La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LItalia tra Otto e Novecento 1882 Triplice Alleanza tra Germania, Austria e Italia 1896 Sconfitta dellesercito italiano ad Adua 1900 Uccisione del re dItalia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LItalia tra Otto e Novecento 1882 Triplice Alleanza tra Germania, Austria e Italia 1896 Sconfitta dellesercito italiano ad Adua 1900 Uccisione del re dItalia."— Transcript della presentazione:

1 LItalia tra Otto e Novecento 1882 Triplice Alleanza tra Germania, Austria e Italia 1896 Sconfitta dellesercito italiano ad Adua 1900 Uccisione del re dItalia Umberto I 1903 Inizio delletà giolittiana 1898 Il generale Bava Beccaris spara sulla folla a Milano LItalia tra Otto e Novecento Guerra di Libia 1914 Prima guerra mondiale

2 Il Regno dItalia, dopo lunità, deve affrontare gravi problemi, tra cui lo scarso sviluppo delleconomia, la miseria diffusa e lanalfabetismo. A partire dal 1876, i governi della Sinistra storica adottano una politica economica protezionistica e cercano di migliorare la condizione dei più poveri, diminuendo le imposte e allargando il diritto di voto. I governi della Sinistra storica cercano inoltre di conquistare delle colonie in Africa, ma con scarso successo. LItalia tra Otto e Novecento 1. La politica dalla Destra alla Sinistra storica

3 La Destra, favorì il libero scambio, lindustrializzazione e risanò il bilancio dello Stato. I primi governi dopo lunità furono diretti dai liberali della Destra storica, che rappresentavano gli interessi dei proprietari terrieri e degli imprenditori agricoli del centro-nord. Non risolse però il divario sociale ed economico tra il Nord e il Sud e aumentò le tasse indirette, che colpivano soprattutto la parte più debole della popolazione. La percentuale di analfabeti era altissima. LItalia tra Otto e Novecento 1. La politica dalla Destra alla Sinistra storica

4 Alle elezioni del 1876 vince la Sinistra storica, un raggruppamento politico liberale, costituito soprattutto da industriali del nord e proprietari terrieri del sud. Agostino Depretis diventa capo del governo. In campo sociale la Sinistra tenta di migliorare le condizioni delle classi più povere: LItalia tra Otto e Novecento 1. La politica dalla Destra alla Sinistra storica nuova legge sullistruzione, lobbligo scolastico è portato a tre anni di scuola elementare; allargamento del diritto di voto; abolizione della tassa sul macinato.

5 LItalia tra Otto e Novecento Depretis e il trasformismo Nelle elezioni del 1882 la destra, pur sconfitta, ottenne un buon risultato. Per avere una maggioranza più ampia, Depretis cercò lappoggio dei deputati della destra, offrendo loro la possibilità di trasformarsi, passando dalla destra alla sinistra, anche solo su singoli provvedimenti: di qui, il nome di trasformismo dato a questo modo di fare politica.

6 In politica estera la Sinistra abbandona lalleanza con la Francia e la Gran Bretagna e nel 1882 aderisce alla Triplice alleanza con Germania e Austria. Depretis intraprende una politica colonialista. Nel 1885 le truppe italiane conquistano Massaua, in Eritrea. In seguito cercano di spingersi verso lEtiopia, ma nel 1887 vengono sconfitte a Dogali dalle truppe etiopi. LItalia tra Otto e Novecento 1. La politica dalla Destra alla Sinistra storica

7 Lo sviluppo economico e industriale è concentrato nel nord-ovest del Paese, fra Lombardia, Piemonte e Liguria. I governi della Sinistra storica adottano provvedimenti per favorire le industrie italiane. LItalia tra Otto e Novecento 2. Lo sviluppo industriale italiano

8 Tra la fine dellOttocento e il primo decennio del Novecento, la Sinistra adotta una serie di provvedimenti, tra i cui i dazi doganali sulle merci importate dallestero, per sostenere le industrie del nord. Lo sviluppo è sostenuto anche dalla fondazione, nel 1893, della Banca dItalia, che emette la moneta e controlla le altre banche. I settori industriali che si sviluppano maggiormente sono il tessile, lagroalimentare, il siderurgico, lidroelettrico e il meccanico. La maggior parte delle industrie si trova nel Nord del Paese, in particolare in quello che è stato chiamato iltriangolo industriale, formato da Milano, Genova e Torino. LItalia tra Otto e Novecento 2. Lo sviluppo industriale italiano

9 Malgrado lo sviluppo economico, la maggioranza della popolazione continua a vivere in condizioni di povertà. Questo perché lo sviluppo industriale coinvolge solo il nord-ovest del Paese, mentre il Meridione non ne è toccato. Aumenta lemigrazione: tra 1870 e 1910, 14 milioni di italiani abbandonano il Paese diretti soprattutto verso il nord e sud America. LItalia tra Otto e Novecento 2. Lo sviluppo industriale italiano

10 LItalia tra Otto e Novecento 2. La Sinistra Storica

11 Alla fine del secolo le condizioni di vita della popolazione italiana sono estremamente dure a causa della crisi economica. I governi di questo periodo affrontano il disagio sociale reprimendo in modo violento e autoritario le manifestazioni popolari. In questo clima di tensione viene assassinato il re Umberto I. LItalia tra Otto e Novecento 3. Crisi e repressione militare

12 Tra fine Otto e primo Novecento, la condizione dei lavoratori non migliora: orari di lavoro pesanti, paghe basse, nessun sostegno economico per la vecchiaia o in caso di malattia, nessun diritto di organizzarsi in associazioni. I lavoratori incominciano a organizzarsi in movimenti di protesta. Si formano le prime organizzazioni sindacali e nel 1892 nasce il Partito socialista italiano, di ispirazione marxista. LItalia tra Otto e Novecento 3. Crisi e repressione militare

13 Di fronte alle proteste dei lavoratori, i governi della fine del secolo rifiutano ogni forma di dialogo. Particolarmente repressivo è il governo di Francesco Crispi, che nel 1894 giunge a proclamare lo stato dassedio e a dichiarare illegali tutte le organizzazioni operaie. Nel 1898 a Milano lesercito spara sulla folla che manifesta contro laumento del prezzo del pane. Il 29 luglio 1900, a Monza il re Umberto I viene ucciso dallanarchico Gaetano Bresci. LItalia tra Otto e Novecento 3. Crisi e repressione militare

14 LItalia tra Otto e Novecento Zanardelli Durante il governo Crispi non mancarono le scelte coraggiose: nel 1889 venne approvato un nuovo Codice Penale che entrò in vigore l1 gennaio Noto come Codice Zanardelli (dal nome del ministro della Giustizia in carica, Giuseppe Zanardelli), questo codice abolì la pena di morte e consentì la libertà di sciopero.

15 Un nuovo tentativo di espansione coloniale ai danni dellEtiopia si conclude con la sconfitta dellesercito italiano a Adua nel LItalia rinuncia a ulteriori conquiste e mantiene le colonie dellEritrea e della Somalia. LItalia tra Otto e Novecento 3. Crisi e repressione militare


Scaricare ppt "LItalia tra Otto e Novecento 1882 Triplice Alleanza tra Germania, Austria e Italia 1896 Sconfitta dellesercito italiano ad Adua 1900 Uccisione del re dItalia."

Presentazioni simili


Annunci Google