La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Mare Adriatico Descrizione generale Caratteristiche meteorologiche Caratteristiche termiche Caratteristiche saline Caratteristiche dinamiche (circolazione)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Mare Adriatico Descrizione generale Caratteristiche meteorologiche Caratteristiche termiche Caratteristiche saline Caratteristiche dinamiche (circolazione)"— Transcript della presentazione:

1 Il Mare Adriatico Descrizione generale Caratteristiche meteorologiche Caratteristiche termiche Caratteristiche saline Caratteristiche dinamiche (circolazione)

2 Prima di descrivere le caratteristiche meteorologiche, termiche, saline e dinamiche del Nord, Centro e Sud Adriatico, è bene fare una breve presentazione del Mare Adriatico ed una descrizione della sua morfologia, visto che questa ne condiziona fortemente la dinamica delle masse d'acqua. L'Adriatico è uno dei sottobacini in cui viene suddiviso il Mediterraneo. Nonostante la sua collocazione geografica marginale all'interno del Mediterraneo tuttavia ricopre un ruolo fondamentale per ciò che riguarda la dinamica delle sue masse d'acqua. L'Adriatico, infatti, è una delle sorgenti principali delle acque di fondo del Mediterraneo orientale. Attraverso il Canale di Otranto l'Adriatico riversa nello Ionio, oltre che le acque di fondo, che si sono formate sia nell'Adriatico meridionale che nell'Adriatico settentrionale, anche le acque superficiali con una corrente che scorre lungo la costa occidentale italiana. Mentre riceve, lungo la costa orientale, le acque superficiali ioniche e nello strato intermedio le acque intermedie Levantine che si sono formate nell'estremo bacino orientale del Mediterraneo. GEOMORFOLOGIA DEL MARE ADRIATICO

3 Il Mare Adriatico è il bacino più continentale del Mediterraneo (escluso il Mar Nero), collocato tra le catene montuose degli Appennini, situati nella parte occidentale, e le Alpi Dinariche, poste nella parte orientale. Esso è caratterizzato da una forma allungata, con lasse maggiore (orientato da Nord-Ovest a Sud-Est) lungo 800 km e lasse minore meno di 200 km. La sua dinamica, quindi, è molto influenzata dalle condizioni meteorologiche.

4 I caratteri morfologici generali dell'Adriatico permettono di suddividerlo in tre distinti bacini: Settentrionale, Centrale e Meridionale, caratterizzati da profondità molto diverse: fino a 1222 metri il meridionale, fino a 270 metri il centrale e fino ad un massimo di 100 metri il settentrionale. L'Adriatico settentrionale tenendo conto dei suoi fondali, delle sue masse d'acqua e della dinamica di queste, possiamo a sua volta suddividerlo in: Nord Adriatico poco profondo (North Shellow) e Nord Adriatico profondo (North Deep). LAdriatico centrale possiamo suddividerlo in due sottobacini: settentrionale, dominato dal complesso delle fosse (Central Depression), e meridionale caratterizzato dalla presenza di un canale centrale, canale di Pelagosa (Central Sill) LAdriatico meridionale, esteso fino allo stretto di Otranto ed occupato in gran parte dalla Fossa Sud Adriatica, con profondità massima di 1270 m

5 Bacino Settentrionale Il bacino settentrionale va da Trieste alla trasversale Giulianova - isola Incoronata, è caratterizzato da fondali relativamente bassi che degradano dolcemente da nord verso sud e dalla costa occidentale verso il centro. Lungo la costa orientale si ha un gradiente batimetrico costa largo più pronunciato. Ha una profondità media di circa 50 metri, mentre la sua profondità massima non supera i 100 m. Nonostante la sua modesta superficie rispetto a quella del Mediterraneo ( km2 che è pari ad 1/112 del l'intero Mediterraneo) e l'ancora più modesto volume ( km3 pari ad 1/3562 del volume del Mediterraneo) l'Adriatico settentrionale riceve circa il 15 % di tutte le acque di apporti fluviali del Mediterraneo (Hopkins 1983). L'Adriatico settentrionale tenendo conto dei suoi fondali, delle sue masse d'acqua e della dinamica di queste, possiamo a sua volta suddividerlo in: Nord Adriatico poco profondo (NS) e Nord Adriatico profondo (ND). Nord Adriatico poco profondo (NS) La sub-area NS è la zona di mare dell'Adriatico Settentrionale che va da Trieste fino all'isobata dei 50 metri, cioè la trasversale Cattolica-Pola con bassi fondali, inferiori a 50 m. Tale area che, come già detto, chiameremo NS (North Shellow) ha una profondità media inferiore a 30 m.

6 È in questa sub-area che sfocia il fiume Po insieme ai principali fiumi alpini come l'Adige, il Brenta, il Tagliamento e l'Isonzo. Qui si forma, nel periodo invernale, una massa d'acqua particolarmente densa, dovuta in modo particolare alla bassa temperatura. In questa zona dell'Adriatico, nel periodo invernale, per effetto della Bora si viene a formare l'acqua più densa del Mediterraneo, t > 29.9 kg/m3 (Franco 1980, Artegiani 1983). Nord Adriatico profondo (ND) La sub-area ND è la zona dell'Adriatico settentrionale che va dall'isobata dei 50 m all'isobata dei 100 m, cioè dalla trasversale di Cattolica-Pola alla trasversale Giulianova-Isola Incoronata. Tale area,che abbiamo chiamato ND (North Deep), è caratterizzata, da un punto di vista morfologico, dalla presenza lungo la costa occidentale del promontorio del Conero che costituisce un fattore perturbante sulla corrente costiera occidentale, provocando vortici e filamenti. Da un punto di vista batimetrico, invece, è caratterizzata, lungo il settore occidentale, da una evidente scarpata continentale, che in circa 10 miglia porta il fondale da 20 m a m. Mentre il settore orientale è caratterizzato dalla presenza di una miriade di isole ed isolotti.

7 Bacino Centrale Il bacino centrale, che morfologicamente è caratterizzato dalla presenza delle fosse mesoadriatiche, dette anche fosse del Pomo, va dalla trasversale Giulianova-Isola Incoronata alla trasversale Vieste-Curzola. La depressione mesoadriatica è costituita da tre fosse poste lungo una trasversale Ovest-Est con una prima fossa, occidentale, profonda 240 m circa, una centrale profonda circa 270 m ed una orientale che raggiunge una profondità massima di circa 238 m. La fossa occidentale è separata da quella centrale da un dosso la cui profondità di soglia è di circa 188 m. Il complesso delle fosse è collegato con la parte più profonda dell'Adriatico Meridionale mediante un canale che ha una profondità minima di 163 m, la soglia di Pelagosa. Mentre tutto il Nord Adriatico può essere considerato piattaforma continentale, nel centro Adriatico possiamo distinguere una zona di piattaforma continentale sia dalla parte occidentale che dalla parte orientale; quest'ultima caratterizzata dalla presenza di numerose isole (Lesina, Curzola, Lissa, Lagosta, ecc.) ed isolotti. Anche l'Adriatico centrale possiamo suddividerlo in due sottobacini: settentrionale, dominato dal complesso delle fosse, e meridionale caratterizzato dalla presenza di un canale centrale, canale di Pelagosa

8 Area dominata dalle Fosse Mesoadriatiche Tale sub-area che chiameremo CD (Central Depression) è dominata dalle fosse mesoadriatiche, è compresa fra la trasversale di Giulianova-Incoronata a nord e la trasversale Vasto-Lissa a Sud. Nel settore nord dell'area una ripida scarpata porta il fondale da 100 m a circa 270 m nello spazio di 3-5 miglia, si ha praticamente un muro che separa l'Adriatico centrale da quello settentrionale. Le isobate, lungo il versante occidentale, presentano una curvatura destrorsa con un gradiente batimetrico dalla costa verso il largo molto più accentuato rispetto al Nord Adriatico. Lungo il versante orientale il gradiente batimetrico è ancora più accentuato, in brevissimo spazio si passa dall'isobata dei 100 m a quella dei 200 m. Area della soglia di Pelagosa Tale sub-area che chiameremo CS (Central Sill) si estende dalla trasversale di Vasto-Lissa a Nord alla trasversale Vieste-Curzola verso Sud. È costituita dall'area di piattaforma continentale che si estende a occidente e ad oriente del canale che congiunge il centro Adriatico con il sud Adriatico che presenta una soglia di 163 m di profondità (soglia di Pelagosa). Le isobate, lungo la costa occidentale, seguitano ad avere una accentuata curvatura che, come vedremo, condizionerà la propagazione delle acque di fondo da nord verso sud.

9 Bacino Meridionale Il sottobacino meridionale inizia dalla linea di convergenza Vieste-Spalato ed è caratterizzato da unampia Depressione profonda più di 1200 m. Esso si estende fino allo Stretto di Otranto e presenta una piattaforma continentale molto stretta (20-30 km), una scarpata continentale ripida, che arriva fino a 1000 m e una piana abissale piuttosto uniforme. Larea dello Stretto di Otranto va dalla trasversale Brindisi-Bar fino alla trasversale Otranto-Valona. Lo stretto di Otranto è riconosciuto come un importante regione nella quale differenti masse dacqua che si originano dal Mare Adriatico, dal Mare Ionio e dal Mare Egeo orientale, si scambiano e a loro volta influenzano la circolazione termoalina dei bacini adiacenti. Lo Stretto di Otranto ha un ampiezza minima di 75 km, un asse longitudinale orientato in direzione nord-sud ed è caratterizzato da una soglia di circa 800 m di profondità che separa le acque profonde del Sud Adriatico (la depressione Sudadriatica) dal più profondo Mare Ionio.

10 Il Mare Adriatico, principalmente la regione settentrionale, è fortemente influenzato dalle condizioni meteorologiche, a causa della sua posizione geografica, dellorografia che circonda il Bacino e della sua profondità. LAdriatico è situato tra la zona delle alte pressioni sub-tropicali e la fascia delle medie latitudini o dei Westerlies (correnti occidentali) nella quale le perturbazioni atmosferiche si muovono da Ovest verso Est. Tali perturbazioni provocano una forte variabilità stagionale dei fenomeni ad esse associate. Durante la maggior parte dellanno, la regione adriatica è dominata dagli effetti della fascia dei Westerlies con frequenti cicloni e anticicloni, mentre in estate domina un regime di alte pressioni sub-tropicali. Le condizioni meteorologiche dellarea adriatica subiscono linfluenza anche di altri regimi atmosferici, come la bassa pressione dellIslanda (Iceland Low) e lalta pressione dellEurasia (Eurasian High) nel periodo invernale; lalta pressione delle Azzorre (Azores High) e la bassa pressione di Karachi (Karachi Low) nel periodo estivo. CARATTERISTICHE METEOROLOGICHE

11 I venti che dominano sul Bacino Adriatico sono la Bora e lo Scirocco. Il nome Bora viene impiegato per indicare una forte corrente di aria continentale che arriva sul Mare Adriatico prevalentemente tra Nord e Nord-Est. I venti di Bora si formano quando una massa di aria fredda e asciutta si accumula sui Balcani e, raggiunta laltezza dei passi montuosi, si incanala lungo le valli delle Alpi Dinariche soffiando violentemente su alcune zone adriatiche. La Bora è un vento catabatico, freddo e secco che spira con una velocità media di 15 m/s raggiungendo punte massime di 50 m/s. Generalmente, eventi con intensità di almeno 15 m/s hanno una frequenza che varia da un giorno al mese (o meno) nel periodo estivo, fino a più di 6 giorni al mese nel periodo invernale con una durata media compresa tra 12 ore e 2 giorni.

12 I venti più forti si manifestano lungo la costa orientale dellAdriatico, da Trieste fino al confine albanese; in mare aperto, la Bora è solitamente meno intensa. Questo vento è più comune durante la stagione fredda, da novembre a marzo. La Bora può essere molto localizzata ed estendersi solo poche miglia al largo; in alcuni casi, larea dei venti da Nord-Est si estende verso Sud fino a comprendere gran parte dellintero Adriatico. Ci sono due regimi atmosferici principali associati alla Bora: Il regime anticiclonico in cui un ampio centro di alta pressione è presente sullEuropa centrale, accompagnato da un centro di bassa pressione sul Mediterraneo o sui Balcani; Il regime ciclonico in cui un centro di bassa pressione è presente sul Tirreno, lAdriatico meridionale o lo Ionio. Questi due diversi regimi meteorologici permettono la distinzione rispettivamente in Bora scura e Bora chiara. In entrambi i casi, comunque, la pressione è più elevata sul versante europeo dei Balcani e più bassa sul versante Mediterraneo. La Bora chiara è un vento secco, accompagnato da cielo terso e buona visibilità; la Bora scura è accompagnata da nuvole basse, visibilità ridotta associata a piogge e neve, nel periodo invernale.

13 Il termine Scirocco invece, viene usato comunemente per indicare un vento di origine tropicale, continentale che soffia sul Mediterraneo. Lo Scirocco soffia da Sud-Est e si origina nei deserti del Nord Africa e dellArabia. E un vento umido (lumidità viene raccolta durante il passaggio sul Mar Ionio) che viene incanalato lungo lasse maggiore del Bacino Adriatico grazie alla presenza degli Appennini e delle Alpi Dinariche. Lo Scirocco tende a formarsi senza un mese o una stagione favoriti. Regimi di Scirocco molto evidenti interessano lintero Adriatico in autunno e in inverno, precedendo sistemi ciclonici che si spostano verso Est o verso Nord dal Mediterraneo occidentale. I venti di Scirocco hanno intensità media di 10 m/s, ma possono raggiungere intensità superiori a 15 m/s, specialmente in inverno e in primavera fino ad arrivare anche a 30 m/s. Lo Scirocco è in parte responsabile dellinnalzamento del livello marino nel Nord Adriatico e quindi del fenomeno dell Acqua Alta a Venezia.

14 Altri venti come gli Etesi, il Maestrale, le Brezze Marine e Terrestri possono essere localmente dominanti, soprattutto in estate. I venti Etesi (chiamati anche Meltemi) sono venti settentrionali che dominano sul Mediterraneo orientale (prevalentemente sul Mar Egeo), durante il periodo estivo in presenza di una depressione continentale localizzata sullAsia Sud-occidentale. Questi venti si possono anche propagare sul bacino meridionale dellAdriatico, dove soffiano da Nord-Ovest e rappresentano il 53% di tutti i venti estivi. Nella stessa direzione soffia sullAdriatico anche un vento chiamato Maestrale, particolarmente rilevante a livello del sub-bacino meridionale. Il Libeccio è un vento proveniente da Sud-Ovest, non frequente e persistente, avvertito principalmente sulla costa adriatica orientale quando si verifica una depressione sul Bacino (soprattutto in inverno). Altri venti minori sono, per esempio, la Tramontana che soffia da Nord ed è associata ad un regime di Bora; il Levante che soffia da Est; il Ponente da Ovest e lOstro che soffia da Sud associato ad un regime di Scirocco.

15 Masse daria di diversa origine hanno uninfluenza notevole sul Bacino Adriatico, essendo responsabili degli scambi di calore tra la superficie marina e latmosfera. I flussi di calore superficiale (definiti positivi se diretti dallaria al mare), vengono generalmente calcolati mediante delle formule (bulk formulas) che utilizzano i dati atmosferici e marini a livello dellinterfaccia aria-acqua. Il flusso di calore totale in superficie, QT, deriva dalla somma di quattro componenti: QT = QS + QB +QH +QE QS rappresenta il flusso della radiazione solare, incidente alla superficie, a lunghezze donda corte. Per definizione, è un termine sempre positivo, indicando così un guadagno di calore del mare. QB è il flusso netto della radiazione infrarossa (a lunghezze donda lunghe), emesso direttamente dalla superficie marina. E un termine sempre negativo che denota una perdita di calore. QH è il flusso di calore perso o guadagnato dal mare per conduzione o convezione, allinterfaccia aria-acqua, chiamato anche flusso di calore sensibile. Esso può assumere valori positivi o negativi. QE, invece, rappresenta il flusso di calore perso dal mare durante il processo di evaporazione, o guadagnato a seguito del processo di condensazione; cioè, è il flusso di calore latente. Anchesso, come QH, può avere entrambi i segni. FLUSSO DI CALORE

16 Il flusso di calore dipende sostanzialmente dalla radiazione solare, dalla nuvolosità, dalla temperatura atmosferica e marina, dalla velocità del vento e dallumidità. Valutazioni a lungo termine dei flussi di calore, eseguite da vari autori, presentano differenze anche significative, a causa, soprattutto, della diversa selezione di dati marini e atmosferici utilizzati nei calcoli. Stime ottenute, per esempio, dai dati di May che coprono il periodo (May, 1982; Malanotte-Rizzoli e Bergamasco, 1991) conducono ad un QT medio annuale di –22 W/m2; mentre Artegiani et al. (1997a) hanno ottenuto il valore di –19 W/m2 per il periodo Maggiore et al. (1998), svolgendo unanalisi climatologia nel periodo , hanno mostrato come il bilancio termico dellintero Bacino abbia un valore di –17 W/m2, collocandosi nel range dei valori precedenti. Dai risultati sopra menzionati, si deduce che il QT climatologico annuale del Mare Adriatico è negativo, quindi, mediamente il Bacino perde calore. Questo implica che, in condizioni stazionarie, larea adriatica importa calore dal Mediterraneo attraverso lo Stretto di Otranto. Il bilancio termico superficiale negativo implica la formazione invernale di acque profonde a bassa temperatura; queste escono dal Bacino e vengono sostituite da Acque Superficiali Ioniche a temperatura e salinità più elevate (ISW) e dalle Acque Intermedie Levantine (LIW) mantenendo così, su scala annuale, il bilancio termico e del sale del Mare Adriatico.

17 CARATTERISTICHE TERMICHE Per descrivere le caratteristiche termiche, saline e dinamiche sono stati utilizzati due data base. Per il bacino Settentrionale e Centrale è stato utilizzato il data base ATOS (Adriatic Temperature, Oxygen and Salinity) (Artegiani et al., 1997) costituito di 5543 stazioni eseguite durante tutto l'arco dell'anno a partire dal 1911 al 1983, mentre per il bacino meridionale è stato utilizzato il data base MATER (Mass Transfer and Ecosystem Response) costituito di dati oceanografici (dal 1996 al 1999) relativi alle misure dei parametri fisici e bio-chimici nella colonna dacqua. Per entrambi sono state fatte delle medie spaziali e stagionali. Per definire le stagioni oceanografiche ci si è basati sull'andamento del flusso di calore medio mensile alla superficie del mare. È risultato che il periodo durante il quale il mare perde calore, cioè l'inverno, va da gennaio ad aprile, mentre il periodo durante il quale il mare riceve calore, cioè il periodo estivo, va da luglio ad ottobre. Il periodo di transizione fra l'inverno e l'estate, cioè la primavera, sono i mesi di maggio e di giugno le il periodo di transizione fra l'estate e l'inverno, cioè l'autunno, sono i mesi di novembre e di dicembre. Artegiani A., D. Bregant, E. Paschini, N. Pinardi, F.Raicich and N. Russo, The Adriatic Sea general circulation Part I: air-sea interactions and water mass structure. J. Phys. Oceanogr., 27, Artegiani A., D. Bregant, E. Paschini, N. Pinardi, F.Raicich and N. Russo, The Adriatic Sea general circulation Part II: Baroclinic circulation structure. J. Phys. Oceanogr., 27,

18 La figura rappresenta la distribuzione della temperatura in superficie (-5m) su tutto il bacino dell'Adriatico nelle quattro stagioni. In inverno si ha un gradiente termico longitudinale nord/ovest-sud/est con una zona fredda nel centro dell'area che si protende dalla foce del Po verso la costa orientale dividendo praticamente in due l'area. La temperatura inferiore si trova lungo la costa occidentale (T< 8 °C) La temperatura massima la troviamo al largo a sud dell'area con circa 11.5 °C. Nel periodo primaverile la temperatura superficiale si è notevolmente alzata, intorno a 18 °C. Permane comunque un leggero gradiente longitudinale con temperature più alte nella parte nord rispetto a quelle presenti nella parte sud dell'area. In estate il campo termico è ancora più livellato con valori medi di °C, leggermente più alti lungo il lato nord-occidentale (intorno a 23.5 °C). In autunno si torna ad avere le condizioni invernali con un forte gradiente nord-sud da 11 a 15 °C. sub-area NS

19 La figura rappresenta la distribuzione della temperatura nello strato di fondo su tutto il bacino dell'Adriatico nelle quattro stagioni. In inverno l'omogeneizzazione della colonna d'acqua fa si che la distribuzione della temperatura sul fondo segua molto da vicino lo strato superficiale. Si ha infatti un gradiente termico longitudinale con una massa d'acqua più fredda nella zona centrale, con valori minimi, inferiori a 8°C, lungo la costa occidentale davanti al delta del Po. In primavera nella zona centrale dell'area si ha sempre la presenza di un nucleo più freddo (temperatura inferiore a 11.5 °C), verso nord e verso sud di tale zona la temperatura è superiore a 12.5 °C. In estate si ha un gradiente termico negativo dalla costa al largo su tutta l'area. Quindi nel centro dell'area si ha un massa d'acqua fredda con temperatura inferiore a 14 °C e tutto attorno acque più calde con i valori massimi, superiori a 19.5 °C, davanti a Venezia e nel golfo di Trieste. In autunno la temperatura sul fondo si è notevolmente riabbassata, con valori inferiori a 12 °C nel settore centro e nord mentre nel settore meridionale dell'area, sia lungo la costa occidentale che quella orientale, i valori della temperatura sono ancora superiori a 15 °C. sub-area NS

20 In figura sono riportati i profili termici medi per l'area NS per le quattro stagioni. In inverno si ha il minimo gradiente termico superficie-fondo. La temperatura è quasi omogenea fino a 25 metri con valori compresi fra 9 e 9.5 °C, poi andando in profondità aumenta leggermente fino a raggiungere la temperatura di circa 10.5 °C. In primavera lo strato superficiale incomincia a riscaldarsi, si ha quindi un gradiente termico negativo quasi costante dalla superficie (18.5 °C) a 25 m (12 °C), poi si ha uno strato intermedio con temperatura quasi omogenea intorno a 12 °C, fra 25 e 40 m, mentre nello strato di fondo (40-45 m) la temperatura torna ad aumentare fino a circa 13 °C. In estate il primo strato superficiale, di circa 10 m, è quasi omogeneo con temperature comprese frai 22 e 23 °C. Si ha poi uno strato compreso fra 10 e 35 metri con un forte gradiente termico ( zona del termoclino), si passa infatti da più di 22 °C a circa 14 °C. Nello strato di fondo, da 35 a 45 m, la temperatura è di poco superiore a 14.5 °C. In autunno fra lo strato superficiale e quello profondo si ha una forte inversione termica, cioè nello strato superficiale, fino a circa 30 metri, si hanno delle temperature comprese fra 12 e 13 °C, mentre sul fondo la temperatura è di circa 17.5 °C. Quindi nell'arco dell'anno la temperatura massima sul fondo viene raggiunta nel periodo autunnale. Nonostante l'inversione termica, la colonna d'acqua è stabile perché lo strato superficiale è meno salato e quindi la densità risulta sempre crescente dalla superficie al fondo.

21 sub-area ND (temperatura superficiale) In figura possiamo notare che in inverno tale sub-area è caratterizzata più da un gradiente termico trasversale che longitudinale, con basse temperature lungo il lato occidentale (T < 10 °C), mentre il lato orientale è più omogeneo con valori intorno a 12 °C. In primavera, dovuto al fatto che nel golfo del Quarnaro è presente un nucleo di acqua fredda con un minimo di temperatura inferiore a 15 °C, si ha un gradiente termico longitudinale da nord verso sud con valori più alti al centro dell'area (T maggiore a 19.5). L'estate è caratterizzata da una omogeneità termica su tutta l'area con temperature leggermente più calde lungo il settore occidentale (T = 23 °C ) che quello orientale (T = 21.5 °C). In autunno il settore occidentale si è già notevolmente raffreddato (T < 15 °C) mentre il settore orientale ha ancora una temperatura superiore a 17 °C.

22 sub-area ND (temperatura di fondo) Nel periodo invernale si vede che, analogamente allo strato superficiale, anche sul fondo si ha un gradiente termico trasversale con temperature più fredde lungo la costa occidentale (T<10 °C) che in quella orientale (T = 12 °C) In primavera nel centro dell'area è presente una lingua di acqua più fredda, che seguendo le isobate tende a scorrere lungo la scarpata occidentale. Lungo i bordi, sia occidentale che orientale, si risente del riscaldamento primaverile con temperature leggermente più alte lungo la costa occidentale. Nel periodo estivo il riscaldamento, che deriva dalla maggiore e più intensa insolazione, si fa sentire di più lungo la costa occidentale, con valori di temperatura superiore a 15.5 °C, mentre lungo le coste orientali si ha una temperatura che raggiunge solo 15 °C. Il centro del bacino è occupato da un nucleo di acqua più fredda (T = 13.5 °C). In autunno persiste nel centro dell'area, spostata più lungo il lato occidentale, una massa d'acqua fredda (T = 14 °C), mentre lungo i due bordi laterali si hanno temperature superiori a 15.5 °C lungo il lato occidentale e 17 °C, lungo il lato orientale)

23 sub-area ND Nel periodo invernale la colonna termica è omogenea intorno a 11.5 °C. Mentre nel periodo primaverile si ha già un gradiente termico negativo, con valori della temperatura di circa 19 °C in superficie e di 13.5 °C a 40 metri. Poi il gradiente, da 40 a 70 m, diventa molto più piccolo, la temperatura infatti in 30 m diminuisce di solo 1 °C. Da 70 m al fondo si ha una leggera inversione termica, la temperatura infatti sul fondo risale fino a poco più di 13 °C. In estate ritroviamo la normale situazione di stratificazione termica, con un primo strato di circa 10 m con temperature comprese fra 21.5 e 22.5 °C, poi si ha la presenza del termoclino stagionale, compreso fra 10 e 40 m, dove la temperatura alla base del termoclino è scesa fino 14.5 °C. Da 50 m fino al fondo si ha ancora una leggera diminuzione della temperatura con un minimo a 70 m, con la temperatura di circa 13.7 °C, mentre sul fondo abbiamo 14 °C. In autunno la colonna d'acqua torna ad essere di nuovo omogenea intorno a valori di °C ma con una leggera inversione termica. A 40 m si ha infatti un massimo di circa 16.2 °C, poi la temperatura torna a discendere fino a 14.5 °C e infine verso il fondo risale a circa 16 °C.

24 sub-area CD (temperatura superficiale) In inverno, a parte un leggero gradiente costa largo, lungo il settore occidentale, l'area è dominata da una omogeneità termica intorno a 12.5 °C. Anche la primavera è caratterizzata da una omogeneità termica con valori però più alti, intorno a 18 °C. In estate si hanno temperature comprese fra i 22 °C della costa orientale e i 24 °C della costa occidentale, con un massimo localizzato di fronte a Pescara. In autunno lo strato superficiale torna a raffreddarsi, più velocemente lungo la costa occidentale e al centro( 16

25 sub-area CD (temperatura di fondo) In inverno nel centro delle fosse (zona centrale dell'area) si ha il massimo di temperatura (T> 12.5 °C) comunque lungo la costa orientale la temperatura ha circa lo stesso valore, mentre lungo la costa occidentale è leggermente più bassa, poco meno di 11 °C. In primavera la massa d'acqua del centro si raffredda (T< 11.5 °C) ed è presente un leggero gradiente termico negativo costa-largo lungo il settore occidentale. In estate la massa d'acqua fredda presente sul fondo delle fosse mesoadriatiche è più definita, mentre lungo le coste il maggiore riscaldamento estivo si risente anche sul fondo. Ne deriva quindi un più evidente gradiente termico negativo costa-largo, più marcato lungo il lato occidentale, dove si passa da circa 18 °C di sotto costa a 11.5 °C del centro. In autunno la massa d'acqua fredda presente al centro dell'area è ancor più definita, questa si allunga verso oriente interessando quindi l'intero complesso delle fosse, di conseguenza si ha un gradiente termico negativo dai bordi dell'area verso il centro, si passa cioè da 14.5 °C lungo i bordi a 11.5 °C del centro. La massa d'acqua fredda di fondo è allungata anche verso sud lungo il canale che porta alla soglia di Pelagosa.

26 sub-area CD In inverno la colonna d'acqua dalla superficie al fondo è quasi omogenea con un leggero gradiente negativo, passando dai 13.2 °C della superficie ad 11.6 °C del fondo. In primavera inizia il riscaldamento superficiale la temperatura infatti già raggiunge il valore di 19.1 °C; poi questa decresce fino alla profondità di 50 metri dove si ha una temperatura di 14 °C. Da questa quota al fondo la temperatura continua a diminuire ma molto più lentamente, raggiungendo il valore di circa 11.0 °C, più freddo del valore invernale. Ciò è dovuto al fatto che in primavera incominciano ad arrivare nelle fosse mesoadriatiche le acque dense e fredde che si sono formate nel periodo invernale nella parte nord dell'Adriatico per effetto della bora. In estate si ha uno strato superficiale, con temperatura omogenea intorno a 23 °C di circa 10 m di spessore. Poi si ha il termoclino con una temperatura di 15.3 °C a 40 metri (base del termoclino), da qui la temperatura seguita a diminuire con la profondità ma più lentamente raggiungendo 10.8 °C sul fondo. In autunno la temperatura dello strato superficiale diminuisce notevolmente(T=15.9°C) ed il calore accumulato durante l'estate nella parte superficiale della colonna d'acqua viene trasferito in profondità. Nella figura 5a vediamo infatti un forte segnale di stagionalità nello strato compreso fra 50 e 130 metri con la temperatura più alta in autunno e più bassa in inverno.

27 sub-area CS (temperatura superficiale) In inverno il settore occidentale dell'area è molto più freddo del lato orientale, 11 °C contro i 14.5 °C. Solo lungo la fascia costiera occidentale si ha un gradiente termico positivo costa-largo. In primavera si ha uno strato superficiale quasi omogeneo con valori della temperatura intorno a 18 °C. Nel periodo estivo si ha un leggero gradiente termico negativo dalla costa occidentale (T = 23.5°C) verso il largo e la costa orientale (T = 22 °C). In autunno il gradiente termico trasversale si inverte rispetto al periodo estivo, si passa cioè da una temperatura di 17 °C lungo la costa orientale ad una di 15.5 °C del centro dell'area e a 16 °C della zona occidentale.

28 sub-area CS (temperatura di fondo) Nello strato di fondo in tale area nel periodo invernale si ha un evidente gradiente termico trasversale con temperature più alte lungo la costa orientale (T compresa fra 13.5 e 14.0 °C) e più fredde lungo la costa occidentale( T=11.5 °C). In primavera dalla parte orientale troviamo all'incirca lo stesso gradiente costa-largo (da 14.5 °C a 12.5 °C), mentre il centro e la parte occidentale dell'area è dominata da una massa d'acqua fredda (T< 12.5 °C) che tende a propagarsi verso sud. Nel periodo estivo è evidente la presenza, lungo il settore occidentale dell'area, di acque fredde di provenienza nord adriatica, si ha quindi un forte gradiente costa-largo, da circa 16 °C a °C, mentre nel settore orientale la temperatura sia lungo la costa che al largo è intorno a 15 °C. In autunno la presenza di acqua fredda, che dalle fosse mesoadriatiche si propaga verso sud lungo il canale che porta verso la soglia di Pelagosa e poi verso la depressione del basso Adriatico, è molto evidente. Si ha quindi un gradiente termico negativo rispettivamente dalla costa occidentale ed orientale, 15 e 15.5 °C, verso il centro, 13.5 °C.

29 sub-area CS I profili termici lungo la colonna d'acqua di quest'area sono molto simili a quelli della sub- area CD. In inverno si ha la normale omogeneizzazione della colonna d'acqua dalla superficie fino al fondo, 13.8 °C in superficie e 13.5 °C sul fondo, con un minimo di 12.6 °C a 170 m. In primavera si passa da 18.9 °C della superficie a 14.0 °C a 40. Dalla profondità poi di 50 m si ha una lenta e graduale diminuzione della temperatura che da 14.4 °C arriva a 12.6 °C. In estate si ha uno strato superficiale con temperatura di circa 23.0 °C °, il termoclino che va 10 a 40 metri con la temperatura che passa da 23 a 15.2 e poi uno strato intermedio- profondo con la temperatura che raggiunge 13.1 °C a 170 m, mentre sul fondo (200 m) la temperatura risale leggermente a 13.6 °C. In autunno la temperatura media dello strato superficiale è leggermente più alta di quella della sub- area CD adiacente, 16.6 °C contro 15.9 °C. Fino a 40 m di profondità la temperatura rimane quasi invariata, fra 40 metri e il fondo la temperatura diminuisce lentamente fino a raggiungere 13.6 °C sul fondo.

30 Bacino meridionale (temperatura superficiale) In inverno larea considerata presenta una certa omogeneità attorno ai 14 – 14.5 °C In primavera la zona più occidentale presenta temperature più basse rispetto a quella orientali con valori che vanno rispettivamente da 17 °C a circa 19.5 °C. Nel periodo estivo il bacino considerato ritorna a raggiungere una cera omogeneità con valori che si aggirano attorno a 24 °C. In autunno si ha un leggero gradiente termico positivo dalla costa occidentale (T = 15.5°C) verso la costa orientale (T = 18 °C).

31 Nello strato di fondo (figura 3), nel periodo invernale si possono notare temperature più alte lungo la costa orientale di circa 15 °C e leggermente più fredde lungo la costa occidentale di circa 13 °C. In primavera, e ancora più evidente in estate, la temperatura tende ad omogeneizzarsi attorno a 14 °C. In autunno, la carenza di dati nellarea considerata, non ci permette di dare una dettagliata descrizione ma il bacino si mantiene ad una temperature intorno a 13 °C. Bacino meridionale (temperatura di fondo)

32 Bacino meridionale In figura sono riportati i profili termici medi per linverno, lestate e lautunno. Per la primavera la mancanza di dati non permette di avere un profilo termico climatologico. In inverno i valori di temperatura decrescono gradualmente dalla superficie al fondo da 14.6 °C a 13.5 °C per cui la colonna dacqua appare quasi tutta omogenea. In estate è evidente un primo strato di 15 – 20 m quasi omogeneo con temperatura compresa fra 25 °C e 25.5 °C. Poi abbiamo un marcato termoclino fino a circa 40 m dove si ha una temperatura di 15.4 °C. Da qui al fondo i valori risultano più o meno omogenei attorno a 14 °C. In autunno, come in inverno, la colonna dacqua ritorna ad essere quasi tutta omogenea con una lieve diminuzione dalla superficie al fondo di circa 1 °C, da 14.5 °C a 13.5 °C.

33 CARATTERISTICHE SALINE LAdriatico, come molti mari continentali e semi-chiusi, è molto influenzato dallemissione fluviale di acque a bassa salinità. Il Bacino idrografico è limitato dalla presenza di catene montuose; troviamo, infatti, le Alpi nella parte settentrionale, gli Appennini nel versante occidentale e le Alpi Dinariche nel versante orientale. La minima estensione del Bacino idrografico si verifica vicino Trieste (solo alcune decine di km), mentre la massima estensione (più di 400 km) si ha a livello del Po. La portata dei fiumi è legata al regime di precipitazione e, in minor misura, allo scioglimento delle nevi. Essa è massima in autunno e in primavera in relazione, rispettivamente, al tasso massimo di precipitazione e allo scioglimento delle nevi, mentre è minima nel periodo estivo, fatta eccezione per i fiumi dellarea settentrionale che mostrano un minimo in inverno. La media annuale della portata fluviale lungo tutte le coste adriatiche oscilla tra e m3/s (Sekulić e Vertačnik, 1996; Raicich, 1996). Il solo fiume Po contribuisce con il 28% al runoff totale, corrispondente ad una portata di circa m3/s, con variazioni stagionali che passano da un minimo di 400 ad un massimo di m3/s. Il 45% dellapporto fluviale totale proviene dalla costa orientale adriatica, il 19% dalla zona settentrionale e l8% dalla costa occidentale del Bacino. Limmissione fluviale media totale di acque a bassa salinità corrisponderebbe ad un aumento annuale di 1,17 m del livello marino per lintero Bacino (Raicich, 1996).

34 Laggiunta del runoff al bilancio di acqua superficiale W', fornisce un bilancio totale indicato con W = W' – R = E – P – R Stime annuali di W, calcolate da vari autori, risultano tutte negative, definendo così un guadagno di acqua dolce da parte dellAdriatico e una conseguente esportazione dellacqua in eccesso verso il Mediterraneo, attraverso lo Stretto di Otranto. Zore-Armanda (1969 b) ottenne una stima di W annuale compresa tra – 0,56 e – 0,48 m; Raicich (1996) calcolò un valore compreso tra – 1,10 e – 0,65 m; Artegiani et al. (1997 a) un W uguale a – 1,14 ± 20 m/anno. Da ciò si deduce che lAdriatico è un Bacino di diluizione e può essere considerato una fonte di acque a bassa salinità per lintero Mediterraneo, dove al contrario la relazione E – P – R risulta positiva. Considerando il ciclo annuale medio di W si può affermare che il guadagno di acqua nellAdriatico raggiunge il minimo relativo in inverno avanzato (febbraio- marzo), soprattutto a causa di una elevata evaporazione, e un massimo assoluto a maggio-giugno in relazione ad un elevato runoff fluviale e ad una evaporazione relativamente bassa. Il guadagno di acqua decresce ancora in estate (luglio- agosto) quando levaporazione, la precipitazione e il runoff fluviale raggiungono i minimi assoluti. Lautunno è caratterizzato, invece, da una variabilità collegata allaumento di tutte le componenti, in particolare dellevaporazione, da settembre ad ottobre, e del runoff da ottobre a novembre.

35 Questa sub-area riceve, con gli apporti del Po e degli altri fiumi alpini, circa il 50 % delle acque continentali che confluiscono in tutto l'Adriatico. Nella sub-area è presente in tutte le stagioni un gradiente salino trasversale, fra la costa occidentale e la costa orientale, più o meno accentuato a seconda della stagione. L'inverno e l'autunno sono le due stagioni con valori di salinità più alti. Infatti nel periodo invernale, sotto costa davanti al Po, non si va al di sotto di 35 psu, mentre al largo arriviamo ad avere 38.2 psu. Analogamente nel periodo autunnale non si va al disotto di 35 sotto costa ed al largo nella zona centrale dell'area si hanno valori superiori a 38.1 psu. In primavera lungo la costa occidentale si ha il minimo di salinità, valori inferiori a 32 psu, mentre al largo è scomparsa la isoalina di 38 psu sostituita dalla isoalina di 37.5 psu. In estate la salinità media dello strato superficiale è minima, partendo infatti da un valore di 34.5 psu di sotto costa si arriva ad avere al massimo valori di poco superiori a 36.5 al centro dell'area. L'acqua dei fiumi, anche se la loro portata è minima, viene distribuita, a causa della stratificazione termica e a causa dei venti, su tutta l'area. sub-area NS (salinità superficiale)

36 Nelle quattro stagioni il campo della salinità sul fondo è molto livellato. Nella zona centrale dell'area si ha la costante presenza di acqua più salata, è l'acqua intermedia levantina modificata che entrando ad Otranto si propaga per tutto l'Adriatico. La maggiore ingressione si ha nel periodo invernale (38.3 psu), meno accentuata nel periodo primaverile ed autunnale (38.2 psu), mentre è appena accennata in estate (38.1 psu). sub-area NS (salinità di fondo)

37 Analizzando i profili medi verticali si vede come le quattro stagioni siano a due a due accoppiate. La primavera e l'estate hanno dei valori superficiali molto bassi rispettivamente di e psu, mentre l'inverno e l'autunno hanno dei valori superficiali notevolmente più alti rispettivamente e psu. Andando in profondità la salinità aumenta. A 25 m di profondità le quattro stagioni hanno dei valori molto simili compresi fra psu dell'autunno e dell'inverno. Da 25 m al fondo la salinità continua a decrescere raggiungendo il valore di psu in primavera, di psu in estate, psu in inverno e psu in autunno. sub-area NS

38 Lungo la costa occidentale si ha sempre la presenza di un marcato gradiente salino positivo costa-largo. La salinità minima la si trova naturalmente sotto costa con il valore minimo di 35.5 psu in estate e un valore massimo di 36.5 psu in primavera e autunno. In inverno si ha in assoluto la salinità maggiore, sia lungo le due coste, occidentale ed orientale, che al centro dell'area. In questa stagione si ha un gradiente salino costa largo da ambo le parti, si va da 38 psu della costa orientale a 38.4 del centro e da 37.5 psu della costa occidentale a 38.4 psu del largo. Nel periodo primaverile nel settore sud dell'area si nota l'intrusione di una massa d'acqua più salata proveniente dal centro e basso Adriatico, mentre nel settore nord si ha la presenza di un nucleo di tale massa d'acqua, isolato forse dalla presenza di un vortice. Nel periodo estivo si ha il maggiore livellamento del campo salino, l'acqua a con valori di salinità maggiore di 38 psu compare appena nel settore meridionale dell'area. Nel periodo autunnale la situazione è analoga al periodo invernale, con la parte centrale dell'area dominata da un'acqua con salinità psu, mentre lungo la costa occidentale si ha un più forte gradiente salino costa-largo. sub-area ND (salinità superficiale)

39 Sul fondo è evidente nelle quattro stagioni la presenza di una massa d'acqua notevolmente più salata di quella che si trova le coste laterali. Il periodo invernale è la stagione più salata. La maggior parte dell'area è occupata da una salinità superiore a 38.4 psu. Lungo la costa occidentale è presente un certo gradiente costa largo, con 38.0 psu vicino alla costa. In primavera nella zona centrale dell'area la salinità è leggermente inferiore (S=38.3 psu) di quella del periodo invernale. Lungo la costa orientale la salinità è notevolmente più bassa (S=38.0 psu) di quella del periodo invernale. In media anche la fascia costiera occidentale è leggermente più dolce. Nel periodo estivo il campo salino è più articolato. Nel settore settentrionale dell'area si ha l'isolamento, nel centro, di una massa d'acqua più dolce, mentre lungo la costa occidentale a sud del promontorio del Conero l'acqua più dolce costiera tende a spostarsi notevolmente verso il largo, come se risentisse della presenza del promontorio che ha un effetto deviante sulla corrente costiera. Lungo la costa orientale è più evidente un gradiente salino Nord-Sud che Est-Ovest. Nel periodo autunnale lungo la scarpata occidentale fra le isobate di 50 e 100 metri è presente un gradiente salino molto pronunciato (38.0 < S<38.5 psu). Nella parte centrale dell'area si hanno valori della salinità superiori a 38.5 psu. Lungo la costa orientale, analogamente al periodo estivo, è più evidente un gradiente salino Nord-Sud. sub-area ND (salinità di fondo)

40 Nei profili salini stagionali si nota che nello strato superficiale compreso fra 0 e 20 m è presente una evidente stagionalità, con valori più bassi in estate, da 36.3 psu della superficie a 37.9 psu a 20 m, più alti in autunno, da 37.1 psu a 37.9 psu, leggermente più alti in primavera, da 37.2 psu in superficie a 38.1 a 20 m e molto più alti inverno con valori che vanno da psu in superficie a 38.3 a 20 m, da 30 metri fino al fondo i valori si mantengono fra 38.3 e 38.5 psu per tutte le stagioni sub-area ND

41 Nel periodo invernale quasi tutta l'area è occupata da una massa d'acqua di 38.4 psu che si protende verso la costa occidentale dove troviamo appunto valori molto alti di salinità, compresi fra 38.0 e 38.4, mentre si hanno valori più bassi lungo la costa orientale, inferiori a 38.0 psu. In primavera nella zona centrale dell'area è presente una massa d'acqua con salinità compresa fra 38 e 38.4 psu che si protende verso nord. Valori più bassi di salinità si trovano lungo le due coste (S < 37.5 psu). Nel periodo estivo la salinità lungo la costa occidentale è leggermente più bassa, valori compresi fra psu, mentre nella parte centrale è presente un'acqua con salinità più elevata, superiore a 38.2 psu, che tende ad interessare anche le coste orientali che sono quindi notevolmente più salate di quelle occidentali. Il periodo autunnale è quello che ha una più salinità con valori fino a 38.6 psu. Sia lungo la costa occidentale che lungo quella orientale si ha un evidente gradiente salino, molto più marcato però lungo la costa occidentale, 37 psu, contro 38 psu della costa orientale. sub-area CD (salinità superficiale)

42 Nel periodo invernale quasi tutta l'area, a parte una piccola porzione lungo la costa occidentale, è occupata da una massa d'acqua con salinità superiore a 38.5 psu. Anche in primavera il campo di salinità è notevolmente livellato intorno a valori di psu, solo lungo la costa occidentale si ha un gradiente salino costa largo con valori che vanno da 38.1 psu sotto costa a 38.4 psu del largo. In estate lungo la costa occidentale si ha sempre un gradiente costa-largo con valori di salinità sotto costa di 38.0 psu e di 38.3 al largo. Nel resto dell'area si ha una salinità di 38.3 psu a parte un nucleo con salinità superiore a 38.4 psu in corrispondenza delle fosse centrale ed orientale. In autunno lungo la fascia occidentale, compresa fra le isobate di 50 e 100 m, si ha un forte gradiente salino con valori da 38 a 38.5 psu. La salinità più alta, superiore a 38.5 psu, la si trova al largo ma dalla parte occidentale. Andando poi verso la costa orientale, prima la salinità diminuisce leggermente (S = 38.3 psu) per poi, avvicinandosi a costa, aumentare (S = 38.6 psu). sub-area CD (salinità di fondo)

43 Nello strato compreso fra 0 e 20 m la primavera e l'estate hanno un andamento molto simile, con valori di 37.8 e 37.9 psu in superficie e 38.3 psu a 20 m, e così pure l'inverno e l'autunno con 38.3 psu in superficie e e a 20 m. Le quattro stagioni hanno poi un minimo a 40 m con valori compresi fra e psu. Si ha poi un massimo compreso fra 50 e 150 m di profondità con valori intorno a 38.5 psu rappresentativo dell'acqua intermedia levantina modificata. Nello strato di fondo la salinità torna a scendere, più fortemente nella primavera e in autunno (S = psu) che in inverno e nell'estate (S = psu). sub-area CD

44 Nel periodo invernale la massa d'acqua di 38.4 psu che nella sub-area CD occupava quasi tutta larea, qui è limitata alla sola zona centrale. Sia lungo la costa occidentale che orientale troviamo valori molto bassi di salinità inferiori a 38.0 psu. In primavera nella zona centrale dell'area è presente una massa d'acqua con salinità compresa fra 38 e 38.5 psu che si protende verso sud. Valori più bassi di salinità si trovano lungo le due coste (S < 38 psu). Nel periodo estivo la salinità lungo la costa occidentale è più bassa, valori compresi fra psu, mentre nella parte centrale è presente un'acqua con salinità più elevata, superiore a 38.2 psu, che tende ad interessare anche le coste orientali che sono quindi notevolmente più salate di quelle occidentali. Il periodo autunnale è quello che ha una più salinità con valori fino a psu che arrivano fino alla costa orientale. Tutta la costa occidentale è caratterizzata da un gradiente salino con valori che arrivano fino a 37 psu. sub-area CS (salinità superficiale)

45 Nel periodo invernale quasi tutta l'area, a parte una piccola porzione lungo la costa occidentale, è occupata da una massa d'acqua con salinità inferiore a 38.5 psu. Anche in primavera il campo di salinità è notevolmente livellato intorno a valori di psu. In estate la situazione è più o meno simile alla primavera con valori intorno a 38.4 e 38.5 psu. In autunno lungo la fascia occidentale, compresa fra le isobate di 50 e 100 m, si hanno valori intorno a 38.4 psu. La salinità più alta, superiore a 38.5 psu, la si trova al largo ma dalla parte occidentale. sub-area CS (salinità di fondo)

46 Nello strato compreso fra 0 e 20 m la primavera, l'estate e lautunno hanno un andamento molto simile, con valori di 37.8 e 37.9 psu in superficie e 38.4 psu a 20 m, mentre l'inverno presenta valori di psu in superficie e a 20 m. Le quattro stagioni, fatta eccezione per linverno, hanno poi un minimo a 10 m con valori compresi fra 37 e 37.2 psu. Dalla profondità dei 20m verso il fondo landamento della salinità nelle quattro stagioni risulta compreso fra e 38.6 psu sub-area CS

47 Nel periodo invernale è presente una massa dacqua di 38.5 psu lungo la costa orientale mentre nella costa occidentale la salinità raggiunge bassi valori di circa 38 psu che vanno ad aumentare mano a mano che ci si sposta verso il centro del bacino. In primavera, tutta la zona ha valori di salinità compresi fra 37.5 e 38 psu ad eccezione della parte centrale dove è evidente una lingua di acqua più salata che rappresenta lacqua densa di fondo che tende ad uscire da Otranto. Nel periodo estivo è presente un gradiente negativo da nord a sud con valori di salinità rispettivamente di 38.2 psu e 37.5 psu. Nel periodo autunnale la salinità è più o meno omogenea con valori attorno a 38 psu. Bacino meridionale (salinità superficiale)

48 Nel periodo invernale larea esaminata, a parte una piccola porzione lungo la costa occidentale, è occupata da una massa d'acqua con salinità superiore a 38.6 psu. In primavera, la massa dacqua che prima era a ridosso della costa occidentale con valori di salinità compresi fra 38.3 psu e 38.5 psu si è spostata verso il centro del bacino. In estate la massa dacqua con salinità superiore a 38.6 psu ritorna ad occupare quasi tutto il bacino. In autunno, sempre per la carenza di dati, non è possibile fare pertinenti considerazioni. Bacino meridionale (salinità di fondo)

49 Analizzando i profili salini medi verticali delle tre stagioni si può notare un graduale aumento della salinità dalla superficie fino a 300 metri di profondità fatta eccezione per lestate che è caratterizzata da un picco sottosuperficiale a 30 m. Da 300 metri al fondo si può vedere una lieve diminuzione dei valori. Nello strato m si ha la presenza di un massimo di salinità che rappresenta lingressione nel bacino dellacqua intermedia levantina. Bacino meridionale

50 ALTEZZE DINAMICA I campi di temperatura e salinità danno indicazioni sul campo di velocità che è correlato con i gradienti di densità. In altre parole, la stratificazione indotta dai forzanti atmosferici e dallapporto fluviale crea delle differenze orizzontali di densità e quindi di pressione che sostengono un campo di velocità. Se le scale sono maggiori di pochi km in orizzontale, il campo di velocità è dovuto al bilancio fra il gradiente di pressione e laccelerazione di Coriolis. Tale bilancio si chiama geostrofico e le correnti ad esso associate, correnti geostrofiche. Quando la stratificazione è debole, come dinverno, il bilancio è di minor efficacia ma pur sempre esistente. Per poter usare il bilancio geostrofico bisogna calcolare i gradienti di pressione. A tal fine si usa la cosidetta altezza dinamica del mare che è proporzionale allenergia potenziale del fluido. Una massa dacqua calda corrisponderà nelloceano ad un alta pressione (circolazione anticiclonica) e ad alti valori di altezza dinamica.

51 La corrente geostrofica corre parallelamente alle isoplete dellaltezza dinamica tenendo alti valori alla destra nellemisfero Nord e la loro velocità è inversamente proporzionale alla distanza fra le isoplete di DH. La descrizione della circolazione baroclina (ossia la componente della circolazione determinata dal gradiente di densità che è funzione della temperatura, salinità e pressione, e che varia con la profondità) si basa sul calcolo dellanomalia dellaltezza dinamica. In inverno, il segnale baroclino evidenziato dalle correnti geostrofiche, è più debole e ampiamente sovrastato dal segnale barotropico (cioè la componente della circolazione definita dal gradiente di elevazione della superficie libera, che si mantiene uguale lungo la verticale) indotto prevalentemente dallazione del vento.

52 Mappe stagionali dellanomalia dellaltezza dinamica a 0 m relative a 30 m. Da questa figura possiamo vedere landamento stagionale della corrente del Nord adriatico lungo la costa nord-occidentale (NAdC). In inverno la corrente è prossima alla foce del Po, ed ha un estensione di soli 100km lungo la direzione del flusso. In primavera osserviamo un allargamento verso le regioni più settentrionali e il flusso raggiunge larea medio- adriatica con locali intensificazioni mentre in estate la corrente appare separata da quella medio- adriatica. Durante lautunno le due parti tornano ad unirsi per formare un estesa corrente costiera lungo i margini occidentali del bacino

53 Dalle mappe e dai profili di temperatura e salinità dellAdriatico sono stati definiti diversi tipi di masse dacqua. Alcune hanno origine allinterno del Bacino, altre provengono, invece, dal resto del Mediterraneo. Nel bacino settentrionale si può riconoscere uno strato stagionale di Acque Superficiali del Nord Adriatico, lNAdSW (Northern Adriatic Surface Water), caratterizzato in estate da bassa salinità ed elevata temperatura; in inverno presenta una temperatura T 29,2 kg/m3 ). Nel bacino centrale è presente la MLIW (Modified Levantine Intermediate Water) che si origina nella regione Levantina ed entra in Adriatico attraverso lo Stretto di Otranto. Essa è formata da acque con salinità S >38,5 psu sotto i 50m. Le Depressioni Meso- Adriatiche, nella zona con profondità superiore a 150 m, sono riempite da una massa dacqua profonda, la MAdDW (Middle Adriatic Deep Water), con temperatura media T = 11,62 ± 0,75°C, salinità media S = 38,47 ± 0,15 psu e densità σt >29,2 kg/m3. Dalla primavera allautunno la MAdDW rappresenta la massa dacqua più fredda di tutto il Bacino. Questacqua è probabilmente costituita dalla NAdDW che, procedendo verso Sud, può occupare le Fosse di Pomo, mescolandosi e rinnovando le acque già esistenti. A livello superficiale è presente la MAdSW (Middle Adriatic Surface Water) caratterizzata, nel periodo invernale, da una temperatura T compresa tra 11,5 e 13,5°C e da una salinità S compresa tra 38,0 e 38,5 psu. MASSE DACQUA

54 Nel bacino meridionale, le acque superficiali, le SAdSW (Southern Adriatic Surface Water), sono caratterizzate, nel periodo invernale, da una temperatura T >13,5°C e una salinità S compresa tra 38,3 e 38,8 psu. Troviamo inoltre, la MLIW definita da S >38,6 psu e T >13,5°C. LAcqua Profonda di questa regione, la SAdDW (Southern Adriatic Deep Water), è definita da una temperatura media T = 13,16 ± 0,30°C; una salinità media S = 38,61 ± 0,09 psu e una densità σt >29,1 kg/m3. Questa massa dacqua è, quindi, più calda e più salina rispetto alla NAdDW e MAdDW, cosicché si può pensare che si sia formata dal mescolamento delle acque locali superficiali con la MLIW. La maggior parte delle acque di fondo che fuoriescono dallAdriatico si formano proprio nel bacino meridionale e sono state le sorgenti principali delle acque di fondo del Mediterraneo Orientale. A partire dagli anni Novanta, inizia il Transiente Climatico del Mediterraneo Orientale che ha causato importanti cambiamenti nella circolazione termoalina e nelle proprietà delle masse dacqua del Mediterraneo. Di notevole interesse è stato lo spostamento del sito di formazione delle acque dense dallAdriatico Meridionale allEgeo. Nello strato di fondo del Mediterraneo Orientale è stata notata, infatti, la presenza di una massa dacqua più calda e più salina (Cretan Deep Water) rispetto a quella preesistente (Eastern Mediterranean Deep Water) di origine adriatica.

55 Sono state proposte varie ipotesi relative alle possibili cause di tale evento, come per esempio: i cambiamenti nei forzanti atmosferici locali, combinati con le variazioni a lungo termine della salinità; i cambiamenti nel modello di circolazione; le variazioni nellinput di acqua dolce. Le ricerche hanno evidenziato che la combinazione tra un continuo incremento di salinità (avvenuto tra il 1987 e il 1992) e un significativo abbassamento di temperatura (avvenuto tra il 1992 e il 1994), ha causato unenorme formazione di acqua densa che si è diffusa dal Mare di Creta allo Ionio e al Bacino Levantino. Successivamente, almeno dal 1999, è stato osservato che attraverso lo Stretto di Otranto entrano in Adriatico acque più saline sia a livello superficiale che intermedio, provenienti anchesse dallEgeo (Malanotte-Rizzoli et al., 1999).

56 Caratteristiche delle masse dacqua presenti in Adriatico (Artegiani et al., 1997a)

57 CIRCOLAZIONE GENERALE I primi studi riguardanti la circolazione generale del Mare Adriatico risalgono alla fine del XIX secolo; negli ultimi venti anni, poi, sono stati compiuti sforzi notevoli per consolidare le conoscenze già acquisite. LAdriatico, in generale, ha una circolazione ciclonica (antioraria) con una corrente diretta verso Nord-Ovest lungo la costa orientale (albanese-croata) e una corrente diretta verso Sud-Est lungo la costa occidentale (italiana). Questa circolazione è caratterizzata dalla combinazione di una circolazione termoalina positiva e di una circolazione termoalina negativa, chiamate rispettivamente circolazione Estuarina ed Anti-Estuarina. La circolazione termoalina in un bacino viene determinata dalle variazioni di densità delle acque. Tali variazioni, in un mare semi-chiuso come lAdriatico, possono derivare da un aumento della spinta idrostatica (Buoyancy) dovuto al rimescolamento, alla precipitazione e allapporto fluviale oppure da una diminuzione della spinta idrostatica dovuta al raffreddamento e allevaporazione.

58 Artegiani et al nel 1997 utilizzando i dati di temperatura e di salinità del data set ATOS hanno calcolato le correnti dello strato superficiale con il metodo dinamico, fornendo una descrizione dettagliata della componente baroclina del regime delle correnti nelle quattro stagioni sia dello strato superficiale che alla quota di 75 m. In superficie la circolazione generale invernale è differente da tutte le altre stagioni in quanto composta solo da segmenti di corrente, la corrente del Nord Adriatico (NAd) e quella del Sud Adriatico (E-SAd). In primavera-estate compaiono correnti lungo la costa occidentale dellAdriatico centrale (W- MAd) e meridionale (W-SAd) e i due giri ciclonici principali della circolazione generale. Durante lestate si osservano le scale spaziali più piccole e lindebolimento della corrente E- SAd. Lautunno è invece caratterizzato dalla massima coerenza spaziale nella struttura della circolazione generale. Sono presenti 3 giri ciclonici, una corrente continua lungo la costa Italiana e una intensa corrente E-SAd. Alla profondità del termoclino stagionale (75m) si osserva la presenza della corrente E-SAd, particolarmente intensa in autunno, in connessione con la massima ingressione della MLIW dal bacino levantino, e del vortice ciclonico dellAdriatico meridionale. Anche in quello centrale è presente un vortice ciclonico, tranne in inverno.

59 LAdriatico settentrionale è sito di formazione di acque molto dense. Il processo che le genera inizia in tardo autunno, con una fase di precondizionamento che consiste in una omogeneizzazione della colonna dacqua. In inverno, si hanno notevoli perdite di calore, particolarmente elevate durante lincidenza dei venti di Bora, e la considerevole evaporazione superficiale che ne deriva causa anche un limitato incremento di salinità. In queste condizioni, dal tardo autunno a fine inverno, si forma quindi lAcqua Densa Nord Adriatica. Da novembre a marzo, tutta la colonna dacqua è completamente omogenea; poi, il riscaldamento primaverile e i crescenti apporti fluviali, segregano questacqua invernale nello strato di fondo, concentrata nella zona tra il delta del Po e lIstria. Essa, spinta dal gradiente di densità, fluisce verso Sud-Est, lungo il versante occidentale del Bacino e si raccoglie nelle Fosse Medio-Adriatiche. La corrente di fondo che ne risulta, viene chiamata DWOC (Dense Water Outflow Current), e rappresenta una vena di acqua che scorre lungo la scarpata italiana a profondità intorno ai m. Acqua profonda si forma anche nel sub-bacino meridionale e combinata con lacqua densa della regione settentrionale, contribuisce alla definizione della circolazione termoalina negativa. La sua uscita attraverso lo Stretto di Otranto, verso il Mediterraneo Orientale, combinata con lafflusso di acqua proveniente dal Mar Ionio, costituiscono la circolazione Estuarina Inversa Adriatica.


Scaricare ppt "Il Mare Adriatico Descrizione generale Caratteristiche meteorologiche Caratteristiche termiche Caratteristiche saline Caratteristiche dinamiche (circolazione)"

Presentazioni simili


Annunci Google