La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione di venerdì 26 settembre 2008 VALUTAZIONE METODO TERZI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione di venerdì 26 settembre 2008 VALUTAZIONE METODO TERZI."— Transcript della presentazione:

1 Lezione di venerdì 26 settembre 2008 VALUTAZIONE METODO TERZI

2 METODO TERZI: COSE? E un METODO DI ORGANIZZAZIONE SPAZIO – TEMPORALE che fa riferimento allo SCHEMA CORPOREO e allo SPAZIO METRICO EUCLIDEO

3 METODO TERZI: SU COSA AGISCE? E una TECNICA COGNITIVO – MOTORIA che interviene sulla RAPPRESENTAZIONE MENTALE dello SPAZIO PERSONALE (schema corporeo), dello SPAZIO EXTRAPERSONALE (spazio esterno e peripersonale o di contatto) e sulla loro INTEGRAZIONE

4 METODO TERZI: PERCHE? Perché grazie alla RAPPRESENTAZIONE: Viene ampliata lintegrazione delle informazioni che entrano in modo più preciso e ordinato Viene ampliata lintegrazione delle informazioni che entrano in modo più preciso e ordinato Si favorisce lapprendimento Si favorisce lapprendimento Si possono fare diagnosi Si possono fare diagnosi Si interviene sulle immagini mentali motorie Si interviene sulle immagini mentali motorie

5 PRESENTAZIONE ALUNNO Alunno: Bianchi Luigi classe 3° A Alunno: Bianchi Luigi classe 3° A Diagnosi: ipoacusia neurosensoriale profonda con residui uditivi su toni gravi Diagnosi: ipoacusia neurosensoriale profonda con residui uditivi su toni gravi Luigi è uno studente di terza media con gravi difficoltà nella comprensione sia orale che scritta in qualsiasi ambito. Ricerca costantemente lattenzione di un adulto e ne richiede la guida. Per partecipare alle attività della classe deve sempre essere sollecitato e le esegue solo se guidato. Si esprime in modo molto difficoltoso. Luigi è uno studente di terza media con gravi difficoltà nella comprensione sia orale che scritta in qualsiasi ambito. Ricerca costantemente lattenzione di un adulto e ne richiede la guida. Per partecipare alle attività della classe deve sempre essere sollecitato e le esegue solo se guidato. Si esprime in modo molto difficoltoso. Utilizza delle protesi acustiche Utilizza delle protesi acustiche

6 TEMPI DI LAVORO Tempo totale: 90 minuti Tempo totale: 90 minuti 10preparazione materiale 10preparazione materiale 20valutazione RITMI 20valutazione RITMI 10valutazione ATTEGGIAMENTI 10valutazione ATTEGGIAMENTI 5valutazione TOCCHI 5valutazione TOCCHI 30valutazione DISTINZIONE QUALITATIVA 30valutazione DISTINZIONE QUALITATIVA 15 TRASLAZIONI RETTILINEE 5 ROTAZIONI 5 ROTAZIONI 10 TRASLAZIONI CURVILINEE 5riordino materiale 5riordino materiale

7 MATERIALE OCCORRENTE Abbigliamento comodo Abbigliamento comodo 2 mascherine 2 mascherine Telecamera Telecamera 1 materassino 1 materassino 2 sedie 2 sedie 1 vassoio rettangolare 1 vassoio rettangolare 2 Kg di plastilina 2 Kg di plastilina 1 squadretta 1 squadretta

8 Valutazione schema corporeo

9 RITMO A. Ad 1 canale: arti superiori B. Ad 1 canale: arti inferiori C. A 2 canali: omolaterale D. A 2 canali: crociato (video)

10 ATTEGGIAMENTI A. Dal Vissuto Corporeo alla Rappresentazione: posizione seduta (video) B. Dalla Rappresentazione al Vissuto Corporeo: posizione seduta

11 TOCCHI A. Dal Vissuto Corporeo alla Rappresentazione: stazione eretta (video)

12 Valutazione spazio metrico

13 TRASLAZIONI RETTILINEE A. Avanti (video) B. Indietro C. Laterale destra D. Laterale sinistra

14 ROTAZIONI A. Intera a destra B. Intera a sinistra (video)

15 TRASLAZIONI CURVILINEE A. Circonferenza in senso orario (video) B. Circonferenza in senso antiorario

16 CONCLUSIONI Dalle prove emerge che è un ragazzo molto legato al linguaggio verbale, utilizza molto lo spazio esterno come punto di riferimento per cui gli manca la percezione di sé, non ha un dentro; è poco preciso; ha molte difficoltà nella comprensione (non rappresenta); ha poca autostima.

17 PROGRAMMA FUTURO Lavoro sul ritmo da seduto Lavoro sul ritmo da seduto Lavoro sulla respirazione Lavoro sulla respirazione Atteggiamenti dal Vissuto Corporeo alla Rappresentazione alzando il livello di attenzione per la precisione Atteggiamenti dal Vissuto Corporeo alla Rappresentazione alzando il livello di attenzione per la precisione Striscio attivo e passivo per sentire maggiormente il proprio corpo Striscio attivo e passivo per sentire maggiormente il proprio corpo Tutti i tipi di traslazioni qualitative rappresentando prima con la pennellessa poi con la plastilina. Tutti i tipi di traslazioni qualitative rappresentando prima con la pennellessa poi con la plastilina.


Scaricare ppt "Lezione di venerdì 26 settembre 2008 VALUTAZIONE METODO TERZI."

Presentazioni simili


Annunci Google