamente) gli studenti in condizione di dare prova delle competenze cognitive e metacognitive acquisite. Con questa forma di valutazione alternativa si intende verificare non solo ciò che lo studente sa, ma ciò che sa fare con le risorse intellettuali di cui dispone.

12 Valutazione tradizionale e autentica: i compiti della scuola e dei docenti Valutazione tradizionale La scuola deve fare acquisire agli alunni il bagaglio di conoscenze e abilità stabilite nel curriculo. Gli alunni devono acquisire conoscenze e abilità. I docenti devono verificare con prove oggettive se gli studenti sanno e valutare di conseguenza. La conoscenza è costituita dal curriculo da cui si parte per somministrare gli strumenti della valutazione Valutazione autentica La scuola deve costruire un curriculo per far maturare negli studenti le competenze necessarie allo svolgimento di compiti reali. Gli studenti devono sapere svolgere compiti significativi in contesti reali. I docenti fissano le prestazioni che gli studenti dovranno effettuare per dimostrare le loro capacità e su questa base si costruisce il curriculo, che diventa mezzo per lo sviluppo della competenza richiesta per assolvere ad un compito.

13 Strumenti per la valutazione autentica Altri strumenti per valutare Diario informale Raccolte documentali Checklist per registrare i progressi degli alunni Prodotti degli studenti (raccolti in dossier) Portfolio dello studente, sperimentato nelle scuole secondarie di secondo grado attraversollart. 6 del DPR 275 del 1999.

14 Valutazione autentica e portfolio dello studente Le funzioni: certificativa, formativa e documentativa La AA lo contrappone ai tradizionali strumenti di verifica, perché valorizza sia il processo che il prodotto della formazione E possibile valutare Prestazioni finali Processi Strategie messe in atto Progressi compiuti in un preciso contesto Consente al docente una valutazione in itinere Lo studente è portato alla autovalutazione


Scaricare ppt "Valutazione e certificazione delle competenze nei percorsi di alternanza scuola e lavoro, alla luce del D.Lgs 24 marzo 2005. Valutazione tradizionale o."

Presentazioni simili


Annunci Google