La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. Comunicare il progetto obblighi e opportunità Paola Ravelli Segretariato Tecnico Congiunto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. Comunicare il progetto obblighi e opportunità Paola Ravelli Segretariato Tecnico Congiunto."— Transcript della presentazione:

1 1

2 Comunicare il progetto obblighi e opportunità Paola Ravelli Segretariato Tecnico Congiunto

3 Indice degli argomenti Il quadro degli obblighi per i beneficiari – Regolamenti comunitari; – Piano di comunicazione del PO; Alcune semplici regole – Gli strumenti della comunicazione; – Alcune semplici regole da seguire; – Comunicare il progetto: quale senso.. Il Sito Web del Programma – Dove cercare cosa – 21 Settembre Giornata europea della Cooperazione 3

4 Regolamento (CE) n. 1083/2006: Articolo 69 Informazione e pubblicità. Lo Stato membro e l'autorità di gestione del programma operativo forniscono informazioni circa i programmi cofinanziati, le operazioni e li pubblicizzano. Le informazioni sono destinate ai cittadini dell'Unione europea e ai beneficiari allo scopo di valorizzare il ruolo della Comunità e garantire la trasparenza dell'intervento dei Fondi. 4

5 Regolamento (CE) n. 1828/2006: Articolo 8 Responsabilità dei beneficiari … Ai beneficiari spetta informare il pubblico circa la sovvenzione ottenuta dai Fondi. (…) Il beneficiario informa in modo chiaro che loperazione in corso di realizzazione è stata selezionata nel quadro di un programma operativo cofinanziato dallFSE, dal FESR o dal Fondo di coesione. 5

6 Regolamento (CE) n. 1828/2006: Articolo 9 interventi informativi Tutti gli interventi informativi e pubblicitari destinati ai beneficiari, ai beneficiari potenziali e al pubblico comprendono: a)Emblema dellUnione europea; b)Indicazione del Fondo pertinente ……….per il FESR: «Fondo europeo di sviluppo regionale»; c)Una frase scelta dallAutorità di Gestione che evidenzi il valore aggiunto dellintervento comunitario. 6

7 Piano di comunicazione del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia – Svizzera Far conoscere ai cittadini e agli altri gruppi di destinatari i benefici attesi e i risultati del PO Italia- Svizzera rendendoli consapevoli del ruolo dellUnione Europea e del valore aggiunto delle politiche comunitarie per lo sviluppo innovativo e sostenibile del territorio transfrontaliero. Approvato dal Comitato di Pilotaggio. 7

8 Piano di comunicazione del PO Azioni e strumenti Obiettivo strategico: diffondere nel contesto sociale la rappresentazione simbolica di unarea che possa ritrovarsi in una identità comune, condizione necessaria per favorire lintegrazione e la cooperazione tra due versanti italo svizzero attraverso i seguenti strumenti per la Comunicazione 2007 – 2013: sviluppo dellidentità visiva; implementazione del sito internet; realizzazione di convegni e seminari; partecipazione a fiere e settimana europea della cooperazione; newsletter elettronica; realizzazione di materiale promozionale; relazioni con i media. 8

9 Semplici regole per i progetti: (1) 1.Tutti gli interventi che prevedono attività di informazione, pubblicitaria e di comunicazione (materiali, siti, gadget, etc.) finanziati nellambito del Programma di Cooperazione Italia Svizzera 2007 – 2013 hanno lobbligo di indicare: a)lemblema dell'Unione con esplicito riferimento allUnione europea; b)lindicazione del FESR: Fondo europeo di sviluppo regionale; c)Il logo e lo slogan del programma: Le opportunità non hanno confini; d)I loghi di Italia e Svizzera 9

10 Semplici regole per i progetti: (2) 2.Nel caso di interventi/progetti: – Di contributo pubblico totale delloperazione superiore a ; – che consistono nellacquisto di un oggetto fisico, nel finanziamento di uninfrastruttura o di interventi costruttivi; è obbligatorio esporre una targa esplicativa permanente, visibile e di dimensioni significative entro sei mesi dal completamento delloperazione. Durante la fase di attuazione è necessario apporre un cartello temporaneo (per es. di cantiere) che sarà sostituito poi dalla targa permanente. 10

11 Esempi etichette per strumenti - cartelli di cantiere 11

12 Esempi di targhe e cartello finale 12

13 Siti Internet: alcuni consigli Logo e slogan del programma posizionati in testata (in alto prima dei testi) e su tutte le pagine del sito; Chiara indicazione che il progetto è stato finanziato grazie al contributo del PO di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera e dellUnione Europea; Link al sito internet del PO di cooperazione transfrontaliera Italia – Svizzera Quando il sito web costituisce output di progetto, come tutti gli output esso deve essere mantenuto per almeno 5 anni dopo la fine dello stesso. Il mancato rispetto degli obblighi di comunicazione comporta la revoca del contributo da parte dellUnione europea riferito allazione. 13

14 Esempi di Siti Web rispondenti agli obblighi di comunicazione 14

15 Materiali di riferimento Linee Guida per i beneficiari italiani -Informazione e Pubblicità cap. 9 -Promozione e Comunicazione par ; -Verifiche in Loco par Linee Guida per le attività di Informazione e pubblicità dei beneficiari del Programma di Cooperazione Italia Svizzera 2007 – 2013 (in corso di elaborazione). Disponibili a breve sul sito di programma. Loghi ed emblemi: 15

16 Comunicare il Progetto (1) La Commissione europea assegna grande rilievo alla comunicazione dei progetti, finanzia le attività con lobiettivo di coinvolgere il territorio transfrontaliero nel suo complesso: tessuto sociale e i portatori di interesse. In questo sta il senso degli obblighi alla disseminazione. Obiettivo: condividere le azioni di progetto nel suo realizzarsi, divulgare i risultati ottenuti valorizzando gli impatti che le azioni hanno avuto sul territorio. 16

17 Comunicare il Progetto (2) La strategia di comunicazione delle azioni dovrebbe essere integrata: Rivolgersi ad un variegato pubblico di soggetti pubblici e privati che può trasferire i messaggi ai soggetti a loro più vicini; Integrare diversi strumenti e canali di informazione avendo cura di calibrarli sulla base di un target individuato: – semplificare il linguaggio; – comunicare in modo differente in base al pubblico; – utilizzare sia strumenti innovativi che tradizionali; – comunicare direttamente e indirettamente; – interagire con il pubblico – monitorare i risultati della propria comunicazione – evidenziare i risultati concreti diretti ed indiretti che il progetto ha generato sul territorio e sui soggetti coinvolti. 17

18 Sito Web Programma 18

19 Giornata europea della Cooperazione 21 Settembre Il Programma di cooperazione transfrontaliera Italia -Svizzera ha aderito alla Settimana europea della Cooperazione dal 17 al 23 settembre 2012 promossa da INTERACT, durante la quale quasi 40 Stati hanno celebrato la cooperazione e la costruzione di ponti virtuali tra le comunità locali attraverso le frontiere.Settimana europea della Cooperazione 12 iniziative organizzate in tutti gli spazi di cooperazione italia – svizzera per una Settimana senza confini italiasvizzera.itSettimana senza confinihttp://interact.interreg- italiasvizzera.it In occasione del 21 Settembre vi potrà essere richiesto di far convergere alcune iniziative di comunicazione del vostro progetto. 19

20 Giornata europea della Cooperazione 21 Settembre 20

21 Il Segretariato Tecnico Congiunto, i vostri Tutor, siamo molto interessati a partecipare alle azioni di informazione e comunicazione dei progetti: teniamoci informati e chiedeteci di partecipare! Grazie per lascolto


Scaricare ppt "1. Comunicare il progetto obblighi e opportunità Paola Ravelli Segretariato Tecnico Congiunto."

Presentazioni simili


Annunci Google