La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA PREVIDENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI, TRA RISCHI E OPPORTUNITÀ GIOVANNI PALLADINO CONSULENTE PREVIDENZIALE DI BANCA FIDEURAM BERGAMO, 29 MARZO 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA PREVIDENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI, TRA RISCHI E OPPORTUNITÀ GIOVANNI PALLADINO CONSULENTE PREVIDENZIALE DI BANCA FIDEURAM BERGAMO, 29 MARZO 2006."— Transcript della presentazione:

1 LA PREVIDENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI, TRA RISCHI E OPPORTUNITÀ GIOVANNI PALLADINO CONSULENTE PREVIDENZIALE DI BANCA FIDEURAM BERGAMO, 29 MARZO 2006

2 1 I RISCHI PER I DOTTORI COMMERCIALISTI Avendo rinunciato nel 1994 al "paracadute" dello Stato, la CNPADC potrebbe correre il rischio di vedere azzerato il proprio patrimonio. Per evitarlo: contributi più alti e prestazioni più basse con la riforma del 2004 1 1 3 3 Nei prossimi anni le pensioni erogate dalla Cassa potrebbero diventare molto leggere, soprattutto per i dottori commercialisti con reddito alto. 2 2 I contributi versati sono a capitalizzazione virtuale e a ripartizione effettiva, diventano di proprietà collettiva, non individuale. Limporto della pensione dipende da una formula matematica, che può essere cambiata in peggio nel corso del tempo per garantire la sostenibilità finanziaria della Cassa.

3 2 PENSIONI SOTTO LA SPADA DI DAMOCLE verificare la sostenibilità finanziaria della Cassa; Almeno ogni 2 anni il CdA provvede a: valutare la necessità di variare i coefficienti per il calcolo delle pensioni; adottare senza indugio gli eventuali provvedimenti di riequilibrio. (Dallart. 10 comma 4 del Regolamento di Disciplina del Regime Previdenziale della CNPADC)

4 3 IL PATRIMONIO NETTO AUMENTA …… Milioni di euro Fonte: CNPADC 391 1.781

5 4 …… MA RISCHIA DI AZZERARSI 8.334 Milioni di euro 5.803 1.902 0 Fonte: Previsioni del bilancio tecnico della CNPADC al 31/12/2001

6 5 CONTRIBUENTI IN FORTE CRESCITA …… - 10.000 20.000 30.000 40.000 50.000 199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004 Nº CONTRIBUENTI Nº PENSIONATI Fonte: CNPADC 10.389 2.766 41.483 4.062 +299% +47%

7 6 …… MA LE PENSIONI SONO PIÙ VELOCI +421% +600% CONTRIBUTI INCASSATI COSTO PENSIONI 57 15 297 105 Milioni di euro 0 50 100 150 200 250 300 199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004 Fonte: CNPADC

8 7 LA PENSIONE MEDIA AUMENTA DI PIU 3.000 6.000 9.000 12.000 15.000 18.000 21.000 24.000 27.000 199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004 Euro PENSIONE MEDIA CONTRIBUTO MEDIO 5.600 3.600 27.000 7.200 +382% +100% Fonte: CNPADC

9 8 CONTRIBUTI LEGGERI, PENSIONI PESANTI 0 2 4 6 8 10 12 199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004 RAPPORTO FRA N° DI CONTRIBUENTI E N° DI PENSIONATI RAPPORTO FRA PENSIONE MEDIA E CONTRIBUTO MEDIO 1,6 5,8 3,7 10,6 +131% +83% Fonte: CNPADC

10 9 I SEI "GIRI DI VITE" DELLA RIFORMA DEL 2004 PASSAGGIO PRO-RATA AL SISTEMA CONTRIBUTIVO DAL 2004 1 1 DEPOTENZIAMENTO DEL SISTEMA REDDITUALE 2 2 RIDUZIONE DEL TASSO DI INDICIZZAZIONE DELLE PENSIONI 3 3 AUMENTO DELL'ETÀ PENSIONABILE 4 4 ELIMINAZIONE DELLA PENSIONE DI ANZIANITÀ 5 5 AUMENTO DEI CONTRIBUTI 6 6

11 10 TRE CLASSI DI PENSIONATI LA RIFORMA APPROVATA IL 20 LUGLIO 2004 HA CREATO TRE DIVERSI TIPI DI PENSIONATI: I FORTUNATI, CON PENSIONE INTERAMENTE REDDITUALE, che hanno raggiunto l'età pensionabile prima del 1 gennaio 2004. 1 1 I MENO FORTUNATI, CON PENSIONE IN PARTE REDDITUALE E IN PARTE CONTRIBUTIVA, che risultavano iscritti alla Cassa il 31 dicembre 2003 e che raggiungeranno l'età pensionabile dopo tale data. 2 2 GLI SFORTUNATI, CON PENSIONE INTERAMENTE CONTRIBUTIVA, che si sono iscritti alla Cassa dopo il 31 dicembre 2003. 3 3

12 11 LA MANNAIA SUL METODO REDDITUALE Sino al 31 dicembre 2003 la pensione veniva calcolata SULLA MEDIA DEI 10 REDDITI PROFESSIONALI PIÙ ELEVATI dichiarati negli ultimi 15 anni di lavoro. Con la riforma del 2004 il numero di annualità, per il calcolo della media, è aumentato a: 20 anni se si va in pensione nel 2006 22 anni se si va in pensione nel 2007 24 anni se si va in pensione nel 2008 25 anni se si va in pensione dal 2009 in poi Inoltre la % di rendimento per ogni anno di anzianità contributiva è stata ridotta dal 2% all'1,75% sino a 41.160 euro di reddito e dallo 0,6% allo 0,5% su redditi superiori.

13 12 PENSIONI SVALUTATE ANNO DOPO ANNO Dal 2004 il tasso di indicizzazione delle pensioni è stato ridotto: al 90% del tasso d'inflazione per gli importi compresi tra 24.539 e 40.898 euro; al 75% per gli importi superiori a 40.898 euro.

14 13 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA Sino al 1938 Dal 1939 al 1941 Dal 1942 al 1943 Dal 1944 in poi Per i nati Età pensionabile Anzianità contributiva 30 anni 31 anni 32 anni 33 anni 65 66 67 68 A 70 anni si ha diritto alla pensione con almeno 25 anni di anzianità contributiva

15 14 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA (EX PENSIONE DI ANZIANITÀ) 2004 Senza limite di età con 40 anni di anzianità contributiva Età pensionabile Anzianità contributiva 5835 anni 6138 anni2005

16 15 CONTRIBUTI PIÙ ALTI Il contributo soggettivo era del 6% nel 2001 e del 10% nel 2002. Con la riforma del 2004 è stata introdotta una "forbice" del 10% - 17%. Inoltre il contributo integrativo è stato aumentato dal 2% al 4% sino al 2009 ed è stato introdotto un contributo di solidarietà variante dal 2% al 7% sulle quote di pensione calcolate con il sistema reddituale.

17 16 LEFFETTO DELLA MANNAIA Dottore Commercialista nato il 31/12/1938 Iscrizione a 31 anni e un giorno 1969-2003 Periodo di lavoro Reddito medio ultimi 10 anni migliori 61.572 EURO 30 x 2% = 60% 60% di 61.572 = 43.100 euro Va in pensione a 65 anni con 35 anni di anzianità contributiva. Ultimo reddito professionale: 78.921 euro. Tasso di sostituzione: 54,6% Dottore Commercialista nato il 31/12/1944 Iscrizione a 30 anni e un giorno 1975-2003 Primo periodo di lavoro Reddito medio ultimi 25 anni Reddito medio ultimi 25 anni 34.443 EURO 29 x 1,75% = 50,75% 50,75% di 34.443 = 17.480 euro + Pensione contributiva* = 7.449 euro = Totale 24.929 euro * Contributo ipotizzato = 14% del RNP Va in pensione a 68 anni con 38 anni di anzianità contributiva. Ultimo reddito professionale: 90.313 euro. Tasso di sostituzione: 27,6%

18 17 TASSO DI SOSTITUZIONE A PICCO Tasso di sostituzione 54,6% 27,6% 23,8% 1938 1944 1974 DC nato nel Sistema 100% 76% - RedditualeContributivo - 24% * 100% * Ultimo Reddito Netto Professionale 78.921 90.313 183.086 Prima Pensione annua 43.100 24.929 43.523 * Contributo ipotizzato = 14% del reddito netto professionale (RNP)

19 18 TRE CASSE E TRE MISURE CNPADC 7.200 CONTRIBUTIPENSIONE 6.100 27.000 20.800 6.800 CNPR ENPACL (Importi medi relativi al 2004) 2.400

20 19 LE OPPORTUNITÀ Sono offerte dalla PREVIDENZA COMPLEMENTARE, passo obbligato per integrare ciò che la pensione di base non potrà più dare. 1 1 I contributi della pensione integrativa saranno investiti in gran parte nell'economia mondiale, che promette di crescere AD UN TASSO SENSIBILMENTE SUPERIORE A QUELLO DEGLI ULTIMI DECENNI. 2 2 La capitalizzazione è EFFETTIVA, il rendimento non dipende da una formula matematica, ma dallabilità dei gestori. 3 3 Per la previdenza complementare dal 2008 entrerà in vigore UN REGIME FISCALE MOLTO VANTAGGIOSO. 4 4

21 20 Quanto prima si parte, tanto meglio si arriva LA SOLUZIONE OBBLIGATA: LA PENSIONE PRIVATA LA SOLUZIONE OBBLIGATA: LA PENSIONE PRIVATA

22 21 MASSIMA DIVERSIFICAZIONE DEL RISCHIO I contributi versati nei FONDI PENSIONE e nelle POLIZZE PREVIDENZIALI sono investiti sui principali mercati finanziari, che anno dopo anno diventano più numerosi e competitivi.

23 22 DUE DIVERSE ÀNCORE Il rendimento di quanto investito nella CNPADC è ancorato allaumento del PIL italiano. Il rendimento di quanto investito nei fondi pensione e nelle polizze previdenziali è ancorato allo sviluppo delleconomia mondiale.

24 30 PAESI SVILUPPATI ALTRI 165 PAESI TOTALE 195 PAESI POPOLAZIONE (milioni) IL MONDO È APPENA ALLALBA DELLO SVILUPPO PERCHÉ TANTI PRODUCONO ANCORA POCO 975 5.525 6.500 31.750 27.630 59.380 15,0% 85,0% 100,0% 53,5% 46,5% 100,0% P.I.L. 2005 (miliardi di $)

25 24 IL VANTAGGIO DELLASIA ASIA AFRICA TOTALE POPOLAZIONE (milioni) 3.700 1.120 56,9% 17,2% AMERICA EUROPA 880 770 13,5% 11,8% OCEANIA300,6% 3.700100,0%

26 25 2003 ASIA AL VERTICE (ORMAI PER SEMPRE) ASIA EUROPA 20,5 19,5 AMERICA ALTRE 17,8 1,3 2004 2005 (PRODUZIONE DI AUTOMOBILI PER GRANDI AREE) TOTALE59,1 22,2 20,1 18,1 1,4 61,8 24,3 20,2 19,0 1,5 65,0 (Milioni)

27 26 CINA INDIA TOTALE POPOLAZIONE (milioni) IL GRANDE POTENZIALE DI SVILUPPO DELLAUTO (E DELLECONOMIA MONDIALE) 1.306 1.080 20,1% 16,6% BRASILE RUSSIA 186 143 2,9% 2,2% 2.71541,8% IN QUESTI 4 PAESI SOLO 65 MILIONI DI PATENTI, PARI AL 2,4% DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE. NEI PAESI SVILUPPATI QUESTA PERCENTUALE È PARI AL 57%.

28 DALLENERGIA SPORCA ALLENERGIA PULITA 18501900195020002050 CARBONE PETROLIO ENERGIA PULITA

29 È INIZIATA LA GUERRA CONTRO IL PETROLIO TUTTE LE GRANDI SOCIETÀ COSTRUTTRICI DI AUTO STANNO INVESTENDO MOLTO NEL MOTORE A IDROGENO NEL 2005 L80% DELLE NUOVE AUTO PRODOTTE IN BRASILE AVEVANO IL MOTORE A BIOETANOLO (BENZINA VERDE DA CANNA DA ZUCCHERO) IN GIAPPONE LA TOYOTA HA APERTO UN IMPIANTO CHE PRODUCE UNA PRIUS AL MINUTO

30 29


Scaricare ppt "LA PREVIDENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI, TRA RISCHI E OPPORTUNITÀ GIOVANNI PALLADINO CONSULENTE PREVIDENZIALE DI BANCA FIDEURAM BERGAMO, 29 MARZO 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google