La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SCHEMA DIMPRESA RILEVAZIONE CONTABILE IL MOMENTO DELLA RILEVAZIONE IL CONTO COME STRUMENTO DI RILEVAZIONE LE REGOLE DI RILEVAZIONE (SP-CE) ESEMPI DI RILEVAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SCHEMA DIMPRESA RILEVAZIONE CONTABILE IL MOMENTO DELLA RILEVAZIONE IL CONTO COME STRUMENTO DI RILEVAZIONE LE REGOLE DI RILEVAZIONE (SP-CE) ESEMPI DI RILEVAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 SCHEMA DIMPRESA RILEVAZIONE CONTABILE IL MOMENTO DELLA RILEVAZIONE IL CONTO COME STRUMENTO DI RILEVAZIONE LE REGOLE DI RILEVAZIONE (SP-CE) ESEMPI DI RILEVAZIONE ACQUISTI E VENDITE DI MERCI CREDITI E DEBITI IVA INPUT TRASFORMAZIONE OUTPUT

2 APPROCCIO ALLA CONTABILITA MEDIANTE IL MODELLO: INPUT - TRASFORMAZIONE - OUTPUT SISTEMA APERTO IMPRESA TRASFORMAZIONE: (Incremento dellutilità degli input) 1)Materiale 2)Nello spazio 3)Nel tempo FornitoriClienti INPUTOUTPUT Fattori produttivi Beni e/o Servizi (costi) (ricavi) Iva a credito Iva a debito Soldi debiti Soldi crediti Aspetto tecnico Aspetto finanziario Aspetto economico input – trasformazione - output

3 IL MOMENTO DELLA RILEVAZIONE... Quando avviene la rilevazione? La rilevazione dei valori dimpresa avviene nel momento della fatturazione, cioè nel momento della variazione di moneta o di credito numerario (M.M.C) input – trasformazione - output

4 IL CONTO COME STRUMENTO DI RILEVAZIONE I valori derivanti dallo scambio si rilevano in prospetti a 2 sezioni o colonne, contraddistinte dai segni (+) e (-). Le sezioni del conto sono contrassegnate dal segno + dove troviamo gli input, e dal segno – dove troviamo gli output, oppure dalle espressioni DARE e AVERE. CONTO DARE (+)AVERE (-) INPUTOUTPUT input – trasformazione - output

5 I conti possono affluire o nello S.P o nel C.E STATO PATRIMONIALE DARE (+)AVERE (-) INPUT = AttivitàOUTPUT = Passività Ciò che è entrato o è destinato ad entrare Ciò che esce o è destinato ad uscire input – trasformazione - output

6 Lo Stato Patrimoniale però non spiega le cause economiche, perciò bisogna considerare il Conto Economico. CONTO ECONOMICO DARE (+) INPUT = Costi AVERE (-) OUTPUT = Ricavi input – trasformazione - output

7 METODO CONTABILE REGOLE DI RILEVAZIONE PARTITA DOPPIA S.P.C.E. + DARE ATTIVITA CREDITI DIM. DEBITI ENTRATE DI DENARO - AVERE PASSIVITA DEBITI DIM. CREDITI USCITE DI DENARO PATR. NETTO - AVERE OUTPUT RICAVI DIM. COSTI + DARE INPUT COSTI DIM. RICAVI

8 Esempi di rilevazioni contabili Si acquista merce per IVA 20%. Pagamento mediante cassa. Merci c/ acquisto (C.E.)IVA credito (S.P.)D.V.F. (S.P.) (1)20 (1) 120 (1) + - Cassa (S.P.) 120 (2) (1)= Si ha linput pari a 100, ed unuscita di denaro pari 120 sostituita momentaneamente dal D.V.F. Si ha lIva a credito perché stiamo acquistando, lIva è a carico del consumatore finale, quindi ho un credito e lo Stato dovrà restituirmi il denaro. (2) = Si ha unuscita di denaro pari a 120 e la chiusura del conto D.V.F. input – trasformazione - output

9 (2) + - Cassa (S.P.) 120 (1) Merci c/vendite (C.E.)Iva debito (S.P.)C.V.C. (S.P) 100 (1)20 (1)120 (2) Si vende merce per Iva 20 %. Riscossione mediante cassa. … Vendita … (1)= Si ha un output pari a 100, ed unentrata di denaro pari a 120, sostituita momentaneamente dal C.V.C. Si ha lIva a debito perché stiamo vendendo, in quanto sto riscuotendo qualcosa che non spetta a me riscuotere, e quindi che dovrò restituire. (2) = Si ha unentrata di denaro pari a 120 e la chiusura del conto C.V.C. input – trasformazione - output

10 CREDITI PROMEMORIA DI UN ENTRATA FUTURA DI DENARO DI REGOLAMENTO => INERENTI LE DILAZIONI DI PAGAMENTO DI FINANZIAMENTO => PRESTIAMO DEL DENARO DI REGOLAMENTO => INERENTI LE DILAZIONI DI PAGAMENTO DI FINANZIAMENTO => RIGUARDA UN PRESTITO DI DENARO DEBITI PROMEMORIA DI UN USCITA FUTURA DI DENARO input – trasformazione - output

11 IVA = IMPOSTA INDIRETTA COLPISCE UNA MANIFESTAZIONE DI RICCHEZZA PRESUPPOSTI : 1)OGGETTIVO = DEVE TRATTARSI DI ACQUISTI, VENDITE DI BENI E/O SERVIZI. 2)SOGGETTIVO = CHI VENDE DEVE ESSERE UN IMPRENDITORE. 3)TERRITORIALE = BENI E SERVIZI DEVONO ESSERE VENDUTI ALLINTERNO DEL TERRITORIO NAZIONALE. input – trasformazione - output

12 IVA CREDITODEBITO si ha negli acquisti: ho pagato denaro che non spetta a me pagare ma al consumatore finale quindi lo stato me lo restituirà si ha nelle vendite:ho riscosso denaro che non spetta a me ricevere, ma allo stato, quindi dovrò restituirglielo input – trasformazione - output

13 operazioni soggette ad iva => quelle che rispettano i tre presupposti imponibili (calcolo liva) non imponibili (esportazioni) esenti (per ragioni sociali non si paga liva) operazioni non soggette ad iva => quelle che non rispettano i 3 presupposti input – trasformazione - output

14 presentazione eseguita da: Bellemo Stefano Boscarato Claudio Malusa Guido Ravagnan Laura Vianello Daniele


Scaricare ppt "SCHEMA DIMPRESA RILEVAZIONE CONTABILE IL MOMENTO DELLA RILEVAZIONE IL CONTO COME STRUMENTO DI RILEVAZIONE LE REGOLE DI RILEVAZIONE (SP-CE) ESEMPI DI RILEVAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google