La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Comitato metodologie 9 luglio 2010 Piano di utilizzo delle risorse metodologiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Comitato metodologie 9 luglio 2010 Piano di utilizzo delle risorse metodologiche."— Transcript della presentazione:

1 Comitato metodologie 9 luglio 2010 Piano di utilizzo delle risorse metodologiche

2 Piano annuale degli investimenti metodologici Per la prima volta, per il 2010 è stato approntato il Piano del fabbisogno metodologico e di utilizzo delle risorse della DCMT. Il Piano è, per questo primo anno, limitato allimpiego delle sole risorse della DCMT. A partire dal 2011, il Piano riguarderà il complesso dellIstituto, e sarà compito della Rete (in particolare del Comitato metodologie) provvedere alla sua stesura. Il Comitato metodologie deve valutare ladeguatezza dellimpianto del Piano 2010 ai fini dellapprontamento dei piani relativi agli anni successivi. Il Piano 2011 deve essere steso entro la fine di questo anno.

3 Piano annuale 2010: linee guida e impianto generale Il Piano del fabbisogno metodologico e di utilizzo delle risorse della DCMT intende porre a confronto, da una parte, la domanda di innovazione espressa allinterno ed allesterno dellIstituto, dallaltra, lofferta, espressa in termini di risorse (solo DCMT) effettivamente impiegate per darvi risposta. Le finalità complessive del piano sono quelle di garantire la standardizzazione dei metodi e degli strumenti; lottimizzazione dellutilizzo dellinformazione esistente; laumento dellaccesso ai dati statistici.

4 Caratterizzazione della domanda La domanda di risorse metodologiche è caratterizzata secondo diversi distinti parametri: 1.la fonte (interna o esterna allIstituto); 2.le macrofasi del Generic Statistical Business Process Model a cui si riferisce; 3.la tipologia dellintervento: ricerca e sviluppo, o supporto.

5 Fonte della domanda Per quanto riguarda la fonte, distinguiamo tra domanda 1.interna: il complesso di azioni di ricerca e supporto richiesto dalle Direzioni di produzione dellIstituto, ma anche dal mandato di approfondito di particolari tematiche, assegnato a unità metodologiche specifiche (trasversali); 2.esterna: relativa a ricerca e sviluppo sollecitati dal complesso del Sistema Statistico Europeo (DIME, ESSC, Sponsorship, Task Force e Working Group), e dalle richieste di supporto di Istituti con cui abbiamo rapporti di cooperazione.

6 Macrofasi del GSBPM connessi alluso di metodologie Macrofase Progettazione dellindagine (Design) - sottoprocesso 2.3: metodologia di raccolta dati - sottoprocesso 2.4: metodologia di campionamento (definizione del frame e del disegno campionario) - sottoprocesso 2.5: aspetti metodologici di elaborazione ed analisi dei dati Macrofase Raccolta dei dati (Build, Collect) - sottoprocesso 3.1: sviluppo strumenti di raccolta - sottoprocesso 4.1: selezione del campione Macrofase Trattamento ed elaborazione dati (Process) - sottoprocesso 5.1: integrazione dei dati da una o più fonti - sottoprocesso 5.2: classificazione e codifica dei dati - sottoprocesso 5.3: revisione e validazione dei dati - sottoprocesso 5.4: imputazione dei dati - sottoprocesso 5.6: calcolo dei pesi - sottoprocesso 5.7: calcolo di aggregati e stime di interesse Macrofase Analisi, diffusione e valutazione (Analyse, Disseminate, Evaluate) - sottoprocesso 6.2: validazione delloutput

7 Domanda interna di supporto: Distribuzione degli obiettivi e delle risorse del PAA 2010 secondo la fase del processo e il tipo di attività N. obiettivi PA A Impieghi (anni/uomo) Supporto Ricerca e Sviluppo Personale aggiunti vo richiesto TOTALE Obiettivi inquadrabili in ununica macrofase del GSBPM Progettazione dellindagine: disegni di campionamento per le indagini correnti e per nuove esigenze informative 36,802,709,50 Raccolta dei dati: progettazione e sviluppo degli strumenti di raccolta12,60 Trattamento ed elaborazione dati55,405,8011,20 Analisi, diffusione e valutazione: metodi, prodotti e servizi a supporto del rilascio di informazione statistica 46,502,950,509,95 Obiettivi non inquadrabili in un'unica macrofase del GSBPM Progettazione e gestione di indagini previste da regolamenti e normative nazionali o accordi convenzionali 23,202,505,70 Attività di ricerca e supporto in ambito internazionale e coordinamento di azioni prioritarie per il miglioramento dell'attività dell'Istat 31,951,002,95 TOTALE1826,4511,454,0041,90

8 Domanda interna di ricerca e sviluppo Sottoprocesso GSBPMAttività di ricerca e sviluppo Metodologie di campionamento (sottoprocesso 2.4) allocazione ottimale del campione nei piccoli domini e studio di metodi di allocazione delle unità campionarie per disegni che adottano una stratificazione incompleta allocazione campionaria ottima applicabile a indagini multistadio (ed estensione delle funzionalità del software generalizzato MAUSS) selezione coordinata dei campioni (con sperimentazione e messa a punto del relativo software generalizzato) Integrazione dei dati (sottoprocesso 5.1) microintegrazione dei dati integrazione di nuovi metodi di record linkage nel sistema generalizzato RELAIS statistical matching Controllo e correzione dei dati (sottoprocessi 5.3/5.4) editing selettivo per le indagini sulle imprese (e sviluppo di un prototipo di strumento generalizzato) Calcolo dei pesi, delle stime campionarie e dei relativi errori (sottoprocessi 5.6/5.7) valutazione della varianza delle stime in presenza di mancata risposta parziale e totale (e messa a punto di una nuova versione di GENESEES) stima per le indagini ripetute nel tempo con parziale o totale sovrapposizione del campione; stima per piccole aree Valutazione del rischio di violazione della riservatezza per dati elementari ed aggregati, e misure a sua tutela (sottoprocesso 6.4). metodologie per la stima del rischio di violazione della riservatezza per dati su individui e famiglie; metodologie per la stima del rischio di violazione della riservatezza per dati in ambito economico

9 Domanda esterna di supporto Nella domanda esterna di attività di supporto si fanno rientrare le richieste avanzate da altri enti pubblici italiani (citiamo il Ministero per la Pubblica Amministrazione e lInnovazione, che richiede il supporto metodologico ed anche operativo nella conduzione dellindagine sulla Misurazione degli Oneri Amministrativi) quelle che rientrano nelle attività di cooperazione con altri Istituti nazionali di statistica (citiamo la Bosnia, lAlbania, il Kosovo, lAlgeria e Tunisia). Limpegno nellattività di cooperazione internazionale dei ricercatori della DCMT è stato nel 2009 equivalente a circa 0.75 anni-uomo ed è previsto pari a circa 5 mesi-uomo per il primo semestre del 2010.

10 Domanda esterna di ricerca e sviluppo Progetto Macrofasi Progettazione dellindagineRaccolta dei datiTrattamento ed elaborazione dati Analisi, diffusione e valutazione Progettazione metodologia raccolta dati Progettazione della metodologia di campionamento e degli aspetti metodologici di di elaborazione e analisi dei dati Sviluppo strumenti per la raccolta dati Selezione del campione Integrazione dei dati Revisione, validazione e imputazione dei dati Calcolo pesi, calcolo aggregati e stime di interesse Controllo del rischio di violazione della riservatezza Accuracy (Labour Force e Information Society) X Non response (HBS)XX Revisione del Regolamento CE 831/2002 X Statistical Confidentiality X Decentralised access to EU microdata X Small Area EstimationXX Data IntegrationXX MEETS Blue-ETSXXX MEETS methodologyXXXXXX Data AnalysisXXXXX StandardisationXXXXXX Harmonised methodology for SDC X Remote AccessX

11 Offerta: gli obiettivi del PAA 2010 A fronte della ricognizione del fabbisogno di supporto metodologico delle Direzioni di produzione, rappresentato nel paragrafo 2, e della domanda, interna ed esterna, di ricerca e sviluppo su temi e metodi per le indagini statistiche, nel PAA 2010 della DCMT sono stati programmati 18 obiettivi riconducibili prevalentemente a tematiche di ambito metodologico, per un impegno di personale previsto per poco meno di 38 anni/uomo.

12 Piano annuale investimenti metodologici 2011 Il Comitato ha il compito di facilitare la stesura del piano richiesto dalla Presidenza Il piano sulle priorità di utilizzo degli esperti di metodologie deve essere condiviso tra le strutture tecniche Le finalità complessive del piano sono quelle di garantire: - la standardizzazione dei metodi e degli strumenti; - lottimizzazione dellutilizzo dellinformazione esistente; - laumento dellaccesso ai dati statistici.

13 Piano annuale investimenti metodologici 2011 Documenti utili alla predisposizione: a)Piano della DCMT per il 2010 b)Presenza nel PST di obiettivi di tipo Investimento metodologico che prevedono limpegno di risorse con competenze metodologiche


Scaricare ppt "Comitato metodologie 9 luglio 2010 Piano di utilizzo delle risorse metodologiche."

Presentazioni simili


Annunci Google