La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RISCHI PSICOSOCIALI STRESS LAVORO-CORRELATO Ai sensi del D.Lgs. 81/08 – art. 37 – comma 1, lettera b Istituto Comprensivo L. Bartolini Cupramontana (AN.)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RISCHI PSICOSOCIALI STRESS LAVORO-CORRELATO Ai sensi del D.Lgs. 81/08 – art. 37 – comma 1, lettera b Istituto Comprensivo L. Bartolini Cupramontana (AN.)"— Transcript della presentazione:

1 RISCHI PSICOSOCIALI STRESS LAVORO-CORRELATO Ai sensi del D.Lgs. 81/08 – art. 37 – comma 1, lettera b Istituto Comprensivo L. Bartolini Cupramontana (AN.) A.S / 13

2 Linsieme delle variabili organizzative, gestionali, ambientali e relazionali che possono causare un danno psicologico, sociale o fisico alle persone e determinare effetti negativi in termini di efficienza e di immagine a livello organizzativo, economico, sociale e ambientale I RISCHI PSICOSOCIALI

3 I rischi che hanno origine da situazioni stressanti in ambito lavorativo fanno parte della più ampia categoria dei rischi di natura ergonomica e, per tipo di conseguenze cui possono portare, vengono classificati allinterno dei rischi psicosociali. Nonostante si possa affermare che lesperienza dello stress ha senza dubbio una matrice individuale, in quanto dipende dalla capacità delle singole persone di far fronte agli stimoli prodotti dal lavoro e alle eventuali forme di disagio che ne derivano, la letteratura e la normativa ( europea e nazionale) concordano nel dare unimportanza determinante allambiente di lavoro e, ancor più, allorganizzazione del lavoro e al suo contenuto specifico. RISCHI PSICOSOCIALI - AMBIENTE DI LAVORO

4 VALUTAZIONE DEI RISCHI DA STRESS LAVORO- CORRELATO La valutazione dei rischi da stress lavoro correlato è obbligatoria anche per le scuole, così come è obbligatorio, nei casi in cui si dimostri necessario, adottare specifiche ed adeguate misure di prevenzione, cioè mettere in atto tutte quelle azioni che possano migliorare lorganizzazione del lavoro e che afferiscono principalmente al Dirigente Scolastico. Il miglioramento dellorganizzazione del lavoro è un processo che deve nascere allinterno di ogni singola istituzione scolastica con lobiettivo di Armonizzare il potenziale rappresentato dalla popolazione lavorativa con le esigenze della popolazione lavorativa stessa con le regole e le priorità che la scuola si è data con le criticità e le opportunità individuate con i vincoli di natura contrattuale e normativa con le istanze espresse dagli allievi e dalle loro famiglie

5 RIFERIMENTI NORMATIVI Commissione delle Comunità Europee (Bruxelles 11/03/2002: Adattarsi alle trasformazioni del lavoro e della società:una nuova strategia comunitaria per la salute e la sicurezza Commissione delle Comunità Europee (Bruxelles 21/02/20027): Migliorare la qualità e la produttività sul luogo di lavoro: una nuova strategia comunitaria 2007 – 2012 per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Comunicazione della Commissione delle Comunità europee: Migliorare la salute mentale della popolazione. Bruxelles, 14/10/ 2005 Circolare INAIL n.71 del 17 dicembre 2003 Disturbi psichici della costrittività organizzativa sul lavoro. Rischio tutelato e diagnosi di malattia professionale. Direttiva del Ministero della Funzione Pubblica sulle misure finalizzate al miglioramento del benessere organizzativo nelle pubbliche amministrazioni D. Lgs 81 / 2008 art , 37

6 FATTORI DI RISCHIO PSICOSOCIALE Aspetti ambientali Rumorosità Vibrazioni Variazioni di temperatura, ventilazione, umidità Carenze nelligiene ambientale Caratteristiche del lavoro a) Contesto del lavoro Funzione e cultura organizzativa Ruolo nellorganizzazione Sviluppo di carriera Modalità di presa di decisione, stili di gestione e di controllo Relazioni interpersonali Mobilità e trasferimenti Equilibrio tra lavoro e vita privata. b) Contenuto del lavoro Tipo di compito Carico, ritmi e orari di lavoro

7 EFFETTI DEI RISCHI PSICOSOCIALI STRESS MOBBING BURNOUT

8 STRESS Lo stress dovuto al lavoro può essere definito come un insieme di reazioni fisiche ed emotive dannose che si manifesta quando le richieste poste dal lavoro non sono commisurate alle capacità, risorse o esigenze del lavoratore. Definizione: Lo stress connesso al lavoro può influire negativamente sulle condizioni di salute e provocare persino infortuni. (NIOSH, Stress at work, 1999) Lo stress, potenzialmente, può colpire in qualunque luogo di lavoro e qualunque lavoratore, a prescindere dalla dimensione dellazienda, dal campo di attività, dal tipo di contratto o di rapporto di lavoro. (Accordo Europeo sullo stress sul lavoro 8 ottobre 2004) Lo stress è uno stato caratterizzato da livelli elevati di eccitazione e ansia, spesso accompagnati da senso di inadeguatezza. ( Commissione Europea, Guida allo stress legato allattività lavorativa, 1999)

9 Hans Selye (Vienna, 26 gennaio 1907– Montréal, 16 ottobre 1982) è stato un medico austriaco che viene ricordato per le ricerche effettuate sullo stress e per la Sindrome Generale di Adattamento da lui identificata e descritta. Nel 1936 viveva a Montreal dove lavorava come ricercatore alla "McGill University". I suoi esperimenti consistevano nell'iniettare quotidianamente una sostanza a dei ratti per testarne gli effetti, e su questi animali aveva poi riscontrato: - Ulcere peptiche - Atrofia dei tessuti del sistema immunitario - Ingrossamento delle ghiandole surrenali Gli stessi sintomi si potevano riscontrare anche nei ratti in cui era stata iniettata quotidianamente una soluzione fisiologica (innocua). Questi animali avevano in comune solamente il fatto di aver subito quotidianamente delle iniezioni, quindi i sintomi che presentavano potevano essere una risposta dell'organismo ad un fattore esterno. Selye cercò di dimostrare la sua tesi sottoponendo gruppi di topi all'esposizione a temperature molto elevate o molto basse, a tossine, rumori forti e agenti patogeni. Effettivamente furono riscontrati gli stessi effetti. Il termine usato per descrivere questa situazione ("stress") è preso dalla fisica dove indica lo sforzo o la tensione a cui è sottoposto un materiale. Selye impiegò questo termine per indicare la «risposta non specifica dell'organismo a uno stimolo negativo». Nacque cosi la disciplina fisiologica dello stress. Origine:

10 Sindrome Generale di Adattamento Risposta che l'organismo mette in atto quando è soggetto agli effetti prolungati di svariati tipi di stimoli negativi, quali stimoli fisici (ad es. fatica), mentali (ad es. impegno lavorativo), sociali o ambientali (ad es. obblighi o richieste dell'ambiente sociale). Stress Risposta non specifica dellorganismo a uno stimolo negativo Quindi secondo Selye :

11 L'evoluzione della sindrome avviene in tre fasi: Allarme, l'organismo risponde agli stimoli negativi mettendo in atto meccanismi di fronteggiamento (coping) sia fisici che mentali. Esempi sono costituiti dall'aumento del battito cardiaco, pressione sanguigna…. Resistenza, il corpo tenta di combattere e contrastare gli effetti negativi dell'affaticamento prolungato, producendo risposte ormonali specifiche da varie ghiandole, ad es. le ghiandole surrenali. Esaurimento, se gli stimoli negativi continuano ad agire, il soggetto può venire sopraffatto e possono prodursi effetti sfavorevoli permanenti a carico della struttura psichica e/o somatica. FASI dello STRESS

12 NellUnione Europea, lo stress legato allattività lavorativa è il secondo problema di salute più comune nel mondo del lavoro, dopo i dolori alla schiena, che colpisce quasi un lavoratore su tre. Sono 40 milioni i lavoratori che ogni anno accusano disturbi correlabili allo stress Il conseguente costo sociale ammonta a 20 miliardi di euro Il 50% di questi lavoratori ritiene che la causa principale sia la pressione temporale (troppo da fare in poco tempo) Oltre il 30% ritiene che la causa principale sia il mancato controllo sul compito Il 23% attribuisce allo stress frequenti sintomi di stanchezza generalizzata (senza causa apparente e ancor prima di iniziare la giornata lavorativa) STRESS - DIFFUSIONE Dati forniti dallAgenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro

13 FORME ESTREME DI DISAGIO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO BURNOUTMOBBING

14 BURNOUT Forma particolare di stress lavorativo, che fa sentire chi ne è colpito senza via d'uscita,bruciato, consumato dal proprio lavoro Colpisce le professioni d'aiuto: infermieri,medici, insegnanti, assistenti sociali, poliziotti, operatori di ospedali psichiatrici

15 DETERMINANTI del BURNOUT Aspetti soggettivi Caratteristiche della personalità (idealismo, ansia nevrotica, competizione,rigidità, introversione) Aspettative professionali Organizzazione del lavoro Discrepanza tra ruolo e capacità e/o sovraccarico lavorativo Inadeguatezza della retribuzione, difficoltà di carriera, mancanza di autonomia decisionale Clima relazionale dellorganizzazione (mancanza confronto, conflittualità, rapporti di sfiducia, discrepanza tra obiettivi dei superiori e degli operatori)

16 Senso di stanchezza ed esaurimento, tachicardia, cefalee,nausea, insonnia, ecc. Depressione, bassa stima di sé, senso di colpa, sensazione di fallimento, rabbia e risentimento, alta resistenza ad andare al lavoro ogni giorno, indifferenza, negativismo, isolamento, sospetto e paranoia, rigidità di pensiero e resistenza al cambiamento, cinismo, atteggiamento colpevolizzante nei confronti degli utenti. Frequente abuso di alcool o di farmaci. SINTOMI del BURNOUT Sintomi somatici Sintomi psicologici

17 IL BURNOUT TRA GLI INSEGNANTI DAL VOLUME SCUOLA DI FOLLIA DI VITTORIO LODOLO DORIA Vittorio Lodolo dOria, ematologo ed esperto in comunicazione e marketing in sanità, dal 1992 è membro del Collegio Medico dellASL Città di Milano, per il riconoscimento dellinabilità al lavoro per causa di salute. Sulla malattia psichiatrica di origine professionale ha pubblicato due importanti studi: Getsemani (2002) e Golgota (2004). Nellambito del progetto OCSE , è stato consulente del MIUR per la stesura del rapporto sulla salute degli insegnanti italiani.

18 La famiglia educa sempre meno e delega sempre più la scuola: cioè gli insegnanti. I genitori riconoscono la difficoltà e la fatica del proprio essere educatori, ma la negano agli educatori dei propri figli. Tuttavia il vero paradosso consiste nel fatto che gli stessi insegnanti, prime vittime degli stereotipi circolanti, non sempre si rendono conto che il loro mestiere comporta il logoramento psicofisico. Di fatto chi educa e insegna spende, nel bene o nel male, un mare di energie e di conseguenza, a seconda delle risorse personali e delle capacità di gestirle, ciascuno può andare dapprima incontro a situazioni di stress, ed in seguito, passando attraverso il burnout, scivolare nella psicopatologia.

19 Tra i dipendenti pubblici che chiedono linabilità al lavoro per motivi di salute, gli insegnanti risultano essere i più affetti da patologia psichiatrica: addirittura uno su due. Ci sono voluti anni e alcune centinaia di casi per trasformare lironia e lo scetticismo di molti in dubbio e in ammissione dellesistenza del problema. Ma se lavorano mezza giornata e fanno tre- quattro mesi di vacanza allanno, perché così tanti casi psichiatrici tra loro? E se la situazione è tanto grave perché le istituzioni, il Governo, i sindacati e soprattutto la comunità scientifica non se ne occupano?

20 Origine di tutto è sempre un insegnante in difficoltà al quale, invece di aiuti e cure, vengono comminate sanzioni e provvedimenti disciplinari, trascinando in questo modo alcune lunghe e penose storie a detrimento di tutti. Così il docente vede aggravarsi nel tempo la propria patologia mentre lutenza combatte impotente i disservizi. I dirigenti scolastici spesso si barcamenano tra improvvidi trasferimenti per incompatibilità ambientale o la formulazione di ipotesi diagnostiche, per giustificare la richiesta di visita medica per inabilità al lavoro.

21 Non è dato di sapere quanto incidano le strutture e lorganizzazione scolastica sulla nascita del disagio, ma è indubbio che si ritrovino a ricoprire un ruolo importante. Scrivere lepilogo della storia spetta poi al Collegio Medico dellASL competente, che, schiacciato tra lignoranza in materia di disagio mentale degli insegnanti e il compito istituzionale (non terapeutico, ma volto esclusivamente ad accertare lidoneità al lavoro dellindividuo), assume assai spesso un provvedimento pilatesco, per tutelare il posto di lavoro del docente.

22 STUDIO GOLGOTA - DATI E RISULTATI Il campione studiato è di persone, di cui : 774 insegnanti 651 impiegati operai 466 sanitari Il campione delle persone è composto da : femmine maschi Età media : 46 anni

23

24

25

26 IN SINTESI LAnalisi effettuata sembrerebbe escludere, come elementi di confondimento, sia letà che il sesso, facendo ricadere per intero lesito dei risultati dello studio sullattività professionale esercitata

27 ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI (dellinsegnante a rischio) ANZIANITA DI SERVIZIO (superiore ai 20 anni, quasi a testimoniare lo stretto legame tra usura psicofisica e insegnamento) AGGRESSIVITA (verso colleghi, studenti, genitori e dirigente) MANIA DI PERSECUZIONE (effetto di mobbing riflesso) TRASFERIMENTI FREQUENTI ASSENZE (con frequenza crescente, per numero e quantità, con laggravarsi del quadro psicopatologico) ACCANIMENTO VERSO EVENTUALI STUDENTI DISABILI

28 IDENTIKIT DELLINSEGNANTE A RISCHIO 1.Ha bassa autostima, è costantemente preoccupato e si sente incompreso. 2. Tende ad isolarsi, possiede una vita privata povera di stimoli, manifesta comportamenti ossessivo - compulsivi, a loro volta dettati da un perfezionismo esasperato. 3.E tipicamente ansioso, nevrotico, impulsivo, litigioso, ambizioso, incapace a mediare, aggressivo, ostile, idealista e con una forte componente onirica, che lo sgancia dalla realtà.

29 AZIONI DI PREVENZIONE (interventi individuali) La strada maestra è quella dellAUTOANALISI (sorretta dalla condivisione dei problemi con amici o persone fidate). SOMATIZZAZIONI (stanchezza cronica, insonnia, cefalea, gastrite e colite le più frequenti) PERCEZIONI (senso di rabbia, fallimento, colpa o vergogna, incapacità a gestire il quotidiano, crisi di panico o di ansia, diffidenza, fobie, facilità al pianto, scoppi ed accessi dira, senso di mobbing) Lautoanalisi passa attraverso lattenzione a segni e a sintomi:

30 AZIONI DI PREVENZIONE (interventi individuali) Lanalisi del collega-amico passa attraverso lattenzione ai seguenti atteggiamenti: trasandatezza nella cura personale trascuratezza nello svolgere il proprio ruolo repentini cambi dumore (disforia) sentirsi spiato/osservato apatia, assenteismo, evitamento degli impegni ossessioni e pessimismo cronico frequenti stravaganze rivendicazioni e lamentele frequente ricorso allautorità istituzionale

31 INTERVENTI ISTITUZIONALI Nel caso di buona salute dellorganizzazione scolastica servono solo interventi di prevenzione Valutazione e gestione dei rischi da stress lavoro correlato (esistono apposite tabelle) Formazione degli insegnanti (contenuti minimi: conoscenza del rischio di burnout e dei suoi segnali premonitori, gestione delle proprie energie, autovalutazione delle proprie condizioni psicofisiche e gestione dei conflitti) Formazione dei dirigenti (contenuti minimi: come riconoscere e gestire i casi complessi)

32 INTERVENTI ISTITUZIONALI Nel caso di burnout : Creazione di strutture psicologiche di ascolto, informazione, condivisione e counseling, con lobiettivo di evitare allinsegnante in difficoltà quei sentimenti di vergogna e di isolamento,tipici dellindividuo che si trova ad attraversare questa fase transitoria.

33 IL BENESSERE ORGANIZZATIVO Il Benessere Organizzativo è : La capacità di unorganizzazione di promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori. Un costrutto multidimensionale, determinato e influenzato da diversi fattori, sia a livello individuale e di gruppo, sia organizzativo

34 FATTORI DELLORGANIZZAZIONE Comfort ambientale Chiarezza obiettivi Valorizzazione Ascolto Informazioni Conflittualità Sicurezza Relazioni interpersonali Operatività Fattori di stress Equità Caratteristiche dei compiti Utilità sociale Apertura allinnovazione IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

35 RISCHI DA STRESS LAVORO-CORRELATO OGGETTO DELLA VALUTAZIONE Un alto assenteismo o unelevata rotazione del personale Conflitti interpersonali Lamentele frequenti da parte dei lavoratori Problemi disciplinari Violenze sul luogo di lavoro INDAGINE SU 5 AREE 1.DATI OGGETTIVI 2.CONDIZIONI AMBIENTALI 3.CONTESTO DEL LAVORO 4.CONTENUTO DEL LAVORO 5.FATTORI SOGGETTIVI

36 PREVENZIONE Affrontare la questione dello stress lavoro-correlato può condurre ad una maggiore efficienza e ad un miglioramento della salute e sicurezza dei lavoratori, con conseguenti benefici economici e sociali per imprese, lavoratori e società nel suo complesso [Accordo interconfederale per il recepimento dellaccordo quadro europeo sullo stress lavoro-correlato]

37 AZIONI DI MIGLIORAMENTO ( Accordo Europeo 08/10/04 ) MISURE DI GESTIONE E COMUNICAZIONE Chiarire gli obiettivi aziendali e il ruolo di ciascun lavoratore. Assicurare un sostegno adeguato da parte della direzione ai singoli individui e ai team di lavoro. Migliorare lorganizzazione, i processi, le condizioni e lambiente di lavoro. FORMAZIONE DEI DIRIGENTI E DEI LAVORATORI INFORMAZIONE E CONSULTAZIONE DEI LAVORATORI

38 RISCHI DA STRESS LAVORO-CORRELATO NELLA SCUOLA Un contesto lavorativo caratterizzato da unorganizzazione carente o addirittura inadeguata, incapace di tutelare e di valorizzare il capitale umano a disposizione, non può favorire la crescita dellistituzione scolastica in termini di: qualità dellofferta formativa coerenza dei messaggi educativi sviluppo e ricerca didattica iniziative ed attività di ampliamento dellofferta formativa iniziative di apertura al territorio e ad altre istituzioni scolastiche

39 Fattori di rischio nella scuola Aspetti legati al contenuto del lavoro Ambiente e strumenti di lavoro Difficoltà di gestione della classe Elevato impegno mentaleLavoro sommerso Risultati emersi dai focus Group organizzati da una Rete di scuole per la sicurezza formata da docenti, RSPP, DS, dei diversi gradi di scuola)

40 Aspetti legati al contesto del lavoro Funzione e cultura organizzativa Difficoltà di confronto. tra i diversi attori della scuola. Assenza di chiarezza e condivisione degli obiettivi dellIstituto. Assenza di strumenti e metodologie per fronteggiare i problemi. Difficoltà nellorganizzazione di tempi e metodi di lavoro. Scarso controllo sul proprio lavoro. Ruolo del docente nella scuola Sovraccarico di ruoli nei confronti dellallievo e dellorganizzazione scolastica. Eccessive responsabilità. Necessità di ridefinire un ruolo modificato da continue riforme scolastiche. Evoluzione della carriera Scarso riconoscimento sociale attribuito al ruolo dellinsegnante. Scarse o nulle possibilità di avanzamento di carriera. Scarsa retribuzione. Insoddisfacente riconoscimento dellimpegno e del valore professionale del docente da parte di altri. Precarietà del posto di lavoro. Comunicazione e relazioni interpersonali Scarso riconoscimento da parte del dirigente. Difficoltà relazionali tra docenti. Pressioni delle famiglie e scarsa collaborazione alle attività educative. Aumento degli studenti stranieri o con handicap e conseguente difficoltà di gestione della classe.

41 La speranza è che, anche se con ritardo, grazie allobbligo introdotto dal Testo Unico 81 si cominci a valutare in maniera più seria il rischio stress nelle scuole e che vengano di conseguenza prese delle misure di prevenzione, magari anche informando in maniera maggiore i medici e inducendoli a prendere in considerazione il particolare lavoro svolto dai loro assisiti. R.S.P.P. Chiappini Giuliana


Scaricare ppt "RISCHI PSICOSOCIALI STRESS LAVORO-CORRELATO Ai sensi del D.Lgs. 81/08 – art. 37 – comma 1, lettera b Istituto Comprensivo L. Bartolini Cupramontana (AN.)"

Presentazioni simili


Annunci Google