La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 1 Segni e icone Moderni geroglifici Derivano dal Set di simboli standard disegnato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 1 Segni e icone Moderni geroglifici Derivano dal Set di simboli standard disegnato."— Transcript della presentazione:

1 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 1 Segni e icone Moderni geroglifici Derivano dal Set di simboli standard disegnato da Cook & Shanosky Ass. in collaborazione con lAmerican Institute of Graphic Arts nel Sono stati adottati dall U.S. Department of Transportation (D.O.T.). Costituiscono un geroglifico internazionale per i trasporti pubblici.

2 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 2 Segni e icone Moderni geroglifici I loro progenitori furono creati, dal filosofo, economista e sociologo viennese Otto Neurath negli anni 20.

3 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 3 Segni e icone Otto Neurath Neurath e i suoi colleghi costruirono un universo di azioni oggetti persone luoghi

4 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 4 Segni e icone Isotype International System OfOf TYpographic Picture Education Chiamò questo universo Isotype La lingua naturale come forma linguistica mutilata: non funge da modello logico e consistente della relazione tra gli oggetti nel mondo reale. I simboli come ponte universale tra linguaggio delle forme e diretta esperienza della realtà percepibile.

5 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 5 Segni e icone I segni parlanti Il principale interesse di Neurath, come direttore del Museo Economico e Sociale di Vienna: presentare i dati statistici delleconomia austriaca soprattutto allo strato sociale ignorante. Crea un nuovo linguaggio di segni comprensibile facilmente: scrittura ideografica della raffigurazione delle quantità. Allo scopo sostituisce agli astratti numeri diagrammi visivi secondo le regole della Gestalt.

6 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 6 Segni e icone Rivoluzione nella statistica Nel campo della statistica il museo fa un lavoro rivoluzionario. Fino ad allora i diagrammi statistici in uso erano solo monotone e astratte curve, tabelle, colonne. La gente non legge volentieri i numeri. Per Neurath una grande quantità non si esprime con un segno più grande, ma con una maggiore quantità di segni, cioè con una serie.

7 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 7 Segni e icone Rivoluzione nella statistica Crescita della popolazione nella grande Londra La routine quotidiana in città e in campagna

8 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 8 Segni e icone Gerd Arntz Dal 1928 è invitato a collaborare con il Museo Sociale ed Economico Gerd Arntz, un artista e intellettuale interessato alle tematiche dei gruppi e delle classi sociali. La serie 12 case contemporanee (1927), analogia con le 12 case dello zodiaco. residenza privata

9 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 9 Segni e icone Gerd Arntz fabbricaprigionegrande magazzino

10 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 10 Segni e icone Gerd Arntz hotelcasermaospedale

11 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 11 Segni e icone Gerd Arntz stadiobarnight club

12 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 12 Segni e icone Gerd Arntz teatrobanca

13 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 13 Segni e icone Gerd Arntz ruota delle elezioni chi non ha bisogno di lavorare …e chi è disoccupato

14 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 14 Segni e icone Educazione visuale Una lingua internazionale Lo sforzo per la nascita di una lingua internazionale è un sostegno allo sviluppo globale. La lingua internazionale deve considerare bisogni internazionali e deve essere semplice.

15 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 15 Segni e icone Una lingua ausiliare Isotype come lingua ausiliare Una lingua internazionale come lingua ausiliare, consente di interpretare i termini in tutte le lingue del mondo. Aiuta chi viaggia spesso allestero: guardare i simboli invece di leggere le parole (straniere) per orientarsi meglio.

16 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 16 Segni e icone Il positivismo logico Anticipa il successivo lavoro sulla visualizzazione dei dati di Edward Tufte. Neurath fu membro del Circolo di Vienna negli anni 20. Tra i fondatori del positivismo logico, teoria che sintetizza due modi opposti di ricerca: Razionalismo: studia la realtà attraverso la logica, la geometria e la matematica Empirismo: losservazione come chiave della conoscenza. Locchio e le sue protesi (telecamera, telescopio, microscopio…) strumenti primari della conoscenza empirica.

17 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 17 Segni e icone Il positivismo logico Il positivismo logico spezzetta il linguaggio in un set minimo di esperienze dirette: Grande Piccolo Su Giù Rosso Bianco

18 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 18 Segni e icone Il positivismo logico Neurath vuole combinare il meccanicismo empiristico della fotografia con la struttura razionale della matematica e della geometria. Con Neurath traduce una teoria filosofica in una pratica visiva. Il segno è positivo perché in quanto immagine si basa sullosservazione Il segno è logico perché riassume e concentra i dettagli dellesperienza in un segno schematico

19 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 19 Segni e icone Convenzioni culturali Neurath crede che le fotografie sono obiettive e universali, mentre il significato dei segni internazionali è culturale. Ad es. per noi Il riferimento alla toilette è tralasciato e il significato convenzionale deve essere appreso. non sono né universali né auto-esplicativi né puramente informativi, ma culturalmente connotati. Il segno = bagno per uomini Il segno = bagno per donne

20 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 20 Segni e icone Convenzioni culturali Distinguiamo il segno come uomo dal segno come donna, il cui genere è stilizzato attraverso il riferimento a un indumento talvolta indossato dalle donne occidentali. Nel sistema D.O.T. significa persona in generale, eccetto dove si oppone a Quindi non significa fontanella per uomini non significa ascensore per soli uomini

21 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 21 Segni e icone Convenzioni culturali Lunico posto in cui appare (oltre al segno del bagno) è Quando una persona offre assistenza a unaltra in genere si tratta di una donna.

22 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 22 Segni e icone Principi stilistici nel design dei pittogrammi riduzione molti segni isotype sono forme senza dettagli interni (traccia chiusa campita a tinte piatte). Segni come impronte platoniche degli oggetti materiali (cfr. mito della caverna di Platone) consistenza governa luniformità stilistica di un set di simboli. Ad es. il sistema D.O.T. è un mondo di oggetti coordinati che include… I principi stilistici dell di Neurath restano la base degli odierni pittogrammi internazionali:

23 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 23 Segni e icone Principi stilistici nel design dei pittogrammi Un simbolo è disegnato bene se: A un 1° sguardo informazioni più importanti A un 2° sguardo informazioni secondarie A un 3° sguardo importanti dettagli A un 4° sguardo nulla di più Se si vede qualcosa di più, il simbolo è disegnato male! Ricordare: processo di enfatizzazione-esclusione

24 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 24 Segni e icone Principi stilistici nel design dei pittogrammi Rappresentazione fronto-parallela I segni isotype sono in genere rappresentati frontalmente Uso limitato del piano inclinato Nel caso si debba rappresentare la tridimensionalità delloggetto assonometria, mai prospettiva!

25 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 25 Segni e icone Principi stilistici nel design dei pittogrammi Leggibili senza altre spiegazioni Se è necessaria una label allora il simbolo è disegnato male Chiaramente differenziati tra loro Per non generare confusione Semplici Per poter essere messi in fila come le lettere dellalfabeto e facilmente memorizzati Uso dei colori Si usano solo 7 colori fondamentali: bianco, nero, marrone, blu, verde, giallo, rosso

26 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 26 Segni e icone Esempi eccellenti Il sistema disegnato nelle Olimpiadi di Monaco del 1972 allapice del linguaggio internazionale dei segni: Un alfabeto del corpo è sviluppato sulla base di una griglia consistente.

27 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 27 Segni e icone Scrivere secondo lestetica della macchina La riduzione e la consistenza dei segni internazionali elevano la loro qualità alfabetica: un modo di trascendere i limiti delle lettere sviluppando le caratteristiche visuali della tipografia. Il carattere preferito da Neurath è il Futura disegnato da Paul Renner nel Paragonabile allestetica della macchina in architettura e in industrial design. Neurath concepisce un sistema pulito, logico, privo di ridondanze. Il carattere geometrico dei segni è caricato dallassociazione con pubblico, neutro, moderno.

28 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 28 Segni e icone Scrivere secondo lestetica della macchina Un segno internazionale funziona come memento, un souvenir di parole. Neurath credeva che avrebbe potuto trascendere i limiti nazionali e unificare la vita sociale globalizzata. = ristorante = Parigi

29 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 29 Segni e icone Pittografia Segno figurativo interpretato in base al suo significato letterale. Un pittogramma non si riferisce a una parola in un vocabolario dato, ma a un oggetto del mondo reale. Una macchina che sogna una chiave?

30 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 30 Segni e icone Ideografia Segno figurativo che sta per un concetto o unidea. Un ideogramma combina i significati individuali di due segni per creare un terzo significato. auto + chiave = noleggio auto

31 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 31 Segni e icone Rebus Supponiamo di dover rappresentare un nome proprio di persona (Johnny Carson). Invece di creare un apposito ideogramma, possiamo utilizzare simboli esistenti per il loro fonema. John knee car son

32 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 32 Segni e icone Sillabario Rappresentando ogni sillaba attraverso un simbolo costruiamo un sillabario. = car

33 AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 33 Segni e icone Alfabeto Un alfabeto suddivide le parole in unità più piccole, prive di significato (contenuto): le lettere. c come car m come man


Scaricare ppt "AA 2003/04Prof. Paola Trapani – Comunicazione Visiva Design delle icone 1 Segni e icone Moderni geroglifici Derivano dal Set di simboli standard disegnato."

Presentazioni simili


Annunci Google