La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gestione degli eventi e delle organizzazioni culturali (2) Aspetti economici-finanziari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gestione degli eventi e delle organizzazioni culturali (2) Aspetti economici-finanziari."— Transcript della presentazione:

1 Gestione degli eventi e delle organizzazioni culturali (2) Aspetti economici-finanziari

2 GESTIONE FINANZIARIA La gestione finanziaria ha lo scopo di assicurare in ogni istante lequilibrio finanziario: lazienda deve sempre essere in grado di far fronte ai propri impegni

3 GESTIONE ECONOMICA La gestione economica ha lo scopo di garantire unadeguata remunerazione dei fattori produttivi (materie prime, capitale, lavoro, attrezzature).

4 CONTO ECONOMICO In esso trova esplicitazione la gestione economica: I costi costituiscono i compensi dei fattori produttivi coinvolti nellattività dimpresa. I ricavi rappresentano la remunerazione dellimpresa a fronte della cessione di beni e servizi.

5 BILANCIO DESERCIZIO Dal punto di vista civilistico il Bilancio dEsercizio è rappresentato da: -Stato Patrimoniale -Conto Economico -Nota Integrativa

6 STATO PATRIMONIALE E una rappresentazione statica del patrimonio aziendale. Fotografa il patrimonio dellazienda ad una certa data ( solitamente il 31/12 di ciascun anno solare). E un documento che evidenzia sia la situazione patrimoniale ( mostra la struttura del capitale investito- immobilizzazioni, crediti…- e le Fonti di finanziamento- patrimonio netto, debiti…)che quella finanziaria (evidenzia la capacità di far fronte in ogni momento agli impegni finanziari) Può essere suddiviso in Attività, Passività e Capitale Proprio

7 ATTIVITA Impieghi effettuati dallimpresa ad una certa data

8 PASSIVITA E CAPITALE PROPRIO Rappresenta le fonti di finanziamento

9 CONTO ECONOMICO Offre una rappresentazione dinamica dei costi e dei ricavi che maturano per competenza in un esercizio amministrativo Il concetto di competenza rappresenta il momento in cui maturano i diritti e le obbligazioni relative ad un certo fatto amministrativo

10 NOTA INTEGRATIVA Fornisce spiegazioni, indicazioni, chiarimenti in ordine a voci di costo, ricavo ed andamenti gestionali, nonché in ordine alle poste attive e passive dello Stato Patrimoniale

11 Conto Economico a valore aggiunto Dallinsieme dei ricavi (valore della produzione) si sottraggono i costi esterni. Si cerca così di capire qual è la ricchezza (valore aggiunto) prodotta dallazienda. Lanalisi della distribuzione del valor aggiunto è utile anche ai fini del Bilancio Sociale.

12 PRODUZIONE TIPICA E data dalla somma algebrica delle voci di ricavo e delle voci relative alla rimanenze di prodotti finiti e semilavorati iniziali e finali (fatturato+r.f.- r.i.) + produzione interna = Prod. Lorda Caratteristica

13 VALORE AGGIUNTO lordo caratteristico Produzione lorda caratteristica meno Costi esterni

14 Margine operativo al lordo di ammortamenti e accantonamenti Valore aggiunto lordo caratteristico Meno Costo del lavoro

15 AMMORTAMENTI e ACCANTONAMENTI Sono costi che sono stati caricati per competenza a conto economico ma che non generano uscite finanziarie in quanto le stesse o si sono già manifestate (investimenti) o si manifesteranno in futuro (accantonamenti)

16 AMMORTAMENTO Lammortamento è la quota di costo attribuita ad un esercizio a fronte di un investimento effettuato in beni materiali o immateriali a fecondità plurima, cioè beni che producono i loro benefici per più esercizi. -amm. ordinario (viene calcolato applicando le aliquote previste dalle normali norme fiscali ) -amm. anticipato (il fisco prevede che nel corso dei primi 3 anni di attività sia possibile per tutti i beni materiali un amm. anticipato- aliquota tabellare viene raddoppiata). Sono evidenziati in Nota.

17 RISULTATO OPERATIVO NETTO Margine operativo al lordo di ammort. E accant. (Meno) Ammort e Accant (Più) Contributi in conto esercizio

18 CASH FLOW (Utile + accantonamenti+ ammortamenti) E il flusso di cassa potenziale che evidenzia la capacità del conto economico di unimpresa di produrre liquidità di cassa.

19 ATTIVITA(= capitale investito) Attività immobilizzate –I. immateriali –I. materiali –I. finanziarie Attività correnti - Disponibilità (rimanenze) - Liquidità differite (entro 12 mesi) - Liquidità immediate (cassa, c/c,..)

20 PASSIVITAe CAPITALE PROPRIO Il Capitale Proprio è costituito da: -capitale sociale, riserve, ris. Economico Passività consolidate: insieme di debiti caratterizzati da durata residua superiore a 12 mesi per convenzione Passività correnti

21 RATEI e RISCONTI Ratei attivi= ricavi che maturano a cavallo di due esercizi e che si manifestano monetariamente in modo posticipato (si rileva la quota di compet. delleserc. in corso) Risconti attivi= costi che maturano a cavallo di due esercizi e che si manifestano in modo anticipato ( si rinvia la quota di compet. alleserc. futuro)

22 ANALISI STRUTTURALE Margine di struttura= è la differenza tra il capitale proprio ed il totale delle attività immobilizzate Dovrebbe essere maggiore di zero Indica la capacità dellimpresa di fronteggiare i fabbisogni per le immobilizzazioni e parte degli impieghi dellattivo corrente con fonti proprie


Scaricare ppt "Gestione degli eventi e delle organizzazioni culturali (2) Aspetti economici-finanziari."

Presentazioni simili


Annunci Google