La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

END Settore Sicilia A Riunione Equipe di Settore ore 17,00 del 22/02/09 Riunione Equipe di Settore ore 17,00 del 22/02/09.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "END Settore Sicilia A Riunione Equipe di Settore ore 17,00 del 22/02/09 Riunione Equipe di Settore ore 17,00 del 22/02/09."— Transcript della presentazione:

1 END Settore Sicilia A Riunione Equipe di Settore ore 17,00 del 22/02/09 Riunione Equipe di Settore ore 17,00 del 22/02/09

2 Terza riunione Equipe di Settore Anno 2008/09 ore 17,00 del 22/02/09 LA COMPARTECIPAZIONE

3 Le coppie che vivono una relazione affettiva nellistituto del Matrimonio non possono certamente realizzarla in modo isolato, senza rapporti con il mondo esterno (la società civile, la Chiesa...) Abbiamo scelto di vivere il nostro matrimonio semplicemente come contratto riconosciuto dalla società? Il Matrimonio infatti è un contratto sociale che non necessariamente deve essere vissuto alla luce di Cristo! (molti matrimoni non cristiani si rivelano perfettamente riusciti)

4 NOI ci sentiamo...chiamati alla vita di fede nel SACRAMENTO del MATRIMONO alla sequela di Cristo nella Chiesa? Vi sono molteplici possibilità nell'ambito ecclesiale... abbiamo scelto di realizzare lESPERIENZA nel Movimento END Questa SCELTA: Questa SCELTA: non ci è stata imposta non ci è stata imposta riconosciamo che è il cammino più adatto per vivere la nostra vocazione riconosciamo che è il cammino più adatto per vivere la nostra vocazione il cammino prevede alcune REGOLE il cammino prevede alcune REGOLE (anche la vita religiosa le prevede) (anche la vita religiosa le prevede) La REGOLA dell'END è IL METODO

5 Fare riferimento al Movimento END, di cui facciamo parte per nostra scelta, ha un senso solo se ci impegniamo a praticare con serietà, ed in ogni sua parte, il METODO che esso ci presenta. Metodo finalizzato a sostenere un reale cammino di fede e a promuovere un consapevole spirito di conversione. Il METODO, sviluppato alla luce dell'esperienza concreta delle coppie è anch'esso concreto: IL METODO END

6 PUNTI CONCRETI D'IMPEGNO mirano a creare atteggiamenti più che a compiere azioni, non impongono una scelta arbitraria di azioni da compiere o un formalismo puerile, non invitano a praticare degli esercizi per garantirsi una coscienza tranquilla ci invitano a suscitare atteggiamenti interiori che ci condurranno a un nuovo modo di vivere: un modo di vivere cristiano punti di riferimento per la crescita umana e spirituale appello a un impegno personale e di coppia: un impegno di discernimento, di creatività e di costanza che coinvolge tutto il nostro essere, un impegno a cui ognuno di noi si obbliga liberamente, non un impegno imposto dal di fuori aiutano a vivere la comunione di vita e d'amore della coppia cristiana hanno la funzione di aiutarci ad acquisire o a rafforzare gli atteggiamenti interiori che favoriscano e mantengano un vero incontro con il Signore. Da qui parte ogni cammino di conversione.

7 Punto essenziale del METODO END funzionale allascesi in un cammino di conversione è LA COMPARTECIPAZIONE COMPARTECIPAZIONE non è... ….rispondere con un sì o con un no a un elenco di impegnI (punti concreti) senza interrogarsi sul loro impatto sulla propria vita sul sostegno che tali punti concreti forniscono o sugli ostacoli che essi incontrano in noi …un confronto intellettuale e teorico, spesso fine a se stesso tra la fedeltà all'insegnamento di Cristo, al progetto di vita del nostro matrimonio e le nostre infedeltà, i nostri fallimenti, una vita umana, coniugale, familiare, professionale... non ben realizzata talvolta, laspetto negativo predomina talmente da provocare una situazione di disagio e persino di colpevolezza generale che si traduce nellabbandono della compartecipazione La compartecipazione va al di là dellamicizia intesa come relazione umana per sostenere la spiritualità di coppia e dequipe.

8 COMPARTECIPAZIONE è... … un Itinerario Penitenziale …uno sforzo continuo per realizzare una conversione evangelica sempre più autentica. La compartecipazione è il momento privilegiato della riunione di èquipe per verificare se il nostro cristianesimo si fonda su convinzioni radicate nella coscienza verificare come tali convinzioni si esprimono in concreto nella storia della coppia, della famiglia, della comunità cristiana, della realtà umana attuale, alla luce di un'esperienza spirituale nella quale, per nostra volontà, ci siamo coinvolti.

9 Siamo un movimento di coppie che propone applicazione assidua e regolare del METODO per: aprirci alla volontà ed all'amore di Dio accettare consapevolmente la nostra verità per vivere nella verità essere capaci di incontrare ed entrare in comunione La compartecipazione è cammino di conversione comunitaria nel quale laiuto reciproco è praticato tra i membri delléquipe La compartecipazione procede dalla fedeltà a quello che siamo. Diventa quello che sei, dice una massima antica. Dobbiamo prendere coscienza della nostra identità, di ciò che siamo: figli di Dio, per il battesimo; coppia che Dio ha unito, per il matrimonio.

10 Gli atteggiamenti a cui i mezzi proposti dall'END ci conducono, le scoperte, gli incontri, gli insuccessi, dobbiamo condividerli con le altre coppie e dobbiamo compartecipare al dono di Dio negli altri in un impegno di aiuto spirituale reciproco che, al tempo stesso, costruisce la comunità L'intera vita della Chiesa è vita di COMUNIONE è costruire COMUNITA La COMUNIONE è un dono che impegna!

11 Abbiamo bisogno della compartecipazione per creare e costruire la comunità. Essa non esiste per il solo fatto che un gruppo di persone si riunisce. La comunità si crea o si distrugge. Si crea quando si condivide la vita, quando si realizza una ricerca comune, quando ci si aiuta mutuamente, quando si mette in comune il dono di Dio che si è ricevuto COMPARTECIPAZIONE: Crescere, nella verità, con gli amici. Crescere: Non possiamo vivere in economia rispetto alle nostre possibilità, accontentandoci del 6, perché i vostri nomi sono scritti nei cieli (Lc. 10, 20), che vuol dire: osa diventare ciò che sei, luomo che sei, la donna che sei, la coppia che sei, il figlio di Dio che sei. nella verità: occorre cercare una corrispondenza tra le parole e le azioni, tra le promesse e gli adempimenti, fra ciò che noi, con laiuto di Dio, vorremmo essere e ciò che cerchiamo e ci sforziamo di essere nella nostra vita quotidiana (Martini, Sulle strade del Signore). con gli amici: non siamo soli, siamo inseriti in un tessuto di relazioni che ci formano, ci completano... a immagine di Dio, …a immagine della Trinità. E non possiamo lamentarci di come sono gli altri, perché la nostra comunità è soprattutto quella di cui ci prendiamo cura, quella che ci costruiamo.

12 Si presuppone quindi 1) un PROGETTO su noi stessi, dinamico, sempre nuovo, con un fine: La vostra fede e la vostra speranza sono fisse in Dio (1Pt 1, 21). A scoprirlo, di volta in volta, ci aiuta una riflessione attenta e grata di quello che sono io, di quello che è laltro, di quello che avviene, ritornando ogni volta alla sorgente inesauribile che è lo Spirito di Dio in noi. 2) il DONO di questo progetto agli altri attraverso - la comunicazione di noi, delle nostre conquiste, delle nostre sconfitte, nella misura che vogliamo, ma ricordando che non è una confessione. Però non deve essere superficiale, ma tendenzialmente generosa, perché tutto ciò che ho non è mio, ma è dono di Dio da condividere. Se il Signore considera me tanto prezioso, chi sono io per non stimare altrettanto gli altri? Non ci spaventiamo della nostra debolezza e piccolezza. È proprio da questo che parte liniziativa di Dio, che prende, che salva, che solleva su ali daquila, che porta al largo (Sal 17, 17). - laccoglienza del dono degli altri, con la presa in carico nella preghiera e nella vita. È questo il momento più delicato, dove entra in gioco la ricerca di unarmonia fra accoglienza ed esigenza, fra comprensione e stimolo reciproco. Si manifesta con: - lascolto rispettoso, discreto, comprensivo, della comunicazione degli altri, in totale gratuità, senza aspettarsi risposte equivalenti; senza giudicare, ma senza complicità.

13 A questo punto si attiva la RISPOSTA, cioè il dispiegarsi della voglia di crescere di tutti, con le crisi ed i successi, ma sempre con lopzione per le mani sporche ma non vuote. Qui si manifesta lamore esigente: Dacci un cuore nuovo, cambia i nostri cuori di pietra, manda il Tuo Spirito e facci rivivere. Il momento propriamente detto della compartecipazione è una presa a carico vicendevole di quanto ciascuno ha di più profondo, di quanto ogni coppia ha di più personale, che è il suo progetto spirituale in risposta alla chiamata di Dio. Questa presa a carico può essere fatta secondo i tre assi prima individuati: a) ricerca assidua della volontà di Dio; b) ricerca della verità; c) esperienza dellincontro e della comunione.

14 a) Ricerca assidua della volontà di Dio La ricerca personale e di coppia della volontà di Dio, a partire dai punti concreti di impegno, è prolungata durante la compartecipazione da una ricerca comunitaria. E tutta léquipe che ricerca, scambia, discerne con spirito di fraternità. Questa ricerca è fondata sullamore. Esso si riferisce a persone concrete, tiene conto dei doni e dei limiti particolari di ciascuno, è infinitamente rispettoso della vocazione di ognuno. Questo amore non giudica; è contemporaneamente esigente, paziente e disinteressato. Latteggiamento fraterno ci spinge a sopportare quello che non possiamo cambiare, a non giudicare, ad accettare gli altri come sono. Esso però ci spinge anche a non lasciare che le situazioni si deteriorino, a rispondere con sincerità, ad aiutare gli altri a vedere chiaro.

15 Un amore coraggioso, che progredisce malgrado tutto, rivela una forza, quella di Dio. Dio non ci vuole soltanto quali siamo, vuole che progrediamo. Egli ama già in noi quello che potremmo essere se gli dicessimo sì, se dicessimo sì al cammino di conversione al quale ci invita. Quello che ci chiede è fare della nostra vita una storia damore. Lamore non ha limiti. Questa storia damore può essere un successo anche se la nostra vita umana, coniugale, familiare, professionale non lo è.

16 b) Ricerca della verità Lamore è strettamente collegato con la conoscenza. Nella compartecipazione, parliamo di aiutarci reciprocamente, ma come aiutarci a vicenda se non ci conosciamo? La compartecipazione ci invita, noi che ci riuniamo nel nome di Cristo, a svelare con semplicità la nostra verità, senza cercare protezione nei meccanismi di difesa sempre pronti, senza restare in una comunicazione superficiale che lascia nascosta, in grado maggiore o minore, la nostra verità profonda. Lamore vive solamente nella verità, esso non sopporta la menzogna. Non vi è vero incontro se ci si presenta con una maschera. Non ci si può incontrare se non si abbattono le proprie difese. Dobbiamo saper riconoscere di fronte alléquipe i nostri passi falsi, le nostre incostanze, le nostre debolezze. E però bene commentare i nostri insuccessi nei confronti degli atteggiamenti che vogliamo acquisire. Questo talvolta è doloroso e difficile: occorrono coraggio e umiltà. Tuttavia la comprensione e la solidarietà di tutti in questa ricerca di verità non possono fare a meno di produrre una speranza rinnovata. Tutti sosteniamo le debolezze di ciascuno, tutti ci appoggiamo sui punti forti di ciascuno.

17 17 Per conoscersi in équipe, è importante sapersi ascoltare. Léquipe richiede una qualità di ascolto che possa trasformare in modo graduale ma reale, il clima di accoglienza nella compartecipazione. Impariamo a instaurare un rapporto di fiducia con tutti. Una presenza autentica è contagiosa. Essa induce ciascuno a corrispondere con la sua verità. Per farsi conoscere, è necessario conoscersi, valutare le proprie possibilità, accettare coscientemente la propria realtà e non vivere nel sogno o porre condizioni che giustifichino sempre le nostre debolezze. Gli altri possono aiutarci a scoprire la nostra verità, anche se talvolta lo fanno con meno tatto di quanto desidereremmo. Una vera compartecipazione non ci può colpevolizzare, ma dà al nostro spirito nuova fiducia nel Signore.

18 c) Esperienza dellincontro e della comunione Una vera compartecipazione non colpevolizza, né condanna, né accoglie con indifferenza colui che parla: essa favorisce lincontro e la comunione. E incontro con Cristo. E in suo nome che siamo riuniti. E sotto il suo sguardo che compartecipiamo. Egli ci invita a una relazione damore con lui, In una vera compartecipazione facciamo esperienza del suo perdono e del suo amore incondizionato. E incontro con i nostri fratelli delléquipe. Vivere la comunione, nella compartecipazione, è uscire da noi stessi, ascoltare con il cuore e con lo spirito, comprendere e rispettare laltro, andargli incontro, rispondere nella verità e comunicare reciprocamente nellamore. Per vivere bene la compartecipazione, dobbiamo quindi vigilare sullequilibrio tra accettazione e critica. Accoglierci gli uni gli altri come siamo e, allo stesso tempo, incoraggiarci ad andare più lontano, ad avanzare. La nostra crescita è lenta: primavere e inverni, battute darresto, potature e fioriture. Di tanto in tanto iberniamo, di tanto in tanto ci ridestiamo in una germinazione inattesa.

19 19 Vivere la comunione è vivere nellamore: guardare gli altri con amore e volgersi insieme verso Dio per lodarlo. Vivere in équipe, è innanzitutto essere insieme una risposta allaugurio di amore che Cristo ci ha fatto: ci si riunisce per cercare insieme di vivere il vero amore di Cristo, il vero amore per gli altri. Perché si realizzi il Regno di Dio occorre che vi sia unità: unéquipe viva è una piccola porzione del Regno di Dio. Sarebbe un punto di fragilità per léquipe accontentarsi dellamicizia, del cameratismo, dellaffetto; occorre che sia lamore di Cristo a saldarci gli uni agli altri. La fortuna dellèquipe consiste nellincontro di persone decise ad amarsi senza pericolose indulgenze gli uni per gli altri.

20 PRATICARE LA COMPARTECIPAZIONE Quando léquipe è ormai costruita e forma una vera comunità, quando la mutua conoscenza è profonda, è il caso di approfondire anche la compartecipazione. Compartecipare semplicemente ladempimento o il non adempimento dei punti concreti di impegno può essere sufficientemente valido allinizio della vita di unéquipe, quando la conoscenza reciproca è ancora superficiale. Più avanti, però, questo appare povero e non arricchente. Unéquipe si evolve e la compartecipazione deve evolversi con essa.

21 Si può e si deve compartecipare con gli altri lo spirito che è alla base dei punti concreti di impegno. I nostri rapporti con Dio: come li abbiamo vissuti, che cosa ci ha aiutati, i testi o le parole che hanno lasciato unimpronta in noi... I nostri rapporti in coppia: lorientamento dato al dovere di sedersi, la revisione comune della regola di vita, la rilettura degli appunti del nostro ultimo ritiro spirituale... I nostri rapporti con le altre coppie delléquipe: scambi sulle nostre difficoltà ad adempiere al tale o tal altro punto concreto, laiuto che attendiamo, il progresso di cui possiamo dare atto, quello che possiamo cambiare in noi o quello che ci sembra insormontabile... Ogni coppia singolarmente, a questo momento della riunione, spiegherà se, durante il mese, ha fatto gli sforzi richiesti dai punti concreti in vista di un cambiamento di atteggiamento o di un rafforzamento di esso. In particolare esaminerà i punti sui quali léquipe, nella riunione precedente, aveva deciso di impegnarsi maggiormente, sempre nel quadro più ampio degli atteggiamenti da coltivare.

22 Il modo di formulare le domande per la compartecipazione è molto importante al fine di evitare il formalismo e di andare in profondità. Ecco alcuni suggerimenti: Come ho vissuto durante questo mese la mia ricerca della volontà di Dio? Che cosa ho scoperto? Quali parole mi hanno colpito durante questo mese? Perché? Per la situazione che sto vivendo? Perché mi interpellano personalmente? Perché mi recano pace? Ecc. Ascoltare non è solamente leggere: come ho assaporato o contemplato questa Parola? Che genere di risposta ha provocato in me? Che tipo di preghiera coniugale o familiare abbiamo fatto questo mese? Quale preghiera possiamo fare più facilmente insieme? Abbiamo vissuto la preghiera con assiduità? Quale aspetto della nostra vita ne è stato modificato? Quale è la mia più grossa difficoltà nella preghiera personale. Trovarne il tempo? Incontrare il Signore e non me stesso? Fare silenzio in me? Ecc.

23 In coppia, abbiamo cercato di vivere nella verità tutti i nostri incontri? A quale argomento abbiamo dedicato il dovere di sedersi (se non è troppo intimo e possiamo comparteciparlo)? Ho potuto comunicare me stesso e incontrare il mio coniuge? Quali difficoltà abbiamo incontrato? Mi sono sentito accolto? Sono capace dì riconoscere la mia parte di responsabilità nei conflitti? Quale passo avanti abbiamo fatto? Quale segno utilizziamo per ricordarci della presenza di Dio durante il dovere di sedersi? Quale aspetto della mia personalità ho iniziato a modificare grazie alla regola di vita? Che cosa mi ha aiutato a scoprire questo aspetto? Penso di insistere su di esso? I membri delléquipe potrebbero aiutarmi a vederci più chiaro in questo campo? Che cosa abbiamo scoperto della volontà di Dio su di noi nellultimo ritiro? Che cosa ci ha colpiti di più? Di che sentimento eravamo pieni al termine di questo ritiro? Ecc.

24 La compartecipazione è un momento unico che aiuta a scoprire la vocazione personale e coniugale attraverso gli avvenimenti e a perseverarvi. In tale occasione, ci si rende conto del fatto che la spiritualità si incarna nelle circostanze concrete della vita, ma anche del fatto che vi sono contrasti tra le diverse dimensioni della nostra vita. Noi li accettiamo consapevolmente, convinti che lo Spirito lavora in noi e nella nostra coppia. Grazie alla compartecipazione, con laiuto spirituale delléquipe, cerchiamo di realizzare progressivamente in noi, e tra noi nella coppia, una riconciliazione, una unificazione. Dio solo potrà realizzarla in maniera totale, ma noi vi tenderemo con tutte le nostre forze. La compartecipazione non è la messa in comune e neppure la preghiera, ma partecipa un po di entrambe: essa possiede la dinamica della messa in comune e si deve svolgere in un clima di preghiera.

25 Ogni équipe deve decidere il momento della riunione in cui fare la compartecipazione e il modo di farla. Questa decisione non sarà presa una volta per tutte, ma sarà modificata secondo le circostanze e letà della vita delléquipe. A titolo di indicazione, crediamo di dover dare alcuni consigli che possono essere utili. Vi è la possibilità di compartecipare ogni mese un punto concreto di impegno in modo particolare e gli altri in modo più generale, oppure di fare sempre la compartecipazione su tutti i punti in maniera globale. Può pure andar bene che una coppia, ogni mese, faccia una compartecipazione più approfondita su un punto concreto di impegno...

26 Quando uno parla, gli altri ascoltino. Tuttavia, non vi è dialogo se parla solo colui che compartecipa; gli altri possono quindi intervenire, se hanno veramente qualche cosa da apportare. La coppia responsabile deve essere il moderatore per questo dialogo. Il consigliere spirituale può esercitare una parte importante, sollevando le questioni di fondo. Esposizione e risposte si fanno in un clima di preghiera, mai in modo superficiale o frivolo. Il tempo che segue alla preghiera è il più appropriato per la compartecipazione, perché essa beneficia del clima di presenza di Dio instaurato dalla preghiera e lo prolunga. Ci troviamo così di fronte a Dio.

27 Per vivificare la compartecipazione: Prepararla in coppia prima della riunione, come se si trattasse del tema di studio. La coppia responsabile di équipe dovrebbe prepararla particolarmente, stabilendo il momento, i punti da toccare più in profondità, le domande da porre, ecc. Proporre che la compartecipazione costituisca loggetto principale di riflessione di una riunione di équipe ogni due anni. Insistere sulla compartecipazione nella formazione delle Coppie pilota e delle Coppie di collegamento. I consiglieri spirituali se ne interessino con attenzione: è un momento molto importante di formazione spirituale.

28 28 I punti concreti di impegno e la compartecipazione sono stimolati dalla duplice dinamica che spinge avanti il nostro movimento: la dinamica della preghiera e la dinamica della comunione. Queste si ritrovano in tutte le parti della riunione e nella pratica di tutti i punti concreti di impegno. Esse ci fanno uscire da noi stessi e ci aprono a quel cambiamento interiore che solo lamore è capace di produrre. Queste due dinamiche ci conducono innanzitutto a riconoscere quello che vi è in noi. Non possiamo cambiare gli altri o il mondo, ma possiamo cambiare noi stessi. Mediante la riflessione, la comunicazione, la preghiera. Queste due dinamiche ci aiutano anche nel cammino della conversione, del cambiamento dei nostri atteggiamenti. Questa conversione è soprattutto unesperienza di fede e, di conseguenza, del lavoro della grazia in noi.

29 Aprirci a questo lavoro mediante la preghiera e la comunione con gli altri è quello che tentano tutti i metodi delle Equipes, sia i punti concreti di impegno, che le diverse parti della riunione. Un cammino di conversione, che favorisca lincontro con il Signore, è un cammino progressivo, un cammino dinteriorizzazione e un cammino comunitario.


Scaricare ppt "END Settore Sicilia A Riunione Equipe di Settore ore 17,00 del 22/02/09 Riunione Equipe di Settore ore 17,00 del 22/02/09."

Presentazioni simili


Annunci Google