La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008."— Transcript della presentazione:

1 C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008

2 C E N S I S 2 Monitor Lazio è promosso dallUnione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura del Lazio. Il presente Report contiene il monitoraggio sul sistema produttivo regionale relativamente al terzo quadrimestre 2008 METODOLOGIA: Indagine telefonica su un campione di 600 imprese localizzate nel Lazio. Il campione è stato stratificato per settori produttivi, classi dimensionali e provincia OBIETTIVO: Approfondire le dinamiche congiunturali di breve periodo che coinvolgono il sistema delle imprese della regione

3 C E N S I S 3 Il programma di ricerca per il 2008 si articola in tre Rapporti Congiunturali a cadenza quadrimestrale e un Rapporto Finale sulle dinamiche dellanno 2008 Ciascun Rapporto Congiunturale è composto di due sezioni: lanalisi della congiuntura economica, delle strategie aziendali, delle criticità e delle opportunità di sviluppo indicate nel quadrimestre dagli imprenditori intervistati; Unarea tematica, in cui in ogni quadrimestre si affronta uno specifico tema inerente il sistema imprenditoriale regionale. Il Rapporto Finale annuale conterrà una lettura di sintesi dei tre Rapporti Congiunturali.

4 C E N S I S 4 La struttura del campione (*) Province (*) Tutte le province, esclusa quella di Roma, sono state sovracampionate. I risultati sono stati poi ponderati per riportare il campione alluniverso di riferimento

5 C E N S I S 5 La struttura del campione Settori produttivi* (*) La voce Servizi comprende solo i seguenti comparti: Trasporti e Logistica, Servizi finanziari e assicurativi (escluse banche e filiali bancarie), Servizi informatici, Attività immobiliari, Ricerca e sviluppo, Servizi alle imprese

6 C E N S I S 6 La struttura del campione Classi di addetti* (*) Le classi di addetti e 250 e oltre sono state sovracampionate per analizzare meglio il fenomeno della media e grande dimensione. I dati sono stati poi ponderati per riportare il campione alluniverso di riferimento

7 C E N S I S 7 LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le performance delle imprese nel terzo quadrimestre 2008

8 C E N S I S 8 Terzo Quadrimestre 2008 LA CONGIUNTURA Nel terzo quadrimestre del 2008 il sistema produttivo del Lazio ha pienamente risentito della fase congiunturale negativa vissuta dal Paese ed acuitasi a partire dai mesi di settembre e ottobre. Gli indici sintetici di performance risultano, sulla base delle risposte ottenute dalle 600 imprese contattate, tutti in flessione rispetto al primo ed al secondo quadrimestre dellanno. In calo i nuovi ordinativi, ma soprattutto in flessione lindice della produzione, frutto della mancata crescita della domanda di beni e servizi che diffusamente gli imprenditori hanno percepito nellultima parte del La fase riflessiva delleconomia regionale sembra attraversare tutti i comparti, con criticità più acute nei settori dellagricoltura e di quello edile, seguiti poi dal manifatturiero e dal commercio. Rallentano inoltre gli investimenti produttivi, rilevandosi limitati sprazzi di vitalità solo per ciò che concerne lacquisto di prodotti e macchinari ICT.

9 C E N S I S 9 Terzo Quadrimestre 2008 LA CONGIUNTURA La situazione complessiva appare preoccupante, ma non può definirsi grave; il sistema produttivo regionale appare ancora reattivo; un buon numero di imprese sente di poter ancora crescere e non è aumentato di molto – rispetto alla rilevazione precedente – in numero di imprese che si dichiara in una fase di ridimensionamento. Prevale dunque una situazione di stazionarietà e di attesa. Frena la crescita occupazionale e si intensifica, nei pochi casi di nuove assunzioni, il ricorso a forme di lavoro a tempo determinato e soprattutto il ricorso a consulenti esterni alle imprese. Il miglioramento della logistica aziendale, il miglioramento del processo produttivo ed il rafforzamento del processo commerciale appaiono ancora come gli obiettivi principali sui quali gli imprenditori del Lazio intenderebbero investire. Si è ridotta, tuttavia, decisamente la quota di imprenditori che hanno programmato nel breve periodo consistenti investimenti. Il clima di crisi generale è percepito pressoché in eguale misura in tutte le province del Lazio; la quota di imprenditori ottimisti nei confronti del futuro si attesta intorno al 30%, toccando il livello minimo degli ultimi tre anni.

10 C E N S I S 10 Gli indici di performance del sistema produttivo regionale. Terzo quadrimestre terzo quadrimestre 2008 Gli indici di performance possono variare tra 1 e 5. Il valore 1 segnala difficoltà nel sistema produttivo e 5 una crescita sostenuta. Prosegue il deterioramento delle performance del sistema produttivo regionale. In forte ridimensionamento landamento del fatturato, degli ordini e delloccupazione. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Indici di performance LA CONGIUNTURA ECONOMICA Indici di performance

11 C E N S I S 11 I segnali di crisi emersi agli inizi dellanno sono diventati evidenti e preoccupanti a partire dal mese di ottobre 2008, in concomitanza con la crisi economica mondiale. In ribasso, rispetto ai periodi precedenti, soprattutto lindice dei nuovi ordini e quello riguardante i nuovi assunti; i dati sulla crisi finanziaria internazionale spingono le imprese a prevedere un rallentamento sia dellattività produttiva che della capacità di assorbimento occupazionale. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Indici di performance LA CONGIUNTURA ECONOMICA Indici di performance Indici di performance in serie storica

12 C E N S I S 12 Indice sintetico della produzione: confronto territoriale In tutte le ripartizioni territoriali del Lazio si evidenza il ridimensionamento dellattività produttiva alla fine del 2008; appaiono più sensibili alla fase di rallentamento le province di Viterbo e Rieti, nelle quali lindice della produzione ha registrato una flessione di 0,15 punti percentuali, mentre sembra tenere un po di più la provincia di Roma, dove comunque si è registrato un calo dellindice della produzione. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Indici di performance LA CONGIUNTURA ECONOMICA Indici di performance

13 C E N S I S 13 Indice sintetico del fatturato: confronto territoriale Il fatturato nel terzo trimestre 2008 sembra risentire della crisi economica generale. Forte preoccupazione è stata espressa soprattutto dagli imprenditori operanti nella provincia di Rieti e in quella di Viterbo, anche se ovunque è evidente il ridimensionamento dellindice sintetico. Tra la fine del 2007 e la fine del 2008 lindice del fatturato si è ridotto di un punto, effetto di un consistente ridimensionamento della domanda di beni e servizi. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Indici di performance LA CONGIUNTURA ECONOMICA Indici di performance

14 C E N S I S 14 Prevale la stazionarietà, poche le imprese in crescita (fase congiunturale indicata dallimpresa) La crisi si manifesta non tanto con laumento – rispetto al quadrimestre precedente – delle imprese in fase di ridimensionamento, quanto con laumento delle imprese in una fase stazionaria (51,2% degli intervistati); oltre la metà delle imprese ritiene di operare in un mercato praticamente fermo. Il sistema, dal punto di vista del posizionamento di mercato, appare in difficoltà ma non è percepibile, per il momento, una conclamata situazione di recessione. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Fase di mercato LA CONGIUNTURA ECONOMICA Fase di mercato

15 C E N S I S 15 LA CONGIUNTURA ECONOMICA Fase di mercato LA CONGIUNTURA ECONOMICA Fase di mercato Ridimensionamento e stazionarietà caratterizzano soprattutto la micro- impresa, ma il clima di crisi appare trasversale a tutte le classi di addetti. Le aziende di maggiori dimensioni appaiono ancora come le più solide, ma ben il 18,1% ha indicato difficoltà (fase congiunturale indicata dallimpresa, per classe di addetti, % di imprese)

16 C E N S I S 16 Lagricoltura resta il settore più sensibile alle criticità attuali, ma restano abbastanza diffuse le situazioni critiche in tutti gli altri settori produttivi (fase congiunturale indicata dallimpresa, per classe di addetti, % di imprese) Rispetto al secondo quadrimestre del 2008, a fine anno aumenta soprattutto in agricoltura, nel manifatturiero e nel commercio la percentuale di aziende in una fase di ridimensionamento e si assottiglia leggermente la quota di imprese in fase stazionaria. Lo scenario complessivo appare critico ma non drammatico, molte sono ancora le imprese che cercano di tenere testa alle difficoltà del mercato. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Fase di mercato LA CONGIUNTURA ECONOMICA Fase di mercato

17 C E N S I S 17 Produzione e fatturato: confronto temporale. Nellarco di un anno sono aumentati i casi di imprese con produzione e fatturato stazionari o in diminuzione LA CONGIUNTURA ECONOMICA Fase di mercato LA CONGIUNTURA ECONOMICA Fase di mercato

18 C E N S I S 18 Produzione: stazionarietà e decremento segnano il quadrimestre (Opinione sullandamento della produzione nel III quadrimestre 2008; imprese in %, per settori produttivi) In tutti i settori considerati, percentuali consistenti di imprese hanno denunciato un marcato rallentamento della produzione, abbastanza critica appare la situazione in agricoltura e nel comparto edile, dove quote vicine al 50% appaiono in fase critica. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre

19 C E N S I S 19 Fatturato: situazione abbastanza stabile rispetto al secondo quadrimestre del 2008; il sistema produttivo tiene testa alla crisi (Opinione sullandamento del fatturato nel III quadrimestre 2008; imprese in %, per settori produttivi) Se le opinioni sulla produzione indicano pessimismo diffuso tra gli imprenditori, landamento del fatturato permette di ridimensionare leggermente le aspettative di crisi. Si è ridotta certamente la percentuale di aziende con fatturato in crescita, ma le quote indicano lesistenza di un ristretto nucleo di imprese ancora reattive e vitali. Molte le aziende che mantengono il fatturato ai livelli precedenti, mentre si allarga la percentuale di imprese in fase recessiva, ma non in modo eclatante. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre

20 C E N S I S 20 La congiuntura economica negativa sembra attraversare tutte le classi dimensionali dimpresa, sebbene le strutture di maggior dimensioni appaiono più reattive alla crisi. Produzione e fatturato per classe dimensionale nel terzo quadrimestre 2008 LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre

21 C E N S I S 21 Fermi gli ordinativi (Opinione sullandamento dei nuovi ordini nel III quadrimestre 2008; imprese in %, per settori produttivi) Aumenta in tutti i settori produttivi considerati la percentuale di aziende con ordinativi in riduzione o stazionari, diffusa la percezione di una fase critica per i primi mesi del 2009, ancor più che per lultima parte del LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre

22 C E N S I S 22 Basso livello di turn-over occupazionale (Opinione sullandamento delloccupazione nel III quadrimestre 2008, % di imprese per settori produttivi) La capacità e la possibilità delle imprese di creare nuovi posti di lavoro appare ridotta al minimo; solo nei servizi poco più del 10% degli intervisti ha registrato un aumento delloccupazione. Ovunque prevale la stabilità, non prevedendosi nuove assunzioni, ma anzi la possibilità di espellere dal mercato forza-lavoro. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre

23 C E N S I S 23 Andamento delloccupazione per classe dimensionale (Opinione sullandamento delloccupazione nel III quadrimestre 2008, % di imprese per settori per classe di addetti) Nellultima parte del 2008 non si rilevano più le sostanziali differenze tra piccola e grande impresa per ciò che concerne landamento occupazionale. Ovunque permane un clima di difficoltà e di attesa. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre

24 C E N S I S 24 Forme contrattuali delle nuove assunzioni nel terzo quadrimestre 2008 (% di imprese che ha incrementato il ricorso alle diverse forme contrattuali per i nuovi lavoratori inseriti in azienda nel III quadrimestre 2008) Le figure professionali alle quali maggiormente si è fatto ricorso nel quadrimestre riguardano i consulenti, seguiti dai contratti di lavoro a tempo determinato. Si abbassa notevolmente – rispetto al secondo quadrimestre 2008 – la percentuale di tutte le forme contrattuali utilizzate per le nuove assunzioni. La crisi spinge ovviamente a fare maggiore ricorso a figure a tempo determinato. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi livelli occupazionali LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi livelli occupazionali

25 C E N S I S 25 Nuovi occupati per forma contrattuale e per settori produttivi (% di imprese che hanno incrementato il ricorso alle principali forme contrattuali, per settori di attività nel III quadrimestre 2008) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi livelli occupazionali LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi livelli occupazionali

26 C E N S I S 26 Dinamiche del quadrimestre a livello territoriale (% di imprese che hanno dichiarato una crescita di produzione, fatturato, nuovi ordini e occupazione nel III quadrimestre 2008, per area territoriale di localizzazione) La provincia di Roma torna ad essere larea in cui si rilevano le percentuali più elevate di aziende che hanno dichiarato una crescita dellattività complessiva. La situazione resta comunque complessa; rispetto ai quadrimestri precedenti le percentuali di aziende con performance positive sono nettamente più basse. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Performance nel quadrimestre

27 C E N S I S 27 I nuovi investimenti produttivi Nellultima parte del 2008 si è ridimensionata ulteriormente la dinamica dei nuovi investimenti; si è infatti ridotta, rispetto ai quadrimestri precedenti, la percentuale di aziende che hanno acquistato nuovi macchinari, impianti ed attrezzature. Il rallentamento dellattività di investimento è evidente, ma non appare per il momento particolarmente grave. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi investimenti produttivi LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi investimenti produttivi

28 C E N S I S 28 Investimenti produttivi nelle imprese per classe di addetti (% di imprese che hanno effettuato nuovi investimenti produttivi nel III quadrimestre 2008, per classe di addetti) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi investimenti produttivi LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi investimenti produttivi

29 C E N S I S 29 Si ridimensiona su tutto il territorio regionale il volume degli investimenti produttivi, ma la possibilità di stallo appare lontana (% di imprese che hanno effettuato nuovi investimenti produttivi nel III quadrimestre 2008) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi investimenti produttivi LA CONGIUNTURA ECONOMICA Nuovi investimenti produttivi

30 C E N S I S 30 Le criticità e i problemi gestionali dellimpresa nel Lazio (% di imprese che hanno rilevato le criticità elencate ) Sembra diffondersi ulteriormente il problema di recupero dei crediti, quasi a sottolineare lacuirsi di un problema di liquidità tra le imprese. La difficoltà di recuperare i crediti presso i clienti è denunciata da quasi il 63% delle aziende analizzate, la non facile disponibilità di liquidità è segnalata da quasi il 60% del campione. Lulteriore diffusione di tali problemi appare legata al rapido deterioramento del ciclo economico. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le criticità gestionali nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le criticità gestionali nel quadrimestre

31 C E N S I S 31 Principali criticità nella gestione dimpresa (% di imprese che hanno rilevato le criticità elencate nel III quadrimestre 2008, per settore produttivo) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le criticità gestionali nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le criticità gestionali nel quadrimestre

32 C E N S I S 32 Recupero e disponibilità di liquidità sono i problemi più diffusi in tutte le classi dimensionali considerate (% di imprese che hanno rilevato le criticità elencate nel III quadrimestre 2008, per classe di addetti) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le criticità gestionali nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le criticità gestionali nel quadrimestre

33 C E N S I S 33 Le criticità gestionali per ripartizione territoriale (% di imprese che hanno rilevato le criticità elencate nel III quadrimestre 2008, per area territoriale) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le criticità gestionali nel quadrimestre LA CONGIUNTURA ECONOMICA Le criticità gestionali nel quadrimestre

34 C E N S I S 34 Le previsioni per il primo quadrimestre 2009 (Previsioni sulla congiuntura economica per il primo quadrimestre del 2009; imprese in %) Si ridimensiona consistentemente il numero di imprese che prevede un miglioramento delle performance nei primi mesi del Si abbassa soprattutto il numero di aziende che prevede di poter incrementare il livello del fatturato. Le previsioni sono, in modo preoccupante, improntate al ribasso. * Il dato sulle esportazioni è riferito al 21,1% delle imprese che ha dichiarato di operare allestero LA CONGIUNTURA ECONOMICA Previsioni LA CONGIUNTURA ECONOMICA Previsioni

35 C E N S I S 35 Previsioni: confronto temporale (Previsioni sulla congiuntura economica; imprese in %) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Previsioni LA CONGIUNTURA ECONOMICA Previsioni

36 C E N S I S 36 In tutti i settori produttivi, quote di poco superiori al 20% di imprese prevedono un miglioramento in termini di fatturato. Il numero di imprese che vedono un miglioramento del giro daffari si è drasticamente ridotto rispetto alla prima parte del Molto elevato, specie in agricoltura e nel comparto edile il numero di imprese che prevedono una riduzione del fatturato (Previsioni sullandamento del fatturato per il primo quadrimestre del 2009; imprese in %) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Previsioni LA CONGIUNTURA ECONOMICA Previsioni

37 C E N S I S 37 Nelle previsioni sullandamento del fatturato e delloccupazione non si rilevano sostanziali differenze a livello territoriale: ovunque previsioni al ribasso Aspettative sullandamento del FATTURATO nel primo quadrimestre 2009 (imprese in %) Aspettative sullandamento dellOCCUPAZIONE nel primo quadrimestre 2009 (imprese in %) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Previsioni LA CONGIUNTURA ECONOMICA Previsioni

38 C E N S I S 38 Restano abbastanza diffuse le previsioni di investimento e di miglioramento delle principali funzioni aziendali come la logistica e la funzione commerciale. Si abbassa comunque la percentuale di imprese che prevede nuovi e sostanziali operazioni di ottimizzazione della struttura aziendale (Obiettivi di miglioramento e di investimento dellazienda per i prossimi mesi; imprese in %) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Attività di sviluppo previste per il breve periodo LA CONGIUNTURA ECONOMICA Attività di sviluppo previste per il breve periodo

39 C E N S I S 39 Principali obiettivi di miglioramento dellattività aziendale Diffuso linteresse ad investire in futuro sulla logistica da parte del manifatturiero, delledilizia e del commercio. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Attività di sviluppo previste per il breve periodo LA CONGIUNTURA ECONOMICA Attività di sviluppo previste per il breve periodo

40 C E N S I S 40 Scende ai minimi il clima di fiducia degli imprenditori del Lazio; meno di uno su tre guarda con ottimismo allimmediato futuro (Aspettative sulla congiuntura economica per il primo quadrimestre 2009; imprese in %) Si abbassa ancora la percentuale di imprenditori ottimisti, mentre la quota di chi è preoccupato si avvicina al 70%. LA CONGIUNTURA ECONOMICA Clima di fiducia LA CONGIUNTURA ECONOMICA Clima di fiducia

41 C E N S I S 41 Gli imprenditori pessimisti superano il 30% in tutte le aree territoriali della regione, con punte vicine al 34% nella provincia di Roma. Le aspettative sono al ribasso, come è facilmente immaginabile nel clima di crisi che ha caratterizzato gli ultimi 4 mesi del 2008 (Aspettative sulla congiuntura economica nella provincia di appartenenza per il primo quadrimestre 2009; imprese in %) LA CONGIUNTURA ECONOMICA Clima di fiducia LA CONGIUNTURA ECONOMICA Clima di fiducia

42 C E N S I S 42 Crisi finanziaria e misure a sostegno delle imprese: opinioni e proposte

43 C E N S I S 43 Crisi finanziaria e misure anti- recessione Leffetto più evidente dellattuale fase di crisi è la mancanza di risorse liquide necessarie alla gestione dellimpresa. Il 58% degli intervistati ed il 47% ha manifestato rispettivamente difficoltà nel reperire e gestire risorse liquide e un accesso al credito divenuto più complicato che nel passato. Molte imprese del Lazio lamentano inoltre laumento degli insoluti di pagamento da parte dei clienti. Relativamente pochi imprenditori lamentano la mancata concessione di un prestito richiesto al sistema finanziario, mentre in molti casi il problema del rapporto con le banche si sostanzia nel ridimensionamento del prestito rispetto a quanto richiesto o nella richiesta di maggiori garanzie rispetto al passato. Molte le misure ed i provvedimenti ritenuti necessari per sostenere il sistema delle imprese del Lazio: dal sostegno pubblico alle banche affinché si evitino situazioni di credit crunch, al potenziamento dei sistemi di garanzia sui prestiti quali i Confidi, fino al potenziamento di prestiti agevolati ed il potenziamento della concessione di prestiti a lungo termine.

44 C E N S I S 44 I principali effetti della crisi finanziaria sul sistema delle imprese del Lazio (Difficoltà segnalate dalle imprese a causa della crisi finanziaria; imprese in %) Per più della metà delle 600 imprese analizzate, la crisi determina un inasprimento del problema di reperimento e gestione delle risorse liquide e per più del 47% è diventato più difficile laccesso al credito. AREA TEMATICA

45 C E N S I S 45 I principali effetti della crisi finanziaria sul sistema delle imprese del Lazio (Difficoltà segnalate dalle imprese a causa della crisi finanziaria; imprese in %) AREA TEMATICA

46 C E N S I S 46 Gli effetti delle restrizioni nella concessione di credito da parte delle banche * (Modalità di restrizione nella concessione del credito segnalate dalle imprese; imprese in %) * Dati relativi al 47% di imprese che ha segnalato restrizioni nella concessione del credito AREA TEMATICA

47 C E N S I S 47 Gli effetti delle restrizioni nella concessione di credito da parte delle banche * (modalità di restrizione nella concessione del credito segnalate dalle imprese; imprese in %) * Dati relativi al 47% di imprese che ha segnalato restrizioni nella concessione del credito AREA TEMATICA

48 C E N S I S 48 Misure prioritarie di intervento a sostegno delle imprese (Giudizio da 1 a 5; 1=poco rilevante; 5= molto importante) AREA TEMATICA

49 C E N S I S 49 Misure prioritarie di intervento a sostegno delle imprese (Giudizio da 1 a 5; 1=poco rilevante; 5= molto importante) AREA TEMATICA

50 C E N S I S 50 Misure prioritarie di intervento a sostegno delle imprese (Giudizio da 1 a 5; 1=poco rilevante; 5= molto importante) AREA TEMATICA

51 C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Fine


Scaricare ppt "C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google