La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Professoressa Giovanna Scicchitazno - 1 Andiamo … sicuro ! Progetto di Educazione stradale e non solo L a l c o o l : e f f e t t i s u l l a g u i d a.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Professoressa Giovanna Scicchitazno - 1 Andiamo … sicuro ! Progetto di Educazione stradale e non solo L a l c o o l : e f f e t t i s u l l a g u i d a."— Transcript della presentazione:

1 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 1 Andiamo … sicuro ! Progetto di Educazione stradale e non solo L a l c o o l : e f f e t t i s u l l a g u i d a Traffico: Inquinamento ambientale Le droghe: effetti sulla guida Istituto Comprensivo M. G. Cutuli A.S

2 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 2 Il codice della strada Articolo 186 Guida sotto linfluenza dellalcool: E vietato guidare in stato di ebbrezza in conseguenza dell uso di bevande alcooliche … Qualora dall accertamento risulti un valore corrispondente ad un tasso alcoolemico superiore a 0,5 grammi per litro, l interessato è considerato in Stato di ebbrezza Stato di ebbrezza

3 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 3 LALCOOL agisce sul cervello umano alterando alcune funzioni: A ttenzione P ercezione V alutazione dei pericoli T empo di reazione agli stimoli Per questo è assolutamente vietato mettersi alla guida dopo aver bevuto alcolici

4 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 4 Lassunzione di bevande alcoliche è ai primi posti tra le cause di incidenti stradali, soprattutto per i giovani di ritorno da locali e discoteche: fenomeno tristemente noto come Le stragi del sabato sera

5 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 5 Spesso accade che alcuni giovani, durante il fine settimana, abusino di sostanze alcoliche per sentirsi più liberi ed euforici, per provare nuove sensazioni e dimostrare coraggio In realtà, con labuso dell alcool, non si raggiunge nessuna libertà, anzi si compromette lequilibrio del corpo e della mente, mettendo spesso a repentaglio la propria vita e quella degli altri

6 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 6 Gli effetti dellalcool sono strettamente legati alla sua quantità presente nel sangue, cioè al tasso alcolemico, che è la concentrazione di alcool etilico presente nel sangue e si misura in grammi di alcool per litro di sangue (g/l)

7 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 7 È punito dalla legge il conducente che abbia un tasso alcoolemico pari o superiore a 0,5 g/l: lequivalente, più o meno, di tre bicchieri di vino o due boccali di birra Chi guida sotto effetto di alcool o droghe viene punito con una multa e, secondo le nuove disposizioni del codice della strada, con la sottrazione di 10 punti dalla patente STATO DI EBBREZZA

8 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 8 Laccertamento della guida in stato di ebbrezza viene condotta con un etilometro: uno strumento capace di misurare la quantità di alcool presente nellaria espirata Nella tabella è riportato: T asso alcoolemico E ffetti sulla guida Q uanto attendere prima di guidare

9 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 9

10 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 10 Articolo 187 Il codice della strada - Articolo 187 Guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti: E vietato guidare in condizioni di alterazione fisica e psichica correlata con luso di sostanze stupefacenti o psicotrope

11 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 11 STUPEFACENTE STUPEFACENTE Agisce sul cervello umano alterando: A seconda degli effetti che procura la droga si divide in tre categorie Sostanza capace di provocare un bisogno psicologico che porta un individuo alla necessità di assumerla periodicamente e con continuità Attenzione Percezione Valutazione dei pericoli Tempo di reazione agli stimoli A ttenzione P ercezione V alutazione dei pericoli T empo di reazione agli stimoli

12 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 12 Calmanti (psicolettici), per cui vengono ovattati gli stimoli sgradevoli sia esterni sia interni, come per esempio il dolore, langoscia, la paura. Tra gli psicolettici ci sono gli oppiacei (oppio, eroina, morfina), i sedativi, gli analgesici, i sonniferi, lalcool E ccitanti (psicoanalettici), per cui la persona tende a essere iperattiva; tra questi ci sono la cocaina, il crack, le amfetamine Psichedeliche-allucinogene (psicodislettici), che modificano lattività cerebrale e le percezioni, facendo cadere la persona che le assume in una sorta di realtà magica, tra questi ci sono lLSD, la mescalina, lecstasy

13 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 13 La droga non va daccordo con la guida, né con nessunaltra delle nostre attività Letà in cui il maggior numero di persone inizia a fare uso di droghe è LADOLESCENZA una fase in cui, chi ha paura di diventare grande e non sa affrontare in modo maturo il mondo degli adulti, può pensare di nascondersi dietro luso di droghe

14 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 14 Curiosità e bisogno di essere accettati in un gruppo spinge alluso di sostanze illegali Le droghe sono dei falsi amici Con lunico risultato di sentirsi ancora più emarginati dalla società e di avvertire un maggior senso di depressione e solitudine

15 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 15 INQUINAMENTO Alterazione ambientale che compromette lecosistema danneggiando una o più forme di vita Esistono forme diverse di inquinamento

16 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 16 INQUINAMENTO AMBIENTALE Inquinamento ambientale Inciviltà del cittadino Traffico veicolare Inquinamento Atmosferico Inquinamento Acustico Scarichi industriali

17 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 17 INQUINAMENTO ATMOSFERICO Avviene perché gli stabilimenti industriali e i veicoli a motore sprigionano nellaria una serie di sostanze nocive allorganismo umano e allambiente

18 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 18 SOSTANZE NOCIVE Monossido di carbonio (CO) è un gas incolore e inodore prodotto dai gas di scarico delle auto. La sua inalazione provoca, una volta arrivato ai polmoni, la distruzione dellemoglobina, un pigmento che si trova nei globuli rossi e che si occupa del trasporto dellossigeno dai polmoni alle cellule. Nel caso in cui vengano respirate grandi quantità di CO, praticamente tutta lemoglobina viene bloccata e sopraggiunge quindi la morte per asfissia

19 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 19 Biossido di azoto (NO2) Si forma dai processi di combustione (traffico auto- veicolare, impianti industriali e di riscaldamento). Negli scarichi degli autoveicoli la concentrazione del biossido di azoto segue un andamento opposto a quello del CO: si osservano valori in accelerazione e a velocità elevate (a causa delle maggiori temperature raggiunte nella camera di combustione) mentre le concentrazioni sono minori in decelerazione e al minimo. LNO 2 provoca irritazioni delle vie respiratorie, danni di vario tipo alle piante, piogge acide

20 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 20 B enzene è un idrocarburo di cui è noto il potere cancerogeno (provoca leucemia) B iossido di zolfo (SO2) si forma per combustione di sostanze contenenti zolfo, quali i combustibili fossili come carbone, nafta, gasolio ecc.; è un gas incolore, non infiammabile, di odore pungente, che causa irritazione agli occhi e alle vie respiratorie

21 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 21 Una volta sprigionati nellaria questi veleni hanno effetti nocivi molto gravi, in quanto possono contaminare anche lacqua e il suolo, tramite le piogge, e trasferirsi negli alimenti, alterandone le proprietà nutritive o rendendoli addirittura nocivi per lorganismo

22 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 22 I veicoli a motore, motorini, scooter, moto, automobili, autobus ecc.,sono responsabili del 50% dellinquinamento 4 6% dellossido di azoto 6 0% dellossido di carbonio 2 5% dellanidride carbonica che respiriamo EMETTONO

23 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 23 INQUINAMENTO ACUSTICO Lesposizione continua a rumori elevati può provocare effetti dannosi che sono: d ifficoltà di concentrazione s ensazione di affaticamento mentale i rritabilità d isturbi del sonno

24 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 24 Il rumore è misurato in decibel (dB) In genere si ritiene che: s uperata la soglia dei decibel, si presentano fastidi e disturbi del sonno s opra i 65 decibel si manifestano disturbi delludito d agli 85 decibel in poi si verificano lesioni permanenti dei timpani

25 Professoressa Giovanna Scicchitazno - 25 Divertiti ma nella giusta misura


Scaricare ppt "Professoressa Giovanna Scicchitazno - 1 Andiamo … sicuro ! Progetto di Educazione stradale e non solo L a l c o o l : e f f e t t i s u l l a g u i d a."

Presentazioni simili


Annunci Google