La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lingua italiana (CT) 2002-2003 La comunicazione (1) Comunicazione, espressione, significazione, interpretazione Comunicazione, strutture e segni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lingua italiana (CT) 2002-2003 La comunicazione (1) Comunicazione, espressione, significazione, interpretazione Comunicazione, strutture e segni."— Transcript della presentazione:

1 Lingua italiana (CT) La comunicazione (1) Comunicazione, espressione, significazione, interpretazione Comunicazione, strutture e segni

2 Argomento della lezione Argomento di questa e delle prossime lezioni sono alcuni concetti fondamentali di semiotica. Tra i più importanti che verranno affrontati nella prima lezione ricordiamo: Il concetto di comunicazione Il concetto di espressione Il concetto di significazione Il concetto di interpretazione I concetti di struttura e segno

3 Il senso della questione Un corso che si occupi istituzionalmente di lingua italiana in quanto strumento della comunicazione tecnica deve fornire informazioni su tre temi correlati: a) le pratiche comunicative, in quanto elementi del contesto in cui si materializza luso della lingua nella produzione di messaggi; b) il contesto socioculturale, in quanto ambiente in cui linterazione comunicativa prende corpo; c) la natura dei messaggi, in quanto oggetti che rendono possibile linterazione, che hanno caratteristiche ben determinate e la cui produzione e ricezione è soggetta a vincoli di varia natura.

4 La struttura del corso Nel corso ci occuperemo di questi elementi a più riprese; in particolare: a) nella sua prima parte affronteremo alcuni problemi inerenti la comunicazione e gli oggetti che la rendono possibile. b) Nella sua seconda parte considereremo la lingua, mezzo della comunicazione, in quanto oggetto sociale (insieme di varietà) e strumento comunicativo. c) Nella sua terza parte ci occuperemo dei testi (messaggi verbali) sia dal punto di vista della ricezione che da quello, correlato, della produzione.

5

6 La comunicazione: definizione La comunicazione è un processo volontario di trasmissione di informazioni di varia natura che – proprio sia degli uomini che degli animali – avviene tramite segnali codificati secondo regole note sia al mittente che ai destinatari.segnali I segnali, una volta decodificati attraverso un codice, attivano una serie di processi interpretativi (interpretazione) e portano a comprensione. Il codice, dunque, è un elemento fondante della comunicazione.codice

7 La comunicazione: caratteri (1) Si noti che la definizione precedente sottolineava che: la comunicazione è un processo; la comunicazione è il risultato di un atto di volontà. La precisazione è importante, perché ci permette di distinguere tra comunicazione ed espressione. L'espressione è trasmissione non volontaria, non intenzionale di elementi informativi; essa si manifesta di solito tramite indici;indici la comunicazione consiste nello scambio di informazioni di varia natura: essa non consiste, infatti, nello scambio di soli elementi informativi di tipo referenziale ma anche in elementi informativi di natura diversa, che servono a gestire rapporti sociali, ad attivare relazioni, a stimolare comportamenti.

8 La comunicazione: caratteri (2) La comunicazione sfrutta, per convogliare le informazioni che costituiscono l'oggetto dell'interazione, una serie di segnali dal significato condiviso:l'associazione stabile di un elemento segnaletico e di un elemento noetico (contenutistico, concettuale, di significato) costituisce un segno; ed un insieme di segni costituisce un codice. segnalisegnocodice Si ha comunicazione quando il passaggio di informazione stimola lattivazione di processi cognitivi che portano ad interpretazione e a comprensione. Se ciò non accade si ha semplice stimolazione.

9

10 La significazione Si chiama significazione limpiego di segni a fini comunicativi o cognitivi. La significazione è il presupposto della comunicazione, ma si dà il caso di significazione senza comunicazione, come nel caso dellespressione. Viceversa, non si può avere comunicazione senza significazione.

11 Le strutture Una struttura è un insieme di elementi collegati da relazioni costanti e sistematiche. Una struttura è il risultato di un atto di disciplina di un continuum al fine di renderlo manipolabile. Un codice è linsieme delle relazioni che vengono istituite tra due strutture, una delle quali fornisce gli elementi da impiegare in relazioni semantiche ed una quelli da impiegare in relazioni semantiche.

12 Le lingue strutture di strutture Una lingua è un codice, e come tale si realizza precisamente in quanto insieme organico di relazioni tra due strutture. In questo senso, si può dire che una lingua è una struttura di strutture. In una lingua entrano in gioco strutture noetiche (semantiche) e segnaletiche (sintattiche). Le prime concorrono alla costituzione di quello che gli strutturalisti chiamano significato; le seconde al significante.

13 Ferdinand de Saussure, Course de linguistique générale

14 La strutturazione ed i codici Loperazione di strutturazione che porta alla costituzione di un codice è stata rappresentata da Hjemslev, un linguista danese (Copenhagen, 1899 id., 1965) che sviluppa lo strutturalismo sassuriano. Hjemslev individua, come costitutivi di un codice, un piano dellespressione ed uno del contenuto, in cui si riconoscono una materia, una forma ed una sostanza…

15 Materia, sostanza, forma Espressione Contenuto Sostanza Forma Materia Suoni non linguistici Reticolo formale Continuum disciplinato Reticolo formale Fenomeni mondani

16 I codici, strutture di segni I codici (anche quelli verbali) sono strutture di segni. Un segno può essere considerato un elemento che sta per un altro, una "cosa" che ne indica un'altra, prendendone in qualche modo il posto (per esempio quando quest'ultima non è disponibile nel contesto). In pratica, perché sussista un segno (ed il codice di cui esso è parte) è necessario che un elemento sia il "segnaposto" di un altro a quello stabilmente collegato. Lelemento che funge da segnaposto è lelemento segnaletico, parte della struttura sintattica, o significante; lelemento cui esso rinvia è quello noetico o concettuale, parte della struttura sintattica, o significato.

17 I caratteri dei segni In unimpostazione strutturalistica si riconoscono ad un segno tre caratteri fondamentali: la biplanarità; larbitrarietà; limmutabilità da parte del singolo utente.

18 La biplanarità del segno Ferdinand de Saussure, Course de linguistique générale

19 Tipi di segno Sulla base della relazione che esiste tra significante e significato allinterno di ciascun segno, a partire da Peirce si distinguono tre tipi di segno: simboli; icone; indici.

20 Simboli Sono simboli i segni per i quali la relazione tra significante e referente è arbitraria (o meglio, convenzionale). Si noti che per Saussure si chiama simbolo un segno per il quale la relazione tra significante e significato è parzialmente motivata (ciò ne fa qualcosa di più simile ad un icona, in termini peirciani).

21 Icone Sono icone i segni per i quali significante e referente sono legati da una relazione di similarità o di motivazione. Dal momento che si tratta di segni, naturalmente, quelli iconici devono essere sanciti da pratiche sociali e da funzionalità specifiche.

22 Indici Si chiama indice un segno il cui significante è in relazione di contiguità con il referente. Come nel caso dellicona, anche per lindice si dà (è necessario?) un certo grado di convenzionalità. Peirce distingue tra: Sintomi (prossimità reale ed effettiva dipendenza causale) Indizi (prossimità presunta e dipendenza causale non effettiva) Tracce (prossimità non effettiva, dipendenza causale presunta)


Scaricare ppt "Lingua italiana (CT) 2002-2003 La comunicazione (1) Comunicazione, espressione, significazione, interpretazione Comunicazione, strutture e segni."

Presentazioni simili


Annunci Google