La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A.A. 2013/2014 LINGUAGGI DELL’IMMAGINE. L’IMMAGINE-SEGNO L'elaborazione di una teoria semiologica sull’immagine cinematografica è opera soprattutto di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A.A. 2013/2014 LINGUAGGI DELL’IMMAGINE. L’IMMAGINE-SEGNO L'elaborazione di una teoria semiologica sull’immagine cinematografica è opera soprattutto di."— Transcript della presentazione:

1 A.A. 2013/2014 LINGUAGGI DELL’IMMAGINE

2 L’IMMAGINE-SEGNO L'elaborazione di una teoria semiologica sull’immagine cinematografica è opera soprattutto di Christian Metz. L’immagine in movimento, egli afferma, stabilisce con la realtà una relazione analogica il cui funzionamento implica l'attivazione dei codici che intervengono nella decodifica dell'oggetto reale. Con la messa in evidenza di questa pluralità di codici "tecnici", "misti", "antropologici" che determinano l'analogia, Metz insiste sulla necessità di andare oltre l'analogia stessa, considerando la valenza linguistica dell'i. filmica.

3 «Rispetto alla lingua scritta, il linguaggio cinematografico è caratterizzato da una maggiore eterogeneità compositiva: essendo un oggetto audiovisivo, il film è fatto di componenti visive e di componenti sonore. Più precisamente, dal punto di vista materiale – cioè dal punto di vista delle cosiddette sostanze dell’espressione, le materie grezze di cui è fatto un film, non ancora modellate da un investimento operato su di esse da una forma – possiamo individuare cinque sostanze: immagini, scritte, parole, rumori e musica». A. Sainati, M. Gaudiosi, Analizzare i film. CINEMA: UN OGGETTO COMPLESSO / 1

4 «A livello del film complessivo, la sostanza dell’espressione (o piuttosto le sostanze dell’espressione, poiché il film è un linguaggio composito), sono l’immagine in movimento, il rumore, il suono fonetico, il suono musicale, con tutte le conseguenze che comporta per il film il fatto di essere ricorso a certe sostanze piuttosto che a altre […]; la forma dell’espressione, è l’insieme delle configurazioni percettive riconoscibili in queste quattro sostanze». C. Metz, Essais sur la signification au cinéma, IL SINCRETISMO DEL LINGUAGGIO

5 Secondo la classica teorizzazione di Christian Metz, il cinema presenta cinque tipologie di materie dell’espressione: -l’immagine in movimento -il suono musicale -il suono fonetico delle parole -il rumore -il tracciato grafico delle diciture scritte La forma dell’espressione cinematografica è composta, per esempio, dall’insieme dei “giochi” di montaggio o dal taglio dell’inquadratura. IL SINCRETISMO DEL LINGUAGGIO

6 ESPRESSIONE CONTENUTO CINEMA, UN OGGETTO COMPLESSO / 2

7 CINEMA: UN OGGETTO COMPLESSO / 2

8 «La sostanza del contenuto è il contenuto sociale del discorso cinematografico; la forma del contenuto è la struttura semantica profonda […] che ordina quel determinato contenuto all’interno di quel determinato film». C. Metz, Essais sur la signification au cinéma, LA SOCIALITÀ DEL CONTENUTO

9 ContenutoEspressione Sostanza Insieme del contenuto culturale a cui il film può fare riferimento (semantica fondamentale, narrativa e discorsiva) Sostanza Immagine in movimento, rumore, suono fonetico, suono musicale, traccia grafica Forma Articolazione sintattica del contenuto (figure del contenuto) Forma Articolazione sintattica dell’espressione (figure dell’espressione IL LINGUAGGIO CINEMATOGRAFICO

10 «Nell’eterogeneità della componenti filmiche, alcune […] appartengono stabilmente e direttamente al mezzo, mentre altre vengono espressamente accolte dall’esterno […]. Da qui una prima grande distinzione di base: quella tra elementi che sono parte tipica e integrante del linguaggio cinematografico[…], ed elementi che, pur dotati spesso di un ruolo determinante, non sono affatto legati al cinema in quanto tale […]. Un film nasce dall’intreccio degli uni e degli altri: esso, se così di può dire, è cinema in quanto attiva la possibilità peculiari del mezzo; e nondimeno porta in sé anche qualcosa di non cinematografico». F. Casetti, F. Di Chio, Analisi del film, 1990 UN OGGETTO COMPLESSO / 3

11 I CODICI CINEMATOGRAFICI

12

13

14 Codici che caratterizzano il cinema come mezzo (o «macchina») prima ancora che come mezzo d’espressione: - Il supporto - Lo scorrimento - Lo schermo CODICI TECNOLOGICI DI BASE

15 Pellicola -Sensibilità (rapidità) -Formato (8mm, Super8, 16mm, 35mm, 70mm, IMAX) Digitale -DCI Standard -Risoluzione: 2K (2048×1556) o 4K (4096×2160) IL SUPPORTO

16 Le pellicole con rapidità ISO/ASA da 25 a 64 sono lente. Le pellicole con rapidità ISO/ASA da 125 a 400 sono moderate a medie. Le pellicole con rapidità ISO/ASA superiore a 500 sono rapide. SENSIBILITÀ

17 Barry Lyndon (S. Kubrick, 1975)

18 LENTI «SUPER-FAST 50MM» John Alcott

19 IL FORMATO

20

21 A. MARAZZI, 2002

22 Cadenza: -Cinema delle origini: fot./sec. -Cinema «istituzionale»: 24 fot./sec. Direzione di marcia LO SCORRIMENTO

23 Superficie riflettente/trasparente Luminosità Ampiezza LO SCHERMO

24 10x8 AMPIEZZA

25 CINERAMA 28x10

26 CINEMASCOPE 20x8

27 IMAX 22x16

28 Formati di proiezione: -Academy silent (1,33: 1) -Academy (1,37: 1, 1932) -Cinemascope (2,55:1, 1954) -Panavision (2,40:1, 1959) -Cinerama (2,85:1, 1952) RAPPORTO D’ASPETTO

29 The Robe (1954)

30 PANAVISION

31 LENTI ANAMORFICHE

32

33 IL COLORE -Colorazione «artigianale» a pennello o a tampone -Colorazione «industriale»: Imbibizione o viraggio

34 IL COLORE PATHE’ 1905

35 IL COLORE URBAN-ECLIPSE, 1907

36 IL COLORE Jephtah’s Daughter (Stuart Blackston, 1909)

37 IL COLORE Il testamento (1912)

38 Process 1 Process 2 due colori (verde e rosso) Process 3 Process 4 tre colori (ciano, magenta, giallo) TECHNICOLOR

39 FILM ANIMATO Biancaneve e i sette nani (1937)

40 FILM STORICO Via col vento (V. Fleming, 1939)

41 FILM FANTASY Il mago di Oz (V. Fleming, 1939)

42 ANNI ‘50 Gli uomini preferiscono le bionde (H. Hawks, 1953)

43 ANNI ‘60 How the West Was Won (1962) KODAK EASTMAN COLOR

44 Iconicità Fotograficità Mobilità CODICI DELLA SERIE VISIVA

45 Codici della denominazione e del riconoscimento iconico Codici della trascrizione iconica Codici della composizione iconica Codici iconografici Codici stilistici L’ICONICITÀ

46 Codici della denominazione e del riconoscimento: Sistemi di corrispondenza fra tratti iconici e tratti semantici delle lingue che permettono agli spettatori dei film di identificare le figure sullo schermo e di definire ciò che queste rappresentano. L'ICONICITÀ

47 Codici della trascrizione iconica: Codici che assicurano una corrispondenza fra tratti semantici e artifici «grafici» attraverso cui si restituisce l’oggetto con le sue caratteristiche. L'ICONICITÀ

48 DENOMINAZIONE E TRASCRIZIONE ICONICA

49 Codici della composizione iconica: Codici che organizzano i rapporti tra i diversi elementi all’interno dell’immagine, e che dunque regolano la costruzione dello spazio visivo. L'ICONICITÀ

50 LA COMPOSIZIONE ICONICA

51 Codici iconografici: Codici che regolano la costruzione di figure complesse, ma fortemente convenzionalizzate e con un significato fisso. L'ICONICITÀ

52 LA FIGURAZIONE ICONOGRAFICA

53 Codici stilistici: Codici che rivelano la personalità e l’idiosincrasia di chi ha operato la riproduzione. L'ICONICITÀ

54 CODICI STILISTICI

55

56 Prospettiva L’inquadratura L’illuminazione Bianco&Nero / Colore CODICI DELLA FOTOGRAFICITA’

57 La nozione di prospettiva è apparsa nel Rinascimento. La si può definire come l’arte di rappresentare gli oggetti su una superficie piana in modo che questa rappresentazione sia simile alla percezione visiva che si può avere, nella realtà, di questi stessi oggetti. LA PROSPETTIVA

58 Anonimo Fiorentino, c.a 1480 LA PROSPETTIVA

59 La prospettiva filmica è l’esatta riproposizione di questa tradizione rappresentativa ed è grazie ad essa che l’immagine cinematografica può dar vita a un’illusione di profondità. Quel che la prospettiva fa guadagnare sono la naturalezza e la stabilità delle strutture visive di riferimento. LA PROSPETTIVA


Scaricare ppt "A.A. 2013/2014 LINGUAGGI DELL’IMMAGINE. L’IMMAGINE-SEGNO L'elaborazione di una teoria semiologica sull’immagine cinematografica è opera soprattutto di."

Presentazioni simili


Annunci Google