La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIREZIONE DIDATTICA 7° CIRCOLO DI MODENA REALIZZATO DAL TEAM DOCENTE DELLA SCUOLA DELLINFANZIA STATALE MONTEGRAPPA ANNO SCOLASTICO 2005/06 A CURA DELLINSEGNANTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIREZIONE DIDATTICA 7° CIRCOLO DI MODENA REALIZZATO DAL TEAM DOCENTE DELLA SCUOLA DELLINFANZIA STATALE MONTEGRAPPA ANNO SCOLASTICO 2005/06 A CURA DELLINSEGNANTE."— Transcript della presentazione:

1 DIREZIONE DIDATTICA 7° CIRCOLO DI MODENA REALIZZATO DAL TEAM DOCENTE DELLA SCUOLA DELLINFANZIA STATALE MONTEGRAPPA ANNO SCOLASTICO 2005/06 A CURA DELLINSEGNANTE FERRILLO ANNA MARIA RESPONSABILE DEL PROGETTO: ANGELA PICCININI PREMIO CITTÀ TALE PROGETTO HA PARTECIPATO AL CONCORSO PREMIO CITTÀ E COME TALE E STATO INOLTRATO AL: COMUNE DI MODENA GABINETTO DEL SINDACO UFFICIO POLITICHE DELLA SICUREZZA VIA SCUDARI N MODENA

2 AREA DI AZIONE IN CUI SI INSERISCE IL PROGETTO: - Uso civico degli spazi pubblici; - Miglioramento delle relazioni sociali, generazionali, interculturali. ALTRI SOGGETTI COINVOLTI NELLORGANIZZAZIONE/ATTUAZIONE DEL PROGETTO: -Vigile; -Genitori; -Personale addetto alle visite guidate ( Accademia, Teatro Comunale, Duomo). MATERIALE ALLEGATO ILLUSTRATIVO DEL PROGETTO: 1)Relazione illustrativa dellitinerario didattico; 2)Registrazione delle opinioni dei bambini; 3)Attività grafico-pittoriche, inerenti allitinerario didattico; 4)Cartellone esemplificativo delle proposte emerse; 5)Spiegazione dei giochi.

3 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLITINERARIO DIDATTICO Nellanno scolastico in corso è stato svolto un percorso didattico dal titolo A SPASSO PER LA CITTA finalizzato alla conoscenza degli spazi cittadini e alla ricerca di idee e proposte per migliorarli. Conoscere la città significa familiarizzare con elementi strutturali che la compongono: le case, i negozi, le strade, i parchi, i Musei, i Teatri, i monumenti ecc… Ripensare la città, o alcuni spazi di essa, significa crescere nelle consapevolezza di poter contribuire da cittadini di oggi e di domani, a migliorare il contesto sociale e ambientale nel quale viviamo. Si orienta in tale direzione, il percorso formativo che ha coinvolto, in diversi momenti di intersezione i bambini di tre, quattro, cinque anni, i loro genitori di origini e provenienze differenti, il team docente e altre figure professionali quali il vigile, alcuni negozianti e il personale addetto alle visite guidate al Teatro Comunale, in Duomo, e in Accademia. LItinerario didattico in corso di svolgimento si è articolato in diversi momenti fondamentali, arricchendosi via via con idee e spunti forniti da bambini e genitori, la cui attiva partecipazione ha indirizzato e orientato il progetto didattico. Il personaggio della Pimpa già ampiamente conosciuto dai bambini e utilizzato nella segnaletica collocata dallAmministrazione Comunale in vari punti della città, è stato scelto dalle insegnanti come personaggio fantastico, in grado di coinvolgere

4 I gruppi/sezione della scuola, nella conoscenza/scoperta della città. Inizialmente la Pimpa ha scritto una lettera ai bambini invitandoli a cercarla in tutti gli spazi della scuola, suggerendo una sorta di caccia al tesoro nei locali interni ed esterni. Quando finalmente è stata trovata in giardino sotto forma di pupazzo realizzato precedentemente dai genitori, ha suscitato il desiderio di conoscere la città partendo dal quartiere per poi spingersi oltre. LA PIMPA animata dalle insegnanti, ha inizialmente accompagnato i suoi amici nella visita al quartiere, dove hanno incontrato il vigile che ha ricordato le regole della strada, nei parchi cittadini, al Teatro, al Duomo, allAccademia, al museo. Il progetto didattico è poi proseguito raccogliendo idee e proposte da bambini e genitori al fine di apportare miglioramenti ad uno spazio cittadino. Si è deciso di prendere in considerazione unarea verde presente nel quartiere (antistante la scuola S. Giovanni Bosco), molto frequentata da bambini, anche di culture diverse.

5 I bambini e le bambine della scuola Montegrappa, insieme alle insegnanti si sono recati sul posto, hanno fotografato, osservato, riflettuto e avanzato una serie di proposte, per migliorare larea verde attraverso linstallazione di strutture/gioco che rendono piacevole e maggiormente fruibile lo spazio verde preso in esame. Le proposte, a nostro avviso, sono tuttavia trasferibili e adattabili ad una qualsiasi area verde presente in città. È stato poi chiesto ai bambini se fossero a conoscenza dei giochi che i loro genitori praticavano in cortile o nelle strade da piccoli: per rispondere a questa domanda, sono stati invitati a scuola alcuni genitori per raccontare i giochi tipici della loro infanzia. Hanno accettato linvito alcune mamme, due di origine marocchina, una senegalese, una argentina, una albanese e una Ghanese. Si è quindi originata la seguente proposta: realizzata allinterno di un parco cittadino, un area alla cui entrata apporre la scritta: BENVENUTI NEL PARCO DEL GIOCAMONDO e creare in tale luogo spazi debitamente strutturati e attrezzati per lesecuzione di giochi tradizionali e originari di diversi Paesi del Mondo. Poiché le idee emerse sono state numerose, si è pensato di far scegliere ai bambini, tramite una votazione a maggioranza, quali giochi indicare per lallestimento del nuovo spazio verde. Sono stati individuati i seguenti giochi:

6 LA CAMPANA; I QUATTRO CANTONI; IL LABIRINTO; IL GIOCO DELLA PALLA DEGLI ANTICHI AZTECHI ( DI ORIGINE MESSICANA; MANCALA ( GIOCO DI ORIGINE AFRICANA). È necessario che vicino ad gioco sia collocato un cartello che ne indichi il nome, lorigine, il numero dei giocatori, eventuali materiali utili al gioco e le regole dello stesso. I materiali dei giochi devono essere facilmente reperibili allinterno del parco e consistere in sassolini, bastoncini di legno ecc…

7 A SPASSO PER LA CITTA IL QUARTIERE SCUOLA ELEMENTARE COME LE VORREMMO DUOMO DINOSAURI ORTO BOTANICO LA CITTA ACCADEMIA PERCORSO CASA-SCUOLA COME SONO LE ABITAZIONI LE ATTIVITA COME E…. E COME LO VORREMMO IL PARCO LA MAPPA DELLE STRADE CAMPO DI ed. STRADALE

8 E ARRIVATA UNA LETTERA PER LA SEZIONE DEI 5 ANNI, CHI LAVRA SPEDITA?..... ( IPOTESI DEI BAMBINI) FRANCESCA- Babbo Natale, MARTINA C. – Sbirulino ce lavrà mandata; ALESSANDRO – il postino; EMMANUELA – la befana; SOFIA – Ce lha mandata babbo Natale quando è sceso; MARTINA C. – La fatina; ROSA - La befana, MARTINA D. – Babbo Natale, ELENA – Lha scritta una strega perché ci voleva mandare una lettera; ALBERTO – Mago Merlino; LUCREZIA - Direi Babbo Natale con i suoi folletti; ALESSANDRO – il drago, CHRISTIAN - I folletti; EMMANUELA – La strega maramà e il lupo lucio; RICCARDO – Forse lha scritta un topolino; JENNIFER – Non lo so.. Un nanetto FRANCESCA - La leggiamo la lettera? FINALMENTE APRIAMO LA BUSTA E… TUTTI…!! E LA PIMPA!!... MARTINA C. Va in vacanza ha una valigia; FRANCESCA – Ela PIMPA che è andata in vacanza e ci scrive una lettera Iniziamo a leggera la lettera

9 CARISSIMI BAMBINI, MI AVETE RICONOSCIUTA?!! Ho deciso di visitare la vostra città, ho visto tante cose belle.. Come si chiama?.... Ditemelo voi, perché io non la conosco… mi volete aiutare?!!.. Vi scrivo da un bellissimo posto… ora ve lo descrivo… Forse voi lo conoscete!!! E un grande giardino con uno scivolo fatto a barca rossa e azzurra, ci sono tante altalene, un accampamento indiano e unaiuola rotonda con tanti fiori… voi sapete dove sono? Forse è un parco?.. E possibile? Presto venite a cercarmi così insieme andremo a conoscere la vostra città. LA PIMPA

10 CONVERSAZIONE: … DOMANDIAMO. DOVE PORTERESTI LA PIMPA PER FARLE CONOSCERE MODENA? AMANDA- La porterei in gita, FRANCESCA- La porterei a casa mia; MARTINA C. – devo dire due cose, una la porterei a casa mia a vedere il cane Bobby poi la porterei in libreria ALESSANDRO – A Canazei a vedere le macchine; EMMANUELA – in piazza dove ci sono le ballerine; SOFIA – la porterei a casa mia a giocare aX box; ROSA - la porto al bimbo che ho a casa;, MARTINA D. – in giardino vicino casa mia; ELENA – al parco; ALBERTO – a vedere i galli al parco delle papere; LUCREZIA - la porterei ai giardini pubblici; CHRISTIAN - è vicino alla mia casa, la porterei in bicicletta EMMANUELA – alla rotonda; RICCARDO – in fattoria; JENNIFER – a Gardaland YOSRA - a casa mia; SONIA – A mangiare un bel gelato; GRETA – In vacanza

11 FINITA DI LEGGERE LA LETTERA TUTTI I BIMBI DICONO.. E NEL NOSTRO GIARDINO, ANDIAMOLA A CERCARE…. INDOSSIAMO LE GIACCHE E ANDIAMO TUTTI IN GIARDINO A CERCARLA PER PORTARLA CON NOI… ECCOLA LABBIAMO TROVATA!!!..

12

13

14

15 BALLIAMO COME I NOBILI ALLA CORTE DEGLI ESTENSI

16

17 COPIO IL LEONE CHE ABBIAMO OSSERVATO IN DUOMO

18

19 IL CORTILE DONORE

20 ALCUNI MOMENTI

21

22

23

24

25

26 COLAZIONE CON I BIMBI GRANDI

27

28

29

30

31

32

33 CAMMINANDO PER IL QUARTIERE… ABBIAMO VISTO CHE IL PARCHETTO S. GIOVANNI BOSCO, VICINO ALLA SCUOLA ELEMENTARE NON CI PIACE!!!...

34 CONVERSAZIONE. CON LA PIMPA ANDIAMO A VEDERE IL PARCHETTO S. GIOVANNI BOSCO: ECCOCI QUA… PIMPA GUARDA BENE CHE GIOCHI CI SONO… TI PIACE? GUARDATE BENE ANCHE VOI BIMBI. YOSRA - Ci sono le altalene, lo scivolo, io ci vengo sempre GAIA – Guarda cè lo scivolo ALBERTO – non cè niente qui solo un palo della luce LUCREZIA - E vero il giardino è tutto vuoto!! Quando io vengo qui con le mie amiche porto un tavolo da pic-nic con le sedie e poi corro in bicicletta; TUTTI- QUESTO PARCO NON E BELLO.. E VUOTO.. E TRISTE… INSEGN - VOI COME LO VORRESTE QUESTO PARCO?? MARTINA C. – Io ci farei un labirinto come quello di Teseo e Arianna ALESSANDRO – Forse si potrebbe mettere una pista con delle macchine telecomandate; MARTINA D. – Io ci metterei la sabbia per fare castelli; ELENA – Io ci vorrei dei fiocchi legati agli alberi per farci dei giochi, i bambini corrono a prendere i fiocchi e chi non ne prende viene eliminato; CHRISTIAN - Io ci metterei tanti ombrelloni; FRANCESCA- mettiamo una casetta;; RICCARDO – un gonfiabile;

35 KLINE – Io farei un posto dove possono volare le aquile, un posto chiuso, per vederle, perché a me piacciono tanto: FRANCESCA – Ma in una pista chiusa come dice Kline, le aquile possono morire!!!; SONIA – A me piacerebbe un bel tavolino, con tante sedioline, così potrei giocare a farci la merenda…; ALBERTO – Io ci costruirei una pista a zig- zag per le macchinine; GRETA – Io vorrei un teatrino dei burattini; JENNIFER – A me piacerebbe trovare tanti mattoni con le lettere dellalfabeto, come le costruzioni; GIOVANNI – Qui ci andrebbe proprio bene una giostra!!!; GIANMARCO – Qui cè tanto spazio che si potrebbero organizzare delle corse, oppure uno scivolo che finisce in una grande piscina; LUCREZIA – Io ci vorrei disegnare una settimana; ALBERTO – Io una catapulta che assomiglia a un dondolo; INSEGN – LE VOSTRE MAMME CHE GIOCHI FACEVANO QUANDO ERANO PICCOLE? MARTINA. C. – Il gioco preferito della mia mamma era correre con sua sorella; ALBERTO – La mia mamma invece giocava a nascondino. INSEGN – E LE VOSTRE MAMME CHE SONO NATE IN ALTRI PAESI, CHE GIOCHI FACEVANO? YOSRA - JALILA- …Non lo so; SONIA – Non mi ricordo; KLINE – bohh!!! INSEGN – ALLORA INVITEREMO LE MAMME A RACCONTARCI COME GIOCAVANO DA PICCOLE.

36 UNA MAMMA E VENUTA A PARLARCI DEI SUOI GIOCHI (HILI E HIDA MEDA) CHE FACEVA NEL SUO PAESE: IL MAROCCO HILI E un gioco che si gioca così: si prendono 5 sassolini e si spargono per terra, per cominciare, il giocatore deve prendere un sasso di quelli sparsi a terra e poi deve lanciarlo su per aria, e nello stesso tempo deve raccogliere un altro per terra e così via finchè non finiscono tutti. HIDA MEDA e un gioco antico del nostro paese, che sarebbe il Marocco e si comincia così: si mettono le mani dei giocatori su un tavolo e poi si comincia la conta, in questo modo lo dico in arabo ( hida meda tane meda hoz khbeza wa khroug) dopo quando si finisce il giro i bambini si mettono le mani sotto il petto e aspettano che si scaldano e quello che riesce a scaldarlo prima si considera vincitore e così via ( questa conta non ha traduzione in arabo perché è in lingua berbera, la lingua della nostra montagna del ATLAS del Marocco.

37 LA MAMMA DI YOSRA CI RACCONTA I GIOCHI CHE FACEVA DA PICCOLA IN CORTILE: Quando ero piccola giocavo a nascondino dietro gli alberi e facevo anche il gioco detto- 15 sassi come vi ha spiegato la mamma di Amir il vostro amico di tre anni, adesso vi spiego alcuni giochi: 1)LA MANINA DA NASCONDERE Si faceva su un tavolo o per terra,le manine erano ferme sul tavolo, uno di noi cantava una filastrocca indicandoli uno per uno, poi le mani sorteggiate andavano a riposare sotto il braccio detto forno. La filastrocca parla di una cavalletta che vola in bei posti poi si posa sulle mani.. Lo sapete che in alcune zone, al nostro paese le cavallette si mangiano arrostite; dicono che sono buone perché si nutrono di grano. Alla fine del gioco, i bambini che hanno tenuto le mani nel forno ricevono in premio un frutto. 2)IL GIOCO DEI BASTONCINI DI LEGNO I bimbi più ricchi usavano i bastoncini di plastica comprati, mentre i bimbi più poveri raccoglievano i bastoncini dei gelati, ne raccoglievano tanti per imparare a giocare e a contare. Bisognava lanciare il bastoncino il più vicino possibile a una riga tracciata a terra, i bimbi erano dentro un cerchio chi vinceva prendeva anche i bastoncini degli altri bambini. 3)LE PALLINE DI VETRO Ne mettevamo tante e formare un mucchio, poi i bambini si divertivano a lanciare le biglie contro il mucchio e tutte quelle che uscivano si rilanciavano, il gioco andava avanti per tanto tempo e lo facevano soprattutto i maschi. cè da dire però che non tutti i giochi si potevano fare sempre, ogni gioco è legato ad una stagione, alcuni si facevano solo in primavera o in estate perché cera sempre bisogno di stare allaperto, altri giochi, come il gioco delle manine da nascondere, si faceva anche dinverno per riscaldarci e riposarci…. INSEGN – che bei giochi che ci ha spiegato!!!? forse potremmo rifarli per il parco s. Giovanni Bosco!!!!! Che ne dite bimbi?

38 GIOCO, MOSCACECA A mosca ceca si gioca così; uno si copre gli occhi con un foulard e cerca di acchiappare qualcuno, chi viene acchiappato fa la mosca ceca e cerca di acchiappare un altro e il gioco continua così IL GIOCO DELLA SETTIMANA Questo gioco si fa con i giorni della settimana ma noi lo facciamo con i numeri. Questo gioco si fa così: sul pavimento si disegna con un gesso una tabella con dei numeri e poi si prende un dado dove ci sono scritti dei numeri e per cominciare il giocatore deve lanciare il dado e dove arriva deve saltare con un piede solo e quando arriva al doppio numero sulla tabella si può saltare con i due piedi

39 I QUATTRO CANTONI ( 5 giocatori) Il campo di gioco deve essere di forma quadrata, i 4 angoli del quadrato potrebbero essere realizzati con delle basi circolari colorata e fissate al suolo. Un giocatore sta al centro e gli altri 4 si dispongono sui cantoni. Al Via i giocatori sui cantoni devono scambiarsi di posto molto velocemente. Il giocatore al centro del quadrato deve invece conquistare uno dei cantoni rimasti momentaneamente vuoti IL GIOCO della CAMPANA ( 1 o più giocatori) Lanciare un sasso in una casella della campana e raggiungerlo saltellando su un piede solo. Raccogliere il sasso, sempre su un piede solo, senza perdere lequilibrio, altrimenti si deve ricominciare da capo. Dopo aver raggiunto la cima della campana, girando si ritorna al punto di partenza. Vince chi termina il percorso senza commettere alcun errore. N.B. La campana potrebbe essere realizzata con quadrati di legno numerati fissati al suolo.

40 IL LABIRINTO ( giocatori : numero libero) Si entra dallingresso prestabilito e si deve individuare la via duscita. IL GIOCO DELLA PALLA DEGLI ANTICHI AZTECHI ( giocatori : 2 squadre) Si colpisce la palla con lanca cercando di farla passare attraverso un cerchio posto in senso verticale. Vince la squadra che fa più canestri..

41 ATTIVITA DINTERSEZIONE: 3 – 4 – ANNI PREPARONO LO SFONDO CON LA TECNICA DELLA SPUGNATURA; 5 ANNI - CON MATERIALI E TECNICHE VARIE REALIZZIAMOIL FUTURO PARCO

42

43 COSI SAREBBE PROPRIO BELLO.. PER GIOCARE TUTTI INSIEME DOPO LA SCUOLA


Scaricare ppt "DIREZIONE DIDATTICA 7° CIRCOLO DI MODENA REALIZZATO DAL TEAM DOCENTE DELLA SCUOLA DELLINFANZIA STATALE MONTEGRAPPA ANNO SCOLASTICO 2005/06 A CURA DELLINSEGNANTE."

Presentazioni simili


Annunci Google