La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Depressione Casi clinici Pasquale Parise IPRA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Depressione Casi clinici Pasquale Parise IPRA."— Transcript della presentazione:

1 La Depressione Casi clinici Pasquale Parise IPRA

2

3 La Depressione Già negli anni 70 la depressione cominciava ad essere definita la patologia psichica più diffusa al mondo con di persone affette e negli anni 80 il Prozac riusciva a conquistarsi la copertina del Time

4 La Depressione

5 Un po di epidemiologia Il rischio life-time di sviluppare un episodio depressivo va dal 10 al 25% per le donne e dal 5 al 12% per gli uomini La prevalenza puntuale va dal 5 al 12% per le donne ed è del 2- 3% per gli uomini Il rischio di commettere suicidio è del 10-15% (il 4% di quelli che commettono suicidio si rendono prima responsabili della morte di altre persone) Il 15% dei pz che verrà ricoverato per depressione morirà suicida Il 10% dei pz che tenta il suicidio finirà per attuarlo

6 La Depressione La cosa interessante è che col diffondersi degli antidepressivi, dagli anni 60 in poi, è progressivamente peggiorata la prognosi della malattia depressiva, nel senso della cronicità (dalla metà ai 2/3 di pz con un episodio depressivo tendono ad averne altri nel corso della loro vita).

7 Cambiamenti epistemologici del XX sec Universo: Multiverso regole e principi abbastanza chiari cui corrispondere, senso univoco della realtà, società fondata essenzialmente sulla disciplina e sulla colpa molteplicità dei punti di vista e dei valori di riferimento, senso del reale sempre meno definito (realtà virtuali), società sempre più fondata sulla responsabilità individuale e sulla capacità diniziativa del singolo

8 Cambiamenti epistemologici del XX sec Più che ad una perdita dei valori, che spesso qualcuno lamenta, assistiamo ad una molteplicità degli stessi e dei punti di riferimento, e questo corrisponde ad un soggetto sempre più libero di scegliere la propria vita, di essere sé stesso.

9 Individuo e Società Si passa quindi da una retorica della FELICITA intesa come il sapersi uniformare ai propri DOVERI ad una retorica della felicità intesa come realizzazione dei propri DESIDERI.

10 Individuo e Società da una parte si sente sempre più il diritto a scegliere la propria vita e il diritto/dovere ad affermare sé stessi e il proprio Sé dallaltra il prezzo da pagare per questa progressiva accentuazione della responsabilità individuale e per questa esigenza di autofondazione dellindividualità post-moderna è stato rappresentato dallemergenza di una patologia dellinsufficienza, quali molte delle depressioni attuali possono considerarsi ( Si pensi a tutte le terapie basate sul rinforzo dellautostima, ai training assertivi finalizzati allaffermazione di sé, che di fatto si riducono spesso ad un addestramento per una continua ricerca di integrazione sociale per approvazione o contrapposizione )

11 Individuo e Società Dagli anni 70 in poi le nuove linee portanti della costruzione sociale del Self sono sempre più ancorate ai temi della privatizzazione dellesistenza e della realizzazione personale con il conseguente paradigma di, da un lato, vivere per sé stessi e di sé stessi, dallaltro di ricercare continuamente il riconoscimento e lapprovazione dellAltro.

12 Individuo e Società Lazione oggi è sempre più individualizzata. Cioè fa capo ad un soggetto, un agente, che se ne assume la responsabilità in prima persona. Da ciò liniziativa individuale diventa il principale parametro di valutazione del valore di una persona: la necessità di essere performante diventa un imperativo sociale cui corrispondere pena la perdita dellautostima: fiducia in sé stessi, efficienza, energia, capacità diniziativa sono le qualità che consentono di rimanere in corsa. E su queste caratteristiche si staglia, per contrasto, la fenomenologia degli attuali quadri depressivi. (e proprio su queste caratteristiche viene fondato il marketing dei nuovi antidepressivi..)

13 Aspetti fenomenologici La depressione viene così ad essere intesa sempre più come una patologia dellazione, della capacità diniziativa e della motivazione; e ancora patologia del tempo (si pensi alla frantumazione del presente e del futuro, e allannullamento del passato). Lasse sintomatologico si è sempre più spostato dalla tristezza e dalla stimmung melanconica alla inibizione e alla perdita delliniziativa.

14 Depressione e Nosografia Dagli anni 60 in poi il termine depressione andava progressivamente sostituendo i termini Isteria e Neuroastenia come patologie alla moda, e si affermava come patologia dotata di una sua autonomia e dignità nosografica. In concomitanza venivano fuori crescenti difficoltà sulla sua definizione

15 Depressione e Nosografia Nel 63 veniva scritto su una autorevole rivista di medicina francese : E un disturbo che manca di una sua specificità, non essendo altro che il comune denominatore della maggior parte delle affezioni psichiatriche.

16 Depressione e Nosografia Negli anni 70 Robert Kendell, unautorità della psichiatria biologica, scriveva sul British Journal: Durante gli ultimi 50 anni, e ancora più gli ultimi 20 anni, sono state proposte innumerevoli classificazioni della malattia depressiva….Tuttavia le affermazioni e le proposte, nonché i problemi metodologici, risultano talmente in contrapposizione tra loro che solo i diretti interessati, e a fatica, possono comprendere quel che succede. In quel periodo si oscillava tra una concezione unitaria e una che prevedeva 9 sottotipi di depressione.

17 Depressione e Nosografia Fino ad arrivare agli anni 90 con van Prahag che scrive sul the Journal of Nervous and Mental Desease: La confusione nelle classificazione delle depressioni è di durata ormai trentennale…e, a conti fatti la situazione attuale è ulteriormente peggiorata. Una volta gli psichiatri erano almeno consapevoli del caos diagnostico in cui erano costretti ad operare…Oggi il caos è codificato e questo rende tutto più difficile.

18 Depressione e Nosografia Secondo alcuni studiosi le difficoltà classificatorie della depressione nascono probabilmente da due fattori: eterogeneità della sintomatologia (che va dalle depressioni melanconiche alle depressioni mascherate) universalità delle manifestazione sintomatologiche (essendo tra i disturbi più facilmente riconoscibili i disturbi dellumore li possiamo trovare in quasi tutte le diagnosi psichiatriche)

19 Depressione e Post-razionalismo Dal nostro punto di vista uno scompenso depressivo può avere svariate forme a seconda delle categorie di significato interessate: ogni stile di personalità può deprimersi con modalità fenomeniche peculiari. In questo senso la nostra scuola distingue: uno scompenso depressivo specifico reazioni depressive aspecifiche

20 Depressione e Post-razionalismo Le reazioni depressive aspecifiche possono riguardare stili di personalità Fob, Dap, Oss. gli scompensi depressivi specifici sono più tipici delle personalità depressive.

21 Personalità Depressive la loro storia di sviluppo è caratterizzata da un pattern dattaccamento evitante: sono bambini che hanno generalmente avuto genitori depressi a loro volta, o caratterizzati da un controllo anaffettivo sui figli, in cui il bambino viene spesso a trovarsi in posizione di parental child, dove da una parte gli vengono date delle responsabilità al di sopra della sua portata, dallaltra non gli viene dato il supporto emotivo necessario per reggere queste responsabilità. Laltra possibilità è quella di avere genitori apertamente rifiutanti, respingenti o abusanti. A volte nella storia di sviluppo di questi bambini può esserci una perdita reale, es. la morte di una figura dattaccamento in età precoce, ma tutto dipende dalle modalità con le quali la perdita è elaborata e anche come il lutto viene elaborato dalle figure dattaccamento rimaste

22 Personalità Depressive Nellambito di queste modalità dattaccamento il bambino impara presto a non manifestare i propri bisogni, strutturando sempre più comportamenti orientati verso lautosufficienza compulsiva : il massimo del rifiuto lo si può avere quando il bambino chiede aiuto (manifestando i propri bisogni e mostrando il proprio disagio): in queste situazioni si trova nelle condizioni di massima vulnerabilità. Questi bambini imparano presto a non segnalare alcun tipo di bisogno o di necessità, imparano a tenere per sé i propri sensi di angoscia e di solitudine. Lespressione di tali stati danimo a dei genitori distaccati, implicitamente o esplicitamente rifiutanti, non farebbe che aumentare i propri sensi di rifiuto e di solitudine.

23 Personalità depressive Considerate queste modalità dattaccamento si capisce come i bambini depressi strutturino la propria identità su tonalità emotive basiche frequentemente oscillanti tra rabbia e disperazione

24 Personalità depressive Una delle strategie più utilizzate dai bambini depressi è quella della disconnessione cognitiva: cioè la disconnessione tra uno stimolo, che provoca una reazione, e la reazione stessa: infatti ricordiamoci che ogni percezione di perdita o di rifiuto si accompagna ad una oscillazione di disperazione e/o rabbia; il problema, quindi, per mantenere una regolazione emotiva accettabile è quello di modulare linput, ad es. negando una situazione di rifiuto. Disconoscendo il rifiuto, la reazione emotiva viene separata dallo stimolo che lha prodotta, sfasata temporalmente e con conseguenti difficoltà nellattribuzione di significato. Daltra parte questa disconnessione limita reazioni violente verso la figura dattaccamento, limitando i danni.

25 Personalità depressive Il loro sentirsi è caratterizzato da frequenti oscillazioni tra tonalità emotive contrastanti, quali rabbia e disperazione, a cui spesso non riescono ad attribuire un significato personale coerente, e questo rimanda loro un senso intrinseco di negatività, come la conferma che cè qualcosa in loro che non va. Tale negatività si riferisce generalmente agli aspetti emotivi e affettivi; dal punto di vista cognitivo hanno invece un senso di grande competenza. Da questo deriva il tema dello sforzo, spesso al centro della propria filosofia di vita (grandi lottatori), che è una modalità, strenua, per essere accettati dal consorzio umano. Il depresso ha sempre questo tema di un destino di diversità dal resto del mondo, per cui se lo sforzo riesce diventa un destino di elezione, se non riesce diventa un destino di condanna.


Scaricare ppt "La Depressione Casi clinici Pasquale Parise IPRA."

Presentazioni simili


Annunci Google