La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gestione degli eventi e delle organizzazioni culturali (II) 13.02.2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gestione degli eventi e delle organizzazioni culturali (II) 13.02.2007."— Transcript della presentazione:

1 Gestione degli eventi e delle organizzazioni culturali (II)

2 PIANO di MARKETING Analisi situazionale (dove ci troviamo e dove stiamo andando) -Azienda (missione e obiettivi, punti di forza e di debolezza, vantaggio competitivo) -Mercati (consumatori, domanda, segmenti) -Concorrenza

3 (segue) Definire gli obiettivi e creare le strategie (dove vogliamo andare) Allocazione delle risorse Definizione del marketing mix

4 DOMANDE FONDAMENTALI di un PIANO DI COMUNICAZIONE Chi ? Cosa ? A chi ? Come ? Quando ? Con quali risultati ?

5 Marketing audit Analisi situazionale - Mercato e ambiente (clienti, concorrenti, domanda, ecc.) - Azienda (missione, strategie, punti di forza e punti di debolezza, vantaggio competitivo

6 (segue) Analisi del piano di marketing - obiettivi e strategie - marketing mix Analisi del programma di marketing Previsioni

7 FONTI DI DATI INTERNI Sistema contabile Rapporti di vendita Personale Indagini e ricerche

8 FONTI DI DATI PRIVATI Indici, banche dati Organizzazioni specializzate Agenzie private Riviste Organizzazioni internazionali

9 14 azioni di un progetto di ricerca 1)Descrivere il problema 2)Definire gli obiettivi della ricerca 3)Decidere le risorse umane e finanziarie occorrenti 4)Definire il piano di lavoro 5)Scegliere gli strumenti ed i metodi 6)Decidere il campione

10 7) Impostare il questionario 8) Testare il questionario 9) Codificare le risposte 10) Raccogliere i dati 11) Monitorare gli intervistatori 12) Compilare i dati 13) Analizzare i risultati 14) Scrivere il rapporto

11 4 strategie di Ansoff Aumentare lutilizzo attuale del prodotto nei mercati esistenti - aumentare il tasso di consumo attuale del prodotto - attrarre la clientela della concorrenza - attrarre i non consumatori

12 (segue) Vendere i prodotti esistenti in nuovi mercati (sviluppo del mercato) Sviluppo del prodotto Creare nuovi prodotti per nuovi mercati (diversificare)

13 SPONSORIZZAZIONE Lo sponsor interviene finanziariamente o fornendo beni/servizi in cambio della possibilità di sfruttare il potenziale commerciale associato con levento, con listituzione o il bene

14 OBIETTIVI di SPONSORIZZAZIONE Migliorare le relazioni con la comunità Promuovere limmagine aziendale Aumentare la notorietà della marca Esposizione ai media Migliorare limmagine della marca Migliorare le relazioni pubbliche Aumentare le vendite Divertire i consumatori Migliorare il morale dello staff Sostegno per una causa Diversificazione mix di comunicazione

15 CRITERI di SELEZIONE Abilità degli organizzatori Successo potenziale dellevento Copertura potenziale dei media Potenziale associazione dellimmagine Tipo di pubblico Compatibilità con il prodotti/azienda Punti in comune con lazienda Vantaggi fiscali Livello di rischio

16 (segue) possibilità di sponsorizzazione esclusiva manager che conoscono il prodotto concorrenza

17 Vantaggio reciproco della sponsorizzazione Pensare come operatori di marketing Imparare il più possibile sulle aziende a cui ci si rivolge Cercare di immaginare il mercato obiettivo dellazienda Prendere in considerazione le esigenze dello sponsor

18 Una buona proposta vende benefici non caratteristiche specifiche (gli sponsor comprano piattaforme promozionali che aiutano a vendere prodotti e servizi) La proposta di successo mira ai bisogni dello sponsor La proposta di successo è costruita su misura della tipologia di sponsor

19 Contratto di sponsorizzazione contenuti Obiettivi dellazienda e dellorganizzazione artistica Beni e servizi che saranno offerti da entrambi i partner Copertura geografica Date di inizio e fine Dettaglio delle specifiche relative alla creatività Informazioni dettagliate sullimputazione in contabilità dei finanziamenti

20 Crisi della spesa pubblica con riduzione dei budget per la cultura, accompagnate da politiche governative di incentivazione della sponsorizzazione Aumento e diversificazione della domanda di prodotti e servizi culturali Segmentazione crescente dei mercati e ricerca di nuove modalità di comunicazione Esigenza di legittimazione sociale delle imprese Successo dellassociazione con larte e la cultura Costi più contenuti rispetto ad altre forme di comunicazione

21 Matching grants Contributi pubblici subordinati allacquisita disponibilità di risorse private

22 Sponsorizzazioni (Risoluzione Min. Economia n.9/204 del 17/06/1992) Erogazioni liberali

23 Sponsorizzazione Contratto sinallagmatico tra le parti a titolo oneroso Fonte: budget impresa mrktg (costo pubblicitario)

24 Sponsor Termine che risale allepoca di Roma quando si sponsorizzavano i giochi dei gladiatori per soddisfare ragione politiche, ovvero per avvicinarsi e guadagnare la stima e il favore del pubblico romano

25 Sponsorizzazione moderna nasce nella tv americana – soap opera Legge Mammì (L. 223 del 6 agosto 1990) regolamenta ai sensi della presente legge per sponsorizzazione si intende ogni contributo di unimpresa privata o pubblica, non impegnata in trasmissioni televisive o radiofoniche al finanziamento di programmi allo scopo di promuovere il suo nome, marchio, immagine, attività, prodotti

26 Mecenatismo Erogazione liberale nella quale non cè controvalore economico e la presenza del benefattore nelliniziativa rimane defilata Fonte: fondi filantropici, deducibilità fiscale

27 La Sponsorizzazione si colloca nel mrktg di impresa Avvicinamento a mondi simbolici ricchi di valori pregiati (cultura, sport, ambiente, solidarietà): espressione del genio creativo, bellezza, messaggi universali, riflessione sui grandi temi dellumanità.. Bisogni/desideri

28 Progetto di sponsorizzazione What- cosa Who-con chi When- quando Where- dove Why- perché si realizza il progetto To Whom- chi sono i destinari

29 Mecenate Gaio Mecenate (69-8 a.C.) protesse i vari ingegni del tempo per garantire loro una vita indipendente e decorosa

30 Responsabilità Sociale dImpresa Si rafforza il ruolo di attore sociale dellimpresa nellambiente in cui opera Limpresa non può limitarsi ad essere organismo economico, ma deve legittimare la sua posizione nella società, nellambiente in cui opera

31 Libro Verde della Commissione Europea (2001)

32 Convenzione per la valorizzazione del patrimonio artistico e dellimprenditorialità culturale Confindustria e Min. Beni Culturali 1996

33 Licensing Merchandising Contratto con cui un titolare di un marchio autorizza un terzo ad utilizzare il medesimo per contraddistinguere prodotti o servizi - royalty

34 DISTRIBUZIONE Intensiva ( massima distribuzione possibile di un prodotto tramite il maggior numero possibile di punti vendita) Selettiva (scelta di dettaglianti in relazione a criteri specifici) Esclusiva

35 Strategia push Consiste nelloffrire margini di profitto più alto ai dettaglianti in modo da farli lavorare per promuovere un determinato prodotto Strategia pull Implica investimenti massicci nella pubblicità per generare una domanda sufficientemente forte

36 ROI PROFITTO _____________________________________ CAPITALE INVESTITO

37 BREAK-EVEN Costi fissi _____________________________________ Margine lordo (prezzo di vendita- costo variabile unitario)

38 ELASTICITA Relazione tra PREZZO e QUANTITA

39 CICLO DI VITA del PRODOTTO Introduzione Crescita Maturità Declino

40 Quota di mercato Domanda aziendale ____________________________ Domanda di mercato

41 COMPORTAMENTI DEL CONSUMATORE Individuo Coinvolgimento, personalità, esperienza, variabili socio-demografiche, benefici ricercati Processi decisionali Atteggiamento, abitudini, acquisto di impulso Situazione Comportamenti Elaborazione delle informazioni

42 MARKETING Linsieme delle attività, attraverso cui unorganizzazione mira a soddisfare le esigenze di persone o altre organizzazioni rendendo loro disponibili, mediante lo scambio, beni o servizi o promuovendo idee e valori

43 Marketing strategico Marketing operativo

44 Forma mentis o filosofia che deve guidare lorganizzazione Sistema coordinato di strumenti, tecniche e attività che identificano ciò che viene presentato al mercato

45 Forme di promozione Pubbliche Relazioni Insieme delle azioni miranti a sviluppare relazioni favorevoli tra unorganizzazione i suoi diversi pubblici -conferenze stampa Presentano lattività svolta a giornalisti, critici, esperti e a tutte le persone che possono costituire un canale di comunicazione con lambiente esterno.

46 - comunicati stampa - articoli redazionali Articoli giornalistici gratuiti dal contenuto promozionale scritti a cura e discrezione del giornale (Si presenta più credibile rispetto alla pubblicità sui giornali) - inviti e omaggi

47 Pubblicità Presentazione di un prodotto, un servizio, unidea fatta da una fonte identificata attraverso un canale non personale la cui utilizzazione comporta un costo -Stampa -Distribuzione di pubblicazioni -Televisione -Radio -Media esterni -Reti informatiche

48 Direct Marketing Branca del marketing che ha come obiettivo principale quello di instaurare un rapporto diretto e personalizzato con i consumatori -selettività del messaggio -capillarità della comunicazione -personalizzazione del mesaggio -misurabilità dellazione di comunicazione -interattività

49 Gestione di un data base marketing Liste e identificazione dei target Lettershop (pieghevoli, cataloghi, brochure,..) Telemarketing

50 Documentazione fotografica e video Sala Presenza di una star tra il pubblico

51 Agenzia di Pubblicità Direzione creativa Account Art Director e Copy writer Grafico Marketer

52 Concessionarie di pubblicità Strutture che gestiscono gli spazi pubblicitari curandone la promozione e la vendita presso le aziende e le agenzie

53 COSTO CONTATTO NUMERO UTENTI _____________________________ TARIFFA DELLO SPAZIO

54 IDENTITA AZIENDALE IMMAGINE COORDINATA

55 Quando è stata creata lagenzia e da chi Come è strutturata e quali sono i servizi che può mettere a disposizione Quali sono i mezzi tecnologici a disposizione Quali sono le figure professionali che vi lavorano Quali sono i clienti più importanti Quali sono i prodotti o le campagne di pubblicità degli ultimi anni

56 Stampati (locandina o manifesto) Striscioni stradali Pieghevole (i.p.-inserto pubblicitario, spedizione come stampa)

57


Scaricare ppt "Gestione degli eventi e delle organizzazioni culturali (II) 13.02.2007."

Presentazioni simili


Annunci Google