La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Edvard Munch “il fotografo dell’anima”

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Edvard Munch “il fotografo dell’anima”"— Transcript della presentazione:

1 Edvard Munch “il fotografo dell’anima”
Loten, 12 dicembre 1863 – Ekely, 23 gennaio 1944 “il fotografo dell’anima”

2 Edvard Munch ( ) è senz’altro il pittore che più di ogni altro anticipa l’espressionismo, soprattutto in ambito tedesco e nord-europeo. Egli nacque in Norvegia e svolse la sua attività soprattutto ad Oslo. In una città che, in realtà, era estranea ai grandi circuiti artistici che, in quegli anni, gravitavano soprattutto su Parigi e sulle altre capitali del centro Europa. Nella pittura di Munch troviamo anticipati tutti i grandi temi del successivo espressionismo: dall’angoscia esistenziale alla crisi dei valori etici e religiosi, dalla solitudine umana all’incombere della morte, dalla incertezza del futuro alla disumanizzazione di una società borghese e militarista. Edvard Munch è il pittore dell'angoscia: gli unici temi che lo interessano sono la passione, la vita e la morte. L'ombra di questa lo accompagnerà lungo l'arco della sua intera esistenza: muore la madre, mentre è ancora bambino e, adolescente, assiste alla morte della giovane sorella, logorata dalla tisi.

3 Iniziò a studiare pittura a diciasette anni, nel 1880
Iniziò a studiare pittura a diciasette anni, nel Dopo un soggiorno a Parigi, dove ebbe modo di conoscere la pittura impressionista, nel 1892 espose a Berlino una cinquantina di suoi dipinti. Ma la mostra fu duramente stroncata dalla critica. Egli, tuttavia, divenne molto seguito ed apprezzato dai giovani pittori delle avanguardie. Espose nelle loro mostre, compresa la celebre Secessione di Vienna del 1899. Il sorgere dell’espressionismo rese sempre più comprensibile la sua opera e al pari degli altri pittori espressionisti fu anche egli perseguitato dal regime nazista che dichiarò la sua opera «arte degenerata». 82 sue opere presenti nei musei tedeschi vennero vendute. Egli morì in piena guerra, nel 1944, presso Oslo, lasciando tutte le sue opere al municipio della città.

4 Pubertà, 1884, olio su tela, 151 x 110 cm, Oslo, Nasjonalgalleriet
La figura della ragazza nuda, seduta sul bordo del letto, è una delle più famose della produzione di Munch. Non vi è alcun compiacimento sensuale in questo nudo, anzi, l’immagine trasmette, ad uno sguardo più attento, un intenso sentimento di angoscia. Il nudo, in questo caso, è allegoria di condizione indifesa, soprattutto da parte di chi è ancora giovane ed acerbo, nei confronti dei destini della vita. E che ognuno ha un destino che lo aspetta, in questo quadro è simboleggiato dall’ombra che la ragazza proietta sulla parete. Non è un’ombra naturale, ma un grumo nero come un fantasma che si materializza dietro di noi, senza che possiamo evitarlo: è un po’ il simbolo di tutti i dolori che attendono chi vive.

5 Sera a Karl Johan 1892 olio su tela, 84
Sera a Karl Johan 1892 olio su tela, 84.5x121 cm Rasmus Meyer Collection, Bergen La passeggiata lungo un viale cittadino di Oslo è occasione per Munch di mostrare cosa egli pensa dei cittadini borghesi in genere: un’umanità spiritualmente vuota che come zombi vive senza realmente vivere. Il quadro ha un’atmosfera anche gradevole, con i suoi toni saturi che rendono efficacemente la suggestione dell’ora serale, e ciò crea un contrasto ancora più stridente con l’immagine cadaverica dei passanti che, più che passeggiare, sembra stiano seguendo un funerale.

6 Per Munch eros e morte sono la stessa cosa.
Madonna olio su tela, 91x70,5 cm Oslo, Munch Museum Per Munch eros e morte sono la stessa cosa. Come dire che non può esistere piacere senza dolore, e tutto ciò che sembra farci felici, in realtà ci porta sempre sofferenza.

7 È ritenuto uno dei dipinti più scandalosi e dissacranti dell’intera storia dell’arte: la dolce figura femminile della Madonna dell'iconografia cattolica è sparita. Munch ha dipinto al suo posto il nudo sensuale di una donna perduta nell'eccesso sessuale, il cui corpo sembra fluttuare in uno spazio vago e fluido. La visione della donna divoratrice, presente in altri suoi dipinti, è qui unita alla sua capacità di generare una nuova vita; la donna è infatti mostrata sia al culmine dell'atto sessuale sia nel momento del concepimento. La posa frontale, la prospettiva dal basso, il ventre inarcato in primo piano, l'espressione estatica del viso raffigurato nel momento dell'orgasmo, accentuano l'impressione che la donna sia colta dal punto di vista del partner sessuale disteso in orizzontale. Inquietante e seducente, la figura emana una provocante carica erotica, ma anche un sottile senso di dolore e di morte nei colori cupi, nei capelli neri, nelle scure profondità degli occhi infossati, nel sorriso cadaverico. Anche il più cristiano degli attributi religiosi, l'aureola, anziché essere dipinto con il colore che simboleggia la manifestazione divina (il giallo-oro di origine paleocristiana), presenta il più carnale e passionale dei colori, il rosso, unica nota cromatica dell'intero quadro.

8 Madonna 1894-95 litografia, 60,5x44,2 cm Oslo, Nasjonalgalleriet

9 La visione pessimistica dell’artista viene accentuata nella prima versione del quadro, dove la figura della Madonna non è inquadrata da una decorazione di fiori bianchi (simboli di castità e purezza), ma di serpeggianti spermatozoi, allusione al fatto che vita e morte, piacere e dolore sono indissolubilmente connessi. In basso, infatti, appare il feto di un bambino che, sebbene non ancora nato, porta già impressa la morte nel volto da teschio, quasi a voler suggerire l’inutilità della vita, e, soprattutto, l’inutilità del sacrifico di Gesù per alleviare i mali del mondo. Quando il dipinto venne esposto al pubblico, la mostra venne subito chiusa per volere delle autorità berlinesi; ciò determinerà la Secessione artistica berlinese e, poco dopo, la nascita delle avanguardie espressioniste tedesche.

10 L’urlo 1893 olio, tempera e pastello su cartone, 91x73,5 cm, Oslo, Nasjonalgalleriet

11 “Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò
Questo è senz’altro il quadro più celebre di Munch ed, in assoluto, uno dei più famosi dell’espressionismo nordico. In esso è condensato tutto il rapporto angoscioso che l’artista avverte nei confronti della vita. Lo spunto del quadro lo troviamo descritto nel suo diario: “Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò il cielo si tinse all’improvviso di rosso sangue mi fermai, mi appoggiai stanco morto a un recinto sul fiordo nerazzurro e sulla città c’erano sangue e lingue di fuoco i miei amici continuavano a camminare e io tremavo ancora di paura e sentivo che un grande urlo infinito pervadeva la natura”. Lo spunto è quindi decisamente autobiografico. L’uomo in primo piano che urla è l’artista stesso. Tuttavia, al di là della sua relativa occasionalità, il quadro ha una indubbia capacità di trasmettere sensazioni universali. E ciò soprattutto per il suo crudo stile pittorico.

12 Il quadro presenta, in primo piano, l’uomo che urla
Il quadro presenta, in primo piano, l’uomo che urla. Lo taglia in diagonale il parapetto del ponte visto in fuga verso sinistra. Sulla destra vi è invece un innaturale paesaggio, desolato e poco accogliente. In alto il cielo è striato di un rosso molto drammatico. L’uomo è rappresentato in maniera molto visionaria. Ha un aspetto sinuoso e molle. Più che ad un corpo, fa pensare ad uno spirito. La testa è completamente calva come un teschio ricoperto da una pelle mummificata. Gli occhi hanno uno sguardo allucinato e terrorizzato. Il naso è quasi assente, mentre la bocca si apre in uno spasmo innaturale. L’ovale della bocca è il vero centro compositivo del quadro. Da esso le onde sonore del grido mettono in movimento tutto il quadro: agitano sia il corpo dell’uomo sia le onde che definiscono il paesaggio e il cielo.

13 Restano diritti solo il ponte e le sagome dei due uomini sullo sfondo
Restano diritti solo il ponte e le sagome dei due uomini sullo sfondo. Sono sordi ed impassibili all’urlo che proviene dall’anima dell’uomo. Sono gli amici del pittore, incuranti della sua angoscia, a testimonianza della falsità dei rapporti umani. L’urlo di questo quadro è una intesa esplosione di energia psichica. È tutta l’angoscia che si racchiude in uno spirito tormentato che vuole esplodere in un grido liberatorio. Ma nel quadro non c’è alcun elemento che induca a credere alla liberazione consolatoria. L’urlo rimane solo un grido sordo che non può essere avvertito dagli altri ma rappresenta tutto il dolore che vorrebbe uscire da noi, senza mai riuscirci.


Scaricare ppt "Edvard Munch “il fotografo dell’anima”"

Presentazioni simili


Annunci Google