La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Musei, educazione e comunicazione Lidia Falomo Dipartimento di Fisica Volta Università di Pavia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Musei, educazione e comunicazione Lidia Falomo Dipartimento di Fisica Volta Università di Pavia."— Transcript della presentazione:

1 Musei, educazione e comunicazione Lidia Falomo Dipartimento di Fisica Volta Università di Pavia

2 Evoluzione della definizione di museo ICOM (Consiglio internazionale dei musei): 1951: il museo è listituzione che conserva, studia, valorizza e essenzialmente espone un insieme di elementi di valore culturale per il diletto. I beni di cui il museo si fa carico sono le collezioni di oggetti artistici, storici, scientifici e tecnici, giardini botanici e zoologici, acquari Attenzione particolarmente rivolta al patrimonio/tutela e alla esposizione

3 Evoluzione della definizione di museo ICOM (Consiglio internazionale dei musei): 2001 (2004*): Il museo è unistituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo. È aperto al pubblico e compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali* dellumanità e del suo ambiente; le acquisisce, le conserva, le comunica e, soprattutto, le espone a fini di studio, educazione e diletto Maggiore apertura verso la società, i bisogni e le aspettative dei visitatori e ad una crescente attenzione verso gli aspetti comunicativi ed educativi

4 Professioni museali Alle figure classiche di esperti museali, come i curatori delle collezioni, si affiancano, e vengono professionalmente riconosciuti, gli esperti di didattica, o, meglio, di apprendimento museale e, più recentemente, gli esperti di informatica e comunicazione Carta nazionale delle professioni museali

5 Museo come istituzione educativa Stabilito che tra gli scopi dei musei sempre più importanza viene attribuita agli aspetti educativi, A quale teoria educativa ci si riferisce oggi?

6 Visitatori al centro dellattenzione Spostamento dellattenzione dal museo e dal suo modo di trasferire la conoscenza ai processi di apprendimento dei visitatori Educatore museale come facilitatore dellapprendimento

7 Dalla didattica allapprendimento DidatticaApprendimento Sistema didatticoPersone, visitatori, fruitori, studenti Sistemi di trasmissione didatticaValori, desideri, stili di apprendimento preferiti ProdottiProcessi di apprendimento GestioneFacilitazione, abilitazione Personale e problematiche del museo Fruitori del museo Eliean Hooper-Greenhill, Musei: didattica, apprendimento ed edutainment

8 Caratteri distintivi del processo educativo museale Ambiente di apprendimento speciale – Informale, coinvolgente, divertente Enfasi sulle componenti attive e collaborative del processo di apprendimento – Strategie di problem solving, exhibit interattivi Oggetto originale come documento – Contenitore di conoscenza, informazione, contesto

9 La visita al museo è più efficace se preceduta e seguita da un lavoro svolto individualmente o in classe – Materiali a disposizione dei visitatori e interazione- collaborazione via web – Corsi di aggiornamento per insegnanti Museo come risorsa – Oggetti originali, exhibit, laboratori, sito internet

10 Musei e web Metà anni 90 – Comparsa musei virtuali Brochure elettroniche Promozione a bassi costi Turismo culturale Pochissima partecipazione (forum) » Esempio: ppp.unipv.it

11 Musei e web Primi anni 2000 – Web come fenomeno centrale per la divulgazione del patrimonio culturale Progetti di digitalizzazione Creazione di reti Primi progetti 3D » Es ppp.unipv.it/musei : Gabinetto di Fisica di Volta

12 Mostre temporanee

13

14 Musei e web Ultimi anni – Apertura ai visitatori: Facebook, YouTube, Flickr, piattaforme di blog (la blogosfera si allinea e rielabora i temi proposti dalle istituzioni) – 3D e prime applicazioni di realtà aumentata Come partecipano i visitatori?

15 Modelli di partecipazione – Contributivo Visitatori spinti a fornire contributi allinterno di un processo controllato e gestito dallistituzione – Collaborativo Visitatori come partner attivi nella costruzione di un progetto ancora controllato dallistituzione – Co-creativo Visitatori e istituzione lavorano insieme, dalla progettazione agli obiettivi del progetto, sulla base degli interessi e dei bisogni della comunità – Cooptativo Listituzione mette a disposizione di gruppi esterni mezzi e risorse per la realizzazione di progetti Nina Simon

16 Tipologie di visitatori Autori – Creatori di contenuti Recensori – Commentatori, che votano e taggano Spettatori – Fruitori passivi del contenuto Nina Simon

17 Esempi

18 Musei e realtà aumentata http ://

19


Scaricare ppt "Musei, educazione e comunicazione Lidia Falomo Dipartimento di Fisica Volta Università di Pavia."

Presentazioni simili


Annunci Google