La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. A. DEMORI1. La vittima di reato è rimasta per molti anni estranea allinteresse dellopinione pubblica e della dottrina criminologica, che si è sempre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. A. DEMORI1. La vittima di reato è rimasta per molti anni estranea allinteresse dellopinione pubblica e della dottrina criminologica, che si è sempre."— Transcript della presentazione:

1 Prof. A. DEMORI1

2 La vittima di reato è rimasta per molti anni estranea allinteresse dellopinione pubblica e della dottrina criminologica, che si è sempre interessata dellAUTORE del reato. La scuola classica La scuola positivista Prof. A. DEMORI 2

3 Il legislatore non usa la parola vittima, ma offeso, persona offesa, persona offesa dal reato o parte lesa. La vittima può definirsi come persona che soccombe allaltrui inganno e/o prepotenza, subendo una sopraffazione o un danno, o venendo comunque perseguitata o oppressa. Prof. A. DEMORI 3

4 Vittima: una persona che individualmente o collettivamente ha sofferto un danno fisico o mentale, una sofferenza emotiva, una perdita economica o una violazione sostanziale ai propri diritti fondamentali, attraverso atti ed omissioni che, pur non costituendo violazione del diritto penale nazionale, offendono le norme internazionali riconosciute riguardanti i diritti umani (Bassiouni, 1988) Prof. A. DEMORI 4

5 Essere vittima di un reato è sempre una esperienza traumatica. Subire un reato può distruggere, anche inconsapevolmente, la convinzione che il mondo sia un posto sicuro e rivela una improvvisa vulnerabilità. La vittima ha quindi bisogno di poter contare su un aiuto che la faccia sentire nuovamente protetta riducendo così la sua sensazione di vulnerabilità. Prof. A. DEMORI 5

6 La vittimologia nasce come scienza autonoma negli anni 50. Scopo dello studio della vittima: - diagnostico (della situazione e delle problematiche che possono avere portato il soggetto a divenire vittima) - preventivo rispetto alleventuale reato - riparativo del danno eventualmente subito (cercare di ridurre effetti dannosi a breve e lungo termine). Prof. A. DEMORI6

7 Vittimizzazione: ogni azione che produce un danno fisico, psichico o economico, commessa intenzionalmente, negligentemente, in modo avventato o di proposito. Vittimizzazione primaria: processo diretto a provocare un danno fisico, mentale, emozionale o economico alla vittima tramite la commissione di un reato. 7Prof. A. DEMORI

8 Vittimizzazione secondaria: un soggetto che ha subito un crimine si trova a vivere, nelle fasi successive, esperienze a questo connesse e che ne amplificano gli effetti. È una ulteriore vittimizzazione che può essere provocata da atteggiamenti di insensibilità, anche inconsapevoli, da parte del sistema sanitario, sociale, giudiziario, delle forze di polizia e della comunità in genere. 8 Prof. A. DEMORI

9 Classificazioni della vittima Von Hentig (1948), padre della disciplina, sviluppò tre concetti fondamentali: -quello di criminale-vittima: non si nasce vittima o criminale, ma sono gli eventi a determinare i ruoli (criminale assalta un negozio, commerciante reagisce sparando ed uccidendolo) -quello di vittima latente: alcuni soggetti per fattori psicopatologici e/o sociali sono predisposti al ruolo di vittima (predisposizione generale (es. minori) e predisposizione speciale (es. portavalori, alcune professioni) -quello di rapporto che lega vittima al reo: è essenziale laspetto sistemico-relazionale tra vittima e aggressore (a volte esiste una inversione dei ruoli, quando la vittima è lelemento scatenante e determinante il reato). 9Prof. A. DEMORI

10 Classificazione riguardo il grado di colpa da attribuirsi alla vittima (Mendelsohn, 1965): -vittima del tutto innocente (viene colpita per caso da uno sparo o un bambino) -vittima con colpa lieve e vittima per ignoranza (passeggero distrae il guidatore => auto esce di strada e soggetto rimane ferito o ucciso) -vittima colpevole quanto il delinquente e vittimavolontaria (suicidio nella roulette russa, suicidio di coppia) -vittima maggiormente colpevole del delinquente (vittima provocatrice o imprudente) -vittima con un altissimo grado di colpa e vittima comeunica colpevole (criminale aggredisce un soggetto, che per legittima difesa, lo uccide) 10 Prof. A. DEMORI

11 Modalità con cui un soggetto può contribuire alla propria vittimizzazione (Sparks, 1982): - precipitazione: comportamento della vittima fa precipitare levento (con provocazione fisica o verbale) - facilitazione: vittima, consciamente o inconsciamente, si trova in contesti a rischio (es. attraversa di notte un quartiere malfamato) -vulnerabilità: vittima a rischio per una particolare condotta o posizione sociale (soggetto mobbizzato perché non gradita) - opportunità: vittima possiede qualcosa di possibile interesse per il criminale (anziano che ritira la pensione) - attrattività: vittima con particolari fattezze o con particolari beni (donna, rappresentante gioielli). 11Prof. A. DEMORI

12 Modello di vittimizzazione basato sullo stile di vita Hindelang, Gottfredson & Garofalo 1978 = consueta attività quotidiana svolta dalla persona, inerente sia alla sfera lavorativa sia al tempo libero, incide sullesposizione al rischio. La probabilità di divenire vittima dipenderebbe da: -esposizione al rischio: grado di esposizione in luoghi e in momenti caratterizzati da un diverso rischio di vittimizzazione -associazioni: frequenza con cui la persona si trova in associazione con altri soggetti più o meno inclini a commettere reati. Prof. A. DEMORI 12

13 Modalità di vittimizzazione: Abuso fisico Abuso sessuale Abuso verbale, emotivo o psicologico Abuso spirituale (tradire la propria religione) Abuso economico (truffa, furto, ecc.) Abuso sociale (nonnismo, mobbing, false accuse, ecc.) 13Prof. A. DEMORI

14 Le vittime devono quindi ricevere la necessaria assistenza materiale, medica, psicologica e sociale tramite enti governativi, del volontariato, delle comunità di base e locali, devono altresì essere informate della disponibilità di servizi sanitari e sociali e di altri rilevanti sussidi e poter prontamente accedere ad essi. È quindi necessario che la polizia, la magistratura, i servizi socio-sanitari e tutto il personale coinvolto, riceva laddestramento appropriato per essere sensibilizzati alle necessità della vittima e le linee guida per fornire adeguato e immediato aiuto. 14 Prof. A. DEMORI

15 La violenza sulla donna Dichiarazione delle Nazioni Unite sulleliminazione della violenza contro le donne (1993) Art. 1 (violenza contro le donne): qualsiasi atto di violenza per motivi di genere che provochi o possa verosimilmente provocare danno fisico, sessuale o psicologico. Comprese le minacce di violenza, la coercizione o privazione arbitraria della libertà personale, sia nella vita pubblica che privata. 15 Prof. A. DEMORI

16 Dalla ricerche degli ultimi dieci anni emerge come il fenomeno sia endemico, sia nei paesi industrializzati sia in quelli in via di sviluppo. Nei Paesi industrializzati tra il 20 e il 30% delle donne avrebbe subito violenze fisiche o sessuali. Le violenze psicologiche sono ben più frequenti: inchiesta su 700 studenti delle medie superiori di 3 città del Nord Italia (Demori & Coll., 2001) 16 Prof. A. DEMORI

17 Vittime e aggressori appartengono a tutte le classi socio-culturali e a tutti i ceti economici. Almeno 1 donna su 5 avrebbe subito abusi fisici o sessuali da parte di un uomo nel corso della propria vita (OMS). Autori: mariti, padri, seguiti da amici, vicini di casa, conoscenti, colleghi. 17 Prof. A. DEMORI

18 Violenza domestica ai danni della donna Violenza può essere ogni atto o parola offensiva, ogni comportamento violento, coercitivo, minaccioso di un membro della famiglia su un altro della famiglia. Si verifica in ogni gruppo etnico, religioso, socio-economico, seppure più visibili in condizioni di povertà, abuso di alcol o droga, o patologie psichiatriche. 18 Prof. A. DEMORI

19 La violenza domestica si sviluppa in 3 fasi - Laggressore minaccia, umilia e ridicolizza laltro - Laggressore esplode quando percepisce uninfrazione del proprio codice personale e passa alla violenza fisica - Laggressore si sgonfia, chiede perdono e promette di cambiare La vittima rinuncia quindi alla denuncia, ma tipicamente, dopo la riconciliazione, il ciclo riprende. 19 Prof. A. DEMORI

20 Alcuni dati (Milano, Centro donne maltrattate, 2002) - 64,04% abusi fisico - 13,01% abuso sessuale - 8,56% abuso economico Autore: - 37,32% marito - 17,12% convivente - 6,84% padre 20 Prof. A. DEMORI

21 Sindrome della moglie maltrattata (wife-beating) Secondo FBI è il reato per cui il fenomeno del numero oscuro è più rilevante. Correlata con - alcolismo - razza - condizione sociale e basso grado di istruzione - disoccupazione 21 Prof. A. DEMORI

22 Conseguenze vittima - Diminuzione dellautostima - Sensi di colpa e di vergogna -Sensazione di essere intrappolata in una situazione senza via di uscita E uno dei motivi per cui la donna si sente causa della violenza e non denuncia il marito. 22 Prof. A. DEMORI

23 - Paura, ansia - Attacchi di panico -Depressione (rischio suicidio) complicanza a medio – lungo termine -Problemi alimentari -Abuso farmaci, sostanze, alcol come forma di automedicazione - Disturbo ossessivo - compulsivo - Disturbo post-traumatico da stress 23 Prof. A. DEMORI

24 Conseguenze della violenza del partner sulla salute fisica della donna Diarrea, stitichezza, nausea, sindrome del colon irritabile Mancanza di appetito, bulimia, vomito auto-indotto Dolori addominali, di stomaco, ulcere gastriche Infezioni urinarie, infezioni vaginali Malattie sessualmente trasmissibili Aids Sanguinamenti vaginali, dolori mestruali intensi Dolori pelvici Rapporti dolorosi, mancanza di desiderio sessuale Fibromi e isterectomie 24 Prof. A. DEMORI

25 Cefalee, emicranie Svenimenti, convulsioni Mal di schiena, dolori cronici alle spalle, al collo Dolori cronici Influenza e raffreddori Artrite Ipertensione Qualsiasi tipo di lesione: contusioni, ematomi, danni oculari, rottura del timpano, fratture, ferite da taglio, bruciature, Trauma cranico, lesioni addominali e toraciche Campbell, Lancet Prof. A. DEMORI

26 Violenza sessuale Vengono considerate una violenza sessuale tutte quelle situazioni in cui una donna è costretta a fare od a subire, contro la propria volontà, atti sessuali di diverso tipo: stupro, tentato stupro, molestia fisica, rapporti sessuali con terzi, rapporti sessuali non desiderati subiti per paura delle conseguenze, attività sessuali degradanti ed umilianti. 26 Prof. A. DEMORI

27 Solo da una trentina di anni il fenomeno della violenza sulla donna, ed in particolare quella commessa allinterno delle mura domestiche, si è lentamente trasformata da questione privata a problema pubblico, grazie ad una maggiore sensibilità nel confronto del problema della violenza, allemergere del movimento femminista e al declino del tradizionale modello di famiglia. 27 Prof. A. DEMORI

28 Questo solo recente interesse è dovuto al fatto che nella maggior parte dei casi laggressività maschile, così contrapposta alla sottomissione e dipendenza femminile, sia stato interpretato come fatto biologicamente naturale e come tale inevitabile, ragion per cui la violenza sulla donna è stata per lungo tempo accettata come qualche cosa di quasi normale. 28Prof. A. DEMORI

29 Indagine ISTAT su donne (febbraio 2007) Prof. A. DEMORI29

30 Prof. A. DEMORI30

31 Prof. A. DEMORI31

32 Percezioni sociale della violenza sessuale: indagine degli anni 80: gli intervistati reputavano un omicidio avvenuto nel contesto di uno stupro il più grave dei reati possibili. Dopo lomicidio, lo stupro viene considerato come il reato più grave. In generale, lopinione pubblica considera i rapporti sessuali imposti o tentati con la costrizione fra i reati più censurabili e richiede sanzioni severe. 32 Prof. A. DEMORI

33 Il numero oscuro e i dati Secondo alcuni autori il rapporto fra violenza sessuale denunciata e quella non denunciata è di 2 a 1, per altri di 20 a 1, per altri ancora 100 a 1. Esiste concordanza sul fatto che si tratta del reato con più bassa probabilità di essere scoperto. Inoltre spesso, anche se denunciato, il reo non viene adeguatamente punito. 33 Prof. A. DEMORI

34 Una recente ricerca sulla vittimizzazione ha evidenziato come il 95,7% delle vittime di molestie o di violenza sessuale non ha denunciato perché: - Ritenevano irrilevante il fatto (32,8%) - Conoscevano lautore (23,8%) - Mancando le prove la polizia non avrebbe potuto fare nulla (15,5%) - Timorose di ritorsioni (6,7%) - Sfiduciose nei confronti della polizia (4,9%). 34 Prof. A. DEMORI

35 Mancata denuncia: - Per imbarazzo e vergogna, - Timore della pubblicità del fatto anche tramite i mass media, - Timore di pregiudizio della Corte, - Desiderio di dimenticare, - Paura di vendetta da parte dellautore - Paura di reazione negativa da parte della famiglia. 35Prof. A. DEMORI

36 Denunce solo il 5% circa -18,2% delle donne è consapevole del fatto che si è trattato di reato -44% delle donne reputa il fatto qualche cosa di sbagliato -36% ne parla come di qualcosa che è accaduto Oltre allelevato numero oscuro caratterizzante il reato di violenza sessuale, vi è poi lelevato numero di persone accusate che vengono prosciolte o che comunque riescono ad evitare una pena detentiva. 36 Prof. A. DEMORI

37 Stereotipi e luoghi comuni connessi al reato di violenza sessuale: - sarebbe impossibile violentare chi realmente non lo voglia - la violenza sarebbe in realtà una aspirazione femminile - la resistenza della donna sarebbe invece una naturale ritrosia della donna - se lè voluta, visto labbigliamento, latteggiamento ecc. 37 Prof. A. DEMORI

38 Applicando le classificazioni della vittimologia, la donna-vittima potrebbe essere definita come: - Vittima passiva latente, in quanto portatrice di una predisposizione a diventarlo, attirando in un certo senso lautore sia per una generale vulnerabilità, sia per il suo aspetto, sia per leventuale collocazione in specifici ambienti sociali (luoghi della prostituzione, ambienti marginali); 38Prof. A. DEMORI

39 Altre volte si parla di vittima passiva, del tutto innocente che accidentalmente, per puro caso, si viene a trovare sul percorso del reo; Si parla poi di vittima passiva preferenziale, se scelta dal reo per il suo ruolo, posizione sociale, aspetto, ecc. Altre volte, rientra tra le vittime passive simboliche, quando con lo stupro il reo vuole colpire tutto il gruppo. 39Prof. A. DEMORI

40 In altre occasioni viene percepita come vittima attiva, in quanto: provocatrice inconscia, allorché il suo comportamento verrebbe interpretato come offensivo o provocatorio dal reo, o favorente, allorquando frequenterebbe luoghi a rischio di aggressione. 40 Prof. A. DEMORI

41 In base alla modalità in cui la donna potrebbe contribuire alla propria vittimizzazione, si parla di vulnerabilità (tipo di comportamento, posizione sociale, ecc.), di attrattività (fattezze), di precipitazione (suo comportamento incoraggia), di facilitazione (si espone al rischio per imprudenza o negligenza- frequenta luoghi a rischio). Sulla vittimizzazione influirebbe anche la percezione del reo circa una sua impunità, che lo porta alla violenza senza timore di essere scoperto, vista la limitatezza delle denunce. 41 Prof. A. DEMORI

42 Dalla vittimizzazione possono nascere sentimenti contrastanti, di fallimento personale, dansia, seguiti da comportamenti difensivi, da risposte interpersonali alterate, quali aggressività, rifiuto degli altri, dipendenza dagli altri, ecc. Le risposte della vittima seguono un modello abbastanza stabile formato da quattro fasi, variabili solo per intensità, durata e in rapporto al tipo di contatto instauratosi tra vittima e reo: - negazione del fatto - desiderio di parlare, quando ha ripreso il contatto con la realtà - depressione traumatica o autoaccusa - meccanismi di difesa finalizzati a minimizzare o prevenire i rischi di una futura vittimizzazione. 42Prof. A. DEMORI

43 I danni psicologici A breve termine: la vittima presenterebbe una fase acuta disorganizzata (sindrome da violenza sessuale con affettività soffocata e controllata, esteriorizzazione di rabbia, ansietà, paura, imbarazzo, pianto, senso di umiliazione, desiderio di vendetta, tendenza allautoaccusa, tensione, ecc.) A lungo termine vi è una fase riorganizzativa dei propri vissuti, sempre che il disturbo non cronicizzi. Attenuazione dei sintomi ma spesso persistenza di manifestazioni dellansia (tremori, attacchi di panico, disturbi psicosomatici, paura irrazionale, ecc.) 43 Prof. A. DEMORI

44 Danno secondario Il danno secondario deriva dagli atteggiamenti negativi nei confronti della vittima da parte della famiglia, parenti e amici, nonché delle agenzie di controllo formale, consistenti quasi sempre in una mancanza di supporto e a volte persino in una vera e propria condanna morale. Ne derivano frustrazioni, umiliazioni, mortificazioni. Vanno annoverati: eccessiva durata del processo (solo per il primo grado trascorrono mediamente 2-3 anni) pubblicità delle udienze interrogatorio della vittima con modalità del tutto analoghe a quelle usate per il reo (indagini sulla modalità del fatto e sulla moralità della vittima). 44 Prof. A. DEMORI

45 Secondo alcuni da una aggressione sessuale deriverebbe una quadrupla vittimizzazione: allaggressione si aggiungerebbero altre aggressioni psicologiche da parte della polizia, dellapparato medico e del sistema giudiziario. 45Prof. A. DEMORI

46 Dalle ricerche emerge che non esiste uno stereotipo del sex offender, potendosi trattare semplicemente di un mascalzone o essere semplicemente il risultato normale di una cultura maschilista, ma può anche essere un malato, e in ciò non discostandosi dallautore di qualsiasi altro reato violento. Spesso laggressore manca di compassione e rispetto dellintegrità e inviolabilità dellaltro che viene deumanizzato e ridotto ad una sorta di strumento di piacere. Solitamente si tratta di una persona ostile che si sente sessualmente rifiutata e che manifesta odio e disprezzo verso la vittima. Attraverso labuso si vendica di un nemico creato dalla sua mente. 46 Prof. A. DEMORI

47 Caratteristico degli autori è lincapacità di mettersi in sintonia con laltro, di immedesimarsi empaticamente con la sofferenza e la paura dellaltro. La personalità è contrassegnata da onnipotenza, distacco emotivo, assenza di sentimenti di colpa, cioè da quel narcisismo maligno a causa del quale la vittima è unicamente un oggetto atto a soddisfare le proprie fantasie narcisistiche, rivendicative, sadiche, ecc. 47 Prof. A. DEMORI

48 Dalle analisi di casistiche peritali emerge comunque che in questo reato interviene una multifattorialità criminogenetica, essendo ogni autore un caso a sè. Talvolta esiste una malattia mentale, talvolta no, ma quasi sempre vi è unorganizzazione psicologica, composta di tratti o disturbi a seconda dei casi, inserita in un dato contesto culturale. La causalità è quindi circolare, vi sono una cultura e unorganizzazione sociale che plasmano le personalità. 48 Prof. A. DEMORI

49 La legittimazione alla violenza maschile non solo è sempre stata implicitamente tollerata ed accettata, ma a volte anche ufficialmente esplicitata e sancita nel diritto positivo Le primi leggi scritte del 2500 A.C. Il diritto romano La legge federale nord americana del Prof. A. DEMORI


Scaricare ppt "Prof. A. DEMORI1. La vittima di reato è rimasta per molti anni estranea allinteresse dellopinione pubblica e della dottrina criminologica, che si è sempre."

Presentazioni simili


Annunci Google