La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIMAGRIRE IN MODO SANO Libera Università del Rubicone 17, 24 Febbraio, 3, 10 marzo 2011 A cura di Dott.ssa Lisa Gamberini Tel.328-4223355

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIMAGRIRE IN MODO SANO Libera Università del Rubicone 17, 24 Febbraio, 3, 10 marzo 2011 A cura di Dott.ssa Lisa Gamberini Tel.328-4223355"— Transcript della presentazione:

1 DIMAGRIRE IN MODO SANO Libera Università del Rubicone 17, 24 Febbraio, 3, 10 marzo 2011 A cura di Dott.ssa Lisa Gamberini Tel

2 Lezione 4 Lezione 4 Sommario I FATTORI COGNITIVO-EMOTIVI CHE INFLUENZANO LA PERDITA DI PESO: IL DIALOGO INTERNO I PENSIERI SABOTANTI LE RISPOSTE UTILI LE EMOZIONI DISTURBANTI LA FAME NERVOSA

3 LAspetto più prettamente Psicologico del Dimagrimento fa riferimento a… ASPETTI COGNITIVI Pensieri, Aspettative, Convinzioni, Senso di Autoefficacia, Dialogo Interno ASPETTI EMOTIVI Riconoscimento e Gestione delle Emozioni, Stati dAnimo Disfunzionali ed Eventi Stressanti IMMAGINE CORPOREA Vissuto di sé e del proprio corpo, conseguenze comportamentali e relazionali AUTOSTIMA, ASSERTIVITA, AUTOEFFICACIA Fiducia in sé stessi, Capacità di Comunicazione e Relazione

4 GLI ASPETTI COGNITIVI Il Dialogo Interno Cosè: caratteristiche ed azione Provenienza: esperienze + ambiente Viene filtrato dalle Credenze Acquisirne consapevolezza e controllo Imparare a convertirlo Sono stanco, ho lavorato molto ed ho fame è una semplice descrizione di come ci si sente. Un esempio di Dialogo Interno è: E da questa mattina che sono in mezzo ai problemi, non ne posso più! Non vedo lora di arrivare a casa e mangiare così mi rilasso! E diretto verso di sé, contiene un elemento affettivo forte e spinge allazione

5 Trasformare il Dialogo Interno Negativo in Dialogo Positivo In un Percorso di Dimagrimento è fondamentale rendere il Dialogo Interiore un nostro ALLEATO Fasi del Percorso: Conoscerne lesistenza e limportanza Imparare ad individuarlo Comprendere come funziona: - Da dove proviene - In che direzione porta Avviare un processo di Conversione: - Rompere il vecchio schema - Creare un nuovo linguaggio

6 I Facilitatori del dialogo interno positivo Parlarsi in prima persona Io sono.. Utilizzo di aggettivi positivi Sono capace di.. Inserimento di emozioni positive Mi dà piacere.. Uso di Frasi motivanti Mi considero in grado di farcela Induzione allazione Ho mangiato troppo, camminerò di più Impiego di auto-rinforzi Oggi posso proprio dirmi che sono stato bravo/a

7 Vantaggi ed efficacia Ha un potente effetto motivazionale Soprattutto se pronunciato ad alta voce o messo per iscritto e poi riletto Incrementa notevolmente i risultati Seguire una dieta senza lavorare sul dialogo interno porta a risultati effimeri (o talora addirittura allinsuccesso) Rende lindividuo padrone di sè svincolandolo dalla dipendenza dal dietologo Può spezzare il circuito dellalimentazione automatica

8 I PENSIERI SABOTANTI Definiamo Sabotanti tutti quei Pensieri che allontanano dallObiettivo di Controllo del Peso In che modo rendono più difficile stare a Dieta? Incoraggiano a mangiare (Pensieri Autorizzanti: Solo per questa volta, cosa vuoi che sia…) Minano la fiducia in sè stessi (Tanto sono una persona debole/incostante, non ce la farò mai) Autorizzano a non tenere conto delle indicazioni ricevute (Non è indispensabile che segua alla lettera ciò che mi ha detto di fare..) Promuovono ricadute ed abbandoni (Questo week-end ho esagerato, ormai ho mandato tutto allaria, tanto vale lasciar perdere) Aumentano il livello di stress (Devo essere perfetto o sarà tutto inutile, Devo assolutamente arrivare a quel peso entro….)

9 Alcuni Esempi… So che non dovrei mangiarlo ma non me ne importa Non fa niente se lo mangio, è solo per questa volta… A questo cibo proprio non posso resistere Lo mangio! non sono capace di controllarmi Se nessuno mi vede mangiare non conta davvero Se mangio velocemente, forse sarà come non averlo fatto

10 Non posso essere scortese, non posso rifiutare ciò che mi viene offerto Ho avuto una giornata molto dura, me lo merito proprio Sono triste/angosciato…devo mangiare! Non posso stare a dieta quando sono stressato! Se cedo alla tentazione è colpa mia perché sono debole Se sento un languorino significa che ho fame…perché non dovrei mangiare?

11 Oggi è andato tutto storto….mi merito qualcosa per tirarmi su Stare a dieta è faticoso, non voglio continuare Tanto non perderò mai peso… Fino ad ora ho sempre fallito, perché questa volta dovrebbe essere diverso? Ho mangiato qualcosa che non dovevo, tanto vale saltare la dieta per il resto della giornata

12 LE RISPOSTE UTILI Sono Frasi che, inserite nel Dialogo Interiore… -AIUTANO A COMBATTERE I PENSIERI SABOTANTI -IMPEDISCONO LA MESSA IN ATTO DI COMPORTAMENTI DISFUNZIONALI -REGALANO EFFICACIA E FIDUCIA IN SE STESSI NB. Possono Divenire Automatiche! Modificare stabilmente il Dialogo Interiore, la percezione del Mondo e di Sè Stessi

13 Alcuni esempi: Non ho veramente bisogno di mangiarlo, ho fatto da poco il mio spuntino… Forse sto solo cercando un alibi per sentirmi legittimato/a a mangiare. Troverò unalternativa costruttiva a questo comportamento…per esempio…. Tra 2 ore è ora di cena, anche se ho un po di fame posso aspettare…Nel frattempo posso senzaltro fare qualcosaltro di utile o interessante… Ho un leggero languorino, ma devo ricordare che la Fame non è unurgenza, posso sopportarlo

14 Devo essere sincero/a, ho veramente fame? o sto rispondendo con il cibo ad un bisogno diverso? Stare a dieta per me è importante, dimagrire mi porterà molti vantaggi; di fronte ad essi resistere è in fondo un sacrificio veramente piccolo Ricorrere al cibo per fronteggiare lo stress/le emozioni negative mi darà un piacere solo momentaneo, non risolverò il mio vero problema, anzi, aggraverò il mio sovrappeso Posso sicuramente trovare un modo per consolarmi che non ostacola il dimagrimento

15 Di certo cè solo che con il vecchio metodo ho fallito: in fondo non mi costa nulla fare un esperimento Se fino ad ora non sono stato capace di controllarmi posso imparare a farlo da ora in poi E vero, in passato non ho raggiunto/mantenuto il mio obiettivo…ma avuto a disposizione i giusti strumenti? Sono stato seguito con attenzione? Un piccolo errore non compromette il mio percorso e quanto di buono ho fatto fino ad ora, se mi rimetto subito in carreggiata NB. Queste stesse cose dette dallOperatore sono utili, ma acquisiscono unefficacia molto maggiore se entrano a far parte del Dialogo Interno della persona

16 COME NASCONO: LEVENTO SCATENANTE I Pensieri Sabotanti nascono in corrispondenza di un Evento Scatenante, che può essere di svariata natura: STIMOLI AMBIENTALI: La vista e lodore del cibo STIMOLI BIOLOGICI: Fame, sete, smanie di cibo STIMOLI MENTALI: Pensare al cibo, leggere una ricetta STIMOLI EMOTIVI: Stati danimo spiacevoli (tristezza, rabbia, ansia) STIMOLI SOCIALI : Occasioni sociali in cui si viene sollecitati a mangiare

17 Se si riescono ad Individuare gli Stimoli che evocano Pensieri Sabotanti…. -Si può MINIMIZZARE LESPOSIZIONE AD ESSI -Si può MODIFICARE LA PROPRIA RISPOSTA… Si può ad esempio: Modificare lambiente in cui si mangia Imparare a tollerare la fame Imparare a gestire le smanie di cibo Pensare al cibo in modo diverso Parlarsi in maniera più funzionale Gestire le emozioni in modo produttivo Essere assertivi nel dare priorita allObiettivo

18 PENSIERI DISFUNZIONALI E DISTORSIONI COGNITIVE Cosa sostiene ed alimenta i Pensieri Sabotanti? I Pensieri Disfunzionali che lindividuo fa su di Sé e sul Mondo derivano: -dalle CREDENZE sviluppate nel tempo -da Modi Sbagliati di osservare la realtà e di ragionare chiamati DISTORSIONI COGNITIVE

19 LE DISTORSIONI COGNITIVE PENSIERO TUTTO O NULLA Considerare una realtà o un comportamento o completamente presente o assente, passare da un estremo allaltro senza possibilità di sfumature flessibili. Es. Ho fatto uno sgarro alla dieta, tanto vale che stavolta esageri oppure per oggi la dieta non la faccio più. Pensiero funzionale: Ho commesso un errore ma nulla è compromesso. Se riprendo subito la dieta posso fare in modo che il danno rimanga circoscritto. Es. O mi proibisco di mangiare la cioccolata o ne mangio una tavoletta intera. Pensiero Funzionale: Se imparo a non eccedere nella dose potrò concedermi i miei alimenti preferiti anche se devo perdere peso.

20 AFFIBBIARSI UN'ETICHETTA NEGATIVA Es.Ho commesso un errore, sono un debole, un incapace. Pensiero funzionale: Non è giusto che giudichi me stesso in base ad un singolo atto; si tratta solo di un errore, che non pregiudica la mia possibilità di agire correttamente in seguito. SMINUIRSI Se si fa qualcosa di buono considerarlo facile o scontato, se si fa qualcosa di sbagliato valutarlo la prova della propria incapacità. Bisogna imparare a riconoscersi i propri meriti e ad auto-gratificarsi. Pensiero Funzionale: Sono riuscito a….sono stato bravo! Non sono riuscito a…; peccato, ma mi servirà da esperienza per far meglio la prossima volta

21 ESAGERARE Considerare ogni minima difficoltà qualcosa di insuperabile. Es. Stare a dieta è faticoso, riuscire a dimagrire è veramente impossibile! Es. (Tutti) I sacrifici richiesti dallo stare a dieta sono insostenibili…. Pensiero Funzionale: Stare a dieta è difficile, ed a volte mi scoraggio un po, ma è del tutto normale; se non mi perdo danimo posso ottenere dei buoni risultati. GENERALIZZARE Parlare in termini di mai o di sempre e far divenire un evento particolare una norma generale. Ogni singolo errore va a minare lintero programma divenendo principio e profezia di una catena di errori futuri. Es. Sbaglio sempre, non ne azzecco mai una. Es. Sono veramente spaventosa con queste cosce grosse. Pensiero Funzionale: In questa occasione ho commesso un errore Ci sono parti del mio corpo che vorrei migliorare, ma in compenso di me mi piace…

22 AVERE UN ATTENZIONE SELETTIVA Cogliere solo gli aspetti negativi del proprio comportamento, interpretandoli come conferma di incapacità/disvalore, ignorando quelli positivi o mantenendone circoscritto il valore. Es. Ho seguito la dieta tutta la settimana, oggi ho trasgredito quindi ho mandato tutto a monte. Pensiero Funzionale: Questa settimana ho avuto solo un momento di debolezza…sto migliorando! INFERENZA ARBITRARIA Tendenza a collegare gli eventi esterni a sé stessi pur in assenza di motivi plausibili o sufficienti. Es. Ridono di me perché ho il sedere grosso Pensiero Funzionale: Chissà per quale motivo ridono così tanto, beati loro!

23 PERSONALIZZAZIONE Attribuirsi la responsabilità di tutti gli eventi negativi. Es.Se le amiche mi hanno detto di no è sicuramente perché non sono interessante. Pensiero Funzionale: Siamo alla fine della giornata e probabilmente le mie amiche sono stanche; usciremo insieme unaltra sera.

24 Come pensano le persone naturalmente magre? SANNO DISTINGUERE TRA FAME E DESIDERIO DI CIBO HANNO UNA BUONA TOLLERANZA ALLA FAME ED ALLE SMANIE DI CIBO HANNO UNA PERCEZIONE REALISTICA DI QUANTO MANGIANO INTERROMPONO IL COMPORTAMENTO ALIMENTARE AI PRIMI SEGNALI DI SAZIETA

25 NON USANO ABITUALMENTE IL CIBO PER CONSOLARSI TROVANO PIACEVOLE FARE ATTIVITA FISICA SIA DAL PUNTO DI VISTA FISICO CHE PSICOLOGICO QUANDO AUMENTANO DI PESO NON SI DEMORALIZZANO E SI ATTIVANO PER PORVI RIMEDO CREDONO NELLE PROPRIE CAPACITA E NON MISURANO IL VALORE DI SE DAL PESO E DALLASPETTO FISICO

26 NON SI FOCALIZZANO SU IDEE DI INGIUSTIZIA MA PENSANO A FARE IL MEGLIO PER SE NON INTERROMPONO LA DIETA DOPO AVER PERSO PESO

27 GLI ASPETTI EMOTIVI Limportanza della dimensione emotiva Fra le 3 dimensioni che influenzano il Comportamento Alimentare (Comportamenti-Pensieri-Emozioni) la COMPONENTE EMOTIVA ha un ruolo di ASSOLUTA CENTRALITÀ Molti percorsi di dimagrimento compiuti da persone ben informate e consapevoli non hanno pieno successo perché si bloccano di fronte ad un disagio indefinito o alla cosiddetta Fame Emotiva Il Lavoro sulle Emozioni è il più complesso, per la forza-profondità-implicazioni-scarsa accessibilità delle emozioni stesse ma spesso è quello risolutivo

28 IL POTERE DESTABILIZZANTE DELLE EMOZIONI Emozioni troppo forti possono risultare non gestibili e causare uno stato di temporanea confusione minor Controllo Razionale (Perdita di Controllo) Comportamento disordinato, disfunzionale Nella Sequenza Stimolo-Azione lEmozione ha un effetto disorganizzante che pregiudica la Fase di Bilancio ed Elaborazione della Risposta Le Contromisure messe in atto per contrastarne leffetto sono in genere inefficaci e fanno spesso ottenere il contrario di quanto si desidererebbe. Il Cibo è una risposta alimentare ad un problema non alimentareIl Cibo è una risposta alimentare ad un problema non alimentare

29 TENSIONI EMOTIVE E NUTRIZIONE IN CHE MODO IL COMPORTAMENTO ALIMENTARE SI COLLEGA ALLE EMOZIONI? Sequenza Stimolo-Risposta: 1.Stimolo 2.Pensiero : Interpretazione+Dialogo Interiore 3.Emozione 4.Pensiero: Bilancio ed Elaborazione della Risposta 5.Comportamento NB. Nonostante sia istintivo pensare il contrario il Pensiero precede lEmozione!

30 Non sono gli avvenimenti a turbare gli uomini, ma lidea che essi se ne fanno (Epitteto) NON E LO STIMOLO CHE CONTA MA LA SUA INTERPRETAZIONE! Il medesimo avvenimento: Sarà vissuto in modo diverso da ciascun individuo in base a Personalità, Esperienze e Schemi Mentali applicati Sarà classificato come negativo ma affrontabile oppure disastroso ed insuperabile in base alla valutazione di sé e delle proprie risorse Scatenerà Emozioni e Comportamenti differenti

31 LEGAME PENSIERO-EMOZIONE Attenzione! I Pensieri Sabotanti generano Emozioni sabotanti! Le Emozioni che possono indurci a mangiare sono dunque innescate dalle Interpretazioni e dai Ragionamenti attivati dagli avvenimenti che viviamo. Tutto ciò che produce Stress, se non ben gestito, espone al rischio di disfunzionali ripercussioni sul comportamento alimentare! NB. Anche eventi che non riguardano direttamente il peso/cibo Tali emozioni sono il frutto di un Monologo Interiore Irrazionale (improntato a distorsioni cognitive: esagerazione, drammatizzazione, catastrofismo) Sostituendo ad esso un Dialogo Interiore più Funzionale le Emozioni corrispondenti diventeranno meno angoscianti e dunque più gestibili.

32 Perché si ricorre al cibo in condizioni di Stress? CIBO E GRATIFICAZIONE Mangiare risulta confortante perché elicita emozioni positive: 1.Abbassa la concentrazione dei Marcatori biologici dello Stress (es.Adrenalina, Cortisolo) 2.Alza quella di Marcatori che svolgono unazione acquietante (es.Endorfine e Dopamina) 3.Svolge un Ruolo di Gratificazione Psicologica 4.Si ricollega a vecchi ricordi/condizionamenti

33 Umore e Stato Emotivo sono regolati da specifici Neurotrasmettitori (es.Serotonina, Beta-Endorfine) che vengono influenzati dallassunzione di zuccheri Ogni volta che introduciamo Carboidrati lorganismo risponde con una maggiore produzione di: - Serotonina (effetto rilassante-antidepressivo) - Beta-Endorfine (miglioramento autostima, riduzione del dolore ) Lintervento dellinsulina, tuttavia, volto a stabilizzare la glicemia, va a smorzare anche il positivo effetto sullumore Per ricreare la sensazione di pace divengono necessarie sempre maggiori quantità di zuccheri, processo che in alcune persone può dare luogo ad una sorta di dipendenza (Cravin g)

34 Mangiare è una Buona Soluzione? EFFETTI NEGATIVI DELLA RISPOSTA-CIBO Sul momento il cibo sembra procurare sollievo. In realtà tale comportamento si rivela poi controproducente e distruttivo in quanto: 1.Si rende responsabile di un Aumento di Peso 2.Rischia di causare nel tempo Danni alla salute 3.Genera ulteriore Tristezza, Ansia, Tensione Emotiva 4.Indebolisce lAutostima della persona, facendola sentire debole, impotente, incapace di raggiungere lobiettivo 5.Non risolve il problema sottostante NB. IL CIBO E UNA RISPOSTA ASPECIFICA! DI FRONTE ALLO STRESS E NECESSARIO ATTUARE RISPOSTE SPECIFICHE!

35 QUALI SONO LE EMOZIONI SABOTANTI? E' possibile individuare una serie di Emozioni che più frequentemente hanno ricadute sul cibo CONSENTIRNE LACCESSO ALLA COSCIENZA rappresenta il 1° passo per iniziare ad innescare un cambiamento e regalare allindividuo un maggior controllo su di sé

36 1. IL PENSIERO DEPRESSO Tristezza, scarsa autostima, apatia, pessimismo sono gli stati danimo che più frequentemente portano ad un'alimentazione incontrollata, impulsiva o compensativa. Lavorare sui sintomi depressivi migliora le possibilità di condurre con efficacia un percorso di Controllo del Peso 2. LANSIA La Fame Ansiosa è una delle principali conseguenze della tensione emotiva Lindividuo non riesce più a fronteggiare gli stress in maniera efficace o avverte uninquietudine ed un disagio che non sa come placare e che avverte come urgente Attenzione! LAnsia può essere confusa con Fame e Nausea!

37 3. LA NOIA I momenti di inattività, così come lo svolgimento di lavori/attività scarsamente interessanti e stimolanti producono un vuoto di tempo o in termini di sensazione interiore (insoddisfazione) che molto spesso si tenta di tamponare mangiando. 4. LA SOLITUDINE Il cibo diventa compagnia, conforto, senso di calore e di rassicurazione, ma costituisce in realtà mezzo di sfogo di pensieri che si rivelano auto-distruttivi (sia rispetto ai propri obiettivi di peso che alla propria autostima) Genera sovente un Circolo Vizioso: La solitudine porta ad un'iperalimentazione compensativa che conduce al sovrappeso il sovrappeso alimenta aspetti di timidezza, imbarazzo e la tendenza quindi ad isolarsi dagli altri

38 5. LA RABBIA Per chi è in preda a vissuti di Rabbia il Cibo assume spesso una Funzione Rilassante Il cedere all'impulso ad alimentarsi ha 2 scopi: - Cercare un effetto acquietante (es.serotonina) - Impedire l'esplosione di collera esprimendo laggressività in modo più accettabile 6. INSODDISFAZIONE AFFETTIVA La presenza di insoddisfazioni in campo affettivo/sessuale può generare tensioni emotive che si pongono alla base di una Fame Nervosa in cui il cibo va ad attuare una Compensazione (naturalmente fittizia) del senso di vuoto, frustrazione o solitudine avvertiti Anche qui esiste il rischio di un Circolo Vizioso: allo stesso tempo infatti il porre una barriera di grasso tra sé e l'altro può consentire alla persona di giustificare le proprie difficoltà relazionali

39 Riassumendo dunque: Troppo spesso il Cibo diviene il mezzo per: - Mettere a tacere le emozioni sgradevoli (che però rimanendo irrisolte porteranno nuovamente in futuro ad alimentarsi in modo incongruo) - Avere un controllo su qualcosa quando si sente di non averlo sul proprio mondo interiore o sull'ambiente. LE PERSONE NATURALMENTE MAGRE invece: - Esprimono le loro emozioni in modo sano ed appropriato - Le gestiscono mantenendole entro il contesto che le riguarda - Si attivano per la risoluzione del problema

40 FAME NERVOSA COME SEGNALE Partendo dal presupposto che Ogni sintomo è un Messaggio La FAME NERVOSA (NB! e conseguentemente il Sovrappeso) può dunque assumere molteplici significati: 1.Può essere una espressione esteriore di una inquietudine interiore 2.Può costituire un anestetico emotivo 3.Può esprimere un bisogno di accudimento o di approvazione, un grido lanciato agli altri per attirarne l'attenzione 4.Mezzo per costituire una barriera difensiva rispetto agli altri o alle emozioni Se si è troppo impegnati a liberarsi dei propri sintomi non se ne potrà scoprire il vero significato NB. Una corretta lettura da parte dellOperatore potrà indirizzare la persona verso una corretta risoluzione del proprio problema

41 PERCHE LAVORARE SU EMOZIONI E FAME NERVOSA Rischio dinstaurazione di un CIRCOLO VIZIOSO: -Le Emozioni Negative mal gestite provocano un'alimentazione smodata -Questo causa un aumento di peso (e talora danni alla salute) -Questo causa un calo di Autostima -Il sentire di non valere e di non avere il controllo di sé porta a rivolgersi ancora di più al cibo per trovare consolazione Questa spirale va fermata!

42 STIMOLARE UNA RIFLESSIONE: GESTISCO MALE LE EMOZIONI? NON IDENTIFICO LEVENTO O I PENSIERI STRESSANTI La persona non riesce ad identificare il fattore di stress o ad analizzare in profondità il problema che la preoccupa. Può essere abbastanza semplice identificare la situazione che ha generato stress, è invece più difficile mettere a fuoco i Pensieri Disfunzionali che determinano la reazione allevento. PERCEPISCO MALE LE EMOZIONI La persona può rivelarsi incapace di riconoscere, descrivere o esprimere le emozioni che la disturbano (Alessitimia). Es. non avverte collera o tristezza ma un malessere diffuso che le rende difficile lidentificazione dei fattori di stress.

43 NON SO COME COMPORTARMI La persona identifica correttamente il fattore di stress e le emozioni che la turbano ma non sa come fronteggiarle né come risolvere le difficoltà incontrate. CIBO COME UNICA FONTE DI SODDISFAZIONE Allinterno di unampia gamma di possibili attività confortanti la persona sceglie sempre il cibo in maniera stereotipata ed automatica, non pensando che possono esistere delle alternative o non dandosi la possibilità di sperimentarle (Lavoro sulle Attività Distraenti).

44 IL CIBO NON MI CONFORTA PIU MA… La persona ha focalizzato il ricorrere al cibo come negativo e controproducente > non ha più ad avere pensieri positivi sugli alimenti, che sono percepiti come cattivi > falliscono nellobiettivo di dare piacere e conforto > stimolano un Dialogo Interiore Negativo (> rimproveri ed emozioni negative: senso di colpa, tristezza). > ma non riescono a neutralizzare quelle che avevano spinto alla ricerca del cibo. >> Nonostante la persona non ne tragga conforto, tuttavia, limpotenza sperimentata e lassenza di speranza data dallincapacità di trovare alternative utili (Attività Distraenti) porta a rifugiarsi ancora più nel cibo o non riuscire a smettere di mangiare.

45 LA VITA NON E ALTRO CHE UN PROBLEMA DI PESO La risposta data al problema emotivo (assumere Cibo) anziché portare sollievo diventa un Attivatore: genera un pensiero negativo centrato sul peso e sulle conseguenze negative che avrà sulla vita quotidiana > Il problema verrà spostato dalla causa originaria al peso ed alla fine lindividuo finirà per ritenere che il suo principale problema sia il peso (sto male perché sono in sovrappeso e non sono in sovrappeso perché sto male), e per far ruotare tutta la sua vita intorno ad esso ed agli sforzi per dimagrire. (Utile Ristrutturazione Cognitiva)

46 FORNIRE UN AIUTO CONCRETO COME POSSO IMPARARE A GESTIRE LE EMOZIONI? OSSERVA LEMOZIONE - Fermati ad osservare la sua presenza - Staccati da essa, prendine le distanze SPERIMENTA LA TUA EMOZIONE - Lasciati attraversare - Come unOnda, essa arriva e se ne va - Non tentare di bloccarla - Non tentare di eliminarla - Non cercare di aggirarla - Non trattenerla - Non amplificarla - Non rimuginarci sopra

47 ACCETTA LA TUA EMOZIONE - Accettala per quello che è - Capisci da dove viene ma non giudicarla NON AGIRE DI FRONTE ALLEMOZIONE - Insegna a te stesso/a che non è necessario agire di fronte ad unEmozione - Aspetta che se ne vada da sola (o ricorri ad unAttività Distraente se non riesci a tollerarla) - Decidi come agire in modo più razionale una volta che si è attenuata/è passata: lansia disorganizzante iniziale si trasformerà in sana preoccupazione e questo consentirà di prendere in esame varie opzioni comportamentali, scegliendo la più efficace.

48 FAI LOPPOSTO DI CIO CHE TI SUGGERISCE -Hai Paura? Fai ciò che hai paura di fare. -Provi - in maniera giustificata - un Senso di Colpa o di Vergogna? Cerca di riparare alla trasgressione, scusati con eventuali persone offese, accetta le conseguenze di ciò che è accaduto in modo positivo e vai avanti, impegnati a non commettere più quellerrore in futuro - Provi - in maniera ingiustificata - un Senso di Colpa o di Vergogna? Affronta direttamente le cose che ti suscitano questo stato danimo, non evitarle

49 - Ti senti Triste o Depresso/a? Affronta questo vissuto, non evitarlo, agisci! Fai le cose che ti fanno sentire bene, e competente: questo avrà una positiva ricaduta sullumore. - Sei in preda alla Rabbia? Non rimuginare su ciò che è successo e sulle persone coinvolte continuando ad incolparle; concentrati su altre persone per cui provi simpatia ed empatia. Quando la rabbia sarà sfumata torna a rifletterci con più calma, distribuendo equamente ed onestamente le responsabilità e pensando a cosa puoi fare cocretamente per migliorare la situazione, nellimmediato e nel futuro.

50 La Gestione delle Emozioni negative comporta sempre uno stato di Frustrazione che va sopportato E importante sapere che: La migliore Risposta di Coping potrà non avere allinizio la stessa efficacia del cibo nel ridurre lo stato danimo negativo tuttavia Nel tempo la acquisirà, ed in modo più efficace e duraturo Spezzerà quel Circolo Vizioso per cui la persona sfoga la propria frustrazione nel cibo > ingrassa > insoddisfazione > rifugio nel cibo sempre maggiore E unabilità che tornerà molto utile nella vita

51 Attenzione! È importante sapere che: Inizialmente quando emozioni e sentimenti vengono portati in superficie c'è il rischio che i sintomi (e dunque il ricorso al cibo) peggiorino… …ma nel momento in cui questi contenuti possono essere ascoltati ed espressi i sintomi calano... perchè non c'è più bisogno della loro azione di soffocamento, stordimento, allontanamento o consolazione

52 I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Attenzione! Alcune delle persone che chiedono un aiuto per una condizione di sovrappeso potrebbero soffrire di veri e propri Disturbi del Comportamento Alimentare Anche se non è specifica competenza dellOperatore trattarli è necessario saper riconoscere i casi sospetti ed indirizzarli verso un Consulto Specialistico

53 ALIMENTAZIONE COMPULSIVA ED ABBUFFATE Smanie di Cibo Forte appetizione per il cibo accompagnata da tensione psico-corporea E un comportamento che rientra nella Normalità Abbuffate Assunzione di elevate quantità di cibo in poco tempo associate alla sensazione di perdere il controllo NB! Le Abbuffate possono risultare associate a veri e propri Disturbi del Comportamento Alimentare: Bulimia Nervosa Disturbo da Alimentazione Incontrollata In questi casi è indispensabile un intervento Terapeutico

54 BULIMIA NERVOSA Nella Bulimia Nervosa le Abbuffate sono spesso accompagnate da Comportamenti di Compenso (vomito auto-indotto, uso di lassativi/diuretici, digiuno, esercizio fisico eccessivo) Diagnosi: 2 episodi alla settimana E presente la restrizione alimentare Eccessiva importanza data alla magrezza per la valutazione di sé Può anche esserci una condizione di normopeso Insorgenza tipica: preadolescenza-adolescenza

55 DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA Si caratterizza per la presenza di episodi ricorrenti di Abbuffate (Senza Condotte di Compenso o solo occasionalmente) Incapacità generale di regolare lalimentazione (sia durante che al di fuori delle Abbuffate) Diagnosi: 2 giorni alla settimana (NB! Le A. possono anche durare tutto il giorno) Insorgenza tipica: tarda adolescenza, inizio terza decade

56 Bassi livelli di restrizione alimentare Condizione di sovrappeso visibile Rispetto ai soggetti in sovrappeso senza disturbo: Alimentazione caotica Elevato introito di cibo sia durante che fuori dai pasti Maggiore durata del pasto stesso

57 ANORESSIA NERVOSA Talora può accadere che una persona Normopeso/Sottopeso avanzi una richiesta di Dimagrimento. Attenzione! E necessario saper valutare se ci troviamo di fronte ad un caso di Anoressia In tal caso tale richiesta va scoraggiata (indirizzando la persona verso uno specialista) oppure, se accolta, va inserita in un Programma di Gestione del Peso e non di Perdita di Peso che collude con la patologia dellindividuo.

58 Sintomi e caratteristiche distintive: Elevato Livello di Restrizione Alimentare (entro cui possono saltuariamente verificarsi Abbuffate) Negazione della sensazione di fame Rifiuto di mantenere il Peso entro valori normali Ricerca ossessiva ed inarrestabile di Magrezza Intensa ed irrazionale paura di ingrassare o di essere grassi Eccessiva influenza di peso e forme corporee sullautostima

59 Immagine Corporea Negativa, Distorsioni dellIC Condotte di Eliminazione (Uso di Lassativi/Diuretici, Digiuno) Iperattività (Esercizio Fisico Eccessivo, Impegno instancabile in molteplici attività) Scomparsa del Ciclo Mestruale, Ipotermia Negazione del Problema/Rifiuto dellaiuto Insorgenza tipica: preadolescenza/adolescenza


Scaricare ppt "DIMAGRIRE IN MODO SANO Libera Università del Rubicone 17, 24 Febbraio, 3, 10 marzo 2011 A cura di Dott.ssa Lisa Gamberini Tel.328-4223355"

Presentazioni simili


Annunci Google