La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C ampanella. Luniversale animazione delle cose Campanella accetta gli studi fisici di Telesio che ponevano caldo e freddo come principi della natura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C ampanella. Luniversale animazione delle cose Campanella accetta gli studi fisici di Telesio che ponevano caldo e freddo come principi della natura."— Transcript della presentazione:

1 C ampanella

2 Luniversale animazione delle cose Campanella accetta gli studi fisici di Telesio che ponevano caldo e freddo come principi della natura. Egli insiste sulluniversale animazione delle cose. Siccome gli esseri, effetto dei tre principi, hanno la sensibilità, essendo essi degli effetti, deve esserci sensibilità anche per le cause (caldo, freddo e massa corporea). Infatti, se cè qualcosa nelleffetto, deve esserci anche nella causa. Vi deve essere inoltre unanima del mondo che nella sua totalità lega tra loro tutte le cose naturali e le volge verso un unico fine.

3 Sensibilità e autocoscienza: pilastri della metafisica Lanima è presente in ogni essere. Essa, soggetto della conoscenza, conosce attraverso il sentire delle cose e, sente in forma innata (sapere originario) se stessa; quanto detto è la condizione di ogni conoscenza. Tutta la conoscenza si riduce alla sensibilità. La vera sapienza è quella fondata sui sensi, i quali possono verificare, correggere o confutare la conoscenza incerta e confusa, ossia quella razionale. Lanima deve conoscere prima se stessa (autocoscienza). Questa conoscenza innata è offuscata dalla conoscenza acquisita (prodotto delle cose esterne sullanima).

4 Il sapere originario (autocoscienza) ci porta a sentire le tre primalità dellessere: potere, sapere, amore. Tutto il mondo Campanella lo vede pervaso da queste. Le tre primalità sono limitate dalle cose finite. Esistono infatti, le primalità del non essere: impotenza, insipienza odio.

5 In dio, che è un essere infinito, le primalità dellessere non vengono limitate da quelle del non essere. Dio governa il mondo attraverso queste, in particolare con la potenza fa si che ogni cosa sia e agisca come prescrive la sua natura; con la sapienza, concatena le cose in un sistema di cause; con lamore, tutte le cose sono indirizzate ad un unico fine supremo e vivono in armonia tra di loro. Dalla potenza deriva la necessità, dalla sapienza il fato, dallamore larmonia

6 Politica teologica Campanella riconobbe nel cattolicesimo la religione autentica, la religione naturale cioè conforme alla ragione e comune a tutti i popoli. Questa religione naturale è innata ed è il fondamento di tutte le religioni positive, le quali sono acquisite e possono essere imperfette o anche false, mentre quella innata è sempre vera. La religione innata è di tutti gli esseri naturali, quella acquisita è soltanto degli uomini. Campanella credette che la religione più vicina a quella innata fosse il cattolicesimo. Ispirandosi al concetto fondamentale del Rinascimento del ritorno al principio, ritenne imminente il ritorno dei popoli della Terra ai loro principi, cioè alla religione autentica e quindi al cristianesimo.

7 La città del sole Tommaso campanella ha scrittoLa città del sole, dopo il fallimento della congiura che egli organizzò contro il governo spagnolo. Lopera riprende lutopia di Platone.

8 Essa si apre con il racconto del nocchiero genovese della nave Colombo a un cavaliere dellordine degli Ospitalieri riguardo al contatto avuto con una popolazione che lo conduce alla città del sole. Tale città sorge su un colle e d è divisa in sette gironi, ognuno dei quali ha il nome di un pianeta. Vi si accede attraverso quattro porte, ciascuna orientata verso un punto cardinale. Alla sommità della città sorge un tempio. Sullaltare vi sono due mappamondi, uno rappresentante il cielo laltro la terra. Nel cielo della cupola sono dipinte le stelle maggiori. A capo dello stato vi è il Sole o il Metafisico, che detiene sia il potere spirituale sia quello temporale ed è il primo astrologo della città. Con lui cooperano tre principi chiamati Pon, Sir, Mor, cioè Politica, Sapienza a Amore. La politica si occupa delle questioni militari, la sapienza delle scienze, lamore della procreazione e delleducazione del popolo.

9 Nella città nulla risulta casuale e persino la scelta dei nomi dei neonati è affidata al sole. I bambini alletà di 3 anni imparano la lingua e lalfabeto; essi vengono affidati a quattro anziani che li guidano e insegnano facendoli giocare e correre a piedi scalzi per rinforzarli. Alletà di sette anni, questi vengono condotti nelle varie officine di arti e iniziano a cimentarsi con le scienze naturali. A dieci anni, si occupano della matematica, medicina e altre scienze entrando in competizione tra loro. Il fondamento della vita sociale è la comunanza dei beni e delle donne. Vi sono mense comuni e dormitori che hanno scopo di formare individui capaci di fratellanza e solidarietà, ma allo stesso tempo privi della possibilità di assumere responsabilità individuali e operare scelte proprie.

10 Lavoro svolto dalle alunne Valentino Silvia e Piccolo M. Consiglia


Scaricare ppt "C ampanella. Luniversale animazione delle cose Campanella accetta gli studi fisici di Telesio che ponevano caldo e freddo come principi della natura."

Presentazioni simili


Annunci Google