La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Logistica di cantiere Michele Tricarico Enrico DAngelo Brescia 4 Aprile 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Logistica di cantiere Michele Tricarico Enrico DAngelo Brescia 4 Aprile 2009."— Transcript della presentazione:

1 1 Logistica di cantiere Michele Tricarico Enrico DAngelo Brescia 4 Aprile 2009

2 2 Piano Logistico di Cantiere PROCEDURE BOVIS LEND LEASE – CONTRUCTION E CONSTRUCTION PHISICAL GLOBAL MINIMUM REQUIREMENTS Construction GMRs (applicabile a tutte le operazioni di costruzione) Construction Project Planning & Delivery GMRs Construction PP& D GMR 1 - Project Planning – pianificazione progetto Construction PP& D GMR 2 - Project Delivery - realizzazione progetto Construction PP& D GMR 3 - Contractor Management Construction PP& D GMR 4 - Incident & Injury Free Construction PP& D GMR 5 - Skills, Knowledge & Training - competenze, conoscenze, training Construction PP& D GMR 6 - Audit & Inspection Construction Physical GMRs Construction Physical GMR 1 – Prevenzione cadute Construction Physical GMR 2 – Logistica Construction Physical GMR 3 – Lavori movimento terra Construction Physical GMR 4 – Sollevamenti e imbragature Construction Physical GMR 5 – Sicurezza elettrica Construction Physical GMR 6 - OH, PPE & Welfare – DPI e servizi per il personale Construction Physical GMR 7 - Emergency Response – Risposta alle Emergenze

3 3 Piano Logistico di Cantiere BLL nel CONTRUCTION PHYSICAL GMR 2 – LOGISTICA prevede per lorganizzazione e la pianificazione delle attività di gestione e di controllo della logistica del cantiere seguenti punti: Analisi degli accessi al sito Impatto sul traffico Controllo degli accessi Sicurezza del sito Consegna e stoccaggio delle merci e dei materiali Stoccaggio e rimozione delle macerie Permessi comunali Analisi delle vie di circolazione dei lavoratori, dei materiali e dei mezzi Dislocazione uffici di cantiere, spogliatoi, servizi igienici-sanitari, refettorio, infermeria Coordinamento dellorganizzazione logistica con il PSC Analisi delle attività preliminari ai lavori: Approvvigionamento idrico Recinzioni perimetrali Segnaletica Preparazione, approvazione, distribuzione e attuazione del piano della logistica

4 4 Controllo di accesso al cantiere CANCELLO DI ENTRATA: Adiacente allaccesso al cantiere deve essere dislocato un presidio di guardiania preposto al controllo degli accessi al cantiere. Allinterno del cantiere e nei punti di accesso devono essere presenti la planimetria del cantiere sulla quale vengono evidenziate le varie zone del cantiere nonché la segnaletica necessaria allidentificazione dei percorsi pedonali e carrabili. Accesso separato per i pedoni (primo piano) e per i veicoli (secondo piano) La strada di accesso per i mezzi deve essere separata da quella pedonale da segnaletica orizzontale o verticale per evitare eventuali interferenze. Gli addetti alle attività di induction devono esporre in modo chiaro e preciso ai lavoratori le modalità di accesso e di utilizzo della viabilità interna al cantiere. Accesso separato per i pedoni e per i veicoli

5 5 Recinzione SEGNALETICA DI ACCESSO: Allingresso del cantiere deve essere posizionata la segnaletica riportante: Descrizione del progetto (in conformità con le disposizioni legislative) Segnaletica necessaria al raggiungimento delle zone interne del cantiere Segnaletica necessaria al raggiungimento di zone adiacenti al cantiere Segnaletica informativa relativa alla sicurezza (in conformità con i piani di sicurezza) Segnaletica antincendio (idranti e dispositivi antincendio) Cartelli di divieto al fumo, localizzazione di aree particolarmente a rischio, etc… Piano Logistico Cartellonistica intercambiabile (i cinque maggiori rischi della settimana)

6 6 Protezione pubblica INTERFACCIA CON IL PUBBLICO: Se le operazioni di cantiere impediscono il normale flusso pedonale prevedere: una deviazione del traffico pedonale, ben segnalata e adeguatamente protetta dal traffico veicolare un attraversamento pedonale ben segnalato la copertura del passaggio pedonale se adiacente al cantiere per evitare rischi di caduta di materiale

7 7 Protezione pubblica INGRESSO CANTIERE: I veicoli che entrano ed escono dallarea di cantiere costituiscono un rischio nei confronti della comunità, del personale e degli altri veicoli. Le precauzioni da adottare sono: segnaletica adeguata gli addetti alla sicurezza e al traffico devono controllare lingresso e luscita dei mezzi dal cantiere se questultimo si trova in una zona particolarmente critica prevedere, se possibile, un ingresso ed una uscita distinti in modo da non creare congestione al cancello gli ingressi pedonali e carrabili devono essere ben distinti predisporre una recinzione esterna per impedire lingresso di persone non autorizzate verificare che tutti i cancelli non utilizzati siano ben chiusi con catene e lucchetti assicurarsi che la visibilità alluscita dal cantiere sia priva di ostacoli i marciapiedi e le strade adiacenti al cantiere devono essere puliti e sgombri da materiale appartenente al cantiere

8 8 Protezione pubblica INGRESSO CANTIERE: I veicoli che entrano ed escono dallarea di cantiere costituiscono un rischio nei confronti della comunità, del personale e degli altri veicoli. Le precauzioni da adottare sono: le persone che utilizzano i mezzi devono essere competenti. Il team di progetto deve controllare la qualifica delle persone designate allutilizzo di macchine. comunicare per tempo a tutti i lavoratori i cambiamenti delle aree di lavoro nessun tipo di materiale deve impedire il normale flusso di mezzi e persone allinterno dellarea di cantiere i veicoli devono essere lavati prima di accedere alla rete stradale pubblica, per eliminare eventuali residui di fango e polvere tutti i carichi devono essere coperti e saldamente fissati ai mezzi di trasporto per impedire eventuali cadute

9 9 Protezione pubblica IMPATTO SUL TRAFFICO VEICOLARE E PEDONALE: Tutti i progetti devono minimizzare gli impatti ambientali, in particolar modo quelli legati alla salute dei lavoratori e della comunità: dispersione di polveri, rumore e vibrazioni.Allinterno del Documento di valutazione del rischio deve essere predisposto un capitolo che riguarda gli aspetti ambientali e gli impatti sul pubblico, tale documento deve tener conto, per tutta la durata del cantiere, di: eventuali cambiamenti eventuali lamentele e reclami nuova normativa aggiornamento normativa ambientale varianti richieste dal cliente errata individuazione degli aspetti ambientali Deve essere correttamente pianificato il programma lavori di tutte quelle attività che possono arrecare disturbo alla quiete pubblica, per minimizzare limpatto negativo sulla comunità. Se necessario devono essere utilizzate delle misure di prevenzione del rumore, dispersione di polveri e vibrazioni: barriere acustiche utilizzo di veicoli con rilascio di acqua

10 10 Controllo di accesso al cantiere Le persone autorizzate possono entrare direttamente in cantiere previa identificazione mediante badge o biometria della mano. I mezzi autorizzati devono esibire il pass di accesso e conoscere la zona in cui devono recarsi. Tutti gli occupanti del veicolo devono identificarsi e registrarsi prima di entrare in cantiere. REGISTRO DI TUTTE LE PERSONE E MEZZI: Il servizio di guardiania, presente in ciascuna area di ingresso ed uscita e presieduto da personale addetto, deve provvedere alla registrazione di tutte le persone e i mezzi non autorizzati allaccesso al cantiere, la quale aspetteranno lautorizzazione prima di accedere al cantiere

11 11 Recinzione RECINZIONE DEL SITO: Tutte le aree di cantiere nelle vicinanze di zone pubbliche devono essere delimitate da strutture di protezione temporanea, per prevenire laccesso di persone e mezzi non autorizzati. La recinzione deve prevedere punti di accesso pedonali e carrabili. Lintero perimetro dellarea deve essere equipaggiato con lopportuna segnaletica. Per lavorazioni temporanee esterne al perimetro del cantiere, che possono arrecare intralcio alla circolazione di mezzi o persone, è necessario prevedere barriere temporanee.

12 12 Sicurezza dei pedoni ed ei veicoli CONSEGNE, STOCCAGGIO E RIMOZIONE: Le procedure di consegna, stoccaggio e rimozione del materiale devono essere dettagliate e comunicate a tutte le imprese coinvolte nelle lavorazioni. Consegne: le attività di consegne devono essere pianificate tutti i veicoli per la consegna devono essere accompagnati da un documento di consegna che indichi: luogo di consegna e planimetria dellarea destinatario (nome dellimpresa a cui deve consegnare il materiale) nome e numero di telefono del referente patente di guida e numero di immatricolazione del veicolo tutti i materiali e gli equipaggiamenti devono essere consegnati direttamente nellarea di stoccaggio designata prevedere ad uno spazio di sosta per i veicoli non ancora autorizzati allingresso

13 13 Sicurezza dei pedoni ed ei veicoli CONSEGNE, STOCCAGGIO E RIMOZIONE: Stoccaggio: le varie imprese coinvolte nelle lavorazioni hanno a disposizione una zona di stoccaggio precedentemente definita i materiali devono essere stoccati in modo sicuro, lontano da recinzioni e localizzati per minimizzare le distanze di trasporto le aree di stoccaggio devono essere mantenute pulite, sgombre da eventuali materiali di scarto le aree destinate alla produzione di cls devono essere specificate nel piano logistico di cantiere Rimozione: limpresa addetta alla rimozione del materiale di scavo, prima di rimuovere il materiale, deve avvisare il Project Manager per le procedure di controllo i veicoli per la rimozione dei rifiuti posso entrare direttamente nellarea di cantiere

14 14 Controllo di accesso al cantiere SEGREGAZIONE PERCORSI CARRABILE E PEDONALE: I percorsi carrabili e pedonali devono essere separati con barriere di protezione: transenne cunei per il traffico reti metalliche staccionate È necessario assicurare una adeguata visibilità ed illuminazione nei punti di accesso e attraversamento: attraversamenti pedonali ben segnalati: i cartelli devono indicare i pericoli e dare prescrizioni sulla precedenza di attraversamento tutti gli attraversamenti pedonali devono avere accesso da entrambi i lati della strada gli autisti devono essere informati sulle regole di circolazione allinterno del cantiere le strade, pedonali e carrabili, devono essere sgombre da materiale, con un buon sottofondo e prive di buche

15 15 Controllo di accesso al cantiere SEGREGAZIONE PERCORSI CARRABILE E PEDONALE: se possibile prevedere strade di ingresso ed uscita per i mezzi senza curve a gomito e limitare le occasioni di inversione di marcia evitare la vicinanza delle strade a buche, scavi, pozzi e acqua prevedere unadeguata protezione a tutte le strutture permanenti e temporanee, come ponteggi e casserature evitare gli attraversamenti di cavi elettrici a terra, se non è possibile, proteggerli in modo adeguato nel caso di mezzo in manovra ci deve essere sempre una persona addetta al controllo del veicolo durante le operazioni di manovra. Loperatore deve essere sempre in contatto e ben visibile al conducente e indossare indumenti ad alta visibilità

16 16 Benessere Allinterno del cantiere deve essere prevista unarea destinata ai servizi ai lavoratori. TOILET: Deve essere previsto un numero sufficiente di toilet necessario a soddisfare il benessere dei lavoratori presenti in cantiere. Le toilet devono essere adeguatamente areate, illuminate e mantenute pulite durante tutta la durata del cantiere. Dove è possibile, lo scarico deve essere ad acqua, dove non è possibile è concesso lutilizzo di tolilet chimiche.

17 17 Benessere BAGNI E DOCCE: Devono essere previsti un numero adeguato di bagni e docce in base al numero dei lavoratori. Devono essere provvisti di acqua calda e fredda, sapone e asciugamani o altri metodi di asciugatura. Devono essere dislocati nelle adiacenze delle toilet. Devono essere adeguatamente areati, illuminati e mantenuti puliti durante tutta la durata del cantiere. Le toilet, i bagni e le docce devono essere separati per sesso. Dove non è possibile separali prevedere dei locali che si chiudono a chiave dallinterno.

18 18 Benessere SPOGLIATOI: Devono essere previsti, in numero sufficiente, degli spogliatoi necessari ai lavoratori per cambiarsi, depositare gli effetti personali, etc.. Gli spogliatoi devono essere provvisti di armadietti chiudibili e dotati spazi per far asciugare scarpe e indumenti bagnati. Gli spogliatoi devono essere separati per sesso. MENSA E AREA BREAK: Deve essere previsto uno spazio protetto da vento e pioggia per il consumo di cibo e bevande. Il locale deve essere dotato di sistema di riscaldamento e raffrescamento, tavoli, sedie e attrezzatura per scaldare acqua e cibo.

19 19 Pulizia SEGNALETICA DI INTERVENTO: In tutto il cantiere deve essere posizionata la segnaletica necessaria ad avvertire sia i lavoratori che i visitatori di eventuali rischi: i cartelli devono essere composti da immagini e scritte in diverse lingue, per superare le barriere linguistiche i punti di ritrovo, le vie di fuga, le scale e le uscite di sicurezza devono essere ben segnalate le vie di fughe devono essere illuminate da luci di emergenza e sgombre da materiali di stoccaggio, rifiuti, materiali infiammabili, etc… i dispositivi antincendio devono essere facilmente accessibili i materiali infiammabili devono essere stoccati in maniera corretta e devono essere ben segnalati da cartelli di divieto fumare e di fiamme vive la segnaletica deve essere ispezionata settimanalmente, registrando nel registro del progetto le eventuaLi attività da intraprendere per modificare o correggere la segnaletica esistente

20 20 Pulizia TEAM PER LA PULIZIA: Tutte le imprese devono contribuire alla pulizia del cantiere istruendo i propri lavoratori o costituendo un team dedicato alla pulizia. Le operazioni di pulizia non si possono evitare, la mancata pulizia dello spazio lavorativo può provocare danni a cose e persone. Gli addetti alla pulizia devono: svuotare i bidoni della spazzatura mantenere pulite le aree comuni, le strade, le vie di fuga, etc.. riporre il materiale usato nelle aree di stoccaggio Requisiti generali di cantiere: numero adeguato di bidoni non ci devono essere ammassi di rifiuti svuotare regolarmente i bidoni riposizionare, dove servono, i bidoni fornitura di container per rifiuti

21 21 Pulizia GESTIONE DEI RIFIUTI: Ogni cantiere deve avere un piano di gestione dei rifiuti con lo scopo di monitorare la produzione di rifiuti allinterno del cantiere. Il Waste Management Plan deve essere specifico per ogni progetto e deve includere come minimo: una action plan monitoraggio e reporting del: volume totale rifiuti prodotti (m 3 ) volume totale rifiuti riutilizzati e riciclati (m 3 ) pianificare revisioni e audit periodici un target di riduzione dei rifiuti (reciclo/riutilizzo) Il team di progetto, attraverso gli incontri di Value Engineering iniziali, deve sensibilizzare le imprese ad istituire le linee guida per controllare il valore dei rifiuti prodotti e del materiale di risulta depositati in discarica. Tutte le imprese coinvolte in cantiere sono responsabili dellistruzione/informazione dei propri dipendenti e subappaltatori sulle linee guida da mantenere per minimizzare la produzione dei rifiuti. Tutti i fornitori devono essere incoraggiati a minimizzare il packaging dei materiali. I materiali devono essere selezionati in base alla loro possibilità di essere riciclati.


Scaricare ppt "1 Logistica di cantiere Michele Tricarico Enrico DAngelo Brescia 4 Aprile 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google