La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Costituzione Italiana. COSTITUZIONE = LEGGE FONDAMENTALE DI UNO STATO LA COSTITUZIONE FONDAMENTALE = che costituisce il fondamento, la base di qualcosa,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Costituzione Italiana. COSTITUZIONE = LEGGE FONDAMENTALE DI UNO STATO LA COSTITUZIONE FONDAMENTALE = che costituisce il fondamento, la base di qualcosa,"— Transcript della presentazione:

1 La Costituzione Italiana

2 COSTITUZIONE = LEGGE FONDAMENTALE DI UNO STATO LA COSTITUZIONE FONDAMENTALE = che costituisce il fondamento, la base di qualcosa, essenziale, indispensabile per qualcosa LA COSTITUZIONE è la prima legge di uno stato è una legge che raccoglie valori e ideali che sono stati ritenuti indispensabili è la base per tutte le altre leggi dello stato ogni stato moderno ha la sua COSTITUZIONE

3 La Costituzione Italiana La COSTITUZIONE è un insieme di leggi, ed è composta infatti da 139 articoli e da questi articoli hanno origine tutte le altre leggi dellITALIA. Questa legge importante e come il tronco di un grande albero e i rami rappresentano tutte le altre leggi che vengono scritte, e per vivere, prendono nutrimento dal tronco cioé dalla legge costituzionale

4 La Costituzione Italiana La costituzione è la "carta d'identità" di uno Stato: la legge di tutte le leggi, in quanto stabilisce i princìpi fondamentali dell'ordinamento giuridico. Si occupa infatti dei valori su cui si fonda uno Stato e di come debba essere organizzato. Per questo tutte le "leggi ordinarie", frutto cioè del normale lavoro parlamentare, si devono ispirare a questa legge "straordinaria". Ordinamento giuridico: è l'insieme di leggi e delle altre regole valide all'interno di uno Stato. L'aggettivo «giuridico» fa riferimento al diritto: deriva infatti dal termine latino ius, che significa proprio «diritto».

5 La Costituzione Italiana La costituzione si occupa dei seguenti argomenti: la sovranità, che nelle democrazie appartiene all'intero popolo; la forma di governo (monarchia, repubblica ecc.); i valori fondamentali su cui si basa lo Stato (ad esempio, il rispetto dei diritti umani); i diritti e i doveri dei cittadini e le regole fondamentali che riguardano i loro rapporti; la divisione dei poteri: a chi appartiene il potere legislativo, a chi quello giudiziario, a chi quello esecutivo; gli organi (assemblee o singole persone) più importanti dello Stato.

6 La Costituzione Italiana Circa due secoli fa avvennero alcuni cambiamenti destinati a modificare in modo profondo l'organizzazione degli Stati e, di conseguenza, la vita dei cittadini. Sino ad allora il potere dei sovrani non aveva limiti. Il re faceva le leggi che più gli piacevano e le faceva rispettare servendosi di persone di sua fiducia. Se lo riteneva necessario, poteva decidere di non fare applicare le leggi e poteva disporre a proprio piacimento della vita dei sudditi. Nel Settecento, però, alcuni filosofi (gli illuministi) iniziarono ad affermare che ogni uomo, per il semplice fatto di essere un uomo, era dotato di diritti che dovevano essere rispettati da tutti, anche dal sovrano. Dunque il potere del re andava limitato. Da qui l'importanza delle dichiarazioni dei diritti degli uomini e delle costituzioni Rivoluzione Americana 1789 RIVOLUZIONE FRANCESE

7 La Costituzione Italiana Il territorio italiano fino a metà del suddiviso in tanti Stati XIX secolo era suddiviso in tanti Stati monarchici o oligarchici, più o meno piccoli e potenti. Nel 1848 in tutta Europa, e anche in Italia, scoppiarono rivolte e rivoluzioni, Causate anche dal forte desiderio dei cittadini non nobili (commercianti, artigiani, ma anche contadini) di poter partecipare alla vita politica del proprio Paese. Dal 1848 al 1866 si susseguirono in tre guerre dette dIndipendenza Italia tre guerre dette dIndipendenza, Perché miravano a rendere il territorio italiano libero dal controllo dellImpero Austriaco, al Nord, e dai Borboni, al Sud.

8 La Costituzione Italiana 1861 Regno dItalia Nel 1861 venne fondato il Regno dItalia, ma il territorio italiano sarà unificato solo alla fine della III Guerra dIndipendenza e avrà come capitale Roma.

9 La Costituzione Italiana Il 28 luglio 1914 lAustria entrava in guerra contro la Serbia: quasi tutti gli Stati europei, anche se per motivi diversi, entrarono in guerra uno contro laltro e a essi si unirono anche alcuni Stati extraeuropei come la Turchia e il Giappone. Era scoppiata la Prima guerra mondiale Prima guerra mondiale. LItalia entrò in guerra il 24 maggio 1915 contro lAustria. La guerra fu un evento terribile: moltissimi soldati morirono nelle battaglie e i cittadini italiani divennero più poveri, molti patirono la fame. Il 4 novembre 1918 venne firmato larmistizio: un accordo per sospendere i combattimenti. LAustria dovette cedere allItalia alcuni territori: Trieste, il Trentino, lAlto Adige e lIstria.

10 La Costituzione Italiana Alla fine della Prima guerra mondiale i Paesi europei, e tra questi anche lItalia, dovettero fare i conti con numerosi problemi: il costo delle merci era notevolmente aumentato, i contadini (che allora costituivano la maggior parte della popolazione) non avevano ottenuto miglioramenti desiderati, i soldati tornati dal fronte non avevano più un lavoro le fabbriche, che durante la guerra avevano fabbricato armi, dovevano riconvertirsi, cioè cambiare di nuovo la loro produzione per fabbricare, per esempio, pentole. Questa trasformazione causò molta disoccupazione perché numerose fabbriche vennero chiuse

11 La Costituzione Italiana In questa situazione di scontentezza della popolazione nacquero in Italia i partiti politici, gruppi di persone che desiderano governare per cambiare partito fascista la società. Tra questi vi fu anche il partito fascista, che si presentava come difensore dellordine e aveva dalla sua parte gli industriali, i possessori di terre, i soldati tornati dalla guerra e gli studenti. 28 ottobre 1922 l 28 ottobre 1922 le squadre fasciste marciarono verso Roma per chiedere al re di affidare il governo ai fascisti. Il re convocò Mussolini, capo del partito fascista, a Roma perché formasse un nuovo governo al fine di evitare ulteriori scontri, ma senza tener conto delle conseguenze di questatto.

12 La Costituzione Italiana Mussolini Mussolini, a poco a poco, riuscì a concentrare nelle sue mani tutti i poteri togliendoli al re e al Parlamento. Mussolini, inoltre, organizzò una polizia politica, cioè un gruppo di persone che dovevano controllare gli avversari politici e, se diventavano pericolosi, metterli a Tacere anche con la violenza. Ripristinò la pena di morte ed eliminò tutti i giornali che non erano favorevoli al suo Partito. Ai cittadini non fu più permesso di manifestare il proprio disaccordo con le azioni del governo o protestare per la situazione in cui vivevano. Questo significa che Mussolini instaurò dittatura in Italia una dittatura

13 La Costituzione Italiana Mentre in Italia accadeva tutto ciò, in Germania saliva al potere un altro Dittatore: Hitler. Anchegli aveva promesso ai cittadini tedeschi giustizia e ordine e in nome di ciò tolse loro molte libertà, come nazismo la libertà di stampa. Era nato il nazismo. Inoltre per calmare il forte scontento che cera tra la popolazione, decise di dare Agli ebrei la colpa della situazione di grande povertà e sconforto che cera nel Paese. Hitler esaltò la razza tedesca come superiore a tutte le altre, e in particolare a quella ebrea. Egli nel 1933 proclamò alcune leggi, dette razziali (razziste). In seguito STERMINIO Intraprese un vero e proprio STERMINIO degli ebrei degli ebrei.

14 La Costituzione Italiana Hitler voleva che il popolo tedesco dominasse su tutti gli altri, e per questo occupò lAustria e in seguito molti altri Paesi europei. Francia e Inghilterra, dopo linvasione della Polonia da parte della Germania, dichiararono guerra a Hitler: ebbe così inizio la Seconda guerra mondiale Seconda guerra mondiale. Mussolini, che inizialmente non aveva partecipato alla guerra perché lItalia non era pronta, quando vide le rapide conquiste di Hitler decise 10 giugno 1940 di intervenire, il 10 giugno 1940, al fianco della Germania. Questa guerra fu ancora più tragica della Prima, anche perché grazie alle nuove armi a disposizione degli Stati (aeroplani, bombe, missili ecc.) venivano colpiti non solo i soldati al fronte, ma anche i civili, soprattutto anziani, donne e bambini.

15 La Costituzione Italiana 25 luglio 1943 Il 25 luglio 1943 in seguito alle pesanti sconfitte militari subite dallItalia, Mussolini venne deposto e arrestato. Il nuovo governo fu affidato al larmistizio* generale Badoglio che firmò larmistizio* con la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Nello stesso tempo, però, in Italia erano arrivati i soldati tedeschi, che prima erano nostri alleati e che, alla data dellarmistizio, diventarono nostri nemici e quindi invasori. Per questo il Re e Badoglio scapparono nel Sud Italia mentre al Nord si formò la Repubblica di Salò, organizzata dai fascisti che avevano liberato Mussolini, e dai tedeschi. *L'armistizio è un accordo fra stati in guerra che sospende totalmente o parzialmente, a tempo determinato o indeterminato le ostilità.

16 La Costituzione Italiana Al Nord, allora, molte persone, soprattutto giovani uomini e donne, si organizzarono per scacciare dallItalia i fascisti e i nazisti: erano partigiani i partigiani. I partigiani erano aiutati dagli anglo-americani, ma soprattutto dalla popolazione che sapeva, però, che, dando il proprio aiuto, si esponeva a gravi pericoli: infatti molte persone vennero uccise per rappresaglia, cioè per vendicare gli attacchi partigiani ai nazifascisti.

17 La Costituzione Italiana Lazione, da una parte degli anglo-americani, che risalivano la Penisola cacciando i tedeschi, e dallaltra dei partigiani, che combattevano al Nord, permise di liberare lItalia dal fascismo e dai nazisti il 25 aprile 1945 Mussolini venne ucciso e i tedeschi dovettero firmare la pace.

18 La Costituzione Italiana Alla fine della Seconda guerra mondiale lItalia era in gran parte distrutta dalle bombe e con grandi problemi economici e sociali: cera tutto da ricostruire. 2 giugno del 1946 Il 2 giugno del 1946 gli italiani vennero chiamati a votare per scegliere se continuare a essere guidati dalla monarchia dei Savoia o da un governo repubblicano. Per la prima volta votarono anche le donne. La maggioranza scelse la repubblica e il re venne mandato in esilio.

19 La Costituzione Italiana Venne contemporaneamente eletta assemblea costituente un assemblea costituente cioè delle persone in grado di scrivere delle nuove regole, che sostituissero il vecchio Statuto Albertino (scritto nel 1848) e che permettessero allItalia di diventare una repubblica moderna. Costituzione La nuova Costituzione tiene in gran conto lessere umano: gli orrori della guerra, soprattutto lo sterminio degli ebrei e le bombe atomiche hanno fatto riflettere i potenti sul fatto che chi ha il potere deve comunque essere governato, controllato dalla volontà e dalla coscienza di tutti gli esseri umani.

20 La Costituzione Italiana 22 dicembre 1947 Il 22 dicembre 1947 lAssemblea Costituente approva la Costituzione della Repubblica Italiana Che entra in vigore il 1° gennaio 1948

21 La Costituzione Italiana Caratteristiche Legge fondamentale dello Stato Entrata in vigore il 1° gennaio 1948 Scritta Rigida Lunga

22 La Costituzione Italiana Principi fondamentali artt Principi fondamentali alla base della Struttura dello Stato e della società Parte prima artt Diritti e doveri dei cittadini Parte seconda artt Organizzazione dello Stato Disposizioni transitorie e finali Transitorie: di durata limitata, garantiscono il passaggio alla nuova Costituzione Finali: norme generali che derogano alle disposizioni generali sui diritti civili e politici

23 La Costituzione Italiana Titolo I Rapporti civili Titolo II Rapporti etico-sociali Titolo III Rapporti economici Titolo IV Rapporti politici Principi fondamentali artt Principi fondamentali alla base della Struttura dello Stato e della società Parte prima artt Diritti e doveri dei cittadini Parte seconda artt Organizzazione dello Stato Disposizioni transitorie e finali Transitorie: di durata limitata, garantiscono il passaggio alla nuova Costituzione Finali: norme generali che derogano alle disposizioni generali sui diritti civili e politici

24 La Costituzione Italiana Principi fondamentali artt Principi fondamentali alla base della Struttura dello Stato e della società Parte seconda artt Organizzazione dello Stato Disposizioni transitorie e finali Transitorie: di durata limitata, garantiscono il passaggio alla nuova Costituzione Finali: norme generali che derogano alle disposizioni generali sui diritti civili e politici Parte prima artt Diritti e doveri dei cittadini Titolo I Parlamento Titolo II Presidente della Repubblica Titolo III Governo Titolo IV Magistratura Titolo V Regioni, Province, Comuni Titolo VI Garanzie costituzionali

25 La Costituzione Italiana Principi fondamentali artt Principi fondamentali alla base della Struttura dello Stato e della società Parte seconda artt Organizzazione dello Stato Disposizioni transitorie e finali Transitorie: di durata limitata, garantiscono il passaggio alla nuova Costituzione Finali: norme generali che derogano alle disposizioni generali sui diritti civili e politici Parte prima artt Diritti e doveri dei cittadini


Scaricare ppt "La Costituzione Italiana. COSTITUZIONE = LEGGE FONDAMENTALE DI UNO STATO LA COSTITUZIONE FONDAMENTALE = che costituisce il fondamento, la base di qualcosa,"

Presentazioni simili


Annunci Google